Svizzera

Economiesuisse: “Basta cerotti, serve lungimiranza”

Nell’annuale conferenza stampa l’associazione di categoria se la prende con la politica, e in particolare con il Governo: “Troppo dipartimentalismo, serve una squadra”

  • 2 February 2023, 12:07
  • 24 June 2023, 02:12
  • INFO
541058960_highres.jpg

Per la presidente Monika Rühl "i politici potrebbero ispirarsi allo spirito imprenditoriale, alla forza innovativa e al dinamismo di molte aziende svizzere"

  • archivio keystone
Di:ATS/dielle

Basta cerotti, bisogna agire proattivamente e con lungimiranza. È questo il succo della tirata d’orecchi che l’associazione di categoria Economiesuisse ha rivolto stamattina (giovedì) alla politica svizzera e al Consiglio federale in particolare, invitato ad essere più concreto.

Economiesuisse critica il governo

Telegiornale 13:30 di giovedì 02.02.2023

  • 02.02.2023
  • 12:30

“La forte concorrenza internazionale e le crisi attuali pongono sfide enormi all'economia e alla società”, hanno rilevato gli oratori nel corso della conferenza stampa annuale dell'associazione. “Queste sfide sono spesso complesse e stratificate e richiedono una collaborazione costruttiva anziché un mero marketing politico, soprattutto in un anno elettorale”.

"Il mondo è completamente fuori controllo?", ha esordito provocatoriamente Monika Rühl, presidente della direzione generale di economiesuisse, stando a quanto riportato in una nota. In Ucraina è ancora in atto una guerra devastante, le conseguenze della pandemia di coronavirus continuano a manifestarsi a livello dello stato e delle aziende, l'economia globale si sta raffreddando, le catene di approvvigionamento internazionali sono interrotte, la società sta invecchiando e l'economia è alle prese con un'acuta carenza di manodopera e una minaccia latente di scarsità di energia.

La politica si ispiri all’imprenditoria

Per Rühl, non tutte queste situazioni sono completamente nuove o sorprendenti e, per le imprese, cedere al catastrofismo o al pessimismo non porta a nulla: è piuttosto consigliabile una gestione delle crisi ben studiata e un'analisi approfondita di come le crisi siano state affrontate nel recente passato.

Le aziende devono agire in modo strategico e pensando sul lungo termine se vogliono aver successo in modo sostenibile. E "i politici potrebbero ispirarsi allo spirito imprenditoriale, alla forza innovativa e al dinamismo di molte aziende svizzere. Sono dell'idea che dovrebbero farlo assolutamente", ha aggiunto Rühl.

Mäder: “Troppo dipartimentalismo”

"La maggior parte delle grandi sfide del nostro tempo sono complesse e stratificate; devono essere considerate in modo olistico e affrontate in modo interdisciplinare", ha aggiunto il presidente di economiesuisse Christoph Mäder. Ma il modo in cui il Consiglio federale governa il Paese oggi non gli consente di sviluppare una "lungimiranza strategica" che gli permetta di affrontare le questioni in maniera efficace.

Mäder ha ricordato che oggi non c'è quasi più un dossier che riguardi davvero un solo dipartimento. "Il Consiglio federale nel suo insieme deve assumersi le proprie responsabilità e affrontare come squadra proattivamente e costruttivamente le questioni di grande rilevanza e stabilire le priorità strategiche per l'ulteriore sviluppo del nostro paese insieme a tutti i dipartimenti".

In previsione delle elezioni federali del prossimo autunno, Mäder ha esortato i partiti "da sinistra a destra" a non rimanere invischiati "in un circolo infinito di gestione dei problemi", bensì "a lavorare in modo costruttivo per trovare soluzioni a beneficio della nostra piazza economica, dei posti di lavoro e delle cittadine e dei cittadini del nostro paese". Solo con una cooperazione orientata alle soluzioni tra tutte le parti interessate - ha concluso - "possiamo creare benessere e sicurezza sociale".

Ti potrebbe interessare