TiPress_371852.jpg
TiPress
Momenti chiave
26.10.2020 ore 17:23
26.10.2020 ore 16:42
26.10.2020 ore 16:37
26.10.2020 ore 16:33
26.10.2020 ore 15:25
26.10.2020 ore 15:20
26.10.2020 ore 14:46
26.10.2020 ore 12:37
26.10.2020 ore 11:20
26.10.2020 ore 09:02
26.10.2020 ore 07:00

Stretta in Ticino in attesa di Berna

Il Governo cantonale introduce altre misure contro il coronavirus che avanza sempre più velocemente. In 72 ore in Svizzera altri 37 decessi e 17’440 contagi
lunedì 26 ottobre 2020 06:58

Il virus avanza sempre più velocemente in Svizzera: lunedì la Confederazione ha fornito l’aggiornamento della situazione da venerdì. In 72 ore sono stati registrati 37 decessi legati al Covid-19, 259 ospedalizzazioni e 17’440 contagi. In 72 ore sono stati eseguiti 82’026 tamponi con un tasso di positività del 21,6%.

Intanto sono 147 i nuovi casi registrati in Ticino in 24 ore; il totale, da febbraio, sale così a quota 5’987. Tra domenica e lunedì si contano inoltre altre 15 ospedalizzazioni: sono in tutto 80 le persone ricoverate, di cui 6 in terapia intensiva (due di esse nelle ultime 24 ore). I morti da inizio pandemia sono 356.

Il Consiglio di Stato lunedì ha annunciato nuove restrizioni: mascherina obbligatoria anche all'aperto laddove non c'è la distanza sociale, niente sport amatoriale (con eccezioni per bambini, ragazzi e scuole), massimo 15 persone agli eventi privati e limite di 4 persone allo stesso tavolo al ristorante.

Nei Grigioni, invece, sono 48 i nuovi casi giornalieri (il totale sale a quota 1’917); altre 5 persone sono state ospedalizzate (nessuna di queste in terapia intensiva): nel cantone, sono attualmente 17 le persone ricoverate, di cui 4 in terapia intensiva e sottoposte a respirazione assistita. Non si segnalano decessi aggiuntivi, fermi a quota 50 dallo scorso 8 giugno.

La cronaca della giornata di ieri.

Venerdì l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha comunicato che, da febbraio, sono stati superati in Svizzera i 100'000 contagi. Oggi l’UFSP dovrebbe fornire le cifre inerenti ai contagi nel fine settimana e si prevede un nuovo forte aumento. Il Consiglio federale ha nel frattempo lanciato una procedura di consultazione fra i cantoni e mercoledì dovrebbe varare nuove, e stringenti, misure per appiattire la curva dei contagi.

Nel mondo, sono oltre 43 milioni i casi complessivi e oltre 1'153 milioni i decessi. Il maggior numero di vittime, in cifre assolute, lo si registra negli Stati Uniti, in Brasile e in India. In Europa, i Paesi con più morti per Covid-19 sono: Regno Unito, Italia, Spagna e Francia.

I dati sempre aggiornati

Ludovico Camposampiero, Massimiliano Angeli, Simone Fassora, Elena Boromeo, Diego Moles e Alberto Silini

26.10.2020 ore 23:14
Manifestazioni in diverse città italiane contro le misure

Si sono svolte lunedì in diverse città italiane delle manifestazioni di protesta contro le misure imposte dal Governo per limitare i contagi. Altre se ne annunciano per le prossime ore.

A Torino alcune centinaia di manifestanti hanno lanciato fumogeni e petardi contro le forze dell’ordine, che hanno risposto i lacrimogeni. Un giovane dimostrante è stato ferito alla testa dal lancio di una bottiglia. Si segnalano scontri con le forze dell’ordine anche a Milano, dove una molotov è stata lanciata verso un’auto della polizia nel corso di un corteo non autorizzato.

A Napoli in migliaia hanno marciato fino alla sede della Regione, a Cremona i ristoratori hanno battuto le pentole davanti alla prefettura, a Catania hanno tirato bombe carta davanti alla prefettura, a Treviso in mille hanno sfilato in corteo, a Viareggio giovani hanno bloccato il traffico e lanciato fumogeni e petardi.

26.10.2020 ore 21:57
Verso un coprifuoco notturno in Repubblica Ceca

Tre le nuove misure che saranno adottate in Repubblica Ceca per combattere la pandemia di coronavirus è previsto un coprifuoco tra le 9 di sera e le 5 del mattino. Lo ha riferito lunedì il ministro della salute ceco Roman Prymula. Le disposizioni, che entreranno in vigore dal 28 ottobre al 3 novembre, prevedono anche la chiusura dei negozi di vendita al dettaglio la domenica. Sono previste eccezioni, come nel caso dei distributori di benzina e delle farmacie.

26.10.2020 ore 21:41
Vaticano: cerimonie di Natale senza fedeli

Papa Francesco celebrerà le messe di Avvento e di Natale senza i fedeli. In una lettera alle rappresentanze estere presso la Santa Sede, la Segreteria di Stato del Vaticano ha detto che le cerimonie natalizie si svolgeranno “in forma privata” e saranno trasmesse online.

26.10.2020 ore 21:22
Koch: "In estate forse si doveva fare di più"

“Si può dire che a posteriori avremmo dovuto fare le cose diversamente in estate, magari fare più test, ma la dietrologia non serve, dobbiamo guardare avanti. Sappiamo come appiattire la curva e dobbiamo fare il possibile per ridurre il numero dei contagi. Avremo i test rapidi che stanno arrivando che aiuteranno, ma la popolazione deve sapere che queste limitazioni non si andrà avanti a lungo”. Lo ha dichiarato l’ex “Mister Covid”, Daniel Koch, durante la puntata di 60 Minuti di questa sera.

Koch: "La mascherina non è la panacea"

L'ex "Mister Covid" della Confederazione ospite a 60 Minuti: "Un nuovo lockdown non è praticabile"

26.10.2020 ore 21:18
Koch: "Non possiamo chiudere tutto di nuovo"

In questa seconda ondata, “non potremo più fare quello che abbiamo fatto in primavera, non possiamo chiudere tutto di nuovo, ci vogliono delle misure sicuramente serie e importanti ma non devono durare così a lungo”. Lo afferma l’ex direttore della Divisione malattie infettive dell’UFSP, Daniel Koch, durante la puntata di 60 Minuti di questa sera. “Credo che con delle buone misure ma soprattutto con una buona comunicazione si possa riuscire a evitare un secondo lockdown. Ne sappiamo di più rispetto alla scorsa primavera, ad esempio sappiamo che bisogna lavarsi le mani e portare la mascherina”, ha aggiunto.

26.10.2020 ore 20:03
In Francia 26’771 nuovi contagi e 257 morti

La Francia ha registrato 26’771 nuovi contagi in 24 ore. I decessi dovuti al Covid-19 sono 257, hanno reso noto lunedì le autorità sanitarie. Il numero dei morti dall’inizio della pandemia sale quindi a 35’018, mentre sono 1’165’278 i casi confermati.


2’770 persone sono attualmente trattate in cure intense, 186 in più di domenica. In totale sono stati ricoverati in ospedale 17’784 pazienti, 1.307 in più rispetto al giorno precedente.

26.10.2020 ore 19:04
Spagna: nel week end 52'188 nuovi casi e 279 decessi

Da venerdì la Spagna ha registrato 52’188 nuovi contagi e 279 decessi legati al Covid-19. Un dato, quest’ultimo, che porta il totale delle vittime a 35’031. Domenica nel Paese è scattato il secondo stato d’emergenza, che prevede un coprifuoco notturno in tutto il territorio, ad eccezione delle Isole Canarie.

26.10.2020 ore 17:35
In Italia 17'012 contagi (con meno tamponi) e 141 morti

Nelle ultime 24 ore in Italia sono stati registrati 17’012 nuovi contagi (contro i 21’273 di ieri), a fronte di 124’686 tamponi (37’000 circa in meno di ieri). Complessivamente, le persone ricoverate in terapia intensiva negli ospedali di tutto il Paese sono 1’284 (76 in più rispetto a ieri).

26.10.2020 ore 17:23
Soletta: annunciate nuove misure

Il canton Soletta ha annunciato lunedì l’adozione di nuove misure restrittive, che entreranno in vigore martedì. I raduni di oltre cinque persone nei luoghi pubblici all’aperto sono vietati, così come gli eventi con più di 30 persone. Fanno eccezione le assemblee comunali, le riunioni dei parlamenti cantonali e comunali, le società politiche e civili e le raccolte di firme.


I bar e le discoteche possono ospitare 50 avventori alla volta, mentre nei ristoranti il numero di clienti per tavolo è limitato a quattro. Per quanto riguarda gli eventi privati, le autorità hanno fissato un massimo di 15 persone.

26.10.2020 ore 17:13
Grigioni: salta l’assemblea dei delegati del PLD

L’assemblea dei delegati del Partito liberale democratico grigionese (PLD), la sezione cantonale del PLR, è annullata a causa dell’attuale situazione sanitaria. L’evento era previsto mercoledì 28 ottobre a Davos. Lo ha comunicato il partito lunedì.

26.10.2020 ore 17:00
Con i test rapidi non c’è certezza

I test rapidi, che danno un risultato in tempi brevi, non danno un risultato certo, ha sottolineato il medico cantonale Giorgio Merlani. Hanno un’utilità in alcune situazioni, ma i test di riferimento restano quelli fatti in laboratorio, anche se implicano tempi più lunghi, fino a 24 ore.

26.10.2020 ore 16:47
In caso di dubbio restare in isolamento

“Fino a quando non si ha il risultato del test negativo rimanete in isolamento”. È la raccomandazione del medico cantonale Giorgio Merlani per chi presenta dei sintomi del Covid-19. Chi sospetta di essere stato contagiato è anche pregato di preparare una lista delle persone con cui ha avuto contatti in modo di facilitare il lavoro della cellula di contact tracing.

26.10.2020 ore 16:44
L'Italia sconsiglia i viaggi all'estero

Il Ministero degli esteri italiano raccomanda ai cittadini di evitare i viaggi all’estero se non per ragioni strettamente necessarie. La Farnesina fa altresì presente, sul suo sito, che considerato l’alto numero dei contagi in molti Paesi europei, non si possono escludere future ulteriori restrizioni agli spostamenti che rischierebbero di complicare eventuali rientri in Italia. Analoghe problematiche di rimpatrio potrebbero verificarsi, con incidenza ben più grave, in caso di viaggi verso destinazioni extra-UE.

26.10.2020 ore 16:42
"Si tende a ricoverare prima"

Rispetto a marzo in questo periodo si tende a ricoverare prima le persone, quando hanno una situazione non così compromessa. Lo ha detto il medico cantonale Giorgio Merlani, sottolineando però che questo non significa che la malattia sia diventata più lieve. Il trend dei pazienti ricoverati è in forte crescita anche se sono meno per numero di contagi rispetto alla prima ondata, ha rilevato Merlani.

26.10.2020 ore 16:37
"Nessuno vuole il lockdown"

“La situazione è delicata ma nessuno vuole il lockdown”. Lo ha detto il consigliere di Stato Raffaele De Rosa durante la conferenza stampa in cui sono state presentate le nuove misure per frenare la diffusione del coronavirus in Ticino. Per evitare un lockdown “che sarebbe devastante” bisogna che tutti facciano la propria parte, ha detto De Rosa, rispettando le misure e applicando i consigli sull’igiene.

26.10.2020 ore 16:35
Vietati gli sport amatoriali con contatto

Gli sport amatoriali con contatto sono vietati in Ticino a partire da mercoledì 28 ottobre. Restano permessi gli allenamenti di bambini e giovani e l’educazione fisica scolastica.

26.10.2020 ore 16:33
Al massimo in quattro al tavolo

Il Consiglio di Stato ha confermato l’obbligo di consumazione al tavolo nella ristorazione e impone, sempre da mercoledì 28 ottobre, la presenza di al massimo quattro persone al tavolo, ad eccezione dei genitori con figli.

26.10.2020 ore 16:32
In Ticino un massimo di 15 persone alle manifestazioni private

Le manifestazioni private in Ticino potranno avere un massimo di 15 persone a partire da mercoledì 28 ottobre. Lo ha deciso il Governo per rallentare l’epidemia.

26.10.2020 ore 16:28
Mascherina obbligatoria anche all'esterno se non ci sono le distanze

Il Consiglio di Stato ticinese ha adottato ulteriori misure per lottare contro la diffusione del coronavirus. L’obbligo di indossare la mascherina è esteso agli spazi pubblici esterni dove non è possibile mantenere il distanziamento e alle manifestazioni all’aperto, così come ai mercati già a partire da domani, martedì 27 ottobre.


26.10.2020 ore 16:24
Canton Berna: misure supplementari nelle scuole

Il canton Berna ha inasprito lunedì le misure di protezione nelle scuole. Da martedì e fino a nuovo avviso, gli alunni delle scuole medie dovranno portare la mascherina durante le lezioni e all’interno del perimetro della scuola. La misura è valida anche per gli adulti.

Le disposizioni riguardano anche le scuole professionali, dove l’uso della mascherina è obbligatorio in tutto il perimetro e durante le lezioni, anche se le distanze possono essere rispettate. Si raccomanda inoltre alle scuole di astenersi dagli sport di contatto e con la palla durante le ore di educazione fisica.

26.10.2020 ore 16:01
Aumentano i bimbi positivi. "Basta sbaciucchiare"

I casi di coronavirus aumentano anche tra i bambini da 0 a 15 anni. Così si moltiplicano gli appelli dei medici ad astenersi dallo “sbaciucchiare” i bambini. Un invito rivolto a tutti, a evitare la cattiva abitudine di frequentare spesso ed insistentemente una casa dove c’è un neonato o un lattantino, di sbaciucchiarlo continuamente, di passarselo di braccia in braccia e di fare tutte quelle moine a noi tutti fin troppo note. Questo non è più possibile”, ha spiegato a Repubblica il medico Vincenzo Tipo, responsabile Pronto soccorso all’ospedale Santobono di Napoli.

26.10.2020 ore 15:55
"Rigore e ricerca siano antidoto a fake news"

“La voce della ricerca, i dati che ci fornisce, il rigore e la trasparenza sono antidoto alle derive” che conducono nel “tunnel delle false notizie”. Così il presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, parlando di “troppe dicerie, della perversa volontà di ingannare il popolo con false notizie”. "Non dimentichiamo che il nemico di tutti è il virus", ha sottolineato Mattarella.

26.10.2020 ore 15:50
"Servono misure uniformi per lo sport"

Le direttive introdotte per contrastare la diffusione del Covid-19 devono essere più uniformi fra un cantone e l’altro. È quanto chiede alla Confederazione Swiss Olympic, sottolineando la difficile situazione in cui versano i vari club, le federazioni, le leghe nazionali e tutti gli sportivi di fronte a misure diverse fra una regione all’altra del Paese. In alcuni cantoni gli allenamenti e le gare si svolgono ancora, mentre altrove tutti gli impianti sportivi sono già stati chiusi, ricorda l'associazione in una nota odierna, diffusa in vista della riunione di mercoledì del Consiglio federale. Questa disparità di trattamento rende impossibile lo svolgimento di campionati nazionali e porta gli atleti a doversi recare in un altro cantone per praticare il loro sport, aggiunge Swiss Olympic, sostenendo che tale situazione non è certo efficace nella lotta contro la diffusione del virus.

26.10.2020 ore 15:25
Nuove restrizioni in Ticino

Alle 16.15 il Consiglio di Stato ticinese terrà una conferenza stampa durante la quale aggiornerà sull’evoluzione della situazione sul fronte pandemico e annuncerà nuove misure per contenere la diffusione del coronavirus.

Sarà possibile seguire il momento informativo in diretta dalle 16.10 su RSI LA2, sul Play, sul sito www.rsi.ch e sulla pagina Facebook @RSINews. La versione in Lingua dei segni sarà disponibile sul sito e sull’HbbTV.

26.10.2020 ore 15:20
Slovenia, positivo il 30% dei test

Domenica sono stati eseguiti 3’682 tamponi che hanno confermato 1’115 nuove infezioni da coronavirus, per un nuovo dato record che supera leggermente il 30% dei test positivi. Secondo i dati diffusi dal ministero della Salute, dieci pazienti sono deceduti con il covid-19, mentre sono 523 pazienti i pazienti che necessitano di cure ospedaliere, dei quali 82 in terapia intensiva, 11 in più rispetto al giorno precedente.

26.10.2020 ore 14:58
Sale da concerto e festival chiedono aiuti

Le restrizioni anti-Coronavirus imposte dalle autorità nei cantoni francofoni devono essere compensate con aiuti finanziari urgenti per evitare di mettere in pericolo l’intero settore delle sale da concerto e dei festival. Questo l’appello della federazione (PETZI) che rappresenta una quarantina di sale da concerto e una sessantina di festival nella Svizzera romanda.

26.10.2020 ore 14:46
CSA: "Servono test rapidi"

Per scongiurare un nuovo divieto delle visite, il Consiglio svizzero degli anziani (CSA) chiede che nelle case di riposo e di cura siano effettuati sufficienti test rapidi del Covid-19. Ciò consentirebbe di valutare rapidamente la situazione delle singole strutture e di adottare misure “moderate” adeguate. Durante la prima ondata pandemica di primavera la cancellazione delle visite si è rivelata “inefficace”, scrive il CSA. Il virus è comunque riuscito ad accedere agli istituti, per lo più tramite il personale di cura. I residenti, invece, si sono sentiti soli e in molti casi hanno manifestato problemi psichici o depressione, prosegue il CSA. Il divieto di visita è stato particolarmente drammatico per chi soffre di demenza, tanto che la malattia è spesso peggiorata. Il Consiglio chiede pertanto di non reintrodurre simili disposizioni.

26.10.2020 ore 14:39
"Malta vicina al collasso degli ospedali"

Nel giorno in cui Malta registra la 53esima vittima daCovid, l’associazione dei medici maltesi (Mma) ha lanciato un nuovo allarme, avvertendo che il sistema ospedaliero presto arriverà al collasso e chiedendo provvedimenti urgenti al Governo.

26.10.2020 ore 14:37
Bruxelles riduce riunioni in presenza

“La seconda ondata della pandemia da Coronavirus ha iniziato a colpire Bruxelles in modo particolarmente duro”. In città “i tassi di contagio sono tra i più alti d’Europa. In considerazione dell’elevato e ancora crescente numero di infezioni, e in consultazione con i partner, la presidenza tedesca del Consiglio dell’Ue ha deciso di ridurre le riunioni fisiche a livello di esperti al minimo indispensabile. Anche le riunioni virtuali saranno limitate ai temi prioritari”. Lo rende noto un portavoce della presidenza tedesca."La seconda ondata della pandemia da Coronavirus ha iniziato a colpire Bruxelles in modo particolarmente duro". In città "i tassi di contagio sono tra i più alti d'Europa. In considerazione dell'elevato e ancora crescente numero di infezioni, e in consultazione con i partner, la presidenza tedesca del Consiglio dell'Ue ha deciso di ridurre le riunioni fisiche a livello di esperti al minimo indispensabile. Anche le riunioni virtuali saranno limitate ai temi prioritari". Lo rende noto un portavoce della presidenza tedesca.

26.10.2020 ore 14:35
Brasile: oltre 157'163 morti e 5,4 milioni di casi

Il Brasile ha superato i 157mila decessi causati dal coronavirus, con una media giornaliera in discesa, mentre sfiora i 5,4 milioni di contagiati secondo gli ultimi dati delle segreterie sanitarie dei governi statali. Tra sabato e domenica sono stati segnalati 237 nuovi decessi, portando il totale a 157’163 morti, secondo quanto riportato dalla tv Globo.

26.10.2020 ore 14:34
Russia: un deputato su 5 con il coronavirus

Almeno 91 deputati russi su 450, cioè uno su cinque, hanno avuto o hanno il Covid-19: lo ha detto il presidente della Duma Viaceslav Volodin in un incontro con Vladimir Putin. Secondo Volodin, 38 parlamentari sono adesso ricoverati in ospedale a causa del Covid-19, di cui uno in terapia intensiva. A settembre un deputato del partito comunista, Vakha Agayev, 67 anni, è morto a causa delle complicazioni della malattia. Lo riporta il Moscow Times.

26.10.2020 ore 13:38
Novantun decessi in Svizzera negli ultimi 10 giorni, tutti over 60

La seconda ondata di coronavirus negli ultimi 10 giorni, stando ai dati resi noti dall’Ufficio federale di statistica, in Svizzera ha provocato 91 decessi (di cui 5 in Ticino) portando il totale delle morti legate al Covid-19 dall’inizio della pandemia a 1’914. Tutte le persone scomparse dal 16 ottobre via avevano oltre 60 anni. La classe d’età più colpita è quella degli ultraottantenni con 75 decessi, mentre 15 sono avvenuti tra i settantenni.

26.10.2020 ore 12:44
Incidenza dei contagi, in Svizzera uno dei tassi più alti d'Europa

L’attuale incidenza di 654 casi ogni 100’000 abitanti registrati negli ultimi giorni pone la Svizzera tra i paesi europei nei quali il coronavirus si sta diffondendo con maggiore velocità. Ad affrontare una situazione più grave (stando ai dati del Centro per la prevezione e il controllo delle malattie ECDC) sono solo: la Cechia (1’323), il Belgio (1’301), il Lussemburgo (789), la Slovenia (685) e i Paesi Bassi (674). Tra i paesi dove la seconda ondata in questo momento appare meno intensa vi sono la Norvegia dove l’incidenza è di 37, l’Estonia, la Finlandia, la Grecia, la Lituania, la Svezia e la Germania (135).

A livello nazionale non tutti i cantoni sono confrontati con situazione simili. L’incidenza più alta attualmente si registra in Vallese con 1’659 positività ogni 100’000 abitanti. All’altro estremo c’è Soletta con 304 (un valore comunque 5 volte superiore alla soglia oltre la quale gli Stati esteri sono considerati ad alto rischio). I dati di Ticino (575) e Grigioni (404) si situano al di sotto della media svizzera.

26.10.2020 ore 12:38
Iran, 5'960 casi e 337 vittime in 24 ore

Sono 5’960 i casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Iran, facendo salire i contagi complessivi a 574’856. Le nuove vittime ammontano a 337, eguagliando il record negativo di una settimana fa, per un totale di 32’953 decessi confermati.

26.10.2020 ore 12:37
Germania: "Situazione drammatica"

La cancelleria tedesca Angela Merkel ha espresso anche davanti al direttivo della Cdu la sua profonda preoccupazione per lo sviluppo della pandemia in Germania, affermando che l’aumento delle infezioni va assolutamente fermato. La cancelliera ha parlato di una situazione “drammatica”, lanciando l’allarme su un possibile impatto dell’aumento incontrollato dei contagi sulle terapie intensive. Sabato sono stati registrati quasi 15 mila nuovi contagi nel giro di 24 ore. Il dato di oggi è invece di 8’685, ma risente dell’Impatto del weekend.

26.10.2020 ore 12:33
Svizzera: proteste del personale sanitario

Azioni di protesta, che si svolgono questa settimana in tutta la Svizzera, hanno preso il via oggi davanti a un ospedale di Neuchâtel per denunciare le precarie condizioni di lavoro del personale, confrontato con l’emergenza pandemica. Anche a Lucerna circa 25 persone si sono riunite prima della seduta del parlamento cantonale, mentre in Ticino i sindacati hanno organizzato una conferenza stampa a Bellinzona. Tre le rivendicazioni: un bonus Covid-19 sotto forma di un salario mensile aggiuntivo, più diritti sul posto di lavoro - maggiore partecipazione e migliore protezione - nonché migliori condizioni, per l’applicazione della legge sul lavoro e contro l’obbligo di rilevare precisamente il tempo dedicato alle cure.

26.10.2020 ore 12:30
Il vaccino di Oxford genera risposta immunitaria

Il Financial Times ha anticipato i risultati degli studi sul vaccino anti-Coronavirus di Oxford: genera una risposta immunitaria sia negli anziani sia nei giovani.

26.10.2020 ore 12:29
Como, picchiati da clienti senza mascherina

I gestori dell’Alpe di Colonno - in provincia di Como, a est della Val d’Intelvi - stanno cercando un uomo e una donna che ieri mattina sono entrati nel rifugio e alle ripetute richieste di indossare la mascherina nell’area del locale, anche all’esterno, hanno risposto con la violenza. In particolare l’uomo, raccontano alla Provincia di Como, ha usato i bastoni di trekking per colpire la moglie e il figlio del titolare che hanno riportato lesioni. Per questo motivo, oltre ad aver deciso di presentare denuncia, i titolari hanno messo un’immagine dei due zaino in spalla all’ingresso della struttura con un appello: “Gentilmente chiunque veda o riconosca queste due persone contatti i carabinieri di Castiglione”.

26.10.2020 ore 12:23
Oltre 54'000 persone costrette a restare a casa

L’aumento dei contagi sta rapidamente facendo crescere anche il numero delle persone alle quali è ordinato di restare a casa. Attualmente in Svizzera, stando alle cifre rese note dalla Confederazione, ci sono 18’497 casi attiviti in isolamento, 19’867 persone in quarantena per aver avuto contatti stretti con i contagiosi e 15’799 persone in quarantena perché rientrate da paesi a rischio. La cifra reale è però superiore poiché i dati sono aggiornati solo ad alcuni giorni fa e che solo 22 cantoni hanno fornito a Berna i propri aggiornamenti.

26.10.2020 ore 12:13
Superati i 7'000 contagi quotidiani

Venerdì in Svizzera, stando agli ultimi dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, sono stati registrati 7’158 contagi in un sol giorno, praticamente il doppio di quelli del venerdì precedente (16 ottobre). Si tratta di un nuovo primato dall’inizio della pandemia. Durante la prima ondata (quando però si facevano meno tamponi) si era arrivati ad un massimo di 1’464 infezioni confermate in laboratorio il 23 marzo.

La media dei contagi giornalieri calcolata sulla base dei 7 giorni precedenti attulamente supera i 5’200 casi. Quattro volte il dato di due settimane fa. L’incidenza complessiva negli ultimi 14 giorni è di 654 casi per 100’000 abitanti.

26.10.2020 ore 12:10
Nuove norme in Svizzera: “È solo l’inizio della lotta alla seconda ondata”

Mercoledì il Consiglio federale comunicherà nuove misure per contenere la diffusione del nuovo coronavirus: “È solo l’inizio della lotta alla seconda ondata; bisogna aspettarsi che la discussione sulle misure da prendere continui”, ha dichiarato il consigliere federale e ministro della salute Alain Berset, dopo aver visitato l’ospedale universitario di Losanna.

26.10.2020 ore 12:06
Tunisia: 1'606 nuovi casi e 106 morti in 24 ore

Ancora in forte crescita i contagi in Tunisia dove, secondo i dati riferiti al 25 ottobre, sono stati registrati altri 1.606 contagi (su 3.910 test effettuati), che portano il totale delle infezioni confermate nel Paese nordafricano a quota 52.399. ll bilancio dei decessi è salito a 877, di cui 106 nelle 24 ore considerate.

26.10.2020 ore 12:04
Cina: test nello Xinjiang per 5 milioni di persone

La Cina ha segnalato il più alto numero di nuove infezioni asintomatiche da coronavirus in quasi sette mesi dopo la scoperta di casi legati a una fabbrica di abbigliamento nella regione di nordovest dello Xinjiang. Le autorità sanitarie ne hanno confermati 137, tutti resi già noti domenica, nell’ambito di una campagna per testare 4,75 milioni di persone nell’area di Kashgar, interessata da un’infezione asintomatica partita da una lavoratrice di abbigliamento di 17 anni, segnalata sabato.

26.10.2020 ore 12:04
In Svizzera da venerdì: 37 decessi, 259 ricoveri e 17'440 contagi

Il virus avanza sempre più velocemente in Svizzera: lunedì la Confederazione ha fornito l’aggiornamento della situazione da venerdì. In 72 sono stati registrati 37 decessi legati al Covid-19 , 259 ospedalizzazioni e 17’440 contagi. In 72 ore sono stati eseguiti 82’026 tamponi con un tasso di positività del 21,6%.

26.10.2020 ore 11:56
“Sollevati dall’arrivo dei test rapidi”

“Siamo sui 25’000 test covid al giorno, abbiamo una capacità di poco superiore e siamo per questo felici che a breve si potranno usare i test rapidi, che sono affidabili.” Lo ha dichiarato il consigliere federale e ministro della salute Alain Berset, in visita al Chuv, l’ospedale universitario di Losanna. “Siamo uno dei Paesi messi peggio a livello europeo”, ha aggiunto Berset.

La situazione, in Svizzera, ha sottolineato Berset, è radicalmente peggiorata dallo scorso 10 ottobre: “Ora è il momento di ricordarsi l’importanza delle misure di contenimento (igiene accresciuta, distanziamento sociale e uso della mascherina)”.

Berset ha lanciato un appello alla popolazione: “Bisogna impegnarsi a livello individuale per limitare i rischi di infezione”.

26.10.2020 ore 11:52
“Situazione critica; le cifre peggiorano di giorno in giorno”

“La situazione è critica e peggiora ogni giorno. L’aumento dei nuovi casi di coronavirus è esponenziale. I casi raddoppiano e ci aspettiamo che pure il numero di ricoveri raddoppierà giorno per giorno”: Lo ha dichiarato il consigliere federale e ministro della salute Alain Berset, in visita al Chuv, l’ospedale universitario di Losanna. “Siamo uno dei Paesi messi peggio a livello europeo. Dobbiamo evitare il sovraccarico del sistema sanitario”, ha aggiunto Berset.

Il solo modo per tenere la situazione sotto controllo è limitare il numero di nuovi contagi, che nella maggior parte avvengono nella sfera privata, ha aggiunto il consigliere federale, sottolineando l’importanza delle misure di base: lavarsi spesso le mani, mantenere le distanze e indossare la mascherina quando il mantenimento della distanza di sicurezze non è possibile.

La situazione non è la stessa nei singoli cantoni: per questo ci sono differenze tra le decisioni varate dai vari esecutivi, ha inoltre sottolineato il consigliere federale. Serve però una base comune e, ha aggiunto, altre misure di contenimento valide a livello federale verranno comunicate mercoledì dal Consiglio federale (una procedura di consultazione con i cantoni è in corso).

Vaud, rischio saturazione dei reparti ospedalieri

Nel canton Vaud, ha spiegato la consigliera di Stato Rebecca Ruiz, per ora i pazienti possono essere ancora presi a carico; il sistema ospedaliero è solido, ma il rischio di saturazione dei reparti è dietro l’angolo. Anche i servizi contact tracing, come in altri cantoni, sono sotto pressione.“Situazione critica; le cifre peggiorano di giorno in giorno”

26.10.2020 ore 11:27
Francia: "Rischio di arrivare a 100'000 casi al giorno"

La Francia potrebbe contare fino a 100’000 casi al giorno di coronavirus. A ritenerlo è Jean-Francois Delfraissy, a capo del comitato scientifico francese che lavora con il governo all’emergenza Covid-19. A suo avviso “probabilmente ci sono più di 50’000 casi al giorno”, come ha detto alla radio Rtl. “A livello di comitato scientifico - ha affermato - stimiamo che siamo intorno ai 100’000 casi al giorno, il doppio tra casi diagnosticati, non diagnosticati e asintomatici”. La Francia ha registrato un record di 52’010 nuovi casi in 24 ore. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria conta oltre 1,13 milioni di contagi ed è il quinto Paese più colpito dopo Stati Uniti, India, Brasile e Russia.

26.10.2020 ore 11:25
Lufthansa in crisi, nonostante gli aiuti

Nemmeno con gli aiuti di Stato la compagnia aerea Lufthansa riesce a reggere l’impatto del coronavirus: perde un milione di euro ogni due ore e si trova confrontata con un crollo dei passeggeri che si aggira attorno all’80%.

Nuovi tagli per Lufthansa

Nemmeno con gli aiuti di Stato la compagnia aerea riesce a reggere l'impatto del coronavirus

26.10.2020 ore 11:24
Belgio, media di 12'491 infezioni giornaliere

Il Belgio ha registrato una media giornaliera di 12.’491 contagi da coronavirus nel periodo compreso tra il 16 e il 22 ottobre, ossia il 44% in più rispetto alla settimana precedente. In totale, 321’031 persone hanno contratto il virus dall’inizio della pandemia mentre i ricoveri ospedalieri hanno raggiunto una media giornaliera di 467,7, con un incremento dell’85%. Attualmente sono 4’827 le persone ricoverate. I decessi sono in totale 10.810. La media tra il 16 e il 22 ottobre è stata di 41,9 morti al giorno.

26.10.2020 ore 11:20
USA, record di contagi

Sono 88’973 i nuovi contagi in un solo giorno negli Stati Uniti. Un numero record. Il totale di infezioni raggiunto dall’inizio della pandemia supera gli 8,6 milioni. Il totale dei decessi è di 225’230, che fanno degli USA il Paese più colpito al mondo.

26.10.2020 ore 10:38
Classe del Liceo 2 di Lugano in quarantena

Il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) e il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) comunicano che domenica è stata posta in quarantena una classe del Liceo di Lugano 2.

A partire da oggi la comunicazione sulle quarantene di classe delle scuole obbligatorie e postobbligatorie, se del caso, verrà aggiornata quotidianamente sempre e unicamente alle 10 sul sito del DECS.

26.10.2020 ore 10:01
Ticino: altri 147 casi e 15 ospedalizzazioni

Sono 147 i nuovi casi di nuovo coronavirus registrati in Ticino nelle ultime 24 ore; il totale, da febbraio, sale così a quota 5’987. Tra domenica e lunedì si contano inoltre altre 15 ospedalizzazioni: sono in tutto 80 le persone ricoverate, di cui 6 in terapia intensiva (due di esse nelle ultime 24 ore). Non si segnalano decessi aggiuntivi legati al Covid-19 (356 in tutto).

26.10.2020 ore 09:10
Russia, ennesimo primato di nuovi contagi

I contagi continuano ad aumentare anche in Russia, dove nel corso delle ultime 24 ore sono stati accertati 17’347 nuovi casi: il numero più alto finora registrato dall’inizio dell’epidemia.

Stando ai dati del centro operativo nazionale anti-coronavirus, nel corso dell’ultima giornata sono morte 219 persone portando a 26’269 il totale ufficiale delle vittime legate al Coivd-19 in Russia, mentre le infezioni accertate sono in tutto 1’531’224.

26.10.2020 ore 09:08
Australia: zero contagi, lo Stato di Victoria esce dal lockdown duro

Melbourne e lo stato di Victoria stanno per voltare pagina. Usciranno dal lockdown duro, imposto a causa della pandemia di coronavirus, e mercoledì inizierà una nuova fase di riapertura.

Lunedì nello Stato di Victoria non si sono registrati nuovi contagi per la prima volta dal 9 giugno né altri decessi a causa della pandemia. Il premier Daniel Andrews ha annunciato la riapertura di “tutte le attività di vendita al dettaglio”, così come di “ristoranti, alberghi, bar e locali”. Per la prima volta, dal lockdown scattato il 2 agosto, a Melbourne i negozianti torneranno ad accogliere clienti.

Dall’inizio dell’emergenza l’Australia, con 25 milioni di abitanti, ha registrato oltre 27’500 infezioni con 905 decessi per il Covid-19 (817 nello stato di Victoria).


RG 18.30 del 23.10.20: Le misure prese in Australia spiegate dall'infettivologo ticinese Stefano Giulieri che lavora al Royal Melbourne Hospital al microfono di Claudio Bustaffa
26.10.2020 ore 09:05
Filippine: 1’607 nuovi casi e altri 62 morti

Le Filippine hanno registrato 1’607 nuove infezioni da coronavirus e altri 62 morti. Il totale dei casi confermati è salito a 371’630, mentre i decessi hanno raggiunto le 7’039 unità. Il sito Le Filippine sono al secondo posto per numero di infezioni da COVID-19 e morti nel sud-est asiatico, dopo l’Indonesia.

26.10.2020 ore 09:04
Francia, probabile ondata più forte della prima

“Questo virus è molto difficile. Abbiamo acquisito molte informazioni, ma non sappiamo tutto. Questa seconda ondata sarà probabilmente più forte della prima ondata e l’impatto sul sistema sanitario sarà immediato, nelle prossime tre settimane, nei servizi di rianimazione”: lo ha detto il presidente del comitato scientifico francese, Jean-Francois Delfraissy. Per lui, attualmente, ci sono “probabilmente più di 50’0000 casi di coronavirus al giorno”. Delfraissy ritiene che questo dato si “vada verso i 100’000 casi al giorno”.

26.10.2020 ore 09:02
Accelera il commercio online

Se la pandemia di coronavirus ha affossato alcuni settori economici, ha invece dato un vero colpo d’acceleratore al commercio online. Ne hanno approfittato aziende come Brack, che ha quasi raddoppiato il proprio personale nella logistica. Durante la primavera, a causa dell’esplosione di ordinazioni, il personale della logistica è passato da 250 a 450 persone. Circa il 10-15% dei dipendenti già presenti non ha però potuto lavorare, poiché appartenente ai gruppi a rischio per il Covid-19.

26.10.2020 ore 08:40
Trasporti, il sindacato SEV chiede sostegno finanziario

A causa del nuovo coronavirus, il SEV (Sindacato del personale e dei trasporti) temere che le perdite di introiti per le imprese di trasporto e i loro dipendenti aumentino, per questo chiede un maggiore sostegno finanziario dell’ente pubblico. “I mancati introiti delle imprese pubbliche di trasporto sono stimati in quasi 1,5 miliardi per il 2020, pari a una diminuzione dal 25 al 30 percento per rapporto al 2019”, fa notare il presidente del SEV Giorgio Tuti, citato in un comunicato stampa. Il sindacato ha appena scritto alla presidente della Confederazione e ministra dei trasporti Simonetta Sommaruga, esprimendole la sua inquietudine. Durante il lockdown dal 15 marzo al 31 maggio la cifra d’affari del settore ha subito un calo del 60 percento. “Occorre dunque attendersi cifre ancora peggiori per la fine del corrente anno”, continua Giorgio Tuti.

26.10.2020 ore 08:05
Spagna, nuove norme contro il virus

Quello di riportare sotto controllo il numero dei contagi sembra essere l’obiettivo di ormai tutti i Governi europei. Anche la Spagna ieri ha fatto un nuovo deciso passo verso provvedimenti più restrittivi, soprattutto er quanto riguarda la libertà di movimento:

Radiogiornale delle 08.00 del 26.10.2020: il servizio di Mariangela Paone
26.10.2020 ore 07:53
Germania, altri 8'685 casi e 24 morti

Il numero di casi confermati di Coronavirus in Germania è salito di altri 8’685 in 24 ore, raggiungendo il totale di 437’866. Si sono registrati anche altri 24 morti, portando il totale a 10’056 decessi dall’inizio dell’epidemia nel Paese.

26.10.2020 ore 07:47
All Nippon Airways taglierà 3'500 posti di lavoro

La compagnia aerea giapponese All Nippon Airways (ANA), primo vettore nipponico, si appresta ad annunciare un taglio di 3’500 posti di lavoro entro l’anno fiscale 2022, per tentare di arginare gli effetti della crisi sul settore dell’aviazione causata dalla pandemia del coronavirus. ANA al momento impiega circa 46’000 dipendenti.

26.10.2020 ore 07:40
Francia: Covid è la prima causa di morte

Antoine Flahault, direttore dell’Istituto di salute globale della Facoltà di Medicina dell’Università di Ginevra, ha reso noto attraverso Twitter che in Francia, con una media di 153 morti al giorno, il coronavirus è diventato la principale causa di mortalità giornaliera (molto prima dell’infarto del miocardio, che era la prima causa di mortalità, con una media di 90 morti al giorno).

26.10.2020 ore 07:07
Grigioni: altri 48 casi e 5 ricoverati

Sono 48 i nuovi casi giornalieri di nuovo coronavirus registrati nei Grigioni (il totale sale a quota 1’917), dove altre 5 persone sono state ospedalizzate (nessuna di esse in terapia intensiva): nel cantone, sono attualmente 17 le persone ricoverate in relazione al Covid-19, di cui quattro in un reparto di terapia intensiva e sottoposte a respirazione assistita. Non si segnalano decessi aggiuntivi, fermi a quota 50 dallo scorso 8 giugno.

26.10.2020 ore 07:00
Ospedali romandi preoccupati

Molti i ricoveri a causa del coronavirus in alcuni cantoni della Svizzera romanda; necessari trasferimenti e personale supplementare:

Ospedali sotto pressione

Molti i ricoveri a causa del coronavirus in alcuni cantoni della Svizzera romanda; necessari trasferimenti e personale supplementare