(iStock)

Disuguaglianze da curare

Dalla biografia alla biologia: una via per capire come vivere meglio e in salute, di Fabio Meliciani

Vivere bene e in salute è il primo obiettivo per tutti noi. Utopico? Ingenuo? Di sicuro, le enormi differenze sociali che oggi, come nel passato, esistono anche nel nostro mondo occidentale non aiutano. Spesso, ancora oggi, diamo troppo peso a presunte differenze biologiche, genetiche, per cercare la causa di malattie, giustificare debolezze o una mortalità precoce. Che le disuguaglianze sociali ed economiche esistano è evidente a tutti, ma non ci rendiamo conto di quali ripercussioni enormi abbiano sulla salute, sul benessere di tutta una comunità: la conseguenza è che si fa troppo poco per “curarle”. Ma in che modo queste disuguaglianze condizionano la nostra biologia o i processi di invecchiamento? Quando parliamo di differenze ci soffermiamo soprattutto su quelle che il sociologo Pierre Bourdieu definiva il “capitale sociale ed economico” (differenze culturali, economiche, d’istruzione, …), ma pochissimo su come tutto ciò modifichi e alteri il nostro “capitale biologico”. Conosciamo, per esempio, il funzionamento dei meccanismi di risposta allo stress cronico, della riduzione della funzione immunitaria, dei processi di usura fisiologica, di tutte quelle impronte biologiche causate dall’interazione con l’ambiente, dal nostro stile di vita, ma poco dei processi che traducono i fenomeni sociali in fenomeni biologici, poco di come la nostra biografia agisca sulla biologia. Saperne di più, averne consapevolezza dovrebbe aiutarci a trovare soluzioni perché tutti possano, nel possibile, vivere bene e in salute.

Di tutto questo parla il libro di recente uscita “Il capitale biologico (Codice edizioni), scritto da Luca Carra, giornalista scientifico e ospite del “Giardino di Albert” e Paolo Vineis, epidemiologo ambientale dell’Imperial College di Londra. Nel libro, ben documentato, si citano spesso anche i risultati di Lifepath, un importante studio condotto a livello europeo, a cui ha partecipato anche la Svizzera con l’Istituto di medicina preventiva e sociale dell’Ospedale universitario di Losanna, e proprio uno dei referenti svizzeri del progetto, Cristian Carmeli, biostatistico dell’Università di Friburgo, sarà ospite del “Giardino” insieme a Luca Carra.

Ora in onda Prima Fila - Concerto 900 In onda dalle 20:30
Brani Brani in onda Santy Anno - Kalle Kalima Ore 20:26