Berset con la mascherina
Berset con la mascherina rsi.ch
Momenti chiave
13.01.2021 ore 21:23
13.01.2021 ore 20:02
13.01.2021 ore 18:12
13.01.2021 ore 17:28
13.01.2021 ore 15:53
13.01.2021 ore 15:49
13.01.2021 ore 15:14
13.01.2021 ore 15:13
13.01.2021 ore 15:09
13.01.2021 ore 15:07
13.01.2021 ore 13:56
13.01.2021 ore 13:43
13.01.2021 ore 12:14
13.01.2021 ore 11:27
13.01.2021 ore 11:15
13.01.2021 ore 10:46
13.01.2021 ore 09:26
13.01.2021 ore 09:21
13.01.2021 ore 09:06
13.01.2021 ore 08:46
13.01.2021 ore 07:30
13.01.2021 ore 07:26

Il giro di vite svizzero

Dal 18 gennaio, per 6 settimane, negozi non essenziali chiusi, assembramenti limitati, obbligo di telelavoro e di indossare la mascherina
mercoledì 13 gennaio 2021 07:12

Il Consiglio federale ha annunciato oggi in conferenza stampa a Berna un nuovo giro di vite per contrastare il diffondersi del coronavirus: la chiusura di ristoranti, offerte culturali e impianti sportivi sarà prorogata fino alla fine di febbraio, mentre da lunedì saranno chiusi anche i negozi che non vendono beni di prima necessità ed il telelavoro diventerà obbligatorio.

Le aziende dovranno organizzare il lavoro a domicilio, sempre che il tipo di attività si presti. Se non è possibile organizzare l'home-office, sul luogo di lavoro sarà obbligatorio l'uso della mascherina nei locali dove ci sono due o più persone.

I lavoratori particolarmente a rischio avranno il diritto di lavorare a domicilio o con una protezione equivalente sul posto di lavoro. Se, in determinate professioni, non possono essere garantite le disposizioni di protezione, i dipendenti a rischio dovranno essere esonerati dai loro obblighi ricevendo comunque il salario pieno.

E per quanto riguarda gli eventi privati, il limite sarà abbassato a cinque persone, compresi i bambini. Questo limite è valido anche nelle aree pubbliche.

La cronaca della giornata di ieri

di Alex Ricordi, Stefano Wingeyer, Joe Pieracci, Stefano Pongan, Sandro Pauli, Diego Moles e Yara Rossi

13.01.2021 ore 23:25
Italia: stato di emergenza fino al 30 aprile

In Italia il Consiglio dei ministri ha approvato il nuovo decreto legge con le misure per il contrasto al Covid. Il decreto proroga anche lo stato d’emergenza fino al 30 aprile

13.01.2021 ore 22:05
Brasile: 60'899 contagi e 1274 vittime

Sono 60’899 I casi di coronavirus registrati mercoledì in Brasile, dove si segnalano anche altre 1274 vittime.

13.01.2021 ore 21:23
Record di casi in Spagna

Sono 38.869 i casi di Covid nelle ultime 24 ore in Spagna che ha registrato così il più alto picco giornaliero di infezioni dall’inizio della pandemia superando i 25.595 positivi registrati il 30 ottobre. I decessi sono 195. Lo ha annunciato il ministro della Salute, riporta El Pais. Il ministro della Salute, Salvador Illa, ha descritto l’aumento come “molto preoccupante” e ha avvertito che la pressione sugli ospedali e sulle unità di terapia intensiva sta aumentando. “Chiedo alle persone di rispettare scrupolosamente le misure adottate da ogni regione autonoma”, ha detto Illa. “È l’unico modo che abbiamo per controllare il virus.”

La Spagna ha iniziato a vaccinare la sua popolazione di quasi 47 milioni di persone alla fine di dicembre. Il governo centrale ha finora distribuito 1.103.700 dosi del vaccino alle 17 regioni autonome del Paese, delle quali ne sono state somministrate 581.638.

13.01.2021 ore 20:15
Una boccata d'ossigeno anche per i centri wellness

La decisione di aiutare maggiormente e con maggiore rapidità le attività colpite direttamente dalle decisioni delle autorità rappresenta una boccata d’ossigeno anche per le strutture sportive e wellness, come confermato alla RSI, per esempio, dai responsabili del Centro balneare di Locarno.


13.01.2021: Centri wellness, boccata d'ossigeno
13.01.2021 ore 20:02
Il Portogallo torna in lockdown

Il Portogallo da venerdì tornerà a vivere in regime di lockdown. Il primo ministro Antonio Costa lo ha annunciato mercoledì dopo che i numeri della pandemia hanno fatto registrare nuovi primati negativi. Le misure saranno sostanzialmente uguali a quelle che erano state in vigore a marzo e ad aprile. Unica eccezione: le scuole che resteranno aperte ha fatto sapere il Governo al termine di una seduta straordinaria.

13.01.2021 ore 19:58
Danimarca molto preoccupata, prolungate le restrizioni

La Danimarca mercoledì ha prolungato almeno fino al 7 febbraio le sue restrizioni anticcoronavirus (comprendenti la chiusura dei commerci e delle scuole). L’aumento dei contagi legati alla variante britannica è ritenuto “estremamente inquientante” dalle autorità di Copenaghen. Il ministro titolare della sanità si è appellato ai concittadini affinché restino a casa evitando ogni interazione sociale.

13.01.2021 ore 19:51
Aeroporto Zurigo, 73% in meno di viaggiatori nel 2020

La pandemia di coronavirus ha pesato sui numeri del 2020 dell’aeroporto di Zurigo. I viaggiatori sono scesi del 73,5% a 8,3 milioni rispetto al 2019. Lo ha comunicato mercoledì la società che gestisce lo scalo. Nel corso dello scorso anno i viaggiatori registrati a Kloten erano 31,5 milioni. Prendendo in considerazione il solo mese di dicembre la diminuzione complessiva è stata dell’84,8%. “Ci lasciamo alle spalle un anno molto impegnativo e turbolento. Il traffico internazionale a tratti è rimasto quasi completamente bloccato - ha affermato il CEO di dell’aeroporto, Stephan Widrig - ci aspettiamo una ripresa a metà 2021”.

13.01.2021 ore 19:36
La variante inglese anche a Neuchâtel

Il canton Neuchâtel ha annunciato di aver identificato un primo caso di contagio legato dalla cosiddetta variante britannica del coronavirus, La positività della persona in questione era stata accertata lo scorso 1° gennaio.

13.01.2021 ore 19:31
Via alle vaccinazioni con il Sinovac in Turchia

La Turchia mercoledì ha autorizzato l’uso d’emergenza del vaccino cinese CoronaVac. La somministrazione su larga scala inizierà giovedì dagli operatori sanitari. Il primo a farsi vaccinare, subito dopo il via libera dell’Istituto per i medicinali, è stato il ministro della Sanità Fahrettin Koca e dopo di lui è toccato ai membri del Consiglio scientifico.

Secondo Ankara che sta negoziando anche con BioNTech, il preparato della Sinovac è efficace al 91,25%, malgrado la mancanza di risultati ufficiali delle prove di fase 3. Un tasso molto più alto di quello annunciato martedì dall’Istituto Butantan in Brasile (50,38%) e da quello riportato dall’Indonesia (65,3%). La Turchia, con una popolazione di 83 milioni di abitanti, ha registrato più di 2,3 milioni di contagi e oltre 23’000 morti legate al Covid-19.

13.01.2021 ore 19:19
Il Governo ginevrino pronto a concedere a Palexpo SA prestiti per 30 milioni

Il Consiglio di Stato di Ginevra vuole sostenere la Palexpo SA, le cui attività sono state interrotte dalla crisi sanitaria. Mercoledì ha chiesto al Parlamento di concedere alla società una linea di credito di 30 milioni di franchi per assicurarle i finanziamenti necessari a coprire le spese anche nella peggiore delle ipotesi (l’impossibilità di riprendere le attività per tutto il 2021).

13.01.2021 ore 18:25
Evoluzione positiva, decisione "un po' inattesa"

Ticino e Grigioni "un po' sorpresi"

Gobbi: "L'evoluzione dei contagi era già positiva". Caduff: "La logistica degli aiuti sarà una sfida"

13.01.2021 ore 18:14
Ci sono buone notizie "ma non siamo alla fine della crisi"

Lepori: "Raggi di sole, ma..."

Il Governo va nella direzione auspicata dal settore sanitario, dice il vicecapo area medica dell'EOC. Situazione sanitaria eterogenea nei cantoni

13.01.2021 ore 18:12
Campionato di hockey "amputato"

Annullate MySports League, 1a Lega e SWHL B

Lo ha deciso la Regio League dopo le nuove restrizioni del Consiglio Federale

13.01.2021 ore 17:56
Test obbligatorio per entrare in Norvegia

La Norvegia ha deciso di imporre lo screening obbligatorio per Covid-19 a chiunque voglia attraversare i suoi confini, pena una multa da quasi duemila euro. Prosegue intanto la campagna vaccinale, e il Palazzo reale ha fatto sapere che oggi anche il re Harald e la regina Sonja hanno ricevuto la prima dose. Con soli 5,4 milioni di abitanti, la Norvegia ha registrato finora 56’614 casi del nuovo coronavirus, 509 con esito fatale. Ad oggi 25’000 persone hanno ricevuto una prima dose di vaccino, lo 0,47%, ma le autorità temono comunque una ripresa dei contagi, soprattutto da casi importati. Per questo - ha spiegato la ministra della Giustizia Monica Mxaeland - è stato istituito l’obbligo di entrare nel Paese solo se in possesso di un test negativo effettuato nelle ultime 72 ore, registrandosi presso le autorità locali e osservando una quarantena di sette giorni.

13.01.2021 ore 17:49
Lombardia: 2'245 positivi e 51 decessi

Con 31.880 tamponi effettuati è di 2.245 il numero di nuovi positivi registrati in Lombardia, una percentuale del 7%. Sono in diminuzione i ricoverati in terapia intensiva, 462 cioè 4 meno di ieri, mentre aumentano di dieci i pazienti negli altri reparti arrivando a 3.651. Sono invece 51 i decessi per un totale complessivo di 25.954. Per quanto riguarda le province, a Milano si sono registrati 544 casi di cui 215 in città, 365 a Brescia, 218 a Varese, 206 a Pavia, 202 a Mantova, 129 a Monza, 118 a Bergamo, 121 a Como, 89 a Lecco, 79 a Cremona, 60 a Lodi e 40 a Sondrio.

13.01.2021 ore 17:36
Economiesuisse critica sulla chiusura dei negozi

La chiusura di numerosi commerci, malgrado concetti di protezione funzionanti, crea grossi problemi. Lo afferma economiesuisse, reagendo alle decisioni annunciate oggi dal Consiglio federale nell’ambito della lotta al coronavirus. L’organizzazione sostiene invece il prolungamento delle misure in vigore, ritenendo che il governo non potesse fare altrimenti. Il commercio al dettaglio applica i piani di protezione con rigore da diversi mesi, si lamenta economiesuisse in una presa di posizione. A non convincere è anche l’obbligo del telelavoro, dato che, pure in questo caso, i concetti delle aziende si sono dimostrati validi e, inoltre, l’home office non è semplicemente applicabile per ogni attività. Le chiusure rappresentano una grossa sfida per i settori toccati. Ecco perché, prosegue economiesuisse, è fondamentale che il governo abbia snellito le regole per i casi di rigore. Ora si tratta di versare le somme previste celermente e senza intoppi burocratici: in caso contrario, l’esistenza di molte aziende, soprattutto di piccole dimensioni, sarebbe appesa a un filo.


13.01.2021: Dibattito sulle misue anti Covid
13.01.2021 ore 17:30
USS: "Bene l'allentamento per i casi di rigore"

L’Unione sindacale svizzera (USS) accoglie positivamente gli alleggerimenti decisi oggi per i casi di rigore legati al coronavirus. Servono però anche aiuti per coloro che perdono il posto di lavoro, è stato sottolineato. L’organizzazione, in una presa di posizione, storce invece il naso per il fatto che determinati costi non verranno coperti per i lavoratori obbligati a lavorare in Home Office. Sono inoltre necessari piani di protezione adeguati per chi lavora negli ospizi.

13.01.2021 ore 17:28
Italia: 15'774 casi e 507 vittime

Sono 15.774 i tamponi positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Le vittime sono 507. Ieri i positivi erano stati 14.242, i morti 616. Il tasso di positività è del 9%, in calo rispetto al 10,05% di ieri.

13.01.2021 ore 17:21
Regno Unito: 47’525 contagi e 1'564 vittime

Contagi stabilizzati, ma nuovo record giornaliero assoluto di morti da Covid nelle ultime 24 ore nel Regno Unito, alle prese con la cosiddetta variante inglese dell'infezione. Secondo i dati diffusi oggi, i nuovi decessi censiti sono stati 1.564, contro i 1.243 di ieri; mentre i casi sono sono stati 47.525. Oggi Boris Johnson al Question Time ai Comuni e poi in audizione in commissione ha detto che "il lockdown inizia a mostrare qualche impatto" positivo, ma ha evocato tuttora "rischi sostanziali" di sovraffollamento degli ospedali, con un "70% di ricoveri più d'aprile" e non ha escluso ulteriori strette se necessarie.

13.01.2021 ore 17:17
L'Austria chiude 45 valichi con Slovacchia e Repubblica Ceca

L’Austria da mezzanotte chiude 45 valichi minori verso la Repubblica Ceca e la Slovacchia a causa dell’andamento della pandemia nei due Paesi confinanti. Nell’ordinanza del ministro degli Interni Karl Nehammer si parla di un provvedimento per il “mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica”. Nella Repubblica Ceca - scrive l’Apa - l’incidenza sui sette giorni è di 795 e in Slovacchia di 374. Il ministro alla Salute austriaco Rudolf Anschober ha parlato di “dati allarmanti”. Venerdì scatta invece l’obbligo di registrazione online per chi entra in Austria.

13.01.2021 ore 17:15
Johnson: “Ospedali a rischio saturazione nel Regno Unito”

L’impennata di contagi da Covid alimentata nel Regno Unito in particolare dalla cosiddetta variante inglese del virus comporta ormai “un rischio sostanziale” per gli ospedali britannici, sul fronte d’una saturazione di posti letto in terapia intensiva. Lo ha detto Boris Johnson in un’audizione parlamentare in commissione, pur aggiungendo di non essere in grado di “predire” quando questa saturazione possa essere raggiunta. Il premier ha insistito poi sull’importanza del lockdown e dell’accelerazione dei vaccini in questa fase, mentre ha espresso preoccupazione per una “nuova variante individuata in Brasile” dopo quella sudafricana.

13.01.2021 ore 17:07
Il presidente di GastroSuisse: “i ristoranti non riapriranno prima di aprile o maggio”

Salutando la decisione del Consiglio federale poiché crea una situazione omogenea a livello nazionale, ma sottolineando al contempo che la categoria attendeva aiuti da settimane e che quelli varati finora non saranno sicuramente sufficienti, il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer non crede che l’evoluzione della pandemia permetterà ai ristoranti di aprire i battenti alla fine di febbraio. “Le aperture dei ristoranti saranno probabilmente possibili a partire da aprile o maggio”, ha affermato ai microfoni della RSI.


Casimir Platzer: "penso che i ristoranti non riapriranno a fine febbraio"
13.01.2021 ore 16:56
Swiss Retail: “L’ordine di chiusura è una stangata”

La chiusura dei negozi non alimentari ordinata dal Consiglio federale per far fronte al coronavirus è “una stangata” per i dettaglianti. Ciò comporterà problemi esistenziali per molti commerci, scrive oggi Swiss Retail. Malgrado il commercio al dettaglio si sia dimostrato capace di adattarsi, proattivo ed esemplare durante la chiusura parziale, ora viene punito in modo sproporzionato con un blocco totale, si legge in un comunicato di Swiss Retail. Le valutazioni interne sulle assenze per malattia confermano che l’attività dei dettaglianti non è fonte di contagio, aggiunge la nota.


Secondo l’associazione di categoria le cifre relative alle infezioni e ai ricoveri, che risultano stabili o in moderato calo, dovrebbero essere considerate un segno positivo, anche se attualmente è difficile valutare la situazione a causa delle mutazioni del Covid-19. Lo stato di fatto poco chiaro non avrebbe dovuto portare all’imposizione di conseguenze premature a scapito del più grande datore di lavoro della Svizzera, con 310’000 impieghi, sottolinea la federazione del commercio al dettaglio.


La nuova chiusura dei negozi che non vendono beni di uso quotidiano comporta una perdita mensile di un volume d’affari di circa 3,2 miliardi di franchi in tutta la Svizzera, aggiunge Swiss Retail. E la prospettiva di lavorare a orario ridotto è molto stressante e porta a grandi incertezze per i dipendenti. L’ordinanza sui casi di rigore è nettamente troppo poco efficace per aiutare i commercianti al dettaglio direttamente o indirettamente interessati in caso di blocco, nota Swiss Retail, che chiede quindi alla Confederazione un contributo ai costi fissi.


13.01.2021: Negozi chiusi fino a fine febbraio
13.01.2021 ore 16:53
Berlino vara nuove regole per chi entra in Germania

Chi entra in Germania da zone interessate dalle varianti del virus Covid-19 o da zone con alta incidenza del virus dovrà presentarsi con un test negativo ai controlli di ingresso nel Paese: lo ha stabilito oggi un’ordinanza approvata dal governo tedesco. Questa misura è stata pensata soprattutto per limitare la diffusione della variante cosiddetta ‘sudafricana’ o ‘inglese’, spiegano dal ministero della Salute, secondo quanto riporta Tagesschau. Per tutti coloro che invece entrano da zone classificate a rischio sarà necessario presentare entro 48 ore dall’ingresso un test negativo. “Viaggi all’estero in zone a rischio non sono adatti a tempi di pandemia”, ha detto oggi il ministro della Salute Jens Spahn

13.01.2021 ore 16:20
Direttori cantonali della sanità: “inasprimento comprensibile”

Il giro di vite annunciato oggi dal Consiglio federale per arginare il coronavirus è comprensibile data la situazione epidemiologica in Svizzera. È il parere della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), secondo cui il numero dei casi ristagna a livelli troppo elevati e le nuove varianti del Covid-19, più contagiose, lasciano immaginare un prossimo aumento delle infezioni. Nel corso della consultazione, scrive la CDS in un comunicato, la maggioranza dei Cantoni ha approvato un prolungamento delle restrizioni. Accolta favorevolmente anche l’estensione dell’obbligo di indossare la mascherina sul posto di lavoro e una protezione rafforzata delle persone vulnerabili. Invece, la maggior parte dei Cantoni si è opposta al telelavoro obbligatorio e alla chiusura dei negozi che non vendono beni di prima necessità. Apprezzata per contro la risposta della Confederazione riguardo alla domanda di precisare l’applicazione pratica concernente le persone esentate dal portare la mascherina.

I Cantoni hanno inoltre chiesto a gran voce misure aggiuntive per attenuare le conseguenze economiche delle chiusure. La decisione dell’esecutivo di facilitare l’accesso agli aiuti nei casi di rigore è pertanto vista positivamente. Nuovi sostegni finanziari si imporranno però, a seconda della durata e della portata dei provvedimenti anti-Covid, per i settori toccati direttamente e indirettamente. Infine, la CDS è soddisfatta del fatto che il governo abbia approvato la convenzione tariffaria riguardante le vaccinazioni contro il coronavirus. Essa è stata negoziata direttamente dalla Conferenza e dagli assicuratori.

13.01.2021 ore 15:54
L’OMS valuta l’uso del vaccino cinese “per emergenza”

Il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato l’Oms sta lavorando con i produttori di vaccini Sinovac e Sinopharm per una potenziale autorizzazione all’uso di emergenza. “Sono lieto che un team dell’Oms si trovi attualmente in Cina a lavorare con i produttori dei vaccini Sinovac e Sinopharm per valutare la conformità alle pratiche internazionali prima di una potenziale classificazione per l’utilizzo d’emergenza da parte dell’Oms”, ha detto il direttore dell’Agenzia dell’Onu. Tedros ha ribadito che l’Oms ha chiesto ai produttori di vaccini di tutto il mondo di muoversi rapidamente per fornire i dati necessari che permetteranno all’organizzazione di prenderli in considerazione per l’autorizzazione.

13.01.2021 ore 15:53
Vaccino Pfizer valido anche per le varianti

“Secondo i primi studi c’è un’elevata efficacia del vaccino Pfizer/BioNTech contro la variante britannica e sudafricana”. Lo ha affermato Albert Bourla, Presidente e Amministratore Delegato di Pfizer ad un evento online.

13.01.2021 ore 15:53
Il Papa si è vaccinato

Papa Francesco si è vaccinato contro il Covid. Lo riferisce la stampa argentina, mentre la Santa Sede si limita a confermare che mercoledî mattina è cominciata la vaccinazione in Vaticano, senza fornire ulteriori particolari.

13.01.2021 ore 15:49
Comprensori sciistici aperti

A precisa domanda il consigliare federale Berset ha sottolineato che ci sono molte misure restrittive e che resta al “limite aperta la questione delle risalite nelle stazioni sciistiche pur sapendo che si fa di tutto per ridurre i contatti interpersonali e che rimangono chiusi bar e ristoranti anche nei comprensori sciistici così come i negozi che, in loco, non vendono generi di prima necessità dal 18 gennaio”. Vi sono poi da tenere conto delle varie decisioni di deroga cantonali. “I cantoni, ha aggiunto Berset, possono adottare misure più restrittive per quando riguarda i comprensori invernali, soprattutto per ciò che concerne le terrazze che alcuni cantoni hanno sin qui consentito di essere in funzione”.

13.01.2021 ore 15:44
Quarantena prolungata per il Losanna, conseguenze per l'Ambrì

L'Ambrì sulla pista del Langnau il 19 gennaio

Quarantena prolungata per il Losanna, una sfida anticipata per i biancoblù

13.01.2021 ore 15:33
Aiuti più facili ai casi di rigore

Il consigliere federale Ueli Maurer, capo del Dipartimento finanze ha precisato che saranno “erogati aiuti supplementari sempre attenendosi ai dettami della legge, in sintonia con le decisioni che spettano ai cantoni con cui siamo in contatto permanente”. I cantoni hanno lavorato intensamente negli ultimi giorni “per i casi di rigore, cioè per tutte quelle attività che hanno dovuto chiudere per ordine delle autorità per almeno 40 giorni”.

Aiuti più facili ai casi di rigore

Avranno diritto, con meno burocrazia, le imprese che hanno dovuto chiudere per 40 giorni dal 1° novembre - Tetto dei contributi aumentato

13.01.2021 ore 15:17
"Facciamo ora uno sforzo supplementare"

Vista la situazione legata alla pandemia e al tasso di infezione superiore a 1 in molti cantoni Berset “ ha chiesto la comprensione di tutti per queste ulteriori strette per ostacolare la diffusione del virus per non trovarsi nelle prossime settimane a non riuscire più a gestire in modo efficiente la pandemia”. Non vogliamo trovarci “nella situazione in cui si trovava il Regno Unito a inizio dicembre. Meglio agire subito per evitare problemi peggiori fra poco tempo. Una speranza arriva dai vaccini, due quelli omologati, e nelle prossime settimane la campagna di vaccinazione proseguirà senza sosta”.

13.01.2021 ore 15:14
Previste alcune eccezioni

Il Ministro Berset ha specificato che vi sono, rispetto alla primavera scorsa, alcune eccezioni. Potranno infatti rimanere aperti le farmacie, le drogherie e i negozi di mezzi ausiliari medici (occhiali e protesi acustiche). Ma anche i punti vendita degli operatori telecom, lavanderie, sartorie, calzolai, negozi di hobbistica, giardinaggio, ferramenta, fioristi, stazioni di servizio e mercati del bestiame.

13.01.2021 ore 15:13
Misure più ferree dal 18 gennaio

Il Consiglio federale ha deciso un’ulteriore chiusura fino a fine febbraio di bar, ristoranti, strutture per il tempo libero e la cultura.

Svizzera in semi lockdown

Dal 18 gennaio negozi non essenziali chiusi, assembramenti limitati, obbligo di telelavoro e di indossare la mascherina

13.01.2021 ore 15:12
Alain Berset: "situazione molto complicata"

Il ministro della Salute ha ribadito che la “situazione in Svizzera è molto allarmante complice anche le nuove varianti di Covid-19. Abbiamo dovuto adottare misure più restrittive per evitare una terza ondata e per evitare il collasso del sistema ospedaliero”.

13.01.2021 ore 15:09
"Solidarietà e disciplina"

Il presidente della Confederazione auspica “solidarietà e disciplina in tutti i settori e per tutti i cittadini”.

13.01.2021 ore 15:07
"La sofferenza è ovunque"

Guy Parmelin ha detto che “la sofferenza è ovunque: tra i singoli cittadini, tra le famiglie che hanno perso un caro, tra gli imprenditori, tra i ristoratori ma le decisioni più restrittive, anche alla luce delle nuove varianti di Covid-19, andavano prese decisioni ancora più ferree nel settore sanitario. Tutti devono rispettare le misure in vigore e quelle che entreranno in vigore dal 18 gennaio facendo uno sforzo supplementare”.

13.01.2021 ore 15:04
Guy Parmelin: "non ci sono state decisioni facili"

Il presidente della Confedrazione Guy Parmelin ha detto che a fronte della situazione pandemica in Svizzera “sono state adottate nuove misure più restrittive”.

13.01.2021 ore 15:02
Iniziata la conferenza stampa del Consiglio federale

Il Governo presenta i nuovi provvedimenti contro la pandemia di coronavirus

13.01.2021 ore 14:55
Alcuni Stati brasiliani contro il ministro della Salute

Alcuni Governi statali del Brasile hanno definito una “follia” la decisione del ministero della Salute di fare pressing affinché ai pazienti con coronavirus fosse prescritta l’idrossiclorochina, un farmaco che è stato nuovamente difeso dal presidente della Repubblica, Jair Bolsonaro. Il ministro della Salute, Eduardo Pazuello, la scorsa settimana ha inviato una circolare raccomandando la prescrizione di idrossiclorochina ai pazienti con Covid ricoverati a Manaus, capitale dello Stato di Amazonas, il cui sistema sanitario è collassato per l’aumento dei casi legati alla pandemia.

13.01.2021 ore 14:45
Da domani, giovedì vaccinazioni per gli over 80

Da domani, giovedì, in Ticino sarà aperta la possibilità di vaccinarsi alla popolazione dagli 80 anni in su (classe 1940 e precedenti). La disponibilità di vaccino per le prossime settimane consente al Cantone di procedere con il prossimo gruppo target, che secondo la pianificazione annunciata prevede di coinvolgere la popolazione ‘over 80’. La campagna di vaccinazione in Ticino iniziata il 4 gennaio nelle case per anziani è entrata nel vivo ieri con l’apertura del primo centro di vaccinazione a Rivera. Come noto, a questo centro dal 25 gennaio si affiancheranno quelli di Ascona e Tesserete.

Fino a oggi gli appuntamenti per questi tre centri sono riservati alla popolazione residente con 85 e più anni. Ora, quindi, gli appuntamenti potranno essere destinati anche alle persone con 80 o più anni. Ai loro coniugi o partner registrato con 75 o più anni, o più in generale alle persone residenti nella stessa economia domestica sempre over 75, viene pure estesa la possibilità di vaccinarsi.

13.01.2021 ore 14:39
CF: costi vaccinazione, accordo con casse malattia

Il Consiglio federale ha approvato mercoledì la convenzione tariffale con le casse malattia riguardante i costi del vaccino contro il coronavirus, con entrata in vigore retroattiva al 1° gennaio 2021. I costi previsti per quest’anno sono stimati in 201 milioni di franchi. Le spese eccedenti verranno prese a carico della Confederazione. La convenzione, precisa una nota governativa, stabilisce un importo forfettario di 14,50 franchi per le prestazioni legate a ciascuna vaccinazione e un importo di cinque franchi per dose di vaccino, che comprende anche il materiale di vaccinazione.

13.01.2021 ore 13:56
Niente gare neppure a Kitzbühel

Slalom del weekend da Kitzbühel a Flachau

Le gare veloci sulla Streif restano però al loro posto nel calendario maschile

13.01.2021 ore 13:43
Irlanda in allarme per i contagi

È allarme per il record di contagi da coronavirus nella Repubblica d’Irlanda, il cui Governo - come annunciato in queste ore dal premier Micheal Martin - ha deciso l’introduzione del tampone obbligatorio per tutti i viaggiatori in arrivo, sul modello da quanto predisposto nel vicino Regno Unito dalla compagine di Boris Johnson. Toccata dalla cosiddetta variante inglese del coronavirus, più contagiosa, e in generale da un nuovo boom di casi, l’isola verde è passata da una situazione apparentemente virtuosa di controllo della pandemia sbandierata sino a fine dicembre, al picco mondiale di contagi in rapporto alla popolazione (5 milioni di persone) in appena un paio di settimane. Secondo stime validate dall’università di Oxford, il Paese ha raggiunto martedì - con 1288 nuovi casi censiti per milione di abitanti - il primo posto in questa poco invidiabile classifica nell’intero pianeta, davanti ad altri due Stati dell’UE: Repubblica Ceca e Slovenia.

13.01.2021 ore 13:41
In Svizzera 58 decessi e 3'001 infezioni

I dati diffusi oggi, mercoledì, dall’Ufficio federale della sanità pubblica, registrano ulteriori 58 decessi dovuti alla pandemia di coronavirus, ciò che potra il totale dei morti in svizzera e nel Principato del Liechtenstein a 7’851. Per quanto riguarda i contagi vengono segnalati, nelle ultime 24 ore 3’001 infezioni in più per un totale da inizio pandemia di 490’358 casi. A livello di ospedalizzazione vengono segnalati 147 ulteriori ricoveri. Ad oggi sono poste in isolamento 25’052 persone e in quarantena 34’723 a cui si aggiungono 5’804 casi di quaratena per persone rientrate in Svizzera da Paesi ad alto rischio.

13.01.2021 ore 13:17
Svizzera: un lockdown "molto efficace"

Il lockdown del 2020, ha prodotto dei benefici dal punto di vista sanitario, ma non solo. Secondo uno studio realizzato dall’Università della Svizzera italiana vi sono stati anche effetti positivi anche dal punto di vista economico.

Lockdown "molto efficace"

Uno studio dell'Università della Svizzera italiana ha analizzato gli effetti economici del confinamento della scorsa primavera

13.01.2021 ore 12:56
USA, tamponi per chi proviene dall'estero

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sttaunitensi hanno deciso di richiedere il tampone negativo al coronavirus a tutti i passeggeri dei voli che entreranno negli Stati Uniti. Il test dovrà essere fatto prima e dopo il volo. La decisione diventerà effettiva dal 26 gennaio prossimo. In particolare il tampone andrà fatto entro tre giorni prima della partenza (il passeggero dovrà presentare documentazione scritta dell’esame) e poi ripetuto tre-cinque giorni dopo l’arrivo. Le compagnie aeree dovranno confermare il risultato negativo al coronavirus per tutti i loro passeggeri prima dell’imbarco. Se un passeggero non dovesse presentare documentazione del test negativo o guarigione o non volesse fare il tampone, la compagnia aerea dovrà negargli l’imbarco. A questa misura andranno aggiunti sette giorni di isolamento a casa dopo il volo.

13.01.2021 ore 12:28
Sviluppati nanoanticorpi che bloccano il virus

Speranze per una nuova possibile terapia anti-Covid-19: si tratta di nuovi nanoanticorpi, sviluppati lavorando su lama e alpaca, che impediscono l’ingresso del virus nelle cellule e sembrano funzionare anche se subisce delle mutazioni. A metterli a punto, sono stati i ricercatori svedesi dell’Istituto Karolinska, insieme a quelli dell’università di Bonn e dello Scripps Research Institute della California, come spiegano sulla prestigiosa rivista Science. A breve un’azienda spin off dell’università di Bonn testerà i nanoanticorpi in una sperimentazione clinica sull’uomo.

13.01.2021 ore 12:27
Israele, calo contagi con prima dose vaccino

Risultati di una ricerca che inducono ad un primo ottimismo sono stati raggiunti in Israele dopo la somministrazione di massa della prima dose del vaccino di Pfizer-BioNTech. Lo riferisce il quotidiano Yediot Ahronot che descrive una ricerca condotta dalla cassa mutua Clalit - la principale del Paese - su 200’000 persone di oltre 60 anni che hanno ricevuto la prima dose. Messi a confronto con altre 200’000 persone che non sono state vaccinate, in un periodo iniziale di dodici giorni i due gruppi hanno mostrato le stesse caratteristiche. Ma dal tredicesimo giorno in poi fra i vaccinati il numero di contagiati da coronavirus è calato del 33% rispetto al gruppo opposto. La prima dose della vaccinazione sembra dunque ridurre in modo tangibile il rischio di contagio fra gli ultra sessantenni. Si tratta tuttavia, avverte il giornale, di dati preliminari.

13.01.2021 ore 12:14
Camper, boom di immatricolazioni

I viaggi in camper non hanno mai riscosso così tanto successo come ora, in tempo di pandemia. Lo scorso anno è stata raggiunta la cifra record di 6’005 nuove immatricolazioni di veicoli di questo tipo in Svizzera e nel Liechtenstein.

13.01.2021 ore 11:53
Vaccinazioni, Indonesia in controtendenza

Nel suo programma di vaccinazione, iniziato oggi, mercoledì, l’Indonesia ha deciso di seguire una strada diversa dagli altri: invece di vaccinare prima gli anziani, inizierà dai lavoratori di età compresa tra i 18 e i 59 anni, partendo dagli operatori sanitari e poi dai funzionari pubblici. Il motivo di questa scelta lo spiega alla BBC il professor Amin Soebandrio, consulente del Governo: “Stiamo prendendo di mira coloro che potrebbero diffondere il virus”. Un approccio che a suo parere darà al Paese migliori possibilità di ottenere l’immunità di gregge.

L'Indonesia vaccina prima i giovani

Amin Soebandrio, il consulente del Governo, spiega la strategia: "Stiamo prendendo di mira coloro che potrebbero diffondere il virus"

13.01.2021 ore 11:37
Italia, verso proroga stato d'mergenza

Dovrebbe svolgersi mercoledì in serata, stando alle indiscsrezioni raccolte dall’agenzia di stampa ANSA da fonti vicine al Governo italiano, il Consiglio dei ministri per la proroga dello stato d’emergenza e il nuovo decreto legge sul Covid. Tra le ipotesi ventialate nelle scorse ore all’orizzonte vi sarebbe un’ulteriore proroga dello stato di emergenza fino a fine luglio, caldeggiata dal Comitato scientifico di esperti. Più verosimilmente il Governo sarebbe orientato a prolungare lo stato di emrgenza fino a fine aprile. Nel nuovo DCPM, sempre secondo l’ANSA, verrebbero adottati alcuni automatismi per il passaggio delle regione tra la zona rossa, quella arancione e quella gialla e verrebbero mantenute le attuali restrizioni per quando riguarda le attività del tempo libero, quelle culturali e musicali e quelle legate alla ristorazione. Il Governo Conte dovrebbe pronunciarsi anche sull’eventuale riapertura delle stazioni sciistiche.

13.01.2021 ore 11:27
Italia, oltre 800'000 vaccinati

Sono 800.730 gli italiani finora vaccinati contro il Covid, secondo l’ultimo aggiornamento fornito mercoledì dal commissario per l’emergenza. Negli ultimi due giorni sono state consegnate altre 488.475 dosi di vaccino, e così il totale di quelle disponibili dall’inizio della campagna sale a 1.406.925, il 55,5% delle quali è già stata iniettata, la gran parte a operatori sanitari e sociosanitari (625.861). La Campania al momento ha il più alto tasso di vaccini somministrati (77,7%), mentre la Lombardia è l’unica Regione a superare quota 100’000 dosi inoculate (101.358 su 234.645 ricevute).

13.01.2021 ore 11:15
Moto e scooter a gonfie vele

Complice la pandemia, si è assistito a un forte incremento lo scorso anno delle vendite di veicoli a motore a due ruote in Svizzera, tanto che è stato sfiorato il record stabilito nel 2000. Complessivamente sono stati venduti 49’783 veicoli, con un incremento del 17,3% rispetto all’anno precedente. Più in dettaglio, le vendite di motociclette sono aumentate del 21,6%, a 29’450 unità - nuovo record dopo quello del 2015 - mentre quelle di scooter sono cresciute dell’11,2% a 18’129 unità, indica in una nota Motosuisse, associazione che raggruppa gli importatori. La perdite causate dalla chiusura dei negozi in marzo e aprile era già stata compensata a fine giugno, e il record di vendite di moto del 2015 (27’306) è stato superato in ottobre, precisa Motosuisse.

13.01.2021 ore 11:13
Vaccino russo, prima fase per l'uso nell'UE

La “prima fase” per ottenere l’autorizzazione all’uso del vaccino Sputnik V nell’Unione Europea sarà conclusa il 19 gennaio. Lo ha dichiarato l’amministratore delegato del Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF) Kirill Dmitriev, citato dalla TASS. Per quella data dovrebbe infatti arrivare il termine della revisione scientifica.

13.01.2021 ore 11:04
Parziale chiusura del Parlamento danese

Il parlamento danese è intenzionato a limitare le attività per un mese per combattere la diffusione della pandemia di coronavirus. Saranno anche procrastinati anche alcuni dibattiti di carattere finanziario.

13.01.2021 ore 10:46
Perdite da riportare

Vista la difficile situazione economica attuale causata dalla pandemia, le aziende dovrebbero poter riportare fiscalmente le perdite durante 10 anni al posto degli attuali sette. È quanto propone una mozione adottata mercoledì dalla Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale (CET-N) per 15 voti a 8 e 2 astensioni. La possibilità di prolungare la compensazione delle perdite, precisa un comunicato dei Servizi del parlamento, può aiutare a far ripartire le attività produttive di molte aziende che finora non hanno sollecitato crediti Covid garantiti da fideiussioni e neppure rientrano fra i casi di rigore.

13.01.2021 ore 10:19
Zurigo, partono le vaccinazioni negli studi medici

Dopo l’omologazione del vaccino anti-Covid di Moderna, nel canton Zurigo partiranno settimana prossima le vaccinazioni in 165 studi medici. Gli over 75 e le categorie a rischio dovranno comunque armarsi di pazienza. Spetterà infatti ai singoli medici decidere a quali pazienti dare la priorità. Il Dipartimento zurighese della sanità ha confermato mercoledì un articolo della “NZZ”, secondo il quale il cantone riceverà in un primo tempo 33’500 dosi del vaccino di Moderna. Ognuno dei 165 studi medici prescelti avrà la possibilità di ordinare dalla farmacia cantonale 100 dosi del preparato di Moderna, che a differenza del vaccino di Pfizer/Biontech può essere conservato in un normale frigorifero. Queste quantità non basteranno certamente a trattare tutti i pazienti considerati a rischio. Per evitare intoppi, il presidente dell’Ordine dei medici del cantone invita peraltro gli over 75 interessati a farsi vaccinare a non telefonare al medico di famiglia. Meglio scrivere una e-mail e consultare il sito dello studio medico. Altri 250 studi medici dovrebbero ricevere 100 dosi del vaccino nel mese di febbraio.

13.01.2021 ore 10:11
In Ticino 4 decessi e 154 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore il Ticino sono stati registrati altri 4 decessi. In totale da inizio pandemia le persone morte a causa del virus sono 860. Vengono pure segnalati 154 nuovi contagi da Covid-19 per un totale di 25’658 infezioni. Attualmente nei nosocomi ticinesi sono ricoverate 314 persone, compresi i 6 nuovi ricoveri odierni (a fronte di 24 pazienti dimessi). 52 persone sono attualmente ricoverate in cure intense. Il dato di lunedì riferisce che in Ticino vi sono 1’223 persone in isolamento e 1’871 in quarantena.

13.01.2021 ore 10:02
Obbligo di registrazione per i viaggi in Austria

Scatta venerdì l’obbligo di registrazione elettronica per l’ingresso in Austria. Vanno indicati tramite un modulo online nome, data di nascita, e-mail, indirizzo di soggiorno, data di ingresso, eventuale data di partenza e i Paesi visitati negli ultimi dieci giorni. I dati vengono conservati per 28 giorni per poi essere cancellati. L’obbligo di registrazione vale per tutte le persone che entrano in Austria, ad eccezione di pendolari, dei viaggiatori in transito per raggiungere un altro Paese e per urgenze in ambito familiare, come per esempio funerali. Resta in vigore la quarantena obbligatoria di dieci giorni, che può essere accorciata a cinque giorni con un tampone negativo.

13.01.2021 ore 09:26
Molti casi in Ucraina

In Ucraina nelle ultime 24 ore sono stati registrati 6.409 nuovi casi di Covid-19 e 195 decessi provocati dalla malattia: lo ha annunciato il ministro della Salute, Maksim Stepanov. Le zone col maggior numero di nuovi contagi sono Kiev, con 906 casi nel corso dell’ultima giornata, la regione di Zaporizhia con 529, la regione di Kharkiv con 521 e la regione di Odessa con 513. In totale, dall’inizio dell’epidemia, in Ucraina sono stati accertati 1.130.839 casi di Covid e 20.214 persone sono morte a causa del morbo.

13.01.2021 ore 09:21
Record di casi in Russia

Le autorità sanitarie russe hanno comunicato di aver registrato, nelle ultime 24 ore, 22’850 nuovi casi di contagio dovuti al Covid-19. In totale, nel Paese, finora ci sono state 3’471’053 di infezioni. Nel medesimo lasso di tempo si sono registrati ulteriori 566 decessi, per un totale di 63’370 morti da inizio pandemia.

13.01.2021 ore 09:12
Rivera: io porto papà a farsi vaccinare...

Fabrizio Chiappini ha accompagnato il padre Fernando a Rivera per il vaccino contro il Covid: la sua toccante testimonianza

Porto papà a farsi vaccinare

Fabrizio Chiappini ha accompagnato il padre Fernando a Rivera per il vaccino contro il Covid: la sua toccante testimonianza

13.01.2021 ore 09:06
Città cinese in lockdown

La provincia settentrionale cinese di Heilongjiang, che conta oltre 37 milioni di abitanti, ha decretato lo “stato di emergenza” negli sforzi per stroncare un focolaio di Covid-19, chiedendo di non lasciare i propri territori se non strettamente necessario, e di annullare conferenze e raduni, mentre la città di Suihua, che conta 5,2 milioni di abitanti, è entrata in lockdown.

13.01.2021 ore 08:49
AstraZeneca "insufficiente per immunità gregge"

Il Governo australiano dovrebbe immediatamente mettere in pausa la somministrazione del vaccino di AstraZeneca, nel programma nazionale di immunizzazione che inizia in febbraio, perché può non essere sufficientemente efficace per generare l’immunità di gregge. È quanto sostiene l’autorevole Australian and New Zealand Society for Immunology, osservando che la fase 3 del vaccino, che è il fulcro della strategia di vaccinazione in Australia, mostra un’efficacia di solo il 62% quando somministrato nella dose raccomandata. Le sperimentazioni dei vaccini di Pfizer-BioNTech e Moderna hanno invece un’efficacia fino al 95%.

Il presidente dell’organizzazione Stephen Turner - riporta mercoledì il Sydney Morning Herald - sostiene che in base alle evidenze delle correnti sperimentazioni, il vaccino di AstraZeneca non dovrebbe essere somministrato su larga scala. “Dati i fantastici vaccini disponibili, credo sarebbe saggio non affidarsi al vaccino AstraZeneca per controllare il virus in Australia. Potrebbe però essere usato per alleviare l’effetto del Covid, finché non saranno dispiegati quegli altri vaccini”.

13.01.2021 ore 08:47
Giappone, si ampliano le zone in stato d'emergenza

Il Governo giapponese si appresta ad annunciare un’espansione dello stato di emergenza per altre sette prefetture dell’arcipelago, estendendo la misura attualmente in vigore a Tokyo e tre prefetture adiacenti a causa della diffusione sempre più allarmante dei casi di coronavirus.

13.01.2021 ore 08:46
Farmaco Roche negli USA

Roche, attraverso il suo partner Regeneron, ha confermato mercoledì che il Governo degli Stati Uniti ha effettuato un ordinazione aggiuntiva di 1,25 milioni di dosi di casirivimab e imdevimab, un cocktail di anticorpi usato per il trattamento dei pazienti affetti da Covid-19. La portata finanziaria dell’operazione non è stata resa nota. I preparati sono stati autorizzati in novembre negli USA dalla Food and Drug Administration (FDA) nel quadro di una procedura d’emergenza per i pazienti affetti da Covid-19 ad alto rischio appena diagnosticati ma non ricoverati in ospedale, indica l’azienda basilese in una nota.

13.01.2021 ore 07:30
Nuova impennata dei casi in Cina

La Cina ha registrato martedì una nuova impennata di casi di Covid-19, saliti a 115 dai 55 di lunedì, di cui 107 trasmessi a livello domestico e 8 importati. I dati aggiornati della Commissione sanitaria nazionale hanno confermato che la provincia di Hebei resta il focolaio più grave con 90 contagi, mentre 16 sono stati rilevati in Heilongjiang e uno nello Shanxi. Un caso sospetto è stato segnalato a Shanghai.

Nel conteggio a martedì, i casi importati hanno toccato quota 4.451, di cui 4.165 risoltisi con la guarigione e 286 ancora in fase di trattamento ospedaliero. I contagi di Covid confermati sono invece saliti a 87.706, di cui 784 ancora in cura e 21 in gravi condizioni. I decessi sono rimasti fermi a quota 4.634. Gli asintomatici di martedì sono stati 38, di cui 3 importati, per totali 556 persone sotto osservazione.

13.01.2021 ore 07:26
Alla Camera solo con la mascherina

Via libera della Camera dei deputati statunitense alla risoluzione che prevede multe per i deputati e per chi non indossa la mascherina in aula. Per la prima violazione è prevista una sanzione da 500 dollari, e per la seconda da 2.500 dollari.

13.01.2021 ore 07:24
Nei Grigioni nessun decesso e 52 casi in più

Nelle ultime 24 nel canton Grigioni sono stati regestrati 52 casi di contagi supplementari. Non viene invece segnalato nessun nuovo decesso, per cui il totale dei morti dovuti al Covid-19, da inizio pandemia, rimane a quaota 152. In totale i casi di malattia registrati nel cantone sono ad oggi 8’981 mentre le persone ospedalizzate risultano essere 48 (+3 rispetto al giorno precedente). Di queste 42 sono curate in reparto mentre 6 sono in terapia intensiva sottoposte a ventilazione. Attualmente nei Grigioni 621 persone sono osttoposte a quarantena mentre 551 sono in isolamento.

13.01.2021 ore 07:16
Quasi 20'000 nuovi casi in Germania

In Germania sono stati registrati nelle ultime 24 ore 19’600 nuovi casi d’infezione da coronavirus. Sale così a 1’953’426 il numero complessivo dei contagi registrati nel Paese dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Gli ultimi dati diffusi dal Robert Koch Institut indicano anche 1’060 nuovi decessi. Il bilancio delle vittime della pandemia si attesta ora a 42’637 morti.