Vitta durante la conferenza stampa
Vitta durante la conferenza stampa (Tipress)
Momenti chiave
15.03.2020 ore 11:52
14.03.2020 ore 23:48
14.03.2020 ore 21:46
14.03.2020 ore 21:16
14.03.2020 ore 19:55
14.03.2020 ore 19:52
14.03.2020 ore 18:38
14.03.2020 ore 18:36
14.03.2020 ore 17:13
14.03.2020 ore 17:04
14.03.2020 ore 13:11
14.03.2020 ore 12:49
14.03.2020 ore 12:17
14.03.2020 ore 12:05
14.03.2020 ore 12:03
14.03.2020 ore 11:33
14.03.2020 ore 11:18
14.03.2020 ore 10:23
14.03.2020 ore 09:59
14.03.2020 ore 09:28

Covid-19, il Ticino si blinda

#distantimavicini Attività ridotte al minimo indispensabile e sostegni all'economia - In vigore in tutta la Svizzera le misure del Consiglio federale per far fronte all'emergenza
sabato 14 marzo 2020 09:28

Il Consiglio di Stato ticinese ha deciso che dalla mezzanotte di sabato e almeno fino a fine mese saranno chiusi tutti gli esercizi pubblici (garantiti servizi a domicilio e mense) e i negozi. Aperti i supermercati e farmacie.

Per controbilanciare l'impatto della pandemia e delle decisioni delle autorità nell'ambito dello stato di necessità, il Governo ha varato anche un pacchetto di misure a sostegno dell'economia (la Infoline per le aziende 0840 117 112 sarà attiva da domenica mattina) e dei privati che vanno a sommarsi a quelle introdotte dal Consiglio federale per far fronte alla pandemia venerdì.

Con scuole chiuse, parziale chiusura delle frontiere, divieto di manifestazioni con più di 100 partecipanti, limitazioni per bar e ristoranti e invito a mantenere le distanze in tutto il paese si vive sospesi. I ritmi sono ridotti, mentre il contagio avanza velocemente.

Nella Confederazione le persone positive sono oltre 1'300 di cui 265 in Ticino (64 ospedalizzati e 13 in terapia intensiva) e 47 nei Grigioni. In Ticino sabato mattina sono stati annunciati altri due decessi che portano il totale dei morti legati al Covid-19 a 5. I dati delle guarigioni non ci sono, ma le persone che si sono ristabilite sono sempre di più.

La cartina aggiornata in tempo reale

Diego Moles, Stefano Wingeyer, Sandro Pauli e Alessandra Spataro

Il live ticker di ieri

15.03.2020 ore 11:52
Stop alle messe da mezzanotte

Tutte le funzioni religiose con il concorso di fedeli sono sospese su tutto il territorio diocesano a partire dalla mezzanotte di sabato. Lo segnala un comunicato stampa della Diocesi di Lugano, il quale sottolinea anche che tutti i fedeli sono dispensati dall’obbligo di andare a messa. Le chiese rimangono aperte per la preghiera personale.

Per quanto riguarda i funerali “in caso di sepoltura ci si limiti a un momento di preghiera al cimitero. In caso di cremazione ci si limiti invece a un momento di raccoglimento al crematorio. Se l’accesso è impedito questo va vissuto quando viene data sepoltura alle ceneri”. Le veglie funebri e le preghiere del rosario con convocazione nella casa del defunto. Il sacramento della riconciliazione potrà aver luogo solo in spazi ampi.

14.03.2020 ore 23:48
Pasqua a porte chiuse in Vaticano

Il sito della Prefettura della Casa pontificia ha informato sabato sera che “a motivo dell’attuale emergenza sanitaria internazionale, tutte le celebrazioni liturgiche della Settimana Santa si svolgeranno senza la presenza fisica di fedeli. Inoltre, si informa che fino al 12 aprile le udienze generali del Santo Padre e le recite dell’Angelus saranno fruibili solamente in diretta streaming sul sito ufficiale di Vatican News.

14.03.2020 ore 23:20
Francia, tutto chiuso ma le comunali si faranno

La Francia ha deciso di chiudere tutti i luoghi pubblici non indispensabili, ossia ristoranti, bar e luoghi di culto. Ma ha allo stesso tempo mantenuto il primo turno delle elezioni comunali. Una scelta che sta creando non pochi malumori.


14.03.2020 ore 22:20
In Ticino si fa uso del Tocilizumab

Il farmaco Roche testato in Ticino

COVID-19: è quello usato solitamente per curare l'artrite reumatoide; in Cina ha dato buoni risultati - L'intervista ad Alessandro Ceschi, direttore dell'istituto di scienze farmacologiche presso l'EOC

14.03.2020 ore 21:46
La RSI rivede il palinsesto

“Stiamo a casa, sì, ma noi stiamo a casa con voi”: il direttore Maurizio Canetta ha sintetizzato così la decisione da parte della RSI di offrire da lunedì programmi ad hoc in questo periodo segnato da coronavirus: programmi quindi per bambini, programmi per fare esercizi, programmi culturali che possano accompagnare in queste giornate in cui tutto, o quasi, si è fermato.

14.03.2020: Il commento di Maurizio Canetta
14.03.2020 ore 21:33
USA chiudono anche a Regno Unito e Irlanda


Donald Trump, che ha deciso di fare il test per il coronavirus, ha deciso di estendere le restrizioni dei viaggi dall’Europa anche a Regno Unito e Irlanda. Inoltre, il presidente statunitense sta valutando restrizioni anche per i viaggi interni.

14.03.2020 ore 21:16
Israele chiude bar e ristoranti

Da domenica tutte le attività ricreative in Israele, compresi bar e ristoranti saranno chiusi come misura contro il coronavirus. Lo ha annunciato il premier Benyamin Netanyahu in un discorso nel quale ha sottolineato la necessità di distanziarsi dalle altre persone almeno di 2 metri e non più di 10 persone. I servizi essenziali, ha spiegato, invece continueranno. Netanyahu ha anche detto che saranno usate procedure di controllo della malattia attraverso sistemi tecnologici, forse anche con i cellulari, come a Taiwan. I casi di infezione sono arrivati a 193.


14.03.2020 ore 19:55
E anche la Francia chiude tutto

La Francia ha deciso di chiudere tutti i luoghi pubblici “non indispensabili”, fra i quali ristoranti, bar e luoghi di culto a partire dalla mezzanotte. Lo ha annunciato in diretta TV il primo ministro Edouard Philippe. Il bilancio dei contagiati è intanto salito a 4’500, mentre i morti sono 91.

14.03.2020 ore 19:52
In Spagna oltre 6'000 contagiati

Sono oltre 6’000 le persone contagiate in Spagna e 189 quelle decedute. Proprio sabato il Governo ha proibito tutti gli spostamenti che non siano dettate di forza maggiore.

14.03.2020 ore 18:38
Il Moesano si adegua

Le nuove regole adottate dal Ticino saranno valide anche nel Moesano. Nel giorni scorsi la regione che riunisce Mesolcina e Calanca ha ottenuto dal Consiglio di Stato grigionese di essere considerata un caso a parte a livello retico. Ciò per la contiguità territoriale e le relazioni che legano i territori sui due lati del confine di Monticello.

14.03.2020 ore 18:36
Tutte le misure adottate in Ticino

"Misure? Siamo andati oltre l'Italia"

Il Consiglio di Stato ticinese ha presentato il nuovo giro di vite alle attività economiche: tutto chiuso ad eccezione dei servizi indispensabili

14.03.2020 ore 18:33
Il rispetto delle norme sarà vigilato

Norman Gobbi ha annunciato che il rispetto delle norme di condotta e dei divieti sarà controllato dallo Stato maggiore di condotta cantonale tramite le risorse a sua disposizione. Cantone e comuni hanno espresso preoccupazione per l’atteggiamento di parte della popolazione che non si rende conto dell’importanza del rispetto delle raccomandazioni delle autorità.

14.03.2020 ore 18:10
+++Merlani: in Ticino sono 265 i casi, 64 persone all'ospedale, 13 in terapia intensiva e cinque morti+++

+++Merlani: in Ticino sono 265 i casi, 64 persone all’ospedale, 13 in terapia intensiva e cinque morti+++

14.03.2020 ore 18:08
De Rosa: "Ridurre al minimo gli spostamenti. Sono sacrifici limitati nel tempo"

De Rosa: “Ridurre al minimo gli spostamenti. Sono sacrifici limitati nel tempo”

14.03.2020 ore 18:04
Zali: da lunedì le imprese di trasporto pubblico sono incaricate di modulare l’offerta

Zali: “Da lunedì 16 marzo le imprese di trasporto pubblico sono incaricate di modulare l’offerta”

14.03.2020 ore 17:53
+++Vitta: "C'è la possibilità di posticipare le elezioni comunali"+++

+++Vitta: “C’è la possibilità di posticipare le elezioni comunali”; Gobbi: “Sentiremo domani anche i rappresentanti dei comuni domenica, sembra che si andrà verso questa direzione”+++

14.03.2020 ore 17:51
Amministrazione cantonale: garantiti i servizi essenziali

Saranno garantiti unicamente i servizi essenziali. Chiusi gli sportelli all’utenza. Aperti solo quelli per le urgenze.

14.03.2020 ore 17:49
Ticino: inoltro dichiarazioni di imposte posticipate al 30 giugno

Inoltro dichiarazioni di imposte posticipate al 30 giugno

14.03.2020 ore 17:45
+++Ticino: aperti supermercati e farmacie+++

+++Ticino: aperti supermercati e farmacie+++

+++Ticino: aperti supermercati e farmacie+++
14.03.2020 ore 17:44
+++Ticino: Servizi postali e bancari e aperti+++

+++Ticino: Servizi postali e bancari e aperti+++

14.03.2020 ore 17:43
+++Ticino: chiusi parrucchieri e centri di estetica+++

+++Ticino: chiusi parrucchieri, barbieri e centri di estetica, anche a domicilio+++

14.03.2020 ore 17:43
+++Ticino: da mezzanotte di stasera: esercizi di ristorazioni chiusi+++

+++Ticino: da mezzanotte di stasera: esercizi di ristorazioni chiusi, compresi bar, pub, bar delle stazioni di servizio, bar delle pasticcerie. Escluse dalla chiusura: le consegne a domicilio, le mense sociali, quelle aziendali e per le case anziani+++


TG speciale: il Ticino chiude quasi tutto
Le nuove misure adottate dal Consiglio di Stato per frenare il contagio da Coronavirus
14.03.2020 ore 17:36
Italia: 21'157 contagiati e 1’441 i morti

In Lombardia sono 11’685 le persone risultate contagiate dal coronavirus, con un incremento di 1’865; 4’898 le persone ospedalizzate (+463). Le persone in terapia intensiva sono 732, con un incremento di 85 e i decessi 966, 76 in più. In totale in Italia sono stati registrati 21’157 i casi; 1’441 i morti.

14.03.2020 ore 17:13
Reclutamenti sospesi in Svizzera

L’esercito svizzero ha deciso di sospendere da lunedì 16 marzo e fino a nuovo avviso tutti i reclutamenti.

14.03.2020 ore 17:04
Stop alle messe in Ticino

Tutte le funzioni religiose con il concorso di fedeli sono sospese sull’intero territorio della Diocesi di Lugano a partire dalla mezzanotte di sabato. Lo segnala un comunicato stampa della Curia, nel si quale sottolinea anche che tutti i fedeli sono dispensati dall’obbligo di andare a messa. Le chiese rimangono aperte per la preghiera personale.

Per quanto riguarda i funerali “in caso di sepoltura ci si limiti a un momento di preghiera al cimitero. In caso di cremazione ci si limiti invece a un momento di raccoglimento al crematorio. Se l’accesso è impedito questo va vissuto quando viene data sepoltura alle ceneri”. Le veglie funebri e le preghiere del rosario con convocazione nella casa del defunto. Il sacramento della riconciliazione potrà aver luogo solo in spazi ampi.

14.03.2020 ore 16:52
Alle frontiere con l'Italia già respinte 288 persone

Le nuove basi legali entrate in vigore venerdì che consentono al personale di dogana di agire concretamente hanno già portato a respingere 288 persone alla frontiera tra Ticino e Italia. Lo ha reso noto il direttore delle dogane Christian Bock durante una conferenza stampa a Chiasso. Il volume dei mezzi di trasporto privati provenienti dalla vicina Italia e diretti in Ticino è pure diminuito del 60%.

Primi respingimenti in dogana

Calati del 60% i passaggi tra Italia e Ticino. Soddisfatto delle misure introdotte dal Governo il direttore delle dogane Christian Bock

14.03.2020 ore 16:14
Due contagi anche ad Appenzello Interno: tutti i cantoni colpiti

Appenzello Interno, fino ad ora ultimo cantone ad essere risparmiato dal contagio, ha registrato due casi sabato: si tratta di un 59enne e una 57enne. Il loro stato di salute non desta particolare preoccupazione, afferma il Dipartimento cantonale della sanità.


Tutta la Svizzera contagiata

COVID-19: Appenzello Interno, ultimo cantone a non aver registrato sino ad ora casi, ha comunicato i primi due positivi

14.03.2020 ore 15:54
Il virus non si scaccia col pensiero ma pensare bene aiuta ad affrontarlo

La pandemia mette in difficoltà tutti anche da un punto di vista mentale. Per non farsi sopraffare dalle difficoltà e dalla paura legate a un’esperienza che sta modificando abitudini, certezze e consuetudini c’è però la “ Breve guida psicologica tascabile per tempi difficili”.

Si tratta di un un vademecum pubblicato dalla task force per il sostegno psicologico creata dalle autorità cantonali ticinesi.

Le parole chiave sono sei: solidarizzare, contenere, distinguere, focalizzare e pazientare. #distantimavicini

14.03.2020 ore 15:44
Ginevra requisisce un reparto di cure intense ai privati

Il canton Ginevra ha requisito sabato mattina il reparto di terapia intensiva dell’ospedale privato la Tour a Meyrin. La misura consentirà di avere più posti letto a disposizione per affrontare l’epidemia di coronavirus. “Requisiremo tutte le attrezzature, gli spazi e i professionisti necessari” ha dichiarato al Telegiornale della RTS di 12.45. Il Cantone, ha inoltre precisato, non vuole indebolire i fornitori privati di prestazioni sanitarie con i quali peraltro “in generale la collaborazione funziona molto bene”.

14.03.2020 ore 15:28
Lucerna: chiusi alcuni piccoli posti di polizia

Alcuni piccoli posti di polizia saranno chiusi a Lucerna a partire da lunedì per ridurre il contatto diretto con i clienti e il rischio di infezione degli agenti. Quello lucernese è il primo corpo di polizia che annuncia una misura di questo tipo. In totale saranno temporaneamente chiusi 23 posti, hanno reso noto oggi le forze dell’ordine cantonali. Rimarranno invece aperti altri nove uffici principali. Le stazioni di polizia online saranno sempre a disposizione della popolazione 24 ore su 24 per le segnalazioni di poca rilevanza.

14.03.2020 ore 15:02
Tutti davanti agli schermi grandi e piccoli

Il consumo di televisione e l’utilizzo del telefono, in questi giorni di coronavirus, in Svizzera sono impennati. Lo ha confermato il direttore di Swisscom, Urs Schäppi.

Nelle braccia del "Grande fratello"

I consigli di rimanere a casa per evitare il contagio da coronavirus hanno fatto impennare il consumo televisivo e telefonico

14.03.2020 ore 14:35
Anche i fedeli si adeguano al tempo del coronavirus

Il coronavirus sta mettendo in difficoltà molti settori, compreso quello religioso. Negli Stati Uniti i fedeli non hanno smesso di frequentare le chiese, almeno fino a quando queste rimarranno aperte. I cattolici stanno tuttavia adottando alcune misure per evitare i contagi.

In Louisiana ad esempio hanno abolito lo scambio del segno di pace, hanno limitato l’acqua santa e la Comunione non viene più data per bocca. Sacerdoti e diaconi, a Chicago, devono lavarsi le mani prima e dopo questa parte della messa.

Anche alle nostre latitudini, la Diocesi di Lugano ha preso delle precauzioni, seguendo quanto detto dal Consiglio di Stato e dal medico cantonale. Alcune misure molto simili a quelle adottate oltreoceano.

Coronavirus: precauzioni in un amen
14.03.2020 ore 13:28
Stazioni invernali, c'è chi tiene aperto

Le dichiarazioni del Consiglio federale in merito alla chiusura delle stazioni sciistiche come misura contro la diffusione del coronavirus non sono affatto state recepite in modo uniforme. Mentre tutti gli impianti di risalita ticinesi e grigionesi sono fermi, in altri cantoni ogni singolo gestore ha pratiche proprie. Analogamente ai Grigioni, la stagione di sport invernali ha chiuso i battenti ad esempio a Nendaz (VS), Crans-Montana (VS), Sörenberg (LU) e Meiringen-Hasliberg (BE). Nel canton Berna invece gli impianti di Gstaad e della regione della Jungfrau (Grindelwald, Wengen, Mürren, Lauterbrunnen e Haslital) sono aperti. Pure aperti, tra gli altri, i comprensori di Hoch-Ybrig (SZ), Adelboden-Lenk (BE), Titlis (OW).

Il presidente del Consiglio di Stato bernese, Christoph Ammann - direttore del Dipartimento dell’economia, dell’energia e dell’ambiente - ha affermato che, a suo avviso, sulle piste da sci è possibile realizzare le condizioni della cosiddetta distanza sociale.

L’ordinanza, che prescrive i nuovi provvedimenti, di lotta al Covid-19 è entrata in vigore venerdì pomeriggio simultaneamente alla conferenza stampa del Consiglio federale.

Berset: "Vietare per prevenire"
14.03.2020 ore 13:11
Spagna, aumento dei contagi

Oltre 1’500 nuovi casi di coronavirus sono stati notificati da venerdì sera in Spagna, il secondo Paese più colpito in Europa con un totale di 5’753 casi, secondo l’ultima valutazione pubblicata dalle autorità sabato. Il Paese conta 136 morti rispetto ai 121 di giovedì sera. Il Consiglio dei ministri in una riunione straordinaria convocata per decretare lo stato di allarme ha proibito tutti gli spostamenti che non siano dettati da cause di forza maggiore, ma è consentito andare al lavoro e rifornirsi di beni alimentari.

Da parte sua il presidente della Generalitat Quim Torra ha annunciato l’isolamento di tutta la Catalogna, per fronteggiare l’epidemia di coronavirus. “Lo Stato deve accompagnarci sulle vie di accesso di sua competenza, per fermare gli ingressi ai porti, agli aeroporti e al sistema ferroviario”, ha sottolineato.

14.03.2020 ore 12:49
Si elabora il Piano SalvaTicino

Governo, imprenditori e sindacati impegnati nella definizione di misure straordinarie per affrontare le conseguenze della pandemia. Le decisioni saranno rese note sabato pomeriggio.

Un piano SalvaTicino

Governo, imprenditori e sindacati impegnati nella definizione di misure straordinarie per affrontare le conseguenze della pandemia

14.03.2020 ore 12:38
Un lungo applauso per il personale sanitario

Sabato a mezzogiorno tante persone hanno applaudito per ringraziare e incoraggiare tutto il personale sanitario impegnato al fronte per lottare contro la pandemia.


L’iniziativa promossa tramite i social in Italia ha raggiunto anche il Ticino dove in molti si sono uniti al battito delle mani alle finestre, in strada e nei ritrovi all’aperto (qui sotto l’applauso registrato a Lugano-Loreto).

Domani, domenica, a farsi sentire saranno i suonatori di corni delle Alpi di tutto il Ticino. Alle 12, ciascuno a casa propria, eseguiranno contemporaneamente lo stesso brano per ringraziare il mondo sanitario.

L'applauso registrato questa mattina a Lugano Loreto
14.03.2020 ore 12:17
Martigny, chiude anche la Gianadda

La Fondazione Gianadda di Martigny (VS) sarà chiusa fino a nuovo avviso. Questa decisione fa seguito alle misure adottate dal Consiglio federale e dal Cantone del Vallese per combattere il coronavirus. Anche tutti gli eventi come conferenze, concerti e visite guidate saranno cancellati o rinviati, ha spiegato, sabato, la Fondazione in una nota.

14.03.2020 ore 12:15
In Svizzera 1'359 contagiati e 13 morti

Sono 1359 i casi positivi di Coronavirus registrati in Svizzera sabato alle ore 10.30. I decessi sono invece 13. Lo segnala l’Ufficio federale della salute pubblica (UFSP), secondo il quale 1.189 casi sono stati confermati e altri 170 devono ancora esserlo. L’età media è di 49 anni. Il 52% dei casi sono uomini, il 48% donne. Gli adulti rimangono significativamente più colpiti rispetto ai bambini. Sono stati segnalati contagi in 24 dei 26 cantoni svizzeri.

14.03.2020 ore 12:05
Serrande abbassate anche in Belgio

Anche in Belgio comincia oggi, sabato, un nuovo periodo di restrizioni alla vita sociale e agli eventi pubblici per cercare d’arginare l’epidemia di coronavirus: le scuole sono chiuse fino al 3 aprile, così come i bar, i ristoranti e le discoteche. Stessa sorte anche per tutti gli esercizi commerciali durante il weekend, salvo gli alimentari e le farmacie. Mentre sono annullati tutti gli eventi pubblici e gli spettacoli di teatri, cinema e centri culturali.

14.03.2020 ore 12:03
Lunghe code fuori dai negozi


L’invito a restare a casa per evitare contatti ravvicinati negli agglomerati urbani del Ticino sembra non essere stato del tutto recepito. In giro nei commerci, nei bar e nelle strade ci sono numerose persone tra cui anche numerosi anziani. Grande ressa soprattutto fuori dai negozi di alimentari dove l’afflusso di clienti è notevole. I controlli, le misure volte a contenere gli afflussi a tutela delle distanze e le disposizioni igieniche provocano lunghe code. In genere vengono affrontate nella calma, ma vi sono anche situazioni di tensione. In alcuni casi a dar man forte ai gerenti e agli agenti di sicurezza privati è dovuta intervenire anche la polizia.


Molte le lamentele - sia da parte della clientela, sia da parte del personale - causa dell’impossibilità di rispettare la distanza sociale raccomandata dalle autorità e della scarsità di guanti, disinfettante e mascherine.

La corsa agli acquisti di alimentari e di generi di prima necessità è in corso in tutta la Svizzera.

14.03.2020 ore 11:35
145'377 contagi nel mondo e 5'429 morti

Sono 145’377 i casi di coronavirus nel mondo, 5’429 le persone decedute per il Covid-19 e 71’717 i guariti, secondo l’aggiornamento della Johns Hopkins University. I Paesi colpiti sono 129, con la Cina al primo posto (81’000 casi), seguita dall’Italia (oltre 17’600 casi) e dall’Iran (11’364 casi).

14.03.2020 ore 11:33
Altri due morti in Ticino

Il coronavirus in Ticino ha provocato altri due morti legati al Covid-19 .Si tratta di due anziani vulnerabili e affetti da patologie preesistenti. Lo hanno reso noto le autorità cantonali. I nuovi casi di contagio registrati in Ticino sono 54, per un totale di 265 casi.

Ricordiamo che per informazioni e indicazioni puntuali sulla questione Coronavirus è possibile contattare il numero gratuito 0800 144 144, attivo tutti i giorni dalle 7.00 alle 22.00. È disponibile anche la Hotline Coronavirus a livello federale allo 058 463 00 00, dalle 8.00 alle 18.00.

14.03.2020 ore 11:18
Secca smentita dell'EOC

Sui social circolano tante bufale. Alcune anche tragiche. Come quella secondo al quale sarebbero morte due infermiere dell’ospedale La Carità di Locarno che funge da centro Covid-19 cantonale. Non è vero, come sottolineato dall’Ente ospedaliero cantonale che ha preso posizione su Facebook.

14.03.2020 ore 11:10
#distantimavicini: A2 semideserta ma molte persone nei negozi

La campagna #distantimavicini, la riduzione delle attività economiche e le restrizioni agli ingressi alle frontiere si stanno facendo avvertire concretamente sulla circolazione come testimoniato dalle immagini delle webcam che abbiamo riunito nella fotografia. Attestano la situazione sull’A2 da Chiasso ad Airolo attorno alle 10.

14.03.2020 ore 10:53
Due rumeni fermati in Valle Vigezzo

Due trentenni di origine rumena sono stati pizzicati dai carabinieri di Domodossola a Santa Maria Maggiore in Valle Vigezzo, dove si trovavano “senza alcun giustificato motivo”. I due uomini, con precedenti “per reati predatori”, avevano nel bagagliaio dell’auto i classici “ferri del mestiere” utilizzati per commettere furti. I due “visitatori” – recita un comunicato stampa sono stati “deferiti in stato di libertà per inosservanza dei recenti provvedimenti in materia di spostamenti sul territorio nazionale emessi per l’emergenza Covid-19 e per il possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso”.

14.03.2020 ore 10:23
Mascherine dalla Cina

Un aereo è atterrato venerdì sera all’aeroporto di Liegi proveniente dalla Cina con quasi 500.000 maschere e dispositivi di protezione a bordo. Questi sono stati inviati in Europa dalla Fondazione Alibaba e dalla Fondazione Jack Ma, che prende il nome dal fondatore ed ex capo del gigante cinese dell’e-commerce.

14.03.2020 ore 09:59
Kosovo blindato

Il governo del Kosovo, per contenere la diffusione del contagio da coronavirus, ha annunciato venerdì sera la decisione di chiudere tutti i confini terrestri, consentendo l’ingresso nel Paese solo a cittadini kosovari. Ne danno notizia i media serbi.

14.03.2020 ore 09:45
I cybercriminali sfruttano il coronavirus

Le autorità svizzere mettono in guardia da ciberattacchi che sfruttano l’epidemia di coronavirus. I criminali informatici promettono tramite e-mail informazioni sulla situazione, ma tentano in realtà di infettare i computer delle loro vittime. Lo segnala la Centrale d’annuncio e d’analisi per la sicurezza dell’informazione (MELANI) stando alla quale per infettare i computer viene utilizzato il malware chiamato “AgentTelsa”.Il messaggio, che promette di rendere noti dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, non deve essere aperto. In allegato alla mail c’è un file intitolato “list.xlsx”.

14.03.2020 ore 09:36
A Ponte Chiasso sequestrati guanti e mascherine

La guardia di finanza ha bloccato l’entrata in Svizzera di migliaia di prodotti sottoposti a divieto d’esportazione dall’Italia.


Sequestro di oggetti sanitari

Due operazioni della guardia di finanza alla dogana di Ponte Chiasso hanno consentito di recuperare guanti monouso e mascherine

14.03.2020 ore 09:32
“Noi e il grande virus: cosa possiamo fare?”

Edizione dedicata all’urgenza Covid-19 per la trasmissione radiofonica RSI Moby Dick in onda sabato su Rete Due a partire dalle 10. Il programma, condotto da Alessandro Bertellotti e Roberto Antonini, sarà diviso in due parti. Nella prima verrà fatto il punto della situazione. Interverranno i dottori Andreas Cerny, della clinica Moncucco, Enos Bernasconi, dell’Ospedale Regionale di Lugano, Cristiana Savi, dell’OMS e Luca Varani, direttore di laboratorio all’Istituto di Ricerca in niomedicina.

Nella seconda parte con il consigliere di Stato Manuele Bertoli e il direttore scientifico del progetto eLab dell’USI Lorenzo Cantoni si cercherà di capire cosa si può fare concretamente per organizzare corsi online. Chi volesse porre delle domande agli ospiti può contattare la redazione tramite il numero Whatsapp di Rete Due 079 382 6765


Noi e il grande virus: cosa possiamo fare?

Le risposte al Covid-19 dalla ricerca, alla scuola, alla vita quotidiana, di Alessandro Bertellotti e Roberto Antonini

14.03.2020 ore 09:28
In campo i sanitari dell'esercito

L’esercito svizzero sarà dispiegato per la prima volta lunedì sul fronte del coronavirus. Una delle quattro unità sanitarie sarà pronta per supportare il personale ospedaliero.

L’impiego del battaglione sanitario 5 che dalla prossima settimana svolgerà il suo corso di ripetizione si aggiunge a quello dei militari delle truppe sanitarie in ferma continuata dislocati in Ticino. Da venerdì sera sono impiegati all’ospedale San Giovanni (17) e all’ospedale Civico (6) cui l’esercito grantisce supporto anche materiale.

Primo schieramento militare contro il COVID-19

Il capo dell'esercito svizzero Thomas Süssli: lunedì pronta un'unità sanitaria