416907478_highres.jpg
Momenti chiave
30.05.2020 ore 22:58
30.05.2020 ore 19:43
30.05.2020 ore 19:09
30.05.2020 ore 19:07
30.05.2020 ore 17:26
30.05.2020 ore 12:45
30.05.2020 ore 12:31
30.05.2020 ore 11:13
30.05.2020 ore 10:35

Doppio zero in Ticino

In Svizzera e in Europa le cifre della pandemia si confermano al ribasso - Continua ad aumentare la pressione del virus in America
sabato 30 maggio 2020 07:41

In Ticino si conferma il costante miglioramento della situazione sul fronte della pandemia. Tra venerdì e sabato, oltre all'uscita dalle cure intense della Carità di Locarno dell'ultimo paziente che vi si trovava ricoverato, non si sono registrati né nuovi contagi (dopo i tre delle 24 ore precedenti che avevano portato il totale a 3'313) né altri decessi. Il numero delle vittime è rimasto fermo a 348 per il sesto giorno consecutivo.

La cronaca di venerdì

Nella maggior parte dei paesi d'Europa, Svizzera compresa dove sabato sono stati annunciati 17 nuovi contagi ma nessun decesso dopo i due di venerdì tra cui quello del neonato del canton Argovia, i dati relativi all'emergenza coronavirus migliorano giorno dopo giorno. Tanto che un po' tutte le capitali annunciano nuovi allentamenti alle restrizioni o confermano i propri piani, come fatto dall'Italia per quanto riguarda l'apertura delle frontiere dal 3 giugno.

La situazione si aggrava invece sempre di più sul continente americano. Con 101'621 decessi e 1,7 milioni di contagi gli Stati Uniti si confermano la Nazione più colpita al mondo. In Brasile le vittime quotidiane legate al Covid-19 hanno superato quota 1'000 per il sesto giorno consecutivo.

I dati sempre aggiornati

di Elias Bernasconi e Diego Moles

30.05.2020 ore 22:58
Superati i 6 milioni di contagi

Nel mondo si sono superati i 6 milioni di casi legati al coronavirus.

30.05.2020 ore 19:43
Francia, 57 morti negli ospedali

Sono stati 57 i morti negli ospedali francese per Covid-19 nelle ultime 24 ore. Il totale dei decessi è salito a 28’771, ma le vittime nelle case di riposo e negli istituti per disabili vengono ormai conteggiate soltanto due volte alla settimana dalla Direzione generale della Sanità, il martedì e il venerdì. Continua a scendere il numero dei pazienti affetti da coronavirus e ricoverati in ospedale: oggi sono 14’380, con un calo di 315 rispetto a ieri. Negativo anche il saldo dei pazienti in rianimazione: 1’325 in tutto, 36 in meno rispetto a ieri.

30.05.2020 ore 19:31
Record di pacchi alimentari a Ginevra

Continua ad aumentare il numero dei pacchi alimentari distribuiti a Ginevra ai bisognosi: questa settimana è stata raggiunta la cifra record di 3’280, ha indicato l’ente assistenziale Caravane De Solidarité. Per accedere agli aiuti gli interessati sono rimasti in fila per ore, ma malgrado l’aumento dell’affluenza è stato possibile ridurre l’attesa grazie a modifiche nell’organizzazione. Il numero di donatori è per contro rimasto stabile.

30.05.2020 ore 19:15
Protesta in favore della libertà a Zurigo

Diverse decine di cittadini sono scesi in strada a Zurigo per protestare contro le misure restrittive legate al coronavirus, giudicate eccessive e antidemocratiche. Sono intervenuti gli agenti di polizia, che facendo leva sul dialogo hanno evitato il formarsi di un assembramento. È stata impedita anche la distribuzione di volantini che incitavano a una raccolta firme elettronica. I presenti hanno fra l’altro cantato il salmo svizzero (l’inno nazionale della repubblica federale) e hanno brandito la Costituzione in segno di protesta contro le restrizioni alla libertà fondamentale e in favore dei diritti democratici.

30.05.2020 ore 19:09
111 morti in Italia

Sono 111 le vittime del coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, in aumento rispetto alle 87 di ieri. I morti a livello nazionale salgono così a 33’340. I dati sono stati resi noti dalla Protezione Civile. I contagiati totali sono ora 232’664, 416 più di ieri, quando se ne erano registrati 516 aggiuntivi. Ci sono sei regioni a zero infetti: Abruzzo, Umbria, Sardegna, Molise, Calabria e Basilicata.

30.05.2020 ore 19:07
Spagna, 43 morti in una settimana

Il ministero spagnolo della sanità ha reso noto oggi che i morti per coronavirus in Spagna, nell’ultima settimana, sono stati 43, con un bilancio totale di decessi calcolato a 27’125, ovvero quattro in più rispetto a ieri. I nuovi contagi invece sono 271 nelle ultime 24 ore.

30.05.2020 ore 18:38
Frontiere, la decisione italiana ha stravolto i piani svizzeri

La decisione dell’Italia di riaprire le frontiere al 3 giugno ha scombussolato i piani della Svizzera, che era orientata verso un’altra data: il 15 giugno.

Italia riapre, "pianificazione stravolta"

La decisione di Roma sulle frontiere transitabili dal 3 giugno preoccupa Berna e soprattutto il Ticino - Intanto, i commerci d’oltre confine sono in crisi

30.05.2020 ore 17:35
Più morti e meno contagi in Lombardia

Calano i nuovi positivi ma aumentano i decessi legati al Covid-19 in Lombardia. Gli infettati registrati nelle ultime 24 ore sono 221 per un totale di 88’758 (venerdì erano stati 352). I nuovi decessi sono invece stati 68 contro i 38 della giornata precedente. Il totale delle vittime dall’inizio della pandemia sale così a 16’079 morti. Calano i ricoverati sia in terapia intensiva (-1 a 172) sia negli altri reparti (-245 a 3’307) che venerdì erano invece aumentati (+82).

30.05.2020 ore 17:26
Manifestazione in Piazza Federale

Circa 80 persone sabato pomeriggio si sono riunite davanti a Palazzo federale a Berna per manifestare contro le restrizioni delle libertà decise dalla Confederazione per contrastare il diffondersi del coronavirus. I partecipanti hanno chiesto la revoca immediata dallo stato di emergenza. La polizia in un primo momento ha osservato il raduno da distante, poi è intervenuta accerchiando i partecipanti per procedere ad alcune identificazioni. Il raduno si è poi sciolto senza incidenti.

30.05.2020 ore 15:58
OMS, l'UE esorta gli USA a riconsiderare la loro decisione

La presidente della Commissione UE, Ursula von der Leyen, e l’Alto rappresentante dell’Unione europea, Josep Borrell, hanno esortato gli Stati Uniti a riconsiderare la loro decisione di mettere fine alla relazione con l’Organizzazione mondiale della sanità. “Devono essere evitate le azioni che indeboliscono i risultati internazionali” nella lotta alla pandemia, si legge in una nota congiunta. “La cooperazione globale e la solidarietà sono le sole vie efficaci per vincere la battaglia che il mondo sta affrontando”.


L’Unione europea ha inoltre ribadito il suo pieno supporto all’organizzazione. “L’OMS ha bisogno di continuare a guidare la risposta internazionale alla pandemia, attuale e futura. Per questo, sono richiesti e necessari la partecipazione e il supporto di tutti”, conclude la nota.

30.05.2020 ore 15:31
Paesi Bassi, 20 nuovi decessi e 131 contagi

Sono 20 i nuovi decessi legati alla pandemia di Covid-19 segnalati nei Paesi Bassi dalle autorità sanitarie. Alcuni di questi possono essere avvenuti nei giorni scorsi, precisa il ministero della Salute, che aggiorna il conteggio delle vittime a 5’951 dall’inizio della pandemia. I nuovi casi accertati nel Paese sono 131, per un totale di 4’257 contagi. Sono 5, invece, i nuovi pazienti che hanno necessitato il ricovero ospedaliero nelle ultime 24 ore.

30.05.2020 ore 14:14
Giappone, crescono i timori di una seconda ondata

In Giappone aumentano i timori di una possibile seconda ondata di contagi da coronavirus. In una sola settimana, infatti, nella città di Kitakyush (Giappone occidentale) sono stati individuati 43 nuovi casi, metà dei quali riscontrati in un solo giorno. “Se la tendenza dovesse consolidarsi ulteriormente, dovremo riconoscere di essere nel mezzo di una seconda ondata”, ha dichiarato il sindaco della città Kenji Kitahashi, a distanza di pochi giorni dalla revoca dello stato di emergenza da parte del premier Shinzo Abe.

30.05.2020 ore 13:54
Credit Suisse, accordati prestiti per 2,8 miliardi

Nell’ambito della crisi finanziaria causata dal coronavirus, Credit Suisse ha accordato 15’400 prestiti, per un totale di 2,8 miliardi di franchi. Le piccole imprese hanno beneficiato di un totale di 2,2 miliardi attraverso dei crediti limitati a 500’000 franchi, garantiti al 100% dalla Confederazione. Il resto della somma, circa 600 milioni, rappresentano dei prestiti garantiti all’85%. “È importante rendere il denaro disponibile rapidamente ed evitare gravi carenze di liquidità”, ha sottolineato il presidente del consiglio di amministrazione Urs Rohner.


Nonostante le banche non guadagnino direttamente da questi prestiti, è possibile un effetto indiretto, ossia che ci siano meno fallimenti, ha detto Rohner. Anche Credit Suisse è stato confrontato con persone che hanno tentato di ottenere prestiti in modo fraudolento, ma si è trattato solo dello 0,4% dei casi.

30.05.2020 ore 13:34
G7, Boris Johnson conferma la sua presenza

Al prossimo G7, in programma a fine giugno presso la Casa Bianca, ci sarà anche Boris Johnson. Il premier britannico lo ha comunicato al presidente statunitense Donald Trump in una telefonata, nella quale i due hanno discusso anche dell’accordo commerciale post-Brexit. Tra gli altri leader mondiali invitati a Washington, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha declinato l’invito, mentre il presidente francese Emmanuel Macron e quello del Consiglio europeo, Charles Michel, hanno detto di essere disposti a partecipare di persona solo “se le condizioni sanitarie lo permetteranno”.

30.05.2020 ore 13:17
Tariffe mediche più alte per ammortizzare le perdite

Per ammortizzare le perdite finanziarie degli ospedali causate dall’emergenza coronavirus, nel canton Berna potrebbero venire temporaneamente aumentate le tariffe per le prestazioni mediche. A proporlo è il direttore del Dipartimento della sanità bernese, Pierre Alain Schnegg, sottolineando che la pandemia costa agli ospedali bernesi più di 270 milioni di franchi. Soldi, questi, che il Cantone rimborsa alle strutture sanitarie per perdite nell’assicurazione di base, nell’assicurazione contro gli infortuni e nelle assicurazioni complementari.


Schnegg si aspetta che la Confederazione rilevi gran parte di questi costi, così da evitare che le casse malattia paghino per servizi non forniti. Il metodo proposto dal direttore del Dipartimento cantonale della sanità prevede invece un leggero “aumento di tutte le tariffe per le prestazioni mediche”. Tariffe più alte potrebbero anche avere un effetto sui premi dell’assicurazione malattia, ma in tal caso Schnegg si aspetta che le casse malattia liquidino parte delle loro riserve.

30.05.2020 ore 13:16
I ricoverati in Ticino sono scesi a 33

La situazione per il sistema sanitario ticinese messo sotto fortissima pressione dal Covid-19 continua a migliorare. Sabato le persone ricoverate sono scese a 33, di cui 32 in reparto e 1 in terapia intensiva.

È il numero più basso registrato da mesi. Il cantone rende noti i dati dal 22 marzo quando già c’erano 200 persone ospedalizzate. In seguito il loro numero è aumentato fino a raggiungere un massimo di 415 il 30 marzo con 340 persone curate in reparto e 75 in terapia intensiva. In seguito la diminuzione è stata costante, parallelamente alla progressione del numero delle guarigioni che hanno consentito la dimissione. Finora 894 persone che si erano ammalate di Covid-19 hanno potuto essere curate.


30.05.2020 ore 12:45
Confinate 562 persone

In Svizzera ci sono 562 persone che si trovano in confinamento per evitare la trasmissione del SARS-CoV-2 che causa i casi di COVID-19. Gli ultimi dati disponibili (aggiornati al 29 maggio) indicano che 165 potenziali trasmettitori del nuovo coronavirus erano in isolamento, mentre altre 397 persone che hanno avuto contatti con loro sono state poste in quarantena per un periodo di 10 giorni. Il cantone maggiormente toccato è Argovia con 44 persone in isolamento e 110 in quarantena. In Ticino sono 20 e 29. Mentre nei Grigioni 2 e 9.

30.05.2020 ore 12:31
Nessun nuovo decesso in Svizzera

Nelle ultime 24 ore in Svizzera non sono stati annunciati nuovi decessi legati al Covid-19 all’Ufficio federale della sanità pubblica che venerdì aveva annunciato due morti, tra cui la prima di un bambino. Il totale delle vittime è stabile a 1’657, mentre i casi confermati dall’inizio dell’epidemia sono 30’845, 17 in più di quelli comunicati giovedì.

Secondo il sito CoronaData, aggiornato sulla base dei dati dei singoli cantoni, le morti legate al Covid-19 sono invece 1’919. Un dato che nelle ultime 24 ore non è cambiato.


30.05.2020 ore 11:57
Pentecoste, culto protestante online

In occasione della celebrazione della Pentecoste, limitata a causa delle restrizioni dovute al coronavirus, i protestanti svizzeri potranno partecipare al culto oline. Stando ai suoi progettisti, due pastori di Berna e Zurigo, si tratta del più grande servizio religioso offerto sul web in Svizzera. Bambini, pensionati, responsabili di cori musicali, musicisti e pastori sono stati coinvolti nel servizio, indica il portale online ref.ch delle Chiese riformate della Svizzera tedesca. Dieci persone pronunceranno la predica in tutte le lingue nazionali, mentre oltre 800 credenti reciteranno il “Padre Nostro”. Il video sarà consultabile domani sul sito internet della Chiesa evangelica riformata della Svizzera (EKS).

30.05.2020 ore 11:13
Berna sostiene gli apprendisti

Le aziende che beneficiano della disoccupazione parziale normalmente non possono assumere personale supplementare, ha spiegato il consigliere federale Guy Parmelin in un’intervista rilasciata sabato ai giornali del gruppo Tamedia. La Confederazione ha tuttavia deciso di accordare un’eccezione per quel che concerne gli apprendisti e questo cambiamento entrerà in vigore in giugno. Se le imprese sono in preda a difficoltà a causa della crisi del coronavirus, vi è il rischio che gli apprendisti perdano il loro posto di tirocinio, secondo il ministro dell’Economia. Nell’Arco lemanico, soltanto il 40% dei contratti sono stati conclusi rispetto al 2019.

30.05.2020 ore 10:55
Record negativi per India e Pakistan

Nelle ultime 24 ore in India e Pakistan i dati relativi al coronavirus hanno subito un ulteriore peggioramento. Nel paese indiano sono stati registrati 8’000 nuovi casi - l’aumento quotidiano più alto per il continente dall’inizio della pandemia - e 265 morti. Finora l’India conta 173’763 casi di Covid-19 e 4’980 vittime.


Un record negativo, questa volta riguardante i decessi, si è registrato anche in Pakistan, dove a perdere la vita sono state 78 persone (1’395 il bilancio complessivo). Con l’incremento di 2’429 nuovi contagi il totale dei malati ha invece raggiunto quota 65’736. Nonostante le cifre in aumento, in Iran il presidente Hassan Rohani ha invece annunciato la riapertura delle moschee e dei centri commerciali.

30.05.2020 ore 10:35
Il virus contro la globalizzazione

Il blocco globale dell’economia ha portato molte aziende anche sul nostro territorio a riorganizzarsi. L’esempio della GTK Timek di Rivera che internamente ha puntato decisamente sul telelavoro. Ma ha anche dovuto ripensare i rapporti con i fornitori esteri: meglio in futuro averne qualcuno in più e non dipendere da uno solo.

Il virus contro la globalizzazione
Anche le aziende locali sono spesso dipendenti dall’estero
30.05.2020 ore 10:32
Russia, i decessi tornano a diminuire

Dopo il record negativo di 232 decessi registrati nella giornata di ieri, in Russia i morti dovuti al Covid-19 sono tornati a calare. Nelle ultime 24 ore sono 181 le persone che hanno perso la vita a causa del virus, per un bilancio totale di 4’555. Le autorità sanitarie russe hanno comunicato anche 8’952 nuovi casi di contagio, che portano così il totale - tra i più alti al mondo - a quota 396’575 positivi dall’inizio dell’epidemia.

30.05.2020 ore 10:18
Piscina di Bellinzona e Splash and Spa, conto alla rovescia

Se i cancelli del bagno pubblico di Bellinzona riapriranno a partire dal 27 giugno, lo Splash and Spa di Rivera sarà interamente accessibile già dal 20. Le feste campestri estive, invece, restano alla finestra


Tra piscine e feste campestri

Le direttive da rispettare al bagno pubblico di Bellinzona e allo Splash and Spa di Rivera spiegate dai gestori. E le feste campestri?

30.05.2020 ore 10:10
Nessun nuovo contagio e nessun decesso in Ticino

Doppio zero in Ticino dove nelle ultime 24 ore non si sono registrati né nuovi decessi legati al Covid-19 né altri contagi. Il bilancio è pertanto fermo a 3’313 casi confermati dall’inizio dell’epidemia e a 348 morti. Nessun paziente è stato dimesso dagli ospedali, ma la situazione nelle ultime 24 ore è migliorata anche sul fronte dei ricoveri poiché, come anticipato venerdì dalla RSI, l’ultimo paziente degente in terapia intensiva alla Carità di Locarno (il centro Covid-19 dell’EOC) è stato trasferito in reparto.


30.05.2020 ore 09:34
Coronavirus, catastrofe od opportunità?

L’analisi sul settore turistico in Ticino, confrontato con nuove sfide e la necessità di reinventarsi.


Il turismo dopo il virus

Ecco cosa cambierà. L'analisi di due esperti del settore: Elia Frapolli e Angelo Trotta

30.05.2020 ore 08:55
G7, Angela Merkel rifiuta l'invito di Donald Trump

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha rifiutato, almeno per ora, l’invito del presidente statunitense Donald Trump di partecipare al G7 previsto a fine giugno alla Casa Bianca. “Ad oggi, considerando la situazione complessiva della pandemia, non puo’ accordare la sua partecipazione personale per un viaggio a Washington”, scrive il portavoce del governo tedesco. Trump aveva detto che non ci sarebbe stato “esempio più grande della riapertura” che tenere il vertice proprio negli Stati Uniti.

30.05.2020 ore 08:40
L'America latina si avvicina al picco

È rimasto molto intenso nelle ultime 24 ore l’incremento dei contagi (923’878, +45’000) e dei morti (48’508, +1’900) per la pandemia di coronavirus che sta raggiungendo il picco in America Latina. Il territorio più colpito resta quello del Brasile, che guida la triste classifica con 465’166 contagiati (+27’000) ed i 27’878 morti (+1’100). Alle sue spalle seguono il Perù, dove le persone che hanno contratto il Covid-19 sono ora 148’285 (+5’500) di cui 4’230 morte, e il Cile (90’638 contagiati e 944 morti). Tra le nazioni con più di 5’000 casi si distingue il Messico, quarto per contagi (81’400) ma secondo per vittime fatali (9’044), davanti all’Ecuador (38’571 e 3’334) e alla Colombia (26’688 e 853).

30.05.2020 ore 07:48
Germania, 39 decessi e 738 nuovi contagi

In Germania sono state 39 le vittime dovute al coronavirus registrate nelle ultime 24 ore, per un bilancio complessivo di 8’489 decessi dall’inizio dell’epidemia sul territorio. Sempre secondo le cifre fornite dall’Istituto Robert Koch (RKI), i nuovi contagi sono invece 738, che portano il totale dei positivi a 181’196.