Segui il liveticker di RSI con tutti gli aggiornamenti dalla Svizzera e dal mondo
Segui il liveticker di RSI con tutti gli aggiornamenti dalla Svizzera e dal mondo keystone
Momenti chiave
29.04.2020 ore 22:26
29.04.2020 ore 19:33
29.04.2020 ore 18:04
29.04.2020 ore 16:27
29.04.2020 ore 15:46
29.04.2020 ore 15:14
29.04.2020 ore 14:52
29.04.2020 ore 13:58
29.04.2020 ore 13:16
29.04.2020 ore 11:40
29.04.2020 ore 11:38
29.04.2020 ore 11:22
29.04.2020 ore 11:20
29.04.2020 ore 10:25
29.04.2020 ore 10:24
29.04.2020 ore 08:16
29.04.2020 ore 07:32
29.04.2020 ore 07:14
29.04.2020 ore 06:55

Accelerata l'uscita dal lockdown

Ristoranti, musei e biblioteche torneranno a lavorare già dall'11 maggio, annuncia il Consiglio federale
mercoledì 29 aprile 2020 06:46

La situazione epidemiologica sta migliorando, il Consiglio federale ha quindi deciso nella sua seduta di oggi, mercoledì, di accelerare il ritmo delle riaperture rispetto a quanto stabilito in un primo tempo. I bar, i ristoranti, con limitazioni del numero di posti al tavolo e distanze minime, potranno aprire l'11 maggio insieme a tutti i negozi, ai mercati, alle scuole dell'obbligo ma anche alle biblioteche e ai musei.

I grandi eventi con più di 1'000 persone resteranno vietati fino alla fine di agosto: il Festival di Locarno ha già annunciato l'annullamento della sua edizione 2020 "nella sua forma tradizionale". Ci saranno proposte alternative. I campionati sportivi potranno ripartire l'8 giugno, ma senza pubblico.

La Confederazione ha inoltre deciso che i cantoni potranno rinunciare anche agli esami di maturità scritti, come auspicava anche il Ticino.

La cronaca di martedì

Sul fronte delle cifre il Ticino ha annunciato oggi due nuovi decessi, che portano a 318 il totale dall'inizio dell'epidemia, mentre i contagi salgono a 3'191 (+15). Nei Grigioni un morto in più, ora 45, e 809 casi confermati in tutto. A livello nazionale si segnalano 143 nuovi casi (più dei 100 di ieri) per un totale di 29'407. I decessi salgono di 28 unità a 1'408. Per il sito corona-data.ch, che aggrega i dati cantonali, i morti sono invece 1'699.

I dati sempre aggiornati

Stefano Pongan, Ludovico Camposampiero, Enrico Campioni, Alex Ricordi e Sandro Pauli

30.04.2020 ore 14:52
Scuola, la controproposta di Lugano

Limitare la scuola in presenza solo agli alunni dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia e di quinta elementare. È la proposta della città di Lugano il cui Municipio nella sua seduta odierna si è chinato sul tema della riapertura delle scuole dell’obbligo prima della fine dell’anno scolastico 2019/2020. L’Esecutivo ritiene che “la proposta del DECS non porta elementi significativi di miglioramento rispetto alla scuola a distanza, creando difficoltà nell’attuazione del servizio di accudimento necessario anche al riavvio dell’economia”. Il Municipio “non ritiene inoltre applicabile la delega dell’organizzazione della riapertura in sicurezza ai Comuni. È compito del Cantone definire nel dettaglio, sede per sede, quali misure igienico-sanitarie attuare, assumendosi la responsabilità dell’efficacia o meno delle misure previste”.

29.04.2020 ore 23:25
"La fretta potrebbe essere cattiva consigliera"

Reto Ceschi, responsabile dipartimento informazione RSI, commenta l’allentamento delle restrizioni decise dal Consiglio federale per l’11 maggio.



29.04.2020 ore 22:26
Incremento record in Brasile

Il Brasile ha fatto registrare un numero record (6’276) di nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, il cui totale è salito ora a 78’162. Le morti dall’inizio della pandemia sono invece 5’466 (+449 rispetto a martedì).

29.04.2020 ore 21:42
Un centinaio di elvetici rimpatriati dall’Africa

È atterrato questa sera Zurigo l’ultimo volo dell’operazione di rimpatrio #flyinghome coordinata dal Dipartimento federale degli affari esteri con a bordo 92 persone. Si tratta di 46 svizzeri e 46 stranieri, di cui 24 residenti nella Confederazione. L’aereo della Helvetic Airways ha recuperato le persone tra Accra (Ghana), Abidjan (Costa d’Avorio) e Ouagadougou (Burkina Faso). Il piano di rimpatrio di Berna, iniziato il 22 marzo, ha permesso a 7’200 persone di fare ritorno in Svizzera, di cui 4’100 sono cittadini elvetici. Gli svizzeri rimpatriati da voli organizzati da altri paesi sono invece 1500.

29.04.2020 ore 21:29
Grigioni: gestori degli impianti di risalita insoddisfatti

“Una decisione inaccettabile”

L’associazione degli impianti di risalita grigionesi è delusa dall'esitazione di Berna nell'annunciare le riaperture

29.04.2020 ore 21:22
Allentamento dell'11 maggio, il parere di Christian Garzoni

“Sarei stato più prudente”

Il dottor Christian Garzoni, specialista in malattie infettive, critico sulle aperture decise da Berna per l'11 maggio - "Sarebbe stato meglio attendere almeno una o due settimane in più"

29.04.2020 ore 19:33
Più di 24’000 morti in Francia

La Francia registra stasera un totale di 24’087 morti per Covid-19 dall’inizio dell’epidemia, contando i decessi in ospedale (15’053) e quelli in case di riposo e istituti per disabili (9034). Nelle ultime 24 ore, l’aumento è stato di 427 morti. Continua il calo dei ricoveri in ospedale: oggi sono 26’834, 650 in meno di ieri. Scende sensibilmente anche il numero dei pazienti in rianimazione, 4207 (180 meno di ieri).

29.04.2020 ore 18:37
Riapertura di bar e ristoranti, la soddisfazione del settore

"Niente più caffè al bancone"

Ristornati e bar riapriranno l'11 maggio ma saranno confrontati con provvedimenti che cambieranno le abitudini dei clienti

29.04.2020 ore 18:27
Lombardia, i contagi oltre quota 75'000

Hanno superato quota 75.000 i positivi in Lombardia: i contagiati in regione sono 75.134, con 786 nuovi positivi con 14.472 nuovi tamponi. Ieri c’erano stati 869 nuovi casi con 8.573 tamponi. In calo i decessi che sono in totale 13.679 con un aumento di 104, mentre ieri c’era stato un aumento di 126.

29.04.2020 ore 18:25
Forte incremento dei morti nel Regno Unito

Sono 26’097 i morti per coronavirus nel Regno Unito, un dato che lo porta ad essere il terzo paese per numero di decessi dopo Stati Uniti e Italia. L’incremento rispetto a ieri è stato di 4’419, un aumento dovuto all’aggiunta al conteggio totale dei decessi delle persone che hanno perso la vita nelle case per anziani, finora conteggiati separatamente. Lo comunicano le autorità sanitarie britanniche.

29.04.2020 ore 18:24
"Mascherina in cucina, nei ristoranti, non è obbligatoria se c'è distanza di sicurezza"

Il concetto di sicurezza per i lavoratori del settore della ristorazione è di competenza della Segreteria di Stato dell’economia (SECO), che suggerisce di indossare una mascherina protettiva se la distanza minima non può essere mantenuta. Questo vale sia nella zona ospiti che in cucina. Non è previsto l’obbligo generale di indossare mascherine in cucina: una trasmissione del coronavirus attraverso il cibo è praticamente impossibile.

29.04.2020 ore 18:18
Italia, 27'682 morti. Il totale dei contagiati: 203'591

Sono salite a 27.682 le vittime per coronavirus in Italia, con un incremento di 323 in un giorno. Ieri l’aumento era stato di 382. Il dato è stato reso noto dalla Protezione civile. I contagiati totali, vale a dire gli attualmente positivi al coronavirus, le vittime e i guariti, sono 203.591, con un incremento rispetto a ieri di 2.086. L’aumento ieri era stato di 2.091.

29.04.2020 ore 18:04
Mascherine pagate e mai arrivate

Una società di Lugano coinvolta nel caso dei dispositivi ordinati dalla regione Lazio per 35 milioni di euro

Mascherine "fantasma" già pagate

Una società di Lugano coinvolta nel caso dei dispositivi ordinati dalla regione Lazio per 35 milioni di euro

29.04.2020 ore 17:57
Riaprono ristoranti, Gastrosuisse soddisfatta

Gastrosuisse ha espresso soddisfazione all’annuncio che i ristoranti potranno riaprire l’11 maggio. Le regole impongono 4 persone al massimo per tavolo o 2 genitori accompagnati dai propri figli (anche se più di 2).

29.04.2020 ore 17:36
Deficit milionario per l’ospedale Riviera-Chablais

L’ospedale Riviera-Chablais è in grandi difficoltà finanziarie e i cantoni di Vaud e Vallese hanno deciso di stanziare 80 milioni per garantire la sua sostenibilità a corto termine. Rispettivamente, Losanna ne pagherà 60, mentre Sion 20. L’ospedale intercantonale con sede a Rennaz, nel canton Vaud, è stato inaugurato lo scorso autunno e ha chiuso il 2019 con un deficit di 17,9 milioni di franchi. Una situazione che la crisi sanitaria causata dal coronavirus non ha fatto che aggravare. Per il 2020 la struttura prevede infatti un disavanzo di 16,9 milioni.

Ad incidere negativamente sul bilancio del nosocomio sono stati anche gli accresciuti costi di costruzione: 440 milioni invece dei 353 preventivati nel 2012. Per chiarire la vicenda è stata disposta una perizia che sarà effettuata dal Controllo cantonale delle finanze vodesi in collaborazione con il medesimo ispettorato vallesano.

29.04.2020 ore 16:53
Keller-Sutter: "Fate le vacanze in Svizzera"

Dal momento che non si sa se sarà possibile trascorrere le vacanze estive nei Paesi vicino o comunque all’estero, la consigliera federale Karin Keller-Sutter invita la popolazione a trascorrerle in Svizzera, contribuendo così anche alla ripresa del settore.

Karin Keller-Sutter: "Fate le vacanze in Svizzera"
29.04.2020 ore 16:35
Affonda il prodotto interno lordo degli Stati Uniti

L’economia statunitense nel primo trimestre si è contratta del 4,8%, stando a una stima preliminare diffusa oggi dal Dipartimento del commercio. Il dato è peggiore rispetto alle attese degli analisti, che scommettevano su una contrazione del 4,0%. Si tratta del primo dato negativo dal 2014, quando nel primo trimestre l’economia si era contratta dell’1,1%, e della maggiore contrazione dal 2009.

29.04.2020 ore 16:33
Dall'11 maggio si riapre anche allo sport

ll Consiglio federale allenta le misure contro il coronavirus anche nell’ambito dello sport. A partire dall’11 maggio, gli allenamenti saranno di nuovo praticabili a condizione di applicare piani di tutela e prescrizioni d’igiene. Questo vale sia per lo sport di massa e di punta, che per gli sport individuali e di squadra, Nello sport di punta gli allenamenti potranno anche aver luogo con più di 5 persone. Questo vale, ad esempio, per le atlete e gli atleti che fanno parte dei quadri nazionali o per gli sport di squadra nell’ambito di campionati prevalentemente professionistici. Le competizioni continuano invece a non essere consentite. Tuttavia il Governo intende autorizzare la ripresa delle partite a porte chiuse nelle leghe con campionati prevalentemente professionistici a partire dall’8 giugno. L’Esecutivo deciderà al riguardo presumibilmente il 27 maggio, in base agli sviluppi della situazione epidemiologica.

La consigliera federale Viola Amherd sullo sport
29.04.2020 ore 16:27
Il 27 settembre si torna alle urne

Dopo l’annullamento, a causa dell’emergenza sanitaria, della votazione del 17 maggio, i cittadini ritorneranno alle urne il prossimo 27 settembre. Gli oggetti in consultazione saranno 5: l’iniziativa per la limitazione, la legge sulla caccia, la deduzione fiscale per la cura dei figli, il congedo di paternità e l’acquisto di nuovi aerei da combattimento.

Il Consiglio federale ha inoltre deciso di non prorogare oltre il 31 maggio la sospensione dei termini applicabili alle iniziative popolari federali e alle domande di referendum, precisa una nota odierna della cancelleria federale.

29.04.2020 ore 16:24
Ingresso in Svizzera, restrizioni progressivamente allentate dall'11 maggio

Le restrizioni all’ingresso in territorio svizzero, se la situazione epidemiologica lo permetterà, saranno progressivamente mitigate a partire dall’11 maggio. Il Consiglio federale ha tuttavia deciso di mantenere i controlli alle frontiere, come ha precisato in conferenza stampa a Berna la consigliera federale Karin Keller-Sutter.

Controlli quindi sempre vigenti, anche se potrebbero essere aperti ulteriori passaggi di frontiera in modo da ridurre i tempi d’attesa.. Inizialmente saranno trattate le domande ancora pendenti, inoltrate prima dello scorso 25 marzo, di lavoratori provenienti dall’area UE/AELS e da Stati terzi, nonché le domande di assunzione di cittadini di Stati terzi presentate prima del 19 marzo 2020. Sempre dall’11 maggio, sarà poi nuovamente possibile per i cittadini svizzeri e dell’UE il ricongiungimento familiare nella Confederazione..

Le nuove notifiche per prestazioni di servizi transfrontaliere, si legge nel comunicato diffuso oggi, saranno trattate secondo le consuete prescrizioni dell’Accordo sulla libera circolazione delle persone. Ciò, viene tuttavia precisato, solo se la fornitura del servizio si basa su un contratto scritto stipulato prima dello scorso 25 marzo.

Keller-Sutter: meno restrizioni alle frontiere
29.04.2020 ore 15:59
+++ Locarno, festival annullato nella sua forma tradizionale +++

“Il Festival di Locarno ^e annullato nella sua forma tradizionale”, lo ha confermato alla RSI il direttore operativo Raphaël Brunschwig. “Ci saremo con una proposta alternativa, ma qualsiasi cosa organizzeremo potrà essere solo una frazione del festival che conosciamo, ma lavoriamo per mantenere vivi i rapporti con tutte le parti in causa e per offrire in ambito digitale qualcosa al pubblico e ai professionisti”, ha aggiunto.

Telegiornale speciale coronavirus del 29.04.2020: "Festival di Locarno annullato nella sua forma tradizionale"
29.04.2020 ore 15:59
Il Consiglio federale vuole sostenere i media

Il Governo elvetico ha deciso di sostenere maggiormente i media, in grande difficoltà a causa del calo degli introiti pubblicitari. Una situazione che la crisi sanitaria non ha fatto che peggiorare. Principalmente si prevedono 3 diversi aiuti. Il primo è relativo alla stampa scritta e prevede un’estensione degli aiuti indiretti a tutti i quotidiani e periodici. Finora ne beneficiavano solo quelli con una tiratura inferiore a 40’000 esemplari. Il budget previsto passerà dagli attuali 30 ai 50 milioni di franchi annui.

La seconda proposta concerne i media digitali per i quali si prevede uno stanziamento di 30 milioni di franchi in 10 anni, che hanno pure lo scopo di favorire il passaggio online dei giornali che ancora non l’hanno fatto. L’aiuto previsto sarà indirettamente proporzionale agli introiti pubblicitari della singola testata che dovrà dimostrare autonomia giornalistica nei confronti della pubblicità.

Il terzo aiuto proposto dal Governo riguarda invece le agenzie stampa nazionali, come ad esempio Keystone-ATS, con un aumento da 2 a 4 milioni di franchi della partecipazione ai costi scoperti dell’agenzia. Ovviamente, queste misure dovranno essere approvate dal parlamento, che se si pronuncerà positivamente dovrà poi modificare la legislazione in materia.

29.04.2020 ore 15:46
I casi saranno di nuovo tracciati

I cantoni riprenderanno a tracciare i singoli casi di contagio dall’11 maggio, quando i numeri saranno sufficientemente bassi da permetterlo, e questo allo scopo di contenere l’epidemia. La Confederazione ha elaborato un piano che prevede tamponi per tutti i sintomatici, anche non appartenenti a categorie a rischio. I positivi saranno isolati, le persone che hanno avuto contatti con loro informate e messe in quarantena. Il caso del test, a carico dell’assicurazione di base, scenderà da 180 a 95 franchi a partire dal 30 aprile. La Svizzera sfrutterà anche l’app preparata dai Politecnici di Losanna e Zurigo, che sarà comunque facoltativa

29.04.2020 ore 15:22
I numeri di disoccupazione e lavoro ridotto

Le misure di allentamento “sono una nuova alba per l’economia” sulla quale per ora “si addensano però nuvoloni scuri”, ha detto Parmelin: fino ad oggi il 37% dei dipendenti beneficia del lavoro ridotto, in Ticino e nel Giura oltre la metà. Si tratta di 1,9 milioni di persone. La disoccupazione è cresciuta da metà marzo di 0,82 punti, attestandosi al 3,2%. “Molte aziende non ce la faranno a riprendere”

29.04.2020 ore 15:15
+++ Per il settore aereo 1,9 miliardi di franchi +++

In crisi di liquidità a causa dell’epidemia di Covid-19 che ha praticamente paralizzato il traffico aereo, le compagnie Swiss e Edelweiss, come anche altre società del settore, potranno contare su un aiuto della Confederazione pari a 1,9 miliardi di franchi. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale. Secondo una nota governativa, il settore dell’aviazione è un’infrastruttura critica per l’economia del Paese: un’interruzione prolungata dei collegamenti internazionali si tradurrebbe in perdite economiche sostanziali. Il sostegno finanziario, mediante crediti d’impegno, viene concesso solo se sussistono sufficienti garanzie. L’ente pubblico interviene solo in via sussidiaria.

29.04.2020 ore 15:14
Maturità anche senza esami

La decisione del Governo, dopo la richiesta della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione

Scritti di maturità, la scelta ai cantoni

Potranno rinunciare a questi esami, ha deciso oggi il Consiglio federale su richiesta della CDPE

29.04.2020 ore 15:06
+++ Niente grandi eventi fino a fine agosto +++

Gli assembramenti e le manifestazioni restano vietati: quelle con 1’000 persone o più non potranno svolgersi fino a fine agosto, ha detto Alain Berset. Fra gli altri questo riguarda in Ticino il Festival di Locarno, Moon and Stars e Estival Jazz. Per gli eventi con meno di 1’000 persone una decisione verrà adottata a fine maggio. Al momento, lo ricordiamo, vale in Svizzera un divieto degli assembramenti di più di 5 persone

Telegiornale speciale coronavirus del 29.04.2020: stop ai grandi eventi fino a fine agosto
29.04.2020 ore 14:55
+++ Ristoranti e bar aperti dall’11 maggio +++

I ristoranti e i bar potranno tornare ad accogliere dei clienti il prossimo 11 maggio: lo ha deciso oggi il Consiglio federale, anticipando inoltre alla stessa data la riapertura di musei e biblioteche. Il Governo aveva già fissato e mantiene per l’11 maggio la riapertura dei negozi, dei mercati e delle scuole dell’obbligo.

Ristoranti e bar aperti dall’11 maggio

Lo ha deciso il Consiglio federale, con limitazioni ben precise. Apertura anche per musei e biblioteche

Telegiornale speciale coronavirus del 29.04.2020: la riapertura dei ristoranti annunciata da Alain Berset
29.04.2020 ore 14:52
"Una via di mezzo"

“Abbiamo scelto una via di mezzo, apriamo gradualmente”: Simonetta Sommaruga annuncia gli allentamenti della seconda fase, l’11 maggio. Lo dice Simonetta Sommaruga aprendo la prima conferenza stampa del Consiglio federale. “Ogni riapertura è collegata a un piano di protezione” e “la crisi non è superata, dovremo continuare a convivere con questo virus e le sue conseguenze economiche. Il Consiglio federale vuole proteggere la salute della popolazione e nel contempo tenere conto delle esigenze dell’economia”

29.04.2020 ore 14:23
Due conferenze stampa del Governo oggi

Sono due le conferenze stampa previste dal Consiglio federale oggi: alle 14.45 si presenteranno davanti ai media Alain Berset, Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin, alle 16.15 Viola Amherd, Karin Keller-Sutter e il cancelliere della Confederazione Walter Thurnherr. Si attendono novità, fra le altre cose, per la ristorazione (con possibili riaperture per i ristoranti dall’11 maggio, secondo anticipazioni di stampa) e sui grandi eventi. Domani è previsto un terzo appuntamento con Ignazio Cassis e sarà la volta anche dei cantoni, compresi Ticino e Grigioni, che vorranno illustrare l’applicazione di quanto deciso a Berna, per esempio sulla scuola. Siamo già in diretta su RSI La2, sul sito RSI.ch e su Facebook RSInews

29.04.2020 ore 14:05
Swiss, orario ridotto sino al 31 maggio

Swiss manterrà il suo orario ridotto al minimo almeno sino a 31 maggio: la scadenza attuale del 17 è stata quindi posticipata, in linea con quanto fatto dalla casa madre Lufthansa. I passeggeri i cui voli sono stati cancellati possono cambiare le proprie prenotazioni fino al 31 agosto, ha indicato oggi la compagnia aerea elvetica. Duramente toccata dalle restrizioni dovute al coronavirus, Swiss dal 23 marzo ricorre ancora soltanto a sei velivoli, di cui cinque a corto raggio - impiegati per collegamenti da Zurigo e Ginevra verso determinate città europee - e uno per le lunghe distante, che serve tre volte alla settimana New York. I restanti 85 aerei sono a terra. Complessivamente il vettore aereo gestisce 28 voli settimanali.

29.04.2020 ore 13:58
Seconda ondata in tre scenari

Una seconda ondata di contagi, conseguenza della riapertura dell’economia, potrebbe colpire la Svizzera in estate, portando a un picco fra luglio e agosto. I ricercatori del Politecnico di Losanna, in collaborazione con quelli della Johns Hopkins University di Baltimore, hanno elaborato tre scenari possibili, come riferisce 24 Heures in edicola oggi. Perché l’epidemia rallenti, il fattore R0 (che rappresenta il numero di contagi prodotto da ciascun inviduo infetto) deve rimanere al di sotto di 1. Prima del confinamento, in febbraio, il valore da noi era di 2,76: i modelli matematici elaborati in cooperazione dai due atenei stimano in un’ipotesi pessimista con un valore di 1,5 oltre 15’000 morti nel paese e un sistema ospedaliero spinto ai limiti del collasso malgrado siano stati aumentati i posti in terapia intensiva. Se si riuscisse più ottimisticamente a contenere l’R0 a 1,2, il picco sarebbe più basso, ma l’onda più lunga. I morti ammonterebbero a circa 5’000.

Il virus è ormai presente in tutti i cantoni, le differenze fra l’uno e l’altro sono destinate a diminuire rispetto a oggi, con Ticino, Ginevra e Vaud più colpiti degli altri, spiega il professor Jacques Fellay, che fa da supervisore dello studio ed è membro della task force di specialisti creata dalla Confederazione. Il punto debole della ricerca è che si basa sul passato, ammette, mentre gli effetti dell’allentamento progressivo del confinamento costituiscono un’incognita. In ogni caso, la lotta con il COVID-19 durerà ancora parecchi mesi: nel mondo ci sono più di 100 progetti di vaccino, alcuni dei quali già in fase di test, ma “se ce ne sarà uno che funziona fra 12-18 mesi potremo essere contenti”.

RG 12.30 del 29.04.2020 La corrispondenza di Lucia Mottini
29.04.2020 ore 13:16
Calano i ricoveri in Ticino

Secondo l’ultimo aggiornamento dello Stato maggiore cantonale di condotta, in Ticino sono ancora ricoverate 172 persone, 16 in meno di ieri: 143 in reparto e 29 in terapia intensiva, di cui 21 intubate. Sono tutti dati che confermano il trend in calo delle ultime settimane

29.04.2020 ore 12:33
Uscita dal lockdown e precauzioni nella ristorazione: Cracco contro il plexiglas

Al plexiglas dice “no” il noto chef italiano

Cracco: "Il plexiglass? Piuttosto chiudo"

Verso la riapertura di bar e ristoranti: lo chef italiano boccia le pareti divisorie per distanziare clienti e tavoli

29.04.2020 ore 12:16
Le curve dei decessi di Svizzera, Ticino e Grigioni a confronto
29.04.2020 ore 12:16
Le curve dei contagi di Svizzera, Ticino e Grigioni a confronto
29.04.2020 ore 12:16
L'evoluzione dei decessi in Svizzera
29.04.2020 ore 12:14
+++ UFSP: altri 143 casi in Svizzera e 28 decessi +++

In Svizzera le persone positive al test del nuovo coronavirus sono 29’407 dall’inizio dell’epidemia, lo rilevano le cifre aggiornate, pubblicate oggi dall’Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP). L’aumento nelle ultime 24 ore, sempre secondo l’UFSP. è di 143 casi. I decessi legati al Covid-19 sono stati 1408, 28 in più rispetto ai ieri. I dati pubblicati dall’UFSP si basano su informazioni trasmesse a Berna da laboratori, medici e ospedali entro le 8 del mattino. Per il sito corona-data.ch, che aggrega i dati cantonali, i morti sono invece 1’699.

29.04.2020 ore 11:40
La Russia sfiora i 100'000 contagi

Sono quasi 100’000 i casi di COVID-19 registrati in Russia dall’inizio dell’epidemia. Stamattina sono stati annunciati 5’841 nuovi contagi nelle ultime 24 ore, meno dei 6’411 di ieri, ma che fanno salire a 99’399 quelli finora accertati. Sempre stando ai dati ufficiali, le vittime del nuovo virus in Russia sono 972, di cui 108 decedute nel corso dell’ultima giornata.

29.04.2020 ore 11:38
Si aggrava il bilancio in Belgio

Nelle ultime 24 ore in Belgio si sono registrati 170 morti che portano ad un totale di 7’501 i decessi a causa del coronavirus. I nuovi contagi sono 525. Se si escludono i piccoli Stati, come San Marino, il Belgio è il paese con il maggior tasso di mortalità del mondo rispetto alla popolazione

29.04.2020 ore 11:31
Presto prodotte in Ticino mascherine di protezione


In luglio mascherine "made in Ticino"

Le produrrà Dario Kessel nella sua fabbrica di Mendrisio e ci sarebbero già acquirenti interessati

29.04.2020 ore 11:22
Dopo la malattia, Johnson papà

Il primo ministro britannico Boris Johnson, 55 anni, e la sua futura terza moglie Carrie Symonds, 32, hanno annunciato oggi a sorpresa la nascita del loro bambino. Il piccolo è un maschietto, come recita il comunicato di un portavoce, venuto alla luce “stamattina presto in un ospedale” di Londra. Una nascita in anticipo rispetto ai tempi previsti: quando la coppia aveva annunciato la gravidanza, aveva precisato che il lieto evento era atteso “all’inizio dell’estate”. Sia Johnson sia la sua compagna erano stati contagiati nelle settimane scorse dal coronavirus. Il premier era finito anche in cure intense prima di riprendersi.

29.04.2020 ore 11:20
In Spagna 325 nuovi decessi

Il bilancio delle vittime in Spagna è passato da 23’822 a 24’275 morti con l’aggiornamento di oggi: sono 325 (contro le 310 di ieri) le persone decedute di COVID-19 nel paese nelle ultime 24 ore, mentre il resto della differenza è dovuto a correzioni sui giorni precedenti. Sono invece 2’144 i nuovi casi, per un totale di 212’917

29.04.2020 ore 11:07
Olimpiadi e Expo: la Svizzera ci sarà

La Svizzera sarà presente ai grandi appuntamenti internazionali come i Giochi olimpici di Tokyo e l’Expo 2020 a Dubai che a causa della pandemia di Covid-19 sono stati rinviati di un anno. Il Consiglio federale vuole approfittare di queste manifestazioni per consolidare e promuovere l’immagine della Confederazione Questi rinvii comporteranno costi aggiuntivi di due milioni per la presenza della Svizzera alle due manifestazioni, indica in una nota il Consiglio federale, che ha approvato i costi supplementari di mezzo milione per la “House of Switzerland” a Tokyo e di 1,5 milioni per il Padiglione svizzero all’Expo. La somma sarà compensata internamente al Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) e gli sponsor, viene precisato, hanno confermato il loro interesse a partecipare ai due appuntamenti anche nel 2021.

29.04.2020 ore 11:06
Contributi AVS/AI/IPG e AD: niente interessi sui ritardi

A causa della situazione straordinaria provocata dall’epidemia di Covid-19, non verranno prelevati fino al 30 giugno interessi di mora in caso di ritardo nel pagamento dei contributi AVS/AI/IPG e per l’assicurazione contro la disoccupazione (AD). Lo ha deciso oggi il Consiglio federale. Questa disposizione temporanea, con effetto retroattivo dal 21 marzo, va ad aggiungersi alla possibilità già accordata alle imprese con problemi di liquidità di chiedere dilazioni di pagamento esenti da interessi di mora (validità fino al 20 settembre). I datori di lavoro devono pagare per principio mensilmente i contributi salariali alle casse di compensazione e i lavoratori indipendenti devono versare i propri contributi trimestralmente. Le casse di compensazione impiegano immediatamente i contributi riscossi per finanziare le prestazioni correnti. Per questo motivo fatturano mensilmente anche durante la crisi del coronavirus.

29.04.2020 ore 11:05
SwissSkills 2020: campionati rinviati al 2022

A causa dell’epidemia di coronavirus i campionati svizzeri delle professioni centralizzati “SwissSkills 2020”, in programma a Berna dal 9 al 13 settembre, sono rinviati all’autunno del 2022. Lo svolgimento dei vari campionati svizzeri delle professioni 2020 dovrebbero invece tenersi, ma in un’altra forma. Ciò garantirà anche la selezione di un forte team svizzero per gli WorldSkills 2021 di Shanghai. Nelle prossime settimane, la sede centrale di SwissSkills svilupperà ulteriormente un piano per il “format sostitutivo” in stretta intesa con le associazioni professionali e i partner della formazione professionale e lo presenterà poi al Consiglio della fondazione SwissSkills e alla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).

29.04.2020 ore 10:28
"Niente dividendi con il lavoro ridotto"

Le aziende che ricevono indennità per il lavoro ridotto a causa del coronavirus non devono versare dividenti. Lo chiede una mozione della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale, approvata per 19 voti contro 5. L’atto parlamentare chiede di vietare il pagamento dei dividenti per il 2020 e il 2021 alle imprese, a partire da una certa dimensione, che percepiscono questa indennità. Per far fronte al ricorso massiccio al lavoro ridotto, la Confederazione ha messo a disposizione 6 miliardi di franchi a fondo perso. Nel frattempo, circa una società su 10 quotata sull’indice SPI (mercato allargato) della borsa svizzera ha rinunciato al versamento alle quote spettanti ai titolari delle azioni. Questa rinuncia al versamento dei dividendi è spesso legata alla volontà di preservare la liquidità.


29.04.2020 ore 10:25
Le curve epidemiche di Ticino e Grigioni a confronto
29.04.2020 ore 10:25
La curva dei contagi in Ticino
29.04.2020 ore 10:24
+++Ancora due decessi in Ticino+++

In Ticino sono stati registrati nelle ultime 24 ore due decessi in più causati dal coronavirus. Il numero delle vittime nel cantone sale quindi a 318 dall’inizio dell’emergenza. I contagi sono intanto aumentati da 3’176 a 3’191. In crescita anche il numero dei pazienti dimessi: 16 in più, rispetto a ieri, per un totale finora di 728 persone.

29.04.2020 ore 10:06
+++ Grigioni: 809 casi e 45 decessi +++

I dati dell’epidemia di nuovo coronavirus nei Grigioni, aggiornati mercoledì mattina, fanno stato di 809 casi confermati (+3 rispetto al precedente rilevamento) e 45 persone decedute (+1). Gli ospedalizzati sono invece 27.

29.04.2020 ore 09:56
Anche in Brasile il bilancio supera quello cinese

I decessi per Covid-19 in Brasile nelle ultime 24 ore sono stati 474, portando il totale a 5’017. Con i dati attualizzati, il Brasile ha superato la Cina per numero di morti per COVID-19, al nono rango della triste classifica. I contagi registrati tra martedì e mercoledì sono stati 5’385, per un totale di 71’886.

29.04.2020 ore 09:49
Il 26 gennaio è il "giorno 0" di Milano, un mese prima di Codogno

Il COVID-19 circolava a Milano già il 26 gennaio, quasi un mese prima della scoperta del cosiddetto “paziente 1” a Codogno (Lodi), il 21 febbraio. Secondo il Corriere della Sera, in quel “giorno 0” almeno 46 persone avevano già contratto il virus nel capoluogo (e 543 in tutta la Lombardia). Prima del caso di Codogno, i contagiati sarebbero stati rispettivamente 160 e 1’200). È un’analisi della task-force sanitaria della Regione Lombardia che dà conto di quello che il quotidiano definisce “mese oscuro”: quello in cui la catena di contagio s’era già innescata e in cui all’inizio i suoi sintomi vennero scambiati per la coda dell’influenza e la malattia si diffondeva senza essere intercettata.

29.04.2020 ore 09:41
Grigioni: l’educazione stradale passa dal web

Ai tempi dell’epidemia di coronavirus l’educazione stradale per i bambini grigionesi passa dal web: la polizia cantonale ha prodotto dei video a disposizione di tutti gli scolari sul sito www.kapo.gr.ch. “Visto che nell’attuale momento di pandemia i nostri istruttori non possono tenere le lezioni di educazione stradale in classe, abbiamo pensato di mettere in rete dei video, dove spieghiamo come imparare ad andare correttamente in bicicletta”, afferma in una nota diramata oggi il capo della polizia di prevenzione Cuno Berther. Le informazioni - disponibili nelle tre lingue cantonali - spaziano dal giusto equipaggiamento della bicicletta al corretto comportamento in strada.

29.04.2020 ore 09:13
Superati i tre milioni di contagi nel mondo

Il numero di contagiati dal coronavirus nel mondo ha superato la soglia dei tre milioni, secondo un calcolo della Johns Hopkins University. Il numero dei casi confermati è esattamente 3’117’204. Al primo posto ci sono gli Stati Uniti, con 1,1 milioni di casi confermati, seguiti dalla Spagna con 232’000 e dal’Italia con 201’000. Rispetto alla popolazione dei singoli Stati, i paesi più colpiti sono invece l’Islanda, on 526 casi per 100’000 abitanti, la Spagna con 496, l’Irlanda con 402, la Svizzera con 338 e l’Italia con 333. Gli Stati Uniti ne hanno poco più di 310. Va tuttavia precisato che sono cifre fortemente dipendenti dall’intensità e dalla capillarità nello svolgimento dei test.

29.04.2020 ore 08:53
La criminalità ai tempi del Covid-19

La criminalità ai tempi del Covid-19 ha cambiato pelle e si è adattata alle misure di confinamento imposte dagli Stati per far fronte alla pandemia. A spiegarlo, mercoledì durante la trasmissione Albachiara, è Stefano Caneppele, criminologo e professore associato alla Scuola di scienze criminali dell’Università di Losanna.

La criminalità cambia pelle

Causa il confinamento cala quella comune. Aumentano le frodi online. L’esperto: “Attenzione alla penetrazione delle mafie nell’economia”

29.04.2020 ore 08:46
I medici usano ancora il fax: errori nelle statistiche dell'UFSP

Una bimba di 9 anni morta di COVID-19 in Svizzera? La comparsa sabato del dato, nella tabella fornita quotidianamente da Berna, aveva messo in allarme: finora non si erano registrati decessi di bambini. E infatti è ancora così: la vittima era in realtà una donna di 109 anni, ma c’è stato un errore al momento nell’inserimento della data di nascita: 2011 invece di 1911. Non è l’unico disguido nelle statistiche dell’UFSP, come riferisce il Tages-Anzeiger: è scomparso, corretto a posteriori, l’unico decesso di un giovane della categoria di età fra i 20 e i 29 anni. In questo caso sul formulario del medico c’era scritto 1932 e non 1992.

Uno dei motivi di questi problemi è presto spiegato: da fine marzo i dottori sono invitati a non trasmettere più via fax i dati su decessi e contagi da coronavirus in Svizzera. L’Ufficio federale della sanità pubblica aveva reagito ai problemi iniziali mettendo a disposizione una modalità elettronica, che in molti però continuano a snobbare preferendo quella “antiquata”. I funzionari sono quindi costretti a ricopiare poi il tutto.

29.04.2020 ore 08:21
Dal Governo attesi nuovi aiuti e indicazioni

A due giorni dal primo allentamento delle misure restrittive per il coronavirus, in Svizzera già si guarda al prossimo passo. Oggi infatti si attendono ulteriori indicazioni dal Consiglio federale. Dal punto di vista economico sono tre i settori sull’attenti: aviazione, media e ristorazione. I primi due attendono aiuti per sopravvivere, l’ultimo un’indicazione sulla riapertura, forse già parziale a partire dall’11 maggio. Ecco quanto potrebbe decidere il Governo, riassunto per il Radiogiornale da Alan Crameri

RG 08.00 del 29.04.2020 La diretta di Alan Crameri
29.04.2020 ore 08:16
Il Portogallo allenta la presa

Anche il Portogallo allenta la presa, nella sua lotta contro il COVID-19. Nei prossimi giorni verrà levato lo stato di emergenza, anche se verranno mantenute misure “di controllo”, con prudenza, in questo paese che è riuscito a contenere la diffusione del virus con delle misure adottate piuttosto in fretta: le scuole (e non solo) erano già state chiuse prima che venisse decretato lo stato di emergenza. Erano state introdotte limitazioni ai viaggi verso Spagna e Italia. I contagi, circa 25’000, e i decessi, un migliaio, sono molti meno anche in termini percentuali rispetto ai dati dei vicini iberici. Si attende ora che il Governo comunichi i dettagli di un allentamento a tappe che non sarà “un ritorno alla normalità”, ha avvertito il presidente Marcelo Rebelo de Sousa

RG 08.00 del 29.04.2020 Il servizio di Pierre Ograbek
29.04.2020 ore 07:35
Austrian Airlines chiede aiuto allo Stato

Austrian Airlines, che come la Swiss appartiene al gruppo Lufthansa, ha ufficialmente chiesto martedì sera al Governo austriaco un aiuto di 767 milioni di euro (in larga misura sotto forma di crediti da restituire) per sopravvivere alla crisi scatenata dal COVID-19. Il cancelliere Kurz aveva in precedenza posto condizioni come il rafforzamento di Vienna come base e il mantenimento del maggior numero di posti di lavoro possibile nel paese. La compagnia è completamente ferma da metà marzo e i 7’000 dipendenti in regime di lavoro ridotto

29.04.2020 ore 07:32
Airbus in rosso

Il coronavirus pesa sui conti di Airbus, che ha chiuso il primo trimestre con una perdita di 481 milioni di euro, a fronte di un utile di 40 un anno prima. Nei giorni scorsi i vertici avevano avvertito che l’epidemia potrebbe minacciare l’esistenza stessa del maggiore costruttore europeo di aeroplani

29.04.2020 ore 07:23
Sfida sanitaria ed economica per la Russia

La Russia si trova di fronte a una doppia sfida: sanitaria ed economica. Ieri, è stato toccato il record di contagi giornalieri ma il presidente Vladimir Putin ha avvertito che il picco non è ancora raggiunto. Così le attuali limitazioni vengono prorogate fino all’11 maggio. Aziende e negozi chiusi, quindi, ma a preoccupare è soprattutto il basso prezzo del petrolio. La corrispondenza è di Giuseppe D’Amato

Radiogiornale delle 07.00 del 29.04.2020: da Mosca, Giuseppe D’Amato
29.04.2020 ore 07:14
22 casi in Cina

Le autorità sanitarie cinesi hanno comunicato l’individuazione di 22 nuovi casi di COVID-19, di cui 21 “importati” dall’estero, per un totale di 82’858. I decessi restano fermi a 4’633 come da due settimane a questa parte

29.04.2020 ore 07:08
Superato il milione di casi negli Stati Uniti

I morti per coronavirus negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore sono stati 2’200, per un totale di 58’351. Il bilancio supera così, a titolo di simbolico paragone, quello della guerra in Vietnam. Martedì il paese ha superato la soglia del milione di casi, circa un terzo del totale mondiale. In rapporto alla popolazione, con 17 decessi ogni 100’000 abitanti gli Stati Uniti restano comunque lontani dalla situazione di alcuni paesi europei: in Spagna sono 50, in Belgio (a cui spetta il triste primato) 63. La Svizzera conta poco meno di 20 morti ogni 100’000 abitanti, secondo i dati dalla Johns Hopkins University.

USA oltre il milione di contagiati

È sempre alto il numero di decessi e infezioni in America, dove spunta un nuovo candidato alla presidenza mentre Biden vince le primarie in Ohio

29.04.2020 ore 07:02
Confederazione, dai 30 ai 50 miliardi di debito in più

La crisi del coronavirus dovrebbe far crescere il debito pubblico svizzero di 30-50 miliardi di franchi. La stima è del ministro delle finanze Ueli Maurer, intervistato dalla NZZ. È una somma che non si potrà riassorbire in tempi rapidi, ci vorranno parecchi anni, avverte il democentrista. Altrimenti sarebbero necessari enormi tagli ai budget nel prossimo futuro. La sua proposta è che gli utili della Banca nazionale vengano utilizzati a questo scopo, in aggiunta ad alcune centinaia di milioni di entrate straordinarie derivate dalla vendita delle licenze di telefonia mobile

29.04.2020 ore 06:55
Duecento nuovi morti in Germania

La Germania registra 202 nuovi decessi e 1’304 nuovi casi di contagio, secondo il rapporto quotidiano dell’istituto Robert Koch. I totali rispettivi salgono a 6’115 e 157’641