Passerà allo Zugo
Passerà allo Zugo (Ti-Press)

"Hofmann non è mai stato decisivo"

Per Dino Kessler, Suri e Lammer compenseranno la sua partenza

In attesa dei due derby del weekend, a Lugano, ma non solo, continua a far parlare il passaggio di Gregory Hofmann dai bianconeri allo Zugo. In proposito ai microfoni di Rete Uno si è espresso anche l'opinionista del Blick Dino Kessler: "L'addio di Elvis Merzlikins sarà un problema, ma con Reto Suri e Dominic Lammer - ha sottolineato l'ex difensore, campione svizzero proprio con i Tori nel 1998 - i bianconeri hanno compensato la partenza di Hofmann. Gregory è un realizzatore, ma non è un trascinatore come ad esempio Simon Moser nel Berna o Maxim Lapierre nel Lugano, uomini che vanno dove fa male. Hofmann è un gran pattinatore, è un giocatore che segna, ma non è mai stato decisivo. Non è un leader assoluto, lo si è visto anche nell'ultima finale contro lo Zurigo".

Lo Zugo sta cercando, con tanti soldi, di costruire una grande squadra, ma non ha ancora vinto nulla Dino Kessler

"Il problema del Lugano - ha proseguito Kessler - non sono i giocatori, ma gli strateghi. Alla Cornèr Arena non hanno un allenatore di prima classe e non hanno un manager di prima classe. Ci sono buoni stranieri, buoni attaccanti, buoni difensori e pure elementi forti formati in casa, come Giovanni Morini, che è sorprendentemente bravo. Ma la squadra non gioca come una squadra di prima classe perché non c'è una strategia".

 
Condividi