Iniziate le operazioni di spoglio dei voti
Iniziate le operazioni di spoglio dei voti archivio keystone
Momenti chiave
09.02.2020 ore 16:35
09.02.2020 ore 16:17
09.02.2020 ore 15:39
09.02.2020 ore 14:45
09.02.2020 ore 14:21
09.02.2020 ore 14:08
09.02.2020 ore 13:57
09.02.2020 ore 13:47
09.02.2020 ore 13:41
09.02.2020 ore 13:24
09.02.2020 ore 13:17
09.02.2020 ore 12:52
09.02.2020 ore 12:36
09.02.2020 ore 12:03

Parlano le urne

I risultati delle votazioni popolari, le proiezioni, con gli aggiornamenti in tempo reale di RSInews
domenica 09 febbraio 2020 11:47

Les jeux sont faits. Chiusi alle 12.00 gli uffici elettorali in tutta la Svizzera, l'attenzione si focalizza ora su proiezioni e risultati in tempo reale di questa prima tornata dell'anno di votazioni popolari. Due, ricordiamo, gli oggetti di natura federale su cui il popolo era chiamato a esprimersi: la revisione costituzionale legata all'iniziativa sulle abitazioni e il referendum sull'estensione della norma penale antirazzismo agli atti di omofobia.

Ma contestualmente alle votazioni federali, se ne sono svolte diverse altre di valenza cantonale. Tredici i cantoni interessati, fra i quali il Ticino (iniziativa sulla legittima difesa e introduzione nella Costituzione cantonale del principio di sussidiarietà) e i Grigioni (credito destinato al rinnovo del centro Plantahof di competenze agricole a Landquart).

Spazio anche ad alcune elezioni suppletive: nei cantoni Vaud e Giura, dove si è votato per seggi rimasti vacanti nei rispettivi Esecutivi.

RSInews vi fornirà, attraverso il suo liveticker, uno strumento volto ad aggiornarvi con puntualità su proiezioni, risultati e reazioni.

ARi/mpe

09.02.2020 ore 16:35
Coira-Haldenstein: è fusione

Dopo l’odierno “sì” di Coira (80% dei votanti) la fusione della capitale grigionese con il comune di Haldenstein è cosa fatta: l’esame e il voto del Gran consiglio sono una mera formalità. A favore del matrimonio che gli abitanti di Haldenstein avevano approvato in novembre con soli due voti di scarto, ci sono i grandi vantaggi e risparmi sui quali il piccolo comune della cintura cittadina potrà contare nell’ambito dell’istruzione primaria e dei trasporti pubblici. Contro, le solite questioni legate all’identità che anche in occasione della fusione con Maladers, effettiva dall’inizio di quest’anno, avevano spinto 20 votanti sui poco più di 200 del piccolo comune sulla via di Arosa, a votare contro.

09.02.2020 ore 16:21
Suppletive nel Giura per il Governo, si va al secondo turno

Bisognerà attendere il ballottaggio del 1° marzo per conoscere il nome del vincitore dell’elezione suppletiva del governo giurassiano. Dopo il primo turno odierno, la socialista Rosalie Beuret Siess è in testa, con 820 voti di vantaggio sulla PPD Anne Seydoux-Christe, reduce da dodici anni a Berna in Consiglio degli Stati. L’affluenza ha toccato il 37,8%.

09.02.2020 ore 16:20
Zurigo, giro di vite su Uber e "no" a progetto per nuovo tunnel

Uber sarà sottoposta a un regime più rigido a Zurigo, dove il popolo ha approvato con il 51,6% dei suffragi domenica una modifica di legge che impone agli autisti dell’app statunitense di registrarsi e di identificare i rispettivi veicoli con una placchetta. Respinto invece dal 61,5% degli aventi diritto il progetto da 1,1 miliardi di franchi per la costruzione di un tunnel di 2,3 chilometri per alleggerire dal traffico gli abitanti della Rosengartenstrasse. Per gli oppositori, avrebbe generato ulteriore traffico in città.


09.02.2020 ore 16:17
Risultati definitivi nazionali

L’iniziativa popolare del 2106 “più abitazioni a prezzi accessibili” è stata respinta sul piano federale dal 57, 05 % dei votanti ( 1’280’148), mentre 963’610 l’anno accolta. Favorevoli solo i cantoni GE, VD, NE e BS. Mentre la modifica del codice penale contro la discriminazione e l’incitamento all’odio basati sull’orientamento sessuale è stata accolta dal 63,8 % dei votanti (1’413’609), contrari 827’361. Negativamente si sono espressi solo tre cantoni UR, SZ e AI.

09.02.2020 ore 16:00
Suppletive Vaud: si impone la candidata del PLR

La liberale-radicale Christelle Luisier si è imposta subito al primo turno nelle suppletive vodesi indette per il seggio lasciato vacante nel Consiglio di Stato dalla collega di partito Jacqueline De Quattro, ora consigliera nazionale. La candidata del PLR ha prevalso con quasi il 56% delle preferenze davanti alla militante ambientalista Juliette Vernir, all’indipendente Toto Morand e Jean-Marc Vandel, esponente del Partito pirata.

09.02.2020 ore 15:48
Canton Berna, luce verde ad area per nomadi

Si farà l’area di transito per nomadi stranieri prevista sull’A1 a un chilometro da Wileroltigen, località situata tra Berna e Morat. I cittadini bernesi hanno infatti approvato oggi il progetto con il 53,5% di voti a favore. La partecipazione alle urne è stata di poco superiore al 40%.

09.02.2020 ore 15:44
Basilea Città contro le auto inquinanti

Dal 2050 in avanti solo le auto meno inquinanti e il traffico in car-sharing saranno ancora permessi sulle strade di Basilea Città (le autostrade non sono invece interessate dalla misura). Domenica i cittadini del Cantone hanno infatti accettato una controproposta a un’iniziativa a favore dell’automobile, respinta dal 65,2% dei votanti.


09.02.2020 ore 15:39
Turgovia per la riforma fiscale

Accolta dal canton Turgovia l’applicazione cantonale della legge federale che riduce l’imposizione per le imprese dal 16,4 al 13,4%:ad accettarla è stato infatti il 62,7% dei votanti. La riform è corredata da misure di compensazione per famiglie con figli a carico.

09.02.2020 ore 15:36
Clavaleyres verso il passaggio dal canton Berna al canton Friborgo

Luce verde al passaggio della località di Clavaleyres dal canton Berna al canton Friborgo. Il cambio di appartenenza cantonale è stato infatti approvato in entrambi i cantoni: al 96,2% dai votanti friburghesi, all’89% da quelli bernesi. La piccola località, che attualmente è una exclave bernese fra il canton Vaud e il canton Friborgo, potrà così aggregarsi al comune friburghese di Morat. L’ultima parola spetterà tuttavia al Parlamento federale.

09.02.2020 ore 15:31
Brutta notizia per le libere uscite

Gli aventi diritto di Coira hanno approvato il principio di un trasferimento al Rossboden (in periferia) della caserma. Edificati nel diciannovesimo secolo gli edifici della vecchia piazza d’armi sorgono su un’area di 85 mila metri quadrati e interessano alla città, che vuole sostituirli con nuove abitazioni e spazi artigianali. Unica nota nota negativa di uno spostamento che avrà ricadute positive anche dal punto di vista ambientale è il percorso da compiere, a piedi, per i soldati in libera uscita. Oggi gli accantonamenti della truppa distano poche centinaia di metri dal centro, mentre la zona del Rossboden, in linea d’aria, è a 2,3 chilometri dalla città vecchia.

09.02.2020 ore 15:26
Ginevra, "no" a costruzione di alloggi a Cointrin

I ginevrini non intendono aumentare la densità degli alloggi. Il declassamento di due zone per assicurare uno sviluppo residenziale a Cointrin è stato infatti respinto oggi in votazione cantonale.. Bocciati i due progetti in questione con oltre il 55% di “no”. Il tasso di partecipazione è stato del 43,12%.. Il declassamento era funzionale alla edificazione di 2’300 alloggi entro il 2050.

09.02.2020 ore 14:45
Landquart: Föhn rieletto sindaco

Il sindaco uscente di Landquart Sepp Föhn è stato rieletto alla carica di capo dell’esecutivo comunale. Candidato unico, il granconsigliere del PPD non è stato propriamente plebiscitato dal terzo degli aventi diritto recatisi alle urne. Anzi, ben 408 delle quasi 1’800 schede depositate nelle urne sono risultate bianche. “Non la recepisco come una critica, ha dichiarato Föhn ai microfoni di Radio SO, ma come il risultato di una campagna elettorale che in assenza di avversari non offre molte possibilità di presentarsi all’elettorato.

09.02.2020 ore 14:21
Davos "antistraniero"

La maggioranza dei votanti del comune di Davos si è rifiutata di concedere il diritto di voto agli stranieri residenti da almeno cinque anni nel comune. La proposta, accettata in dicembre dal Municipio e dal parlamento comunali, è stata respinta da 1’722 votanti contro 1’089. Nei Grigioni restano così in 29 - su 105 - i comuni che concedono il diritto di voto agli stranieri. Il primo nel 2002 fu Contern, nella Prettigovia.

09.02.2020 ore 14:08
TI: in tre contro il divieto

Sono solo tre i comuni ticinesi che si sono espressi contro il divieto della discriminazione basata sull’orientamento sessuale (approvato dal 66,8% dei votanti in tutto il cantone): Frasco col 53,1%, Muralto col 54,4% e Vernate col 44,4%.

09.02.2020 ore 14:06
L'iniziativa ha fatto breccia in due cantoni

Giura e Neuchâtel si sono schierati a favore dell’iniziativa per “Più abitazioni a prezzi accessibili”. L’evoluzione dei risultati anche in altri cantoni romandi fa peraltro prefigurare, almeno parzialmente, una sorta di Roestigraben rispetto alla Svizzera tedesca.

09.02.2020 ore 14:01
Tre cantoni contro la norma antiomofobia

Uri, Svitto e Appenzello interno, a scrutinii completati, si sono schierati contro l’estensione della norma penale antirazzismo agli atti di omofobia.

09.02.2020 ore 13:57
TI: Legittima difesa, è ricorso

Il promotore dell’iniziativa popolare sulla legittima difesa, respinta dal popolo ticinese col 50,3 per cento dei voti, inoltrerà ricorso al Tribunale federale. La decisione, annunciata da Giorgio Ghiringhelli al microfono della RSI, è “giustificata dal libretto delle informazioni che, essendo stato fatto male, ha influenzato l’esito della votazione”.

09.02.2020 ore 13:56
Oggetti federali: un "no" e un "sì" anche in Ticino

A scrutinio terminato, anche il Ticino si aggrega all’orientamento largamente dominante nei cantoni sui due oggetti federali: “no” con il 55,4% all’iniziativa sulle abitazioni, “sì” con quasi il 67% di voti al divieto di discriminazione basata sull’orientamento sessuale.

09.02.2020 ore 13:49
Neuchâtel: "no" al voto già a partire dai 16 anni

I 16enni del canton Neuchâtel non avranno diritto di voto. I cittadini hanno rifiutato oggi con il 58,52% di “no” l’abbassamento della maggiore età civica, in materia cantonale, che sarebbe stato una prima assoluta in Romandia. Nella Svizzera tedesca tale diritto è invece già riconosciuto a Glarona, cantone che lo introdusse nel 2007. Il tasso di partecipazione da parte della popolazione neocastellana ha raggiunto il 35,22%.

09.02.2020 ore 13:47
TI: sussidiarietà approvata

Il popolo ticinese ha approvato col 53,1 % dei consensi l’introduzione nella costituzione del “Principio della sussidiarietà”. L’unico comune nel quale si è verificata una situazione di parità è quello di Airolo. Dal ponte-diga in giù la cartina pubblicata sul sito del cantone mostra solo il verde.

09.02.2020 ore 13:44
Iniziativa bocciata dalla maggioranza dei cantoni

Archiviata in ogni caso con una bocciatura l’iniziativa per “Più abitazioni a prezzi accessibili”. La maggioranza dei cantoni si è pronunciata infatti già contro: più precisamente, finora, Lucerna, Uri, Svitto, Nidvaldo, Glarona, Zugo, Friborgo, Soletta, Sciaffusa, Appenzello esterno, San Gallo, Argovia, Turgovia e i Grigioni. Essendo una proposta di modifica costituzionale, era richiesto un doppio sì fra popolo e maggioranza dei cantoni. Anche sul piano dei voti, tuttavia, il divario appare netto: al momento più di 540’000 “no” a fronte di quasi 319’000 “sì”.

09.02.2020 ore 13:41
TI: legittima difesa bocciata

TI: bocciata la “legittima difesa”

TI: con 427 voti di differenza a favore del NO, l'iniziativa popolare "Le vittime di aggressioni non devono pagare i costi di una legittima difesa" è stata bocciata dal 50,3 % dei partecipanti al voto.
09.02.2020 ore 13:32
Trasparenza nel finanziamento ai partiti: Sciaffusa dice "sì"

Gli sciaffusani hanno accettato con il 53,8% di voti a favore un’iniziativa volta a instaurare trasparenza nell’ambito del finanziamento dei partiti. Il testo, promosso dai Giovani socialisti, impone ai partiti la pubblicazione dei budget relativi alle campagne in vista di elezioni e votazioni. Obbligatoria anche la presentazione dei nominativi di persone fisiche e società che versano ai partiti più di 3’000 franchi l’anno.

09.02.2020 ore 13:26
Argovia: "sì" ad un inasprimento in materia di naturalizzazione

Via libera nel canton Argovia a norme più rigide per le naturalizzazioni. Le modifiche di legge approvate dal Parlamento cantonale sono state infatti accolte con il 64,8% di voti favorevoli. Il nuovo quadro legislativo impone in particolare agli ex beneficiari di aiuto sociale un periodo di attesa di 10 anni, dall’ultimo aiuto erogato dallo Stato, prima di poter presentare domanda di naturalizazzione.

09.02.2020 ore 13:24
TI: legittima difesa in svantaggio

Con l’arrivo dei risultati di Bellinzona il conteggio complessivo parziale del primo argomento in votazione cantonale è scivolato per la prima volta a favore del NO che ora raggiunge il 50,4%. Alla fine dello spoglio mancano Lugano, Cugnasco-Gerra e Orselina.

09.02.2020 ore 13:20
Sussidiarietà ad Airolo: né "sì", né "no"

Risultato di perfetta parità ad Airolo sul primo argomento in votazione cantonale: l’introduzione nella costituzione del principio di sussidiarietà. 228 i votanti che si sono espressi in favore, 228 quelli che nell’urna hanno deposto un no”.

09.02.2020 ore 13:17
Un "sì" e un "no" dai Grigioni

Il dato definitivo dai Grigioni indica un “no” all’iniziativa sulle abitazioni e un “sì” alla estensione della norma antirazzismo agli atti di omofobia. Allo stesso modo si sono finora pronunciati anche Lucerna, Nidvaldo, Glarona, Friborgo, Sciaffusa e Argovia. Esito delle urne invece più differenziato nel canton Uri: i votanti hanno infatti respinto l’iniziativa ma anche la revisione del diritto penale sottoposta a referendum

09.02.2020 ore 12:52
GR: "sì" convito per il Plantahof

I votanti del canton Grigioni (partecipazione al voto 34,16%) hanno accolto con l’81,31 % dei consensi ( 37’735 voti) un credito di 24,5 milioni per il rinnovo del Centro convegni del Plantahof di Landquart. Contrario il 18,69 % dei votanti (8’673). Bianche 774, nulle 573. Il “sì” più alto in termini percentuali (96,55%) è stato espresso nel comune di Buseno, mentre a Landquart, sede della rinomata scuola di agricoltura retica, i consensi hanno raggiunto “solo” l’81,27%.

09.02.2020 ore 12:37
Votazioni federali, la prima proiezione SSR

“No” nella misura del 58% all’iniziativa sulle abitazioni. Nell’ordine del 62%, invece, la quota dei votanti favorevoli al divieto di discriminazione basata sull’orientamento sessuale. Ecco gli esiti della prima proiezione di gfs.bern sui due oggetti sottoposti oggi a votazione federale. Il margine di errore statistico, per eccesso o per difetto, è del 3%.

09.02.2020 ore 12:36
TI: due "sì" a bassa voce

Dopo lo spoglio dei risultati di 80 comuni su 115, la modifica della costituzione cantonale che propone l’introduzione del principio di sussidiarietà è approvata solo dal 52,5% dei votanti. Mentre per quanto riguarda l’iniziativa popolare “ Le vittime di aggressioni non devono pagare i costi di una legittima difesa” (81 comuni scrutinati su 115) il “sì” raggiunge solo il 49,3%

09.02.2020 ore 12:23
Dai cantoni conferme alle primissime tendenze

I primissimi dati definitivi sui cantoni sembvrano suffragare le tendenze illustrate poco fa da gfs.bern. L’iniziativa sulle abitazioni è stata bocciata dagli elettori di Argovia, Glarona e Nidvaldo. Entrambi hanno invece approvato il divieto di discriminazione basata sull’orientamento sessuale.

09.02.2020 ore 12:12
Votazioni federali, verso un "no" e un "sì"

Le primissime tendenze elaborate dall’istituto demoscopico gfs.bern fanno preconizzare un “no” all’iniziativa “Per più abitazioni a prezzi accessibili” e un “sì” al divieto di discriminazione basata sull’orientamento sessuale. Fra una mezz’ora circa dovrebbero pervenire le prime proiezioni

09.02.2020 ore 12:03
GR: il Plantahof piace

Nei Grigioni, quando sono stati spogliati i risultati di 104 comuni su 105, il “Rinnovo del centro convegni del Plantahof a Landquart” è stato approvato dall’80,45% per cento dei votanti ( contrari 19,55%). Il “sì” più alto nel Grigioni italiano è quello di Buseno col 96,55% di consensi. Il meno convinto quello di Rossa col 35,29 % di “no”