Giorgio Merlani a 60 minuti
Giorgio Merlani a 60 minuti RSI
Momenti chiave
17.08.2020 ore 23:05
17.08.2020 ore 20:17
17.08.2020 ore 20:03
17.08.2020 ore 18:28
17.08.2020 ore 17:04
17.08.2020 ore 16:25
17.08.2020 ore 16:17
17.08.2020 ore 12:45
17.08.2020 ore 11:36
17.08.2020 ore 09:53
17.08.2020 ore 07:51
17.08.2020 ore 07:25

"Preoccupato e contento"

Merlani a 60 Minuti parla della ripresa dei grandi eventi dal 1° ottobre. L'UFSP reagisce ai recenti errori nella raccolta di dati. In Svizzera 128 nuovi casi. Giro di vite a Ginevra. Riapertura delle scuole in Ticino: a casa anche con un solo sintomo
lunedì 17 agosto 2020 07:18

Alla prospettiva di eventi con più di 1’000 persone Giorgio Merlani è "preoccupato ma anche contento che stiamo discutendo di questa possibilità". Il sistema sta reggendo, ha detto il medico cantonale ticinese a 60 Minuti lunedì sera, ma bisogna vedere fino a che punto possiamo stressarlo.

Medici e ospedali devono intanto preferire in futuro l’invio digitalizzato dei dati dei malati di Covid-19. Lo ha detto il responsabile Sang-Il Kim alla radio SRF. Finora veniva data libertà di scelta, benché un formulario in rete già esista. Come noto si potevano usare le e-mail e persino il fax, ma ci sono stati troppi errori, da ultimo quello che ha portato ad annunciare il decesso di un giovane paziente bernese, in realtà ancora vivo.

La cronaca di domenica

Nelle ultime 24 ore in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein sono state registrate ulteriori 128 infezioni da coronavirus e una ospedalizzazione legata al Covid-19. Il cantone di Ginevra ha introdotto nuove restrizioni riguardanti le manifestazioni e ritrovi pubblici: discoteche chiuse almeno fino al 10 settembre.

A partire dalla riapertura delle scuole, il 31 agosto in Ticino, chiunque avrà tosse, mal di gola, raffreddore, affanno respiratorio o diarrea dovrà restare a casa: in questi giorni il Dipartimento dell'educazione sta informando nel dettaglio le sedi e i docenti in vista dell'inizio delle lezioni il 31 agosto.

I dati sempre aggiornati

di Diego Moles, Alex Ricordi, Enrico Campioni, Marija Milanovic, Joe Pieracci, Stefano Pongan

17.08.2020 ore 23:30
600 morti e quasi 20'000 nuovi contagi in Brasile

Il Brasile questo lunedì ha registrato ulteriori 684 decessi e 19’373 nuovi contagi in 24 ore: lo ha comunicato in serata il Consiglio nazionale dei segretari della sanità. Il numero complessivo dei casi confermati di COVID-19 nel Paese sudamericano è dunque salito a 3’359’570, mentre il totale delle vittime dall’inizio della pandemia ha raggiunto quota 108’536.

17.08.2020 ore 23:05
Riapre il MoMa

Dopo il Metropolitan Museum of Art anche il MoMa, il museo di arte moderna a New York, riapre le sue porte. Il museo tornerà in funzione dal prossimo 27 agosto con ingressi contingentati limitati a cento persone all’ora. Sarà inoltre gratis fino al 27 settembre grazie ad una sponsorizzazione di un marchio di abbagliamento.

17.08.2020 ore 22:42
Ripresa degli eventi, Merlani: "Preoccupato e contento"
60 minuti del 17.08.2020 Giorgio Merlani sulla ripresa dei grandi eventi

Alla prospettiva di eventi con più di 1’000 persone Giorgio Merlani è “preoccupato ma anche contento che stiamo discutendo di questa possibilità. In marzo non avremmo pensato di uscire da un lockdown e ritornare a una seminormalità. Riaffrontare progressivamente questi passi significa che il sistema sanitario sta reggendo e che il contact tracing funziona”, ha detto il medico cantonale ticinese nel corso della puntata di 60 minuti estate di lunedì sera su RSI La2, dedicata proprio al futuro prossimo delle manifestazioni sportive, culturali e non solo. “La domanda che mi pongo”, ha precisato Merlani, “è fino a che punto dobbiamo stressare il sistema, ora che già c’è la ripresa della scuola e la fine delle vacanze, sapendo che l’80% dei contagi registrati in Ticino nell’ultima settimana era legata al rientro da altri paesi, non solo quelli considerati a rischio” .

17.08.2020 ore 21:42
Politici tedeschi si schierano per la app svizzera

Quattro politici cristiano-democratici tedeschi, del Baden-Württemberg da dove 46’000 pendolari vengono ogni giorno in Svizzera, hanno scritto una lettera alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, per chiedere “un interoperabilità fra la app di tracciamento dei contagi elvetica e quelle dei paesi dell’UE”. “Il coronavirus non conosce frontiere”, si legge nel testo, e va combattuto insieme. In un’intervista pubblicata sabato dalla NZZ, l’ambasciatore europeo in Svizzera Michael Matthiessen aveva chiarito che sono motivi politici e non tecnici a impedire la partecipazione della Confederazione al cosiddetto EU-Gateway. Manca la base legale, un accordo nel campo della salute che dipende dal raggiungimento di un accordo quadro.

17.08.2020 ore 21:08
Contact tracing, possibile compromesso

Uno studio del Politecnico di Zurigo ha evidenziato come già cinque giorni prima dei sintomi si possa essere contagiosi. Risalire così indietro nella ricerca dei contatti a rischio avrebbe però un costo

"Il contact tracing esploderebbe"

Prolungare il tempo di tracciamento da 48 ore a 5 giorni non sarebbe efficace secondo l’esperto Didier Trono. Meglio un compromesso

17.08.2020 ore 20:33
Troppi errori nei dati, l'UFSP invita a preferire i formulari digitali

Medici e ospedali devono preferire l’invio digitalizzato dei dati dei malati di COVID-19. Lo ha detto il responsabile Sang-Il Kim alla radio SRF. Finora veniva data libertà di scelta, benché un formulario in rete già esista. Come noto si potevano usare le e-mail e persino il fax. Si accettava, quindi, che le informazioni richieste fossero compilate anche a mano, ma questo ha portato a spiacevoli errori, come la data in un campo errato che ha indotto ad annunciare il decesso di un paziente di meno di 30 anni nel canton Berna, paziente che in realtà per quanto contagiato non presentava sintomi gravi. Ecco quindi ora la raccomandazione di optare per un invio digitale “ogni qual volta è possibile”.

17.08.2020 ore 20:17
Contagio di massa al Mariinsky

Una trentina di ballerini del teatro Mariinsky di San Pietroburgo sono risultati positivi al coronavirus, tre persone sono finite in ospedale e le altre si stanno curando a casa, secondo quanto comunicato dall’agenzia sanitaria locale. Il resto della troupe, che conta circa 300 persone, è confinato a domicilio per precauzione. Una serie di spettacoli è stata annullata e l’edificio è stato sottoposto a disinfezione.

17.08.2020 ore 20:12
Via libera tedesco agli aiuti svizzeri per Swiss

Il Fondo di stabilizzazione economica della Germania ha approvato la soluzione di finanziamento elvetica per la compagnia aerea Swiss e la sua affiliata Edelweiss. In questo modo, esse potranno accedere ad aiuti statali per circa 1,5 miliardi di franchi, indica Swiss in una nota giunta in serata. In questo modo, esse potranno accedere ad aiuti statali per circa 1,5 miliardi di franchi, indica Swiss in una nota giunta in serata. Tale somma rappresenta il fabbisogno di liquidità per le due società duramente toccate dalle conseguenze del coronavirus. Il denaro verrebbe messo a disposizione da un consorzio di banche: la Confederazione, come annunciato in maggio, garantirà l’85% dei mezzi erogati fino a un massimo di 1,275 miliardi (il rischio restante, pari al 15%, è assunto dalle banche). Se il credito non verrà rimborsato scatterebbe la clausola del capitale azionario. Concretamente, quindi, Swiss passerebbe in mano alla Confederazione. La garanzia è prevista negli accordi fra Berna e l’aviolinea.

17.08.2020 ore 20:03
Altri 654 morti negli Stati Uniti

Con 654 decessi supplementari, è salito a 169’350 il numero dei morti per coronavirus negli Stati Uniti. Il CDC, il centro di controllo delle malattie trasmissibili, ha recensito in 24 ore 41’893 nuovi contagi, che portano a 5,382 milioni il totale da inizio pandemia

17.08.2020 ore 18:33
Scuole ticinese: un solo sintomo... e a casa!

Il DECS detta le regole per il ritorno a scuola il prossimo 31 agosto: novità per allievi ed insegnanti.

Un solo sintomo... e a casa!

Il DECS detta le regole per il ritorno a scuola il prossimo 31 agosto: novità per allievi ed insegnanti

17.08.2020 ore 18:31
Fine avventura per CNN Money Switzerland

La crisi causata dal coronavirus ha sancito la fine di CNN Money Switerland, prima emittente di informazione economica in lingua inglese del paese, che staccherà la spina dopo due anni. Il consiglio di amministrazione ha annunciato il fallimento: gli spettatori sono aumentati notevolmente, ma le entrate sono drasticamente diminuite in seguito alla decisione di diversi partner commerciali di disdire i rispettivi contratti.

17.08.2020 ore 18:28
Spagna, 16'000 casi in tre giorni

Il Ministero spagnolo della sanità ha registra 16’269 contagi da COVID-19 dallo scorso venerdì ad oggi, secondo quanto riferito dai media locali, di cui 1’833 nelle ultime 24 ore (ma è risaputo che, non in Spagna, di domenica si effettuano meno tamponi). Aragona, Catalogna e Madrid, con quest’ultima che da sola supera i 6’000 casi, sono le regioni maggiormente colpite.

17.08.2020 ore 18:04
Contagi divisi per sei in Francia rispetto a domenica

Sono solo 493, a fronte dei 3’015 di domenica, i contagi registrati nelle ultime 24 ore in Francia, mentre sono 19 i nuovi decessi che portano il totale da inizio pandemia a 30’429. Per il terzo giorno consecutivo cresce il numero dei ricoverati in ospedale, di 65 unità a 4’925, di cui 384 (+8) in terapia intensiva.

17.08.2020 ore 17:29
Il Brasile produrrà il vaccino russo dal 2021

Il Governo dello Stato di Paranà, nel Brasile meridionale, che ha appena firmato un accordo con la Russia per la produzione del vaccino contro il coronavirus, ha reso noto di ritenere che il farmaco russo verrà prodotto dalla seconda metà del prossimo anno.

17.08.2020 ore 17:21
Meno contagi ma anche meno tamponi in Italia

Sono diminuiti a 320 (-159 rispetto al giorno precedente) i contagi giornalieri annunciati lunedì dalle autorità italiane. Sono però calati anche i tamponi, da 36’000 a 30’000, mentre è costante il numero dei morti, 4. Le regioni maggiormente toccate restano Lazio, Veneto e Lombardia, mentre in Molise e Basilicata non ci sono stati nuovi positivi. I casi totali da inizio pandemia sono ora 254’235 e le vittime 35’400.

17.08.2020 ore 17:04
Contagi in calo in Serbia

In calo i casi di coronavirus in Serbia, dove nelle ultime 24 ore i nuovi contagi sono stati 100 (il dato più basso dal 22 giugno), con tre altri decessi. Domenica il bilancio era stato di 211 casi e 4 morti. La Serbia, come i vicini Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Macedonia del Nord e Kosovo - ma almeno per il momento non la Croazia, è sulla lista dei paesi per i quali vige l’obbligo di quarantena al momento del rientro in Svizzera.

17.08.2020 ore 16:43
Regno Unito torna sotto i 1'000 contagi al giorno

Sono 713 i nuovi contagi annunciati lunedì nel Regno Unito, dopo sei giorni consecutivi sopra quota 1’000. Sono anche stati annunciati tre nuovi decessi.

17.08.2020 ore 16:37
Svizzera: la crisi pesa meno del previsto

La crisi del Covid-19 ha colpito duramente le aziende svizzere, ma finora le conseguenze sembrano essere meno gravi di quanto preventivato dagli analisti.

Stando a una valutazione dell’agenzia AWP, quasi l’80% delle società che hanno presentato i dati semestrali entro venerdì scorso hanno registrato cali del fatturato rispetto allo stesso periodo del 2019.

Tra le poche aziende a trarre beneficio dalla pandemia ci sono quelle farmaceutiche e quelle attive nel settore informatico, come il grossista Also o il produttore di accessori per computer Logitech, che hanno beneficiato del boom del lavoro a domicilio. Anche le società alimentari hanno superato bene la crisi.

In molti altri settori, invece, la pandemia non ha inciso solo sulle vendite, ma anche sui ricavi. Circa la metà di loro ha guadagnato meno, mediamente un terzo di meno. Un’azienda su sei è addirittura scivolata nelle cifre rosse. Tra queste troviamo società attive nel settore dei viaggi come Dufry, nonché le aziende industriali Bobst, Feintool, Tornos e Schmolz+Bickenbach.

17.08.2020 ore 16:35
Casi positivi, chiusi due locali a Andermatt

Quattro casi di contagio - degli otto totali annunciati lunedì da Uri - hanno portato alla chiusura di due esercizi pubblici di Andermatt. Il resto del personale è stato messo in quarantena, una misura che attualmente riguarda 90 persone nel cantone: 60 in seguito a contatti a rischio e 30 perché rientrate da paesi sulla lista di quelli non sicuri.

17.08.2020 ore 16:25
Positivi in carcere a Ginevra

Sei detenuti della prigione di Champ Dollon a Ginevra sono risultati positivi al tampone e posti in isolamento la scorsa settimana. L’informazione, pubblicata da 20 Minutes, è stata confermata dai responsabili cantonali. Uno dei malati lavorava nelle cucine e la conseguente messa in quarantena del resto della squadra ha fatto sì che i pasti vengano ora prodotti dall’ospedale universitario.

17.08.2020 ore 16:17
Malta chiude bar e locali notturni

Il contagio da coronavirus continua a correre a Malta. Dopo i 135 casi emersi tra sabato e domenica, altri 69 positivi sono stati registrati nelle ultime 24 ore. Il Governo, dopo una riunione d’emergenza domenica, lunedì mattina ha varato una lista di provvedimenti: chiusura di bar e locali notturni, obbligo di mascherina in tutti i luoghi pubblici al chiuso, stop ai party in barca, ricevimenti di nozze ammessi solo se i partecipanti sono seduti e mantengono il distanziamento, limitato a 15 il numero di persone che possono fare gruppo.

17.08.2020 ore 13:45
In Svizzera registrati altri 128 contagi in 24 ore

Nelle ultime 24 ore in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein sono state registrate ulteriori 128 infezioni da coronavirus e una ospedalizzazione legata al Covid-19. Il numero dei nuovi casi di positività è leggermente inferiore a quello dei giorni precedenti riguardando gli annunci fatti a Berna da laboratori, medici e ospedali durante la giornata di domenica. Nel corso degli ultimi 7 giorni a livello nazionale sono stati conteggiati 1’485 contagi con una media di oltre 200.

17.08.2020 ore 12:59
La Cina approva il suo primo vaccino

La Cina ha dato la sua prima approvazione a un possibile vaccino contro il Covid-19: è l’Ad5-nCoV, sviluppato da CanSino Biologics con l’Istituto di biotecnologia dell’Accademia delle scienze mediche militari.

Il via libera spiana la strada alla possibile produzione di massa in tempi rapidi nel caso di un ritorno della pandemia, ha spiegato precisato la China National Intellectual Property Administration, citata dal network statale CCTV.

17.08.2020 ore 12:45
Virus: giro di vite a Ginevra

Il cantone ha introdotto nuove restrizioni riguardanti le manifestazioni e ritrovi pubblici – Discoteche chiuse almeno fino al 10 settembre

Giro di vite a Ginevra

Il cantone ha introdotto nuove restrizioni riguardanti le manifestazioni e ritrovi pubblici – Discoteche chiuse almeno fino al 10 settembre

17.08.2020 ore 12:07
Iran, situazione sempre preoccupante

Le infezioni da coronavirus in Iran sono aumentate durante le ultime 24 ore nella misura di 2’247 casi. Sono quindi 165 i nuovi decessi registrati fra ieri e oggi.. Il totale dei contagi nella Repubblica islamica sale così a 345’450, mentre si attesta ora a 19’804 il numero dei decessi nel paese dalll’inizio della crisi sanitaria.

17.08.2020 ore 11:36
Russia, calano i casi di contagio

La Russia ha registrato nelle ultime 24 ore 4’892 nuovi casi di coronavirus e 55 decessi determinati dalla patologia. Ieri i casi d’infezione computati erano 4’969. Per due giorni consecutivi, la crescita giornaliera di nuovi casi si è così attestata ad un nuovo minimo dallo scorso 23 aprile, quando nella Federazione erano stati rilevati 4’774 casi.

17.08.2020 ore 11:27
Cina, grande iniezione di liquidità per fronteggiare la crisi

La Banca centrale cinese (PBOC) ha procedduto oggi ad un’iniezione di liquidità nella misura di quasi 101 miliardi di dollari. La misura si articola in finanziamenti della durata di un anno attraverso le linee di credito a medio termine. Si conferma così la volontà di allentamento monetario da parte dell’istituto centrale, con l’obiettivo di sostenere l’economia dopo i duri colpi inferti dalla crisi del coronavirus.


17.08.2020 ore 10:43
Indonesia e Filippine, contagi e decessi in aumento

Salgono a 141’370, in Indonesia, le infezioni da coronavirus finora accertate. Nelle ultime 24 ore sono stati computati 1’821 contagi supplementari. Gli ultimi dati diffusi dalle autorità di Jakarta fanno inoltre stato di 57 nuovi decessi, che portano così a 6’207 il bilancio delle vittime nel paese. Il numero dei decessi è al momento il più grave nell’ambito del Sud-est asiatico.

Intanto la pandemia continua a espandersi anche nelle Filippine, dove rispetto a ieri si contano 3’314 casi di positività in più. Nello Stato insulare il numero complessivo delle infezioni è ora superiore ai 164’000 casi. Diciotto, infine, i nuovi decessi causati dalla patologia.

17.08.2020 ore 10:27
Italia, quasi zero probabilità di un nuovo lockdown

La probabilità di un nuovo lockdown in Italia è al momento “vicina allo zero”. A sostenerlo è il viceministro della sanità Pierpaolo Sileri, in un’intervista pubblicata stamani da una testata italiana. Rispetto alla scorsa primavera, aggiunge, “siamo al sicuro dai focolai nelle strutture sanitarie, il vero male della prima ondata” della pandemia.

17.08.2020 ore 09:53
Quattro contagi in più in Ticino

Sono 4 i nuovi contagi da coronavirus registrati in Ticino rispetto all’ultimo dato reso noto venerdì scorso. Sale così a 3’470 il numero complessivo delle infezioni finora accertate nel cantone. Sempre invariati i dati relativi ai decessi causati dalla malattia (350) e alle persone dimesse dagli ospedali (924)

17.08.2020 ore 09:48
Corea del sud, contagio di massa dopo raduni in una chiesa

Si registra un caso d’infezione di massa in Corea del sud, dove più di 300 persone legate alla chiesa “Sarang Jeil” di Seul sono ora risultate positive al coronavirus. Ne ha dato notizia lunedì mattina la CNN precisando che le autorità del paese hanno deciso di denunciare il pastore capo della chiesa, per aver ignorato le misure preventive e organizzato comunque dei grandi assembramenti. Oltre 4’000, stando alla polizia, sono le persone che di recente hanno frequentato il luogo di culto. Di queste però 550 non hanno lasciato i propri contatti e 495 non hanno risposto alle chiamate telefoniche.

17.08.2020 ore 09:13
Stato di allerta generale in Libano

Il Libano ha dichiarato lo “stato d’allerta generale” dopo un’impennata di casi di coronavirus. Lo ha detto il ministro della sanità del governo provvisorio, Hamad Hassan, auspicando un lockdown di due settimane. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 439 nuovi casi di Covid-19. “Oggi dichiariamo lo stato d’allerta generale”, ha detto alla radio Voice of Lebanon, “ma abbiamo bisogno di prendere una decisione coraggiosa e chiudere il Paese per due settimane”.

17.08.2020 ore 07:58
Rinviate le elezioni in Nuova Zelanda

Rinvio di 4 settimane, sull’onda dell’emergenza coronavirus, per le elezioni legislative in Nuova Zelanda. Il voto, originariamente in programma per la data del 19 settembre, è stato infatti posticipato al 17 ottobre a causa della fase di ripresa della pandemia nel territorio dello Stato. Lo ha reso noto lunedì mattina la premier Jacinta Andern. La crescita delle infezioni ha in particolare imposto un nuovo lockdown a Auckland, la più grande città del paese.

17.08.2020 ore 07:56
Gli insegnanti romandi: "ricominciamo sereni"

Lunedì le scuole riprendono anche in buona parte della Romandia (a Ginevra e Vaud le ferie finiranno tra una settimana). Mascherina, distanze sociali e gesti di prevenzione da oggi faranno parte della quotidianità di circa 70’000 allievi e dei loro docenti.

A maggio un gran numero di insegnanti aveva contestato la ripresa delle lezioni. La situazione, spiega alla RSI il presidente del sindacato Samuel Rohrbach, nel frattempo è cambiata radicalmente. I cantoni hanno adottato un piano di protezione coordinato che prevede misure incisive a tutela della salute. “Il corpo insegnante è sereno e siamo impazienti di ricominciare a fare il nostro lavoro”., sottolinea.


RG 07.00 del 17.08.20: il servizio di Paola Latorre
17.08.2020 ore 07:51
Caduta storica del PIL in Giappone

Si fa ancora più marcato l’impatto della crisi del coronavirus sull’economia del Giappone. Fra aprile e giugno il PIL nipponico ha subito infatti una contrazione del 7,8% per rapporto al dato del trimestre precedente. Il paese, ormai apertamente in recessione, si sta così allineando alla fase congiunturale depressiva che ha investito tutte le maggiori economie sull’onda dell’emergenza sanitaria globale. In particolare evidenza il crollo dei consumi privati, i quali contribuiscono a oltre la metà del PIL: nel 2° trimestre dell’anno si sono ridotti nella misura dell’8,2%.

17.08.2020 ore 07:34
La pandemia avanza in America Latina

Il coronavirus continua a propagarsi in numerosi paesi dell’America Latina. In Colombia il bilancio delle vittime ha superato i 15’000 morti dopo il computo di altri 287 decessi in un giorno. In Perù, sempre nelle ultime 24 ore, sono stati registrati più di 10’000 nuovi contagi: un altro dato record che porta a quasi 536’000 il numero delle infezioni rilevate nel paese. La situazione permane grave anche in Bolivia, dove fra ieri e oggi sono state superate le soglie delle 100’000 infezioni e dei 4’000 decessi determinati dalla malattia.

17.08.2020 ore 07:27
Nessun ulteriore contagio nei Grigioni

Nelle ultime 24 ore i Grigioni non hanno registrato ulteriori contagi. L’aggiornamento dei dati di lunedì mattina fa stato di 952 infezioni dall’inizio della pandemia con 50 decessi. I casi attualmente attivi sono 12, 2 in meno rispetto a domenica. Tutti i positivi si trovano in isolamento a casa (non vi sono ricoveri). Trentatre persone sono in quarantena per aver avuto stretti contatti con uno dei contagiati, mentre altre 180 poiché sono rientrate da paesi a rischio.

17.08.2020 ore 07:25
Più di 50'000 i decessi in India

In India, nell’arco delle ultime 24 ore, sono stati computati 941 nuovi decessi provocati dal coronavirus. Il dato porta a oltre 50’000, per la precisione 50’921, il bilancio complessivo delle vittime dall’inizio della crisi sanitaria nel paese. Sempre rispetto alla giornata di ieri sono quasi 58’000 i nuovi casi d’infezione accertati. L’India è attualmente il terzo paese al mondo più colpito dalla pandemia (con finora 2,6 milioni di contagi) dopo gli Stati Uniti e il Brasile.