Burkini e costumi da bagno molto coprenti: da vietare o da autorizzare nelle piscine e nei lidi pubblici?

Con Antonio Bolzani

  • Condividi
  • a A

Puntualissimo con l’arrivo dell’estate e dopo la decisione della Francia di proibire il burkini nelle piscine pubbliche in nome della laicità, anche quest’anno è ritornato il dibattito sul costume da bagno indossato dalle donne musulmane nei lidi e nelle piscine: a rilanciarlo è stato il divieto introdotto a Yverdon-les- Bains. E proprio nella Svizzera romanda se ne discute parecchio, in particolare nel Canton Vaud, dove però non c’è un unico regolamento perché -come è noto- la decisione appartiene ai singoli Comuni. In Francia, ultimamente se ne è parlato molto a Grenoble che lo voleva autorizzare. In Svizzera, come detto, la decisione spetta ai Comuni e a Losanna, ad esempio, è proibito. La piscina di Bellerive prossimamente dovrebbe cambiare il regolamento e autorizzare il burkini e, più in generale, i costumi da bagno molto coprenti. Ma l’UDC si oppone perché ritiene che autorizzare dei costumi di questo tipo pone dei problemi. Ieri sera il nostro Telegiornale ha dedicato all’argomento un ampio servizio con diverse voci. "Il burkini è simbolo di rivendicazioni politico-religiose dei musulmani più estremisti", ha dichiarato Josée-Christine Lavanchy, consigliera comunale UDC a Losanna. Il cambiamento è stato voluto da una consigliera comunale di sinistra per cui l’abbigliamento in piscina deve restare fuori dalla politica. "Che si tratti di un burkini, di indumenti lunghi fatti e indossati per nuotare o del topless, continuiamo a concentrarci sull'abbigliamento femminile. Noi chiediamo che non ci sia più tutto questo controllo e che diventiamo tutti e tutte uguali", ha spiegato la consigliera comunale di Ensemble à Gauche a Losanna Manon Zecca. A Vevey, i costumi coprenti sono autorizzati da tanto tempo. "Non solo il burkini, ma qualsiasi tipo di indumento purché sia igienico è permesso da sempre. Non ci sono mai stati cambiamenti nel regolamento e va bene così", ha affermato la municipale di Vevey Laurie Willommet. Altrove, nel Canton Vaud, diverse piscine stanno però pensando di rivedere le loro regole. Secondo voi il burkini deve essere vietato o permesso?
Dite la vostra, telefonandoci in diretta allo 0848 03 08 08