Fuggire dal proprio paese per continuare a vivere (keystone)

“Senza pareti”

Due voci dalla città invisibile, un audio-documentario di Mattia Pelli

Che cosa vuol dire potersi chiudere la porta di casa alle spalle, lasciando il resto del mondo fuori, protetti da quattro pareti? E che cosa vuol dire dover vivere invece sotto gli occhi di tutti, cercando d’inverno un riparo dal freddo, senza servizi igienici, una doccia, una cucina, un letto vero sul quale dormire? Che cosa vuol dire essere senza fissa dimora?

Nel suo audio-documentario intitolato “Senza Pareti” Mattia Pelli propone due testimonianze completamente diverse: quella di Arjun, giovane pachistano di religione cattolica fuggito per evitare l’accusa di blasfemia. E quella di Giulia, italiana con una storia di dipendenza alle spalle. Due storie che non hanno nessun legame, iniziate a migliaia di chilometri di distanza l’una dall’altra ma che si incontrano, almeno simbolicamente, sotto i ponti di una città del nord Italia. A Trento, città benestante di 120mila abitanti alle porte delle dolomiti, dove ci sono tra i 200 e i 300 senza fissa dimora, che lottano ogni giorno per trovare un posto sicuro dove dormire e magari ricominciare una nuova vita.

Ora in onda Prima fila - Concerto RSI In onda dalle 20:30
Brani Brani in onda Dancing - Paolo Conte Ore 19:56