I ministri Bertoli e Vitta
I ministri Bertoli e Vitta (rsi)

Governo: "Respingere No Billag"

Secondo il Consiglio di Stato ticinese l'iniziativa "penalizza fortemente le regioni periferiche e le minoranze linguistiche"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Bellinzona ribadisce il suo "no" alla "No Billag", iniziativa che se accettata il prossimo 4 di marzo comporterebbe la chiusura della SSR e della RSI.

Il Governo ticinese ha presentato martedì le sue ragioni nel corso di una conferenza stampa, invitando i ticinesi a "respingere" una proposta che "penalizzerebbe fortemente le regioni periferiche e le minoranze linguistiche", segnando "il passaggio definitivo da una logica di servizio pubblico a una commerciale".

"Di solito il Governo cantonale non si esprime sui temi in votazione a livello federale", ha precisato il direttore del DECS Manuele Bertoli. "Ma stavolta - ha aggiunto - il nostro cantone sarebbe pesantemente toccato. In particolare quale minoranza linguistica".

"Da parte mia vorrei invece mettere in evidenza l'indotto che la RSI crea sul territorio, con un valore aggiunto di circa 213 milioni di franchi all’anno per l’economia della Svizzera italiana. Ed il fatto che il Ticino, nella ripartizione del canone, ne esce con un forte beneficio: 22% delle risorse, a fronte di appena il 4% della popolazione", ha dichiarato il direttore del DFE Christian Vitta.

joe.p.

Governo ticinese, NO a No Billag

Governo ticinese, NO a No Billag

Il Quotidiano di martedì 06.02.2018

Condividi