Ticino e Grigioni

Mendrisio, il caso Cerutti sotto la lente

Ieri sera (mercoledì) riunione della direttiva PLR allargata con il presidente cantonale Alessandro Speziali: “Spettacolo poco edificante, ma voglia di andare avanti”

  • 2 February 2023, 06:55
  • 24 June 2023, 02:11
  • INFO

RG 7.00 del 02.02.2023 - Il servizio di John Robbiani

Di:RG-Robbiani/dielle

A Mendrisio continuano a far discutere le dimissioni di Massimo Cerutti dal PLR dopo che l'Esecutivo - in cui resterà come indipendente - gli ha tolto la gestione del Dicastero aziende industriali.

Ieri sera (mercoledì) i vertici del PLR si sono riuniti per discutere di questa frattura in una riunione della direttiva allargata. L’incontro inizialmente era stato convocato per fornire spiegazioni e magari anche arrivare a un chiarimento tra le parti, ma le dimissioni del municipale liberale, annunciate a mezzo stampa e in pieno contrasto con il partito, hanno rimescolato le carte. Tant'è che Cerutti all'incontro non si è presentato: era all'estero per lavoro e alla RSI ha detto che in ogni caso non ci sarebbe andato.

Presente, invece, il presidente del PLR cantonale Alessandro Speziali a cui, oltre allo strappo, abbiamo fatto notare che Cerutti ha lasciato la sezione, ma non il partito cantonale. “Era inevitabile parlare di quello che è successo, ma devo dire che c’era altrettanta voglia di continuare a fare il bene di questa città. Per quanto riguarda l’appartenenza, penso che sia una questione di coerenza: dare le dimissioni dalla sezione porta a una grossa domanda di coerenza con l’adesione a tutto il partito”.

E sul danno d’immagine che il caso può assestare al PLR Speziali sottolinea che in effetti “non è stato uno spettacolo edificante. I cittadini capiranno però che ci rialzeremo ben presto e i risultati sono sicuro che arriveranno”.

Cavadini: “Interesse comune sempre davanti”

Con le dimissioni di Cerutti dal partito, il PLR perde però intanto la maggioranza in Municipio. Non si rischia un deterioramento del clima nell’Esecutivo? “No – risponde il sindaco di Mendrisio Samuele Cavadini – anche perché il politico sa che deve anteporre l'interesse comune e l'interesse pubblico all'aspetto personale”. E anche sul rischio personalismi il sindaco taglia corto: “Finché tutti i membri, a prescindere dal partito di appartenenza, lavorano per il bene comune, allora potremo fare bene. Io mi aspetto che si lavori in questo senso” conclude Cavadini.

Mendrisio, Cerutti non rappresenta più il PLR

Il Quotidiano di martedì 31.01.2023

  • 31.01.2023
  • 19:00

Ti potrebbe interessare