"In caso di sintomi, subito il test": da domenica la nuova campagna
"In caso di sintomi, subito il test": da domenica la nuova campagna keystone
Momenti chiave
20.11.2020 ore 22:41
20.11.2020 ore 22:31
20.11.2020 ore 21:50
20.11.2020 ore 20:24
20.11.2020 ore 18:17
20.11.2020 ore 18:17
20.11.2020 ore 14:28
20.11.2020 ore 14:00
20.11.2020 ore 10:00
20.11.2020 ore 09:07
20.11.2020 ore 07:47
20.11.2020 ore 07:36
20.11.2020 ore 07:10

"Se avete sintomi, fare il test"

In Svizzera ancora numerosi i decessi, l'UFSP fa stato di altre 111 vittime della pandemia. In Ticino 11 morti e 34 ricoveri in più - Un "mini lockdown" a Basilea
venerdì 20 novembre 2020 06:58

Sono 111 i nuovi decessi da coronavirus registrati fra ieri e oggi dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Un dato ancora in rialzo rispetto a quello comunicato ieri. Sono quindi 4'946 le nuove infezioni computate a livello nazionale nelle ultime 24 ore e 252 i nuovi ricoveri dopo l'insorgenza della patologia.

Gli ultimi dati che concernono il Ticino fanno stato di 11 decessi e 34 nuove ospedalizzazioni. Sul fronte dei contagi, ne sono stati computati 249 in più. Nei Grigioni, sempre fra ieri e oggi, i nuovi casi sono stati 75. Altre 3 persone sono morte dopo l'insorgenza della malattia.

C'è una tendenza non solo alla stabilizzazione ma anche al calo dei contagi, ha detto nella conferenza stampa dei "tecnici" Virginie Masserey dell'UFSP, ma "la situazione resta seria" perché ospedalizzazioni e morti restano numerosi. Si constata inoltre una diminuzione dei test: domenica partirà una campagna per invitare la popolazione a sottoporsi al tampone in caso di sintomi. La situazione non evolve inoltre allo stesso modo in tutti i cantoni: Basilea Città, che va in controtendenza, ha quindi deciso di chiudere bar, ristoranti, piscine e palestre.

La cronaca di giovedì

Una richiesta di autorizzare d'urgenza il vaccino di Pfizer e BioNtech è stata depositata oggi negli Stati Uniti, il paese più colpito dalla pandemia di coronavirus, che in 24 ore ha registrato oltre 200'000 nuovi contagi e dove sempre più Stati hanno adottato misure restrittive. L'agenzia federale per la sanità pubblica ha chiesto agli americani di non viaggiare per la festa del ringraziamento.

I dati sempre aggiornati

Stefano Pongan, Elena Boromeo, Alex Ricordi, Dario Lanfranconi

21.11.2020 ore 00:09
Positivo il figlio maggiore di Donald Trump

Donald Trump Jr, il figlio maggiore di Donald Trump, è positivo al coronavirus. Lo riporta l’agenzia Bloomberg.

20.11.2020 ore 23:12
Tesoro: "Fed restituisca soldi", Staff Biden indignato

Il Tesoro americano ha chiesto alla Federal Reserve di restituire i 455 miliardi di dollari di fondi non usati nell’ambito di cinque programmi avviati dalla banca centrale all’inizio della pandemia e in scadenza a dicembre. “Vogliamo usare i fondi per le piccole e medie imprese”, ha affermato il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, che ha poi aggiunto: “Questo non è un problema politico, stiamo solo attuando la legge”. Lo staff di Joe Biden ha dal canto suo definito “profondamente irresponsabile” questa mossa. In serata il presidente della Fed, Jerome Powell, ha annunciato che i soldi verranno restituiti.

20.11.2020 ore 22:41
Lockdown a Toronto e Peel

Toronto e Peel, due delle grandi città dell’Ontario, in Canada, saranno in lockdown da lunedì per 28 giorni. Le scuole resteranno aperte, ma i bar e i ristoranti potranno servire solo pranzi e cene da asporto. Resteranno invece aperti supermercati, e farmacie ma con una capacità limitata al 50%. Gli assembramenti saranno limitati a 10 persone. La decisione è stata presa in seguito all’aumento dei casi e alla previsione di un possibile peggioramento della situazione nelle prossime settimane.

20.11.2020 ore 22:31
Macedonia del Nord, stato di crisi

In Macedonia del Nord il Governo ha decretato oggi lo ‘stato di crisi’ per un periodo di 30 giorni, una misura straordinaria allo scopo di tutelare la salute pubblica e combattere più efficacemente e con un maggior raggio di azione la diffusione del coronavirus.

20.11.2020 ore 21:50
India: 9 milioni di casi

L’India ha superato i 9 milioni di casi di coronavirus, mentre si teme l’imminenza di un’altra ondata. Le festività della settimana scorsa, culminata con Diwali, la festa più importante, hanno infatti visto ovunque un allentamento delle precauzioni anti-contagio, cosa che potrebbe rivelarsi disastrosa nei prossimi giorni. Con 9’003’800 persone contagiate, l’India è il secondo Paese più colpito al mondo dopo gli Stati Uniti, e il terzo per numero di decessi, dopo USA e Brasile, con un totale di 132.’162 vittime.

20.11.2020 ore 20:25
Parigi potrebbe vaccinare 30-40% cittadini da gennaio

Il comune di Parigi potrebbe vaccinare circa “30-40%” dei cittadini a partire da “inizio gennaio”, con priorità “agli over-65 e ai piu’ vulnerabili”: è quanto annunciato oggi dall’assessore alla Salute, Anne Souyris. L’assessore ha precisato che la campagna anti-coronavirus potrebbe cominciare anche a dicembre se il vaccino fosse disponibile.

20.11.2020 ore 20:24
Piemonte, 3'861 contagi e 88 morti

E’ di 88 decessi e 3’861 nuovi contagi, il 33% dei quali asintomatici, il bilancio delle ultime 24 ore dell’emergenza Coronavirus in Piemonte. Il bollettino giornaliero dell’Unità di crisi segnala anche 393 ricoverati in terapia intensiva, tre in più rispetto a ieri, e 5’225 negli altri reparti, 78 in più rispetto a ieri.

20.11.2020 ore 20:23
Vaccino trivalente potrebbe proteggere da coronavirus

Il vaccino contro morbillo-parotite-rosolia, anche detto trivalente, potrebbe proteggere anche contro il Covid-19 e questo potrebbe spiegare il basso tasso di contagio tra i bambini, che sono in genere vaccinati. A confermare con nuovi dati un’ipotesi già avanzata nei mesi scorsi è uno studio pubblicato oggi su mBio, rivista dell’American Society for Microbiology.

20.11.2020 ore 20:21
Lombardia: 9'221 casi e 175 decessi

Con 42’248 tamponi effettuati è di 9’221 il numero di nuovi casi positivi al Coronavirus registrati in Lombardia, per una percentuale del 21,8%. Sono 930 le persone ricoverate in terapia intensiva, quindici più di ieri e 8’304 quelle negli altri reparti, mentre i decessi sono stati 175, per un totale complessivo di 20’190. Per quanto riguarda le province, a Milano si sono verificati 3’706 casi, di cui 1’547 in città, a Monza 986, a Como sono stati 948, a Varese 922, a Brescia 623, a Sondrio 390, a Pavia 385, a Mantova 275 a Lecco 255, a Bergamo 249, a Lodi 156 e a Cremona 124.

20.11.2020 ore 18:54
Gran Bretagna chiede via libera per vaccino Pfizer

Il Governo britannico di Boris Johnson ha formalmente chiesto all’autorità di regolazione sui farmaci del Regno Unito, la MHRA, di valutare il candidato vaccino anti-coronavirus Pfizer/BioNTech, per autorizzarne un’eventuale distribuzione a partire dal mese prossimo. Lo ha detto il ministro della Sanità, Matt Hancock, nel briefing odierno sull’emergenza Covid tenuto a Downing Street.

20.11.2020 ore 18:27
Gran Bretagna: 511 morti e 22’287 positivi

La Gran Bretagna ha registrato altri 511 morti per coronavirus e 22’287 positivi nelle ultime 24 ore

20.11.2020 ore 18:17
Ospedali, nuove misure al via

Tampone obbligatorio il giorno precedente per chi deve essere ricoverato per un’operazioneTampone obbligatorio il giorno precedente per chi deve essere ricoverato per un’operazione

Ospedali, nuove misure al via

Tampone obbligatorio il giorno precedente per chi deve essere ricoverato per un'operazione

20.11.2020 ore 18:17
Mascherine "Swiss made"

La ditta Amyna 3di Corgémon (BE) ha acquistato due macchinari cinesi e ha iniziato a produrre protezioni facciali per il grande pubblico

Mascherine "Swiss made"

La ditta Amyna 3 di Corgémon (BE) ha acquistato due macchinari cinesi e ha iniziato a produrre protezioni facciali per il grande pubblico

20.11.2020 ore 18:02
Serbia: 6'254 casi e 30 morti in 24 ore

In Serbia nelle ultime 24 ore si sono registrati 6’254 nuovi contagi da coronavirus, su 19’301 test effettuati, e 30 decessi. Come hanno reso noto le autorità sanitarie, i pazienti in ospedale sono 5’803, dei quali 192 in terapia intensiva con respiratore. La capitale Belgrado resta il focolaio principale, con oltre 2 mila casi nelle ultime 24 ore. Seguono Novi Sad, Nis, Kragujevac. Da inizio epidemia nel Paese balcanico si sono avuti finora 110’351 casi di covid-19 e 1’140 morti. Il capo della rappresentanza UE a Belgrado è intervenuto oggi alla cerimonia di consegna di cinque ambulanze fornite di respiratori mobili donate alla Serbia dall’Unione europea.

20.11.2020 ore 18:00
Romania: 9'272 casi e 160 morti in 24 ore

Si mantiene alta la curva dei contagi in Romania, dove il bilancio delle 24 ore è stato di 9’272 contagi casi di coronavirus e 160 morti. I test effettuati da ieri, riferiscono i media regionali, sono stati 36’453, in totale più di 3,8 milioni. Da inizio epidemia in Romania, che resta il Paese balcanico più colpito, i contagi sono stati in totale 403’123, le vittime 9’756.

20.11.2020 ore 17:59
Francia: cresce popolarità di Macron

Malgrado la crisi legata al coronavirus cresce la popolarità di Emmanuel Macron. Secondo il barometro mensile realizato da Odoxa per France Inter e la stampa regionale francese, l’ndice di gradimento del presidente francese è cresciuto di due punti, al 43%, contrariamente al suo primo ministro, Jean Castex, che invece perde due punti, al 35%.

20.11.2020 ore 17:32
"Multe per gli allergici alla mascherina"

Le persone allergiche alla mascherina o che non rispettano i piani di protezione prescritti vanno multate, come prevede una modifica urgente della legge Covid-19 proposta dal Consiglio federale. Lo ha deciso la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale (CSSS-N).

20.11.2020 ore 17:28
Italia: 37'242 casi in 24 ore, 699 morti

Sono 37’242 i casi di coronavirus individuati in Italia nelle ultime 24 ore, circa mille più di ieri. L’incremento delle vittime è invece di 699 in un giorno, in aumento rispetto a ieri.

20.11.2020 ore 17:27
Il traffico frontaliero tra Svizzera e Germania rimarrà aperto

Contrariamente alla prima ondata di coronavirus in cui la frontiera era rimasta chiusa per diverse settimane, durante la seconda ondata il traffico frontaliero tra la Svizzera e la Germania rimarrà aperto. Lo hanno ribadito in una dichiarazione congiunta i cantoni elvetici di Argovia, Basilea Campagna, Basilea Città, Sciaffusa, San Gallo, Turgovia e Zurigo e il land tedesco del Baden-Württemberg.

20.11.2020 ore 16:08
I contagi si stabilizzano in Gran Bretagna

Segnali positivi sul rallentamento della diffusione del coronavirus nel Regno Unito dopo oltre due settimane di lockdown nazionale bis in Inghilterra e misure restrittive severe anche in Scozia, Galles e Irlanda del Nord. Lo indicano le ultime statistiche aggiornate dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) secondo quanto riporta la BBC. I contagi restano tuttavia in aumento fra i ragazzi in età scolare - con le scuole aperte - mentre scendono fra gli adulti.

20.11.2020 ore 16:06
Guardie svizzere contagiate lasciano isolamento

L’ultima delle 13 guardie svizzere in isolamento perché contagiate dal Coronavirus è risultata negativa e nel frattempo ha potuto riprendere il servizio. Quindi, non ci sono più guardie in isolamento o in quarantena domestica. Lo comunica il Corpo della Guardia Svizzera Pontificia.

20.11.2020 ore 15:58
Presto screening di massa in Austria

ll 5 dicembre inizierà in Austria lo screening di massa contro il coronavirus. Nell’ultimo fine settimana del lockdown totale saranno sottoposti a test tutti i 200’000 insegnanti e il personale delle scuole materne. Il 7 e 8 dicembre sarà la volta di tutti i 40’000 agenti di polizia. Nella prima settimana di dicembre in alcuni comuni ‘zona rossa’ saranno sperimentati i test a tappeto per tutti i cittadini, che entro Natale saranno estesi su base volontaria a tutta la popolazione del Paese. Il Governo austriaco ha già acquistato 7 milioni di test rapidi per un costo complessivo di 50 milioni di euro. Altre forniture sono in predicato.

20.11.2020 ore 15:00
Il Vallese prolunga le sue misure restrittive

Nonostante le nuove infezioni siano in calo, dopo un picco di oltre 2’000 casi ogni 100’000 abitanti sull’arco di 14 giorni, il canton Vallese conferma le misure restrittive decise il 22 ottobre e in scadenza il 30 novembre. Resteranno in vigore almeno fino al 13 dicembre perché i numeri restano elevati, ha reso noto il Governo, che ha tuttavia proceduto ad alcuni correttivi: in particolare, saranno ammesse fino a 50 persone alle cerimonie religiose (a condizione di rispettare distanze e misure di igiene), bambini e ragazzi potranno riprendere l’attività sportiva in linea con le disposizioni federali, mentre in ospedali e case anziani le visite saranno permesse, ma a severe condizioni.

Restano chiusi i ristoranti e ferme le attività per il tempo libero. Eventi con più di 10 persone, che siano pubblici o privati, non possono aver luogo, così come le competizioni sportive non professionistiche (queste ultime a porte chiuse)

20.11.2020 ore 14:52
Basilea chiude bar, ristoranti, piscine e palestre

Fra i cantoni dove la tendenza dei contagi è ancora alla crescita - anche se non fra quelli più colpiti in valore assoluto - Basilea Città ha annunciato una stretta a partire da lunedì prossimo: chiuderanno fino a metà dicembre bar, ristoranti, casinò, piscine e palestre. Gli eventi pubblici saranno limitati a 15 persone presenti.

“Siamo coscienti che si tratta di provvedimenti severi, ma non si può continuare come nelle ultime settimane”, ha dichiarato il consigliere di Stato Lukas Engelberger. Il cantone ha comunicato 110 nuovi contagi venerdì - con quattro decessi - e 105 giovedì. In ospedale sono ricoverati 148 pazienti covid, di cui 26 in terapia intensiva.

20.11.2020 ore 14:40
Dati sperimentali mostrano l'evoluzione economica

Il PIL svizzero ha fatto segnare un crollo senza precedenti a causa della pandemia, ma l’economia elvetica ha retto bene nel confronto internazionale e nel terzo trimestre si è constatata una ripresa. L’evoluzione è molto dinamica: la SECO ha quindi iniziato ad analizzare dei dati sperimentali “quasi in tempo reale”, ha spiegato Ronald Indergand nella conferenza stampa degli esperti.

20.11.2020 ore 14:28
Un po' meno tamponi positivi

Sembra superato il picco registrato a inizio novembre, quando la quota di tamponi positivi in Svizzera aveva toccato il 30%

20.11.2020 ore 14:24
"Ridurre i contatti a due settimane dal Natale"

Fare una sorta di “pre-quarantena” prima di Natale, aumentando il telelavoro e riducendo al minimo i contatti con le altre persone nelle due settimane precedenti. È il consiglio di Thomas Steffen, medico cantonale di Basilea Città, che suggerisce anche di comprare adesso i regali. Questo per ridurre al minimo il rischio di contagi durante il Natale, quando si incontrano i familiari e i nonni. In occasione delle festività, inoltre, bisognerà limitare i contatti a due nuclei familiari.

20.11.2020 ore 14:11
"Situazione ancora seria" - Campagna per aumentare i test

La pandemia dà segni di rallentamento, i casi si sono stabilizzati, anzi stanno leggermente diminuendo in Svizzera, ha detto Virginie Masserey dell’UFSP nella conferenza stampa dei “tecnici” oggi a Berna. Tuttavia, è necessario ridurre ancora i contagi. C’è qualche motivo di ottimismo, ma “la situazione resta seria”, ha detto Masserey. Non si assiste ancora a un calo nelle ospedalizzazioni e nei decessi, ha però spiegato. Negli ospedali sono ricoverati circa 530 pazienti covid in terapia intensiva, a disposizione restano circa 220 letti.

Masserey ha lanciato un appello alla popolazione, che sarà oggetto di una nuova campagna lanciata domenica: in caso di sintomi, è importante sottoporsi al tampone. Questo affinché il maggior numero possibile di infezioni sia identificato. Invece si sta assistendo a una flessione del numero dei tamponi.

20.11.2020 ore 14:00
Prima e seconda ondata in video

Così si è diffusa la pandemia

La prima e la seconda ondata hanno avuto evoluzioni diverse sul territorio svizzero - il video

20.11.2020 ore 13:25
Portogallo prolunga lo stato di necessità

Stato di necessità, con restrizioni alle uscite e ore di coprifuoco, prolungato in Portogallo fino al 7 dicembre. È la decisione presa oggi dal Parlamento lusitano, sulla scorta di una proposta in tal senso dal presidente Marcelo Rebelo de Sousa. Il Paese è attualmente confrontato ad una impennata delle nuove infezioni da coronavirus.

20.11.2020 ore 13:22
Pfizer e Biontech hanno inoltrato la richiesta di autorizzazione per il vaccino negli USA

Biontech e Pfizer hanno inoltrato oggi la richiesta di autorizzazione alla Federal drug administratio (FDA), l’organo statunitense che si occupa della regolamentazione dei farmaci, per mettere sul mercato il vaccino anti-Covid. Lo scrive la Dpa citando un comunicato dei due gruppi.

L’annuncio era atteso, dopo la pubblicazione dei primi risultati clinici che indicano una presunta efficacia del 95% contro il Covid-19. Da parte sua la FDA non ha comunicato quanto tempo prevede di impiegare a esaminare tutti i dati, ma il governo statunitense spinge per un’approvazione già nella prima metà di dicembre.

20.11.2020 ore 12:41
Sanchez: "Una parte sostanziale della popolazione vaccinata entro metà 2021"

Il premier spagnolo Pedro Sanchez ha dichiarato questa mattina, durante una conferenza stampa, che una parte “sostanziale” della popolazione spagnola sarà vaccinata contro il Covid-19 entro la metà del 2021. Sanchez ha anticipato che il Governo svelerà il piano per le vaccinazioni martedì prossimo, senza fornire altri dettagli.

20.11.2020 ore 12:37
Francia, Black Friday slitta di una settimana

Il noto evento commerciale associato agli sconti pre-natalizi, verrà posticipato in Francia, dando anche la possibilità ai piccoli commercianti di riaprire i battenti. Anche Amazon ha acconsentito a far slittare l’appuntamento.

La corrispondenza di Alessandro Grandesso nel Radiogiornale.

RG 12.30 del 20.11.2020 - La corrispondenza di Alessandro Grandesso
20.11.2020 ore 12:28
Iran, quasi 500 vittime da Covid in 24 ore

Sono 13’260 i casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Iran. Il totale dei contagi nella Repubblica islamica dall’inizio della pandemia sale a 828.377. I decessi nell’ultima giornata sono 479 e portano il bilancio complessivo delle vittime a 43.896. Per cercare di contrastare la diffusione del coronavirus, da domani saranno imposte nel Paese nuove rigide restrizioni, tra cui un coprifuoco notturno tra le 21.00 e le 04.00 in 124 città considerate ad alto rischio, compresa la capitale Teheran. Saranno inoltre vietati gli spostamenti tra le aree con un elevato tasso di contagi.

20.11.2020 ore 12:01
Riattivato il servizio spesa a domicilio

In seguito alla diffusione della seconda ondata di coronavirus, a partire dal 26 novembre verrà riattivato il servizio spesa a domicilio. Lo ha reso noto venerdì Pro Senectute Ticino e Moesano.


Il sostegno a domicilio potrà essere richiesto “unicamente se si è in difficoltà e se non si può contare su un altro aiuto”, precisa il comunicato. La Fondazione è alla ricerca di volontari “interessati a mettersi a disposizione per aiutare le persone anziane in particolare difficoltà”.

20.11.2020 ore 11:47
Svizzera: 4'946 contagi e 111 decessi

Migliora, anche se di poco, il quadro dei contagi, ma aumentano i decessi. Si può leggere così il bilancio di oggi sulla pandemia dell’Ufficio federale di sanità pubblica, che segnala 4’946 nuovi casi (ieri 5’007) e 111 decessi (contro i 79 di ieri). Il dato dei contagi è più basso di giovedì scorso, quando i erano stati 6’739. La percentuale di test positivi allora era del 21,87%, oggi del 19,2%.

Le nuove ammissioni in ospedale nelle ultime 24 ore sono state invece 252, in aumento rispetto al giorno precedente (221), anche se questo dato potrebbe essere incompleto. I tamponi effettuati sono stati 25’786.

In totale, ad oggi nella Confederazione sono state registrate 3’575 vittime da inizio pandemia.

20.11.2020 ore 10:49
In Francia "superato il picco epidemico"

In Francia è stato superato il picco della seconda ondata della pandemia da Covid-19: è quanto indica questa mattina l’agenzia sanitaria Santé publique France, invitando tuttavia a mantenere le “misure di prevenzione”.

“Anche se gli indicatori restano a livelli elevati, la loro osservazione suggerisce che il picco epidemico della seconda ondata è stato superato”, spiega in una nota l’agenzia sanitaria, secondo cui “i risultati attuali permettono di constatare una chiara diminuzione di tutti gli indicatori, più marcata nelle prime metropoli poste sotto coprifuoco”.

20.11.2020 ore 10:20
Morto a Belgrado il patriarca serbo ortodosso

Il patriarca Irinej, capo della Chiesa ortodossa serba, è morto stamane all’età di 90 anni in un ospedale di Belgrado, dove era ricoverato da due settimane per le conseguenze del coronavirus. Ne ha dato notizia la Chiesa ortodossa. Il patriarca Irinej era risultato positivo al coronavirus pochi giorni dopo il suo ritorno dal Montenegro dove a inizio novembre, affiancato dal presidente serbo Aleksandar Vucic, aveva presieduto le cerimonie funebri per il metropolita Amfilohije, capo della Chiesa ortodossa serba in Montenegro morto anch’egli per le conseguenze del coronavirus all’età di 82 anni.

20.11.2020 ore 10:00
Ticino: 249 contagi e 11 decessi

Sono 249 i nuovi contagi registrati in Ticino, a cui si aggiungono 11 decessi. Si tratta di dati in calo rispetto a quelli di ieri, quando sono stati segnalati 255 casi e 15 morti. Aumentano, invece, i ricoveri: oggi in totale le persone ospedalizzate sono 371 (ieri 357) di cui 34 in terapia intensiva (due in meno di ieri). Nel dettaglio, le nuove ammissioni sono state 34, mentre 16 pazienti sono stati dimessi.

Le vittime da inizio pandemia sono 478.

20.11.2020 ore 09:18
Task force svizzera contraria a test di massa

Un test di massa per il coronavirus in Svizzera non è la soluzione migliore, nonostante l’arrivo dei test rapidi. Lo ha dichiarato venerdì il virologo Didier Trono, capo del gruppo di diagnostica e test della Task force scientifica Covid-19. Questa strategia, utilizzata in particolare in Slovacchia, “permette di identificare le persone più contagiose, ma ne lascia passare anche alcune, in particolare una buona parte di quelle che si trovano nel periodo di incubazione”, ha riferito Trono a LeTemps. “All’inizio dell’infezione o successivamente, la carica virale è inferiore e il test può ‘perdere’ casi”, ha concluso.

20.11.2020 ore 09:07
Record di contagi in Russia

La Russia ha registrato 24’318 nuovi contagi nelle ultime 24 ore, segnando un nuovo record (ieri erano stati 23’610). Le autorità sanitarie riferiscono anche che ci sono stati 461 nuovi decessi: un numero che porta il bilancio ufficiale delle vittime a 35’311. Nel Paese, che come molti altri sta affrontando la seconda ondata della pandemia, vengono anche segnalate carenze di alcuni farmaci per il trattamento del Covid-19 negli ospedali, a causa della domanda elevata e di altri problemi di distribuzione.

20.11.2020 ore 08:35
Iniziati test di massa in Alto Adige

Questa mattina è iniziato in Alto Adige lo screening di massa. L’obiettivo è sottoporre il 70% della popolazione, ovvero 350’000 persone, all’esame del tampone rapido. I test a tappeto dureranno tre giorni, fino a domenica, dalle 8.00 alle 18.00. Vengono effettuati in tutti i Comuni della provincia autonoma. I positivi asintomatici dovranno stare in quarantena per dieci giorni.

20.11.2020 ore 07:55
USA di nuovo sopra i 2'000 morti in un giorno

Gli Stati Uniti hanno registrato in 24 ore 2’239 decessi per coronavirus e 200’146 contagi, secondo i dati della Johns Hopkins University. La soglia dei 2’000 morti quotidiani era stata regolarmente superata in primavera, ma da allora non era più capitato. “Siamo in piena fase esponenziale”, ha detto giovedì il Centro di controllo delle malattie trasmissibili (CDC), che ha invitato la popolazione a non viaggiare per la festa del ringraziamento. Numerosi Stati e città hanno adottato restrizioni più o meno severe alla libertà dei cittadini per cercare di ridurre i contatti interpersonali. Come Donald Trump, anche Joe Biden, destinato a succedergli il 20 gennaio, esclude tuttavia un lockdown generalizzato a livello nazionale. Da inizio pandemia il paese conta 11,7 milioni di casi accertati e 252’419 morti.

RG 07.00 del 20.11.2020 La corrispondenza di Emiliano Bos
20.11.2020 ore 07:47
Cura con il plasma, il caso vodese

Un paziente con le difese immunitarie indebolite è guarito dal Covid-19 grazie al plasma convalescente. Lo ha annunciato giovedì l’Ospedale universitario di Losanna. L’uomo è un 74enne che era stato sottoposto una chemioterapia. Con pazienti non immunosoppressi la cura non sembra invece funzionare. Le spiegazioni nel servizio di Monica Fornasier

La cura col plasma funziona?

Le spiegazioni di un medico del CHUV che ha seguito la guarigione di un 74enne immunodepresso, colpito dal COVID-19

20.11.2020 ore 07:36
L'UE invita alla prudenza

I vaccini contro il COVID stanno arrivando, ma somministrarli sarà una sfida logistica importante, nel frattempo occorre la massima cautela nell’allentare le misure di confinamento, anche se questo dovesse rovinarci il Natale e il Capodanno. E` un invito alla prudenza, ma non al pessimismo, quello uscito dal vertice europeo di ieri sera. I leader dei 27 si stanno mettendo d’accordo su cose come i test rapidi o un meccanismo per identificare i viaggiatori positivi al virus mentre non ci sono novità sul bilancio europeo, sempre bloccato da Ungheria e Polonia. La corrispondenza da Bruxelles è di Tomas Miglierina

RG 07.00 del 20.11.2020 La corrispondenza di Tomas Miglierina
20.11.2020 ore 07:30
L'OMS boccia il remdesivir: non ci sono prove

“Il farmaco antivirale remdesivir non è indicato per i pazienti ricoverati con COVID-19, indipendentemente dalla gravità della malattia, perché al momento non c’è nessuna evidenza che migliori la sopravvivenza o riduca la necessità di intubare”. Lo afferma il Guideline Development Group, un panel indipendente di esperti internazionali convocato dall’OMS, in un articolo pubblicato sulla rivista British Medical Journal. Il testo di basa su quattro sperimentazioni, per un totale di 7’000 pazienti.

I test non provano nemmeno l’assenza di benefici, ammettono gli esperti, ma dati anche i rischi importanti, le implicazioni dell’uso del remdesivir in termine di risorse e il costo elevato, se ne sconsiglia l’uso

20.11.2020 ore 07:26
Confinati per la bugia di un pizzaiolo

Il confinamento di sei giorni ordinato dallo Stato del South Australia sarà levato già sabato e non lunedì, hanno annunciato le autorità. La misura, adottata dopo 22 soli contagi con origine in un albergo di Adelaide dove era quarantenato un uomo tornato positivo dal Regno Unito, era motivata anche dalle modalità di infezione in un pizzeria alla periferia della medesima città, tramite una scatola di cartone per i prodotti da asporto. Ebbene, è emerso che a proposito il pizzaiolo aveva mentito e questo ha permesso di escludere la presenza di un ceppo particolarmente virulento.

20.11.2020 ore 07:21
Nuovo record di contagi in Germania

Il numero di nuove infezioni in Germania ha toccato un nuovo picco, secondo i dati aggiornati dall’istituto Robert Koch. Oggi, venerdì, sono stati annunciati 23’648 contagi in 24 ore, che hanno portato il totale da inizio pandemia a 879’564. I 260 nuovi decessi annunciati fanno invece salire il bilancio a 13’630.

20.11.2020 ore 07:10
75 casi e 3 morti nei Grigioni

Sale a 80 morti, con tre nuovi decessi, il bilancio della pandemia nel canton Grigioni. Le autorità sanitarie retiche hanno annunciato anche 75 nuovi contagi accertati nelle ultime 24 ore, per un totale di 4’155. I casi attivi posti in isolamento salgono di 25 unità, a 579, mentre altre 952 persone si trovano in quarantena. Nel Moesano le nuove infezioni sono 5, i casi attivi 25.

Negli ospedali del cantone sono ricoverati 58 pazienti affetti da COVID-19, due in più della vigilia: 49 si trovano in reparto (+3), i rimanenti 9 invece in terapia intensiva (-1). Tutti questi ultimi necessitano di respirazione artificiale.

20.11.2020 ore 07:04
Superati i 100'000 morti in Messico

Il Messico è diventato il quarto paese al mondo a superare la soglia dei 100’000 morti di COVID-19, dopo Stati Uniti, Brasile e India. Lo ha annunciato in conferenza stampa il viceministro della salute Hugo Lopez-Gatell. Sono 100’104 (+576 da ieri) per la precisione, con appena più di 1 milione di casi confermati. Il paese ha 129 milioni di abitanti. In giugno Lopez-Gatell aveva pronosticato che in uno “scenario catastrofico” sarebbero stati raggiunti i 60’000 morti. Ora si rifiuta di fare nuove previsioni.

20.11.2020 ore 07:00
Oltre 9 milioni di contagi in India

I casi di coronavirus in India hanno superato i 9 milioni. Lo ha annunciato ufficialmente il Ministero della salute. Il Paese è il secondo al mondo per numero di infezioni, dopo gli Stati Uniti. Il numero totale dei positivi è di 9’004’000, con 132’162 vittime.