Passeggeri su un treno svizzero
Passeggeri su un treno svizzero keystone
Momenti chiave
21.08.2020 ore 18:54
21.08.2020 ore 14:42
21.08.2020 ore 14:38
21.08.2020 ore 13:36
21.08.2020 ore 12:26
21.08.2020 ore 11:21
21.08.2020 ore 10:56
21.08.2020 ore 10:18
21.08.2020 ore 09:52
21.08.2020 ore 09:33
21.08.2020 ore 07:41
21.08.2020 ore 07:36
21.08.2020 ore 07:17
21.08.2020 ore 07:06

In Svizzera 306 casi, nessun decesso

Nelle ultime 24 ore sono però state ospedalizzate 13 persone; in Ticino ospedali vuoti e otto positivi; nei Grigioni, sette
venerdì 21 agosto 2020 07:04

In Svizzera sono stati censiti 306 nuovi casi di positività legati al coronavirus. Nessuna persona è deceduta nelle ultime 24 ore e 13 persone sono state ospedalizzate. In Ticino, dove per il terzo giorno di seguito gli ospedali rimangono vuoti, sono otto i positivi, mentre nei Grigioni sette (una persona in nosocomio).

La cronaca di giovedì

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che nonostante l’aumento dei casi in Europ, specialmente in Spagna, Germania e Francia non sono necessari dei lockdown siccome la preparazione delle autorità e l’esperienza acquisita in questi ultimi mesi permettono di gestire la crisi altrimenti.

I dati sempre aggiornati

di Stefano Pongan, Alex Ricordi, Stefano Wingeyer, Enrico Campioni, Joe Pieracci, Alessandra Spataro

21.08.2020 ore 23:58
Studio del Poli di Zurigo: la maggior parte dei test sierologici rapidi è insoddisfacente

La maggior parte dei test sierologici rapidi, quelli che dovrebbero permettere di capire se una persona ha sviluppato gli anticorpi del nuovo coronavirus da una goccia di sangue, non danno risultati precisi nella misure sostenuta dai produttori. Lo ha accertato uno studio svolto da un’equipe di ricercatori svizzeri guidata da Fabian Rudolf del Politecnico di Zurigo con il supporto della Croce rossa utilizzando campioni raccolti nel canton Basilea Campagna su pazienti con sintomi lievi di Covid-19.

Le conclusioni, presentate come articolo non verificato su MedRxiv, indicano che solo uno degli 11 metodi messi alla prova è convincente. Si tratta di un test rapido proveniente dalla Cina, finora poco diffuso in Svizzera. Gli altri - alcuni dei quali già acquistati in grandi quantità in alcuni cantoni elvetici - davano invece troppo spesso un risultato sbagliato. Ma non solo. Lo studio ha anche accertato che è possibile ottenere un buon risultato facendo due test in successione. Singolarmente danno risultati mediocri, ma insieme sono attendibili quanto le procedure più complesse usate in laboratorio.

A SRF il ricercatore ha spiegato che i test sierologici saranno molto importanti al momento in cui sarà disponibile un vaccino in modo da poterlo somministrare a chi non è ancora immune avendo già sviluppato gli anticorpi. Diversi cantoni hanno già chiesto delucidazioni per sapere se i test che hanno acquistato sono affidabili e se possono contribuire a realmente capire quanto il virus si sia già diffuso tra la popolazione.


Un ticinese su dieci ha gli anticorpi

Presentati a Bellinzona i risultati dello studio cantonale sulla presenza nella popolazione degli anticorpi contro il Covid-19

21.08.2020 ore 22:41
OMS, "Mascherina dai 12 anni, come gli adulti"

L’OMS raccomanda che “i bambini dai 12 anni in su dovrebbero indossare le maschere nelle stesse condizioni degli adulti, soprattutto quando non possono garantire una distanza di almeno un metro dagli altri e se la trasmissione è diffusa nella zona interessata”. I bambini di età inferiore ai 5 anni non dovrebbero essere obbligati a indossare maschere. “Questa indicazione si basa sulla sicurezza e sugli interessi generali del bambino, e sulla capacità del bambino di usare correttamente una maschera con un’assistenza minima”, ha detto l’agenzia delle Nazioni Unite.

21.08.2020 ore 21:18
Scoperta a Singapore una variante del coronavirus che causa infezioni più lievi

I ricercatori di Singapore, secondo uno studio pubblicato sulla rivista medica The Lancet, hanno scoperto una nuova variante del coronavirus che causa infezioni più lievi. Lo studio mostra che i pazienti COVID-19 infettati con la mutazione di SARS-CoV-2 hanno avuto risultati clinici migliori, inclusa una percentuale inferiore che sviluppa un basso livello di ossigeno nel sangue o richiede cure intensive. Le spiegazioni con Loretta Dalpozzo

RG 18.30 del 21.08.20: le spiegazioni di Loretta Dalpozzo
21.08.2020 ore 19:53
Spagna: 3'650 positivi in un giorno

Sono 3’650 i nuovi contagi da coronavirus registrati in Spagna nelle ultime 24 ore nel corso delle quali sono stati annunciati anche altre 25 morti legate al Covid-19. Il numero maggiore di nuovi casi si registra a Madrid, con 1’199, seguita dai Paesi Baschi con 685.

21.08.2020 ore 19:50
OMS auspica che la crisi possa risolversi in meno di due anni

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) auspica che la crisi mondiale determinata dal coronavirus possa risolversi in meno di due anni. Lo ha detto il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus nel briefing da Ginevra sul Covid-19, ricordando che la precedente pandemia, l’influenza spagnola del 1918, durò due anni. “Oggi il virus si muove più velocemente perché sono aumentare le connessioni, ma allo stesso tempo abbiamo più tecnologia e conoscenze per fermarlo”, ha aggiunto. L’epidemia di coronavirus è stata dichiarata pandemia l’11 marzo 2020.

Tedros Adhanom Ghebreyesus ha anche affermato che la corruzione che riguarda i materiali di protezione dal contagio di coronavirus “ê un crimine ed è omicidio” poiché “se gli operatori sanitari si trovano a lavorare senza l’equipaggiamento di protezione personale, rischiano la loro vita e mettono a rischio anche la vita delle persone che assistono” .

21.08.2020 ore 19:42
Confederazione sigla sostegno a Swiss e Edelweiss

I contratti stipulati in aprile tra la Confederazione, le banche, Swiss e Edelweiss sono stati siglati. L’annuncio segue l’approvazione da parte del fondo di stabilizzazione economica della Germania. Le due compagnie aeree potranno decidere l’entità e la tempistica dei prelievi dai fondi di sostegno, nei limiti degli importi massimi stabiliti. Il denaro verrebbe messo a disposizione da un consorzio di istituti di credito: la Confederazionegarantirà l’85% dei mezzi erogati fino a un massimo di 1,275 miliardi (il rischio restante sarà a carico delle banche).

21.08.2020 ore 18:54
Bimbi e coronavirus

La diffusione del virus nei bambini

La carica virale più alta è nei ragazzi in età pediatrica, ma secondo gli studi effettuati finora sono gli adulti a trasmettere di più il virus

21.08.2020 ore 18:24
Glarona, 300 in quarantena dopo un torneo di calcio

Circa 300 partecipanti e spettatori di un torneo di calcio, tenutosi sabato scorso a Glarona, sono in quarantena poiché una calciatrice è scesa in campo malgrado avesse già i sintomi del Covid-19. La ragazza, inoltre, la sera prima era stata in un bar della città.

Il caso è emerso dopo che all’inizio di questa settimana, una persona che si trovava con la giovane si è sottoposta al test ed è risultata positiva. Giovedì il tampone è stato fatto anche alla calciatrice e sono scattate le restrizioni.

Tutti i presenti nel bar e al torneo dovranno restare a casa fino a martedì 25 agosto.

21.08.2020 ore 17:38
Esportazioni di vino italiano in calo per la prima volta da 30 anni

Le vendite di vino italiano nel mondo sono calate per la prima volta da 30 anni. L’inversione di tendenza che giunge dopo il recorso storico registrato dalle vendite nel 2019 (6,4 miliardi) è tutta legata alla pandemia. Il primo trimestre dell’anno aveva fatto segnare un aumento delle esportazioni, ma in seguito vi è stato un repentino calo della domanda dovuto alle difficoltà registrate dalla ristorazione. Da una analisi della Coldiretti emerge che il fatturato del settore enologico italiano fra gennaio e maggio è sceso del 44% in Cina, del 14% in Francia e del 12% nel Regno Unito.

21.08.2020 ore 17:25
Francia, mascherina obbligatoria a partire dalle medie

La Francia ha indurito la sua linea sull’uso delle maschere nelle scuole a partire dagli 11 anni. Il ministro dell’Istruzione Jean-Michel Blanquer, a 10 giorni dalla ripresa delle lezioni il 1° settembre, ha chiarito che gli allievi dovranno indossarla all’interno degli istituti a partire dalla medie, anche laddove le regole del distanziamento sociale possono essere rispettate. I docenti possono invece rinunciarvi durante l’insegnamento se si tengono ad almeno 2 metri dagli studenti.

“Se le famiglie sono in grande difficoltà, siamo in grado di fornire maschere agli alunni che ne hanno più bisogno”, ha detto venerdì durante una visita a una scuola, ricordando che l’indennità di ritorno a scuola per le famiglie più povere è stata aumentata di 100 euro.

Per prevenire l’eventuale seconda ondata, entro la fine di agosto, la mascherina diventerà obbligatoria anche negli spazi aziendali aperti e condivisi. È già obbligatoria nei negozi e in altri spazi chiusi aperti al pubblico. Diverse città la richiedono anche all’aperto.

21.08.2020 ore 17:12
In quarantena allievi e personale della sede di Bulle della scuola alberghiera di Glion

Il canton Friburgo venerdì ha annunciato altre due quarantene collettive dopo che nei giorni scorsi aveva già ordinato di stare a casa a oltre 500 persone che nel weekend avevano frequentato due bar di Bulle nei quali, si è poi appreso, c’erano anche dei malati di Covid-19. Una riguarda gli studenti e il personale della sede che la scuola alberghiera internazionale di Glion ha nel capoluogo della Gruyère. La misura è stata decisa dopo che quattro allievi sono risultati infettati. Sono in corso le verifiche con l’istituto per capire il numero delle persone coinvolte. Le autorità cantonali hanno annunciato che saranno messi in quarantena anche gli avventori di un altro locale di Bulle. Saranno avvertiti una volta esaminata la lista delle presenze.

Dato il costante aumento delle persone alle quali deve ordinare di restare a casa per 10 giorni, il cantone ha deciso che gli avvisi di quarantena saranno trasmessi unicamente tramite messaggio SMS con mittente ETAT FR SMC.

21.08.2020 ore 17:12
Italia, 947 persone positive al coronavirus

In Italia, sono stati registrati 947 nuovi casi legati al coronavirus nelle ultime 24 ore (ieri 845); nove i morti (sei ieri). In calo i tamponi, circa 6’000 in meno rispetto a ieri. Lo ha indicato il Ministero della salute. È il dato più alto registrato dal 14 maggio. Il maggior incremento è segnalato in Lombardia (174), Lazio (137) e Veneto (116).

21.08.2020 ore 16:57
Le app di tracciamento sarebbero poco efficaci

Una revisione della letteratura scientifica pubblicata sulla rivista Lancet Digital Health giunge a concludere che è improbabile che le app di tracciamento dei contatti siano efficaci per ridurre la diffusione della pandemia, dato le prove limitate attuali dell’efficacia dei sistemi automatizzati di tracciamento.

L’University College London ha esaminato più di 4’000 studi sul tema pubblicati tra gennaio e aprile 2020. I 15 che presentavano maggior solidità sono stati analizzati per comprendere l’impatto che le applicazioni di contact tracing potrebbero avere. “Sebbene il tracciamento automatico dei contatti possa supportare quello manuale, richiede una diffusione su larga scala da parte della popolazione e il rispetto rigoroso dell’avviso di quarantena da parte dei contatti notificati per avere un impatto significativo”, osserva l’autore principale, Isobel Braithwaite.

21.08.2020 ore 16:12
Nuovo primato di contagi in Croazia

In Croazia nelle ultime 24 ore si sono registrati 265 nuovi contagi da coronavirus, nuovo record giornaliero. Il totale degli infettati dall’inizio della pandemia è salito a 7’594. È stato annunciato anche un altro decesso, il 169esimo, legato al Covid-19. Il ministro della sanità Vili Beros non si è mostrato eccessivamente preoccupato sostenendo che si tratta di un trend legato alla stagione turistica.

Di fronte all’aumento del numero dei contagi registrati nel paese, vari governi europei - fra cui quelli di: Austria, Slovenia, Gran Bretagna e Germania - hanno inserito la Croazia o alcune sue zone tra quelle particolarmente a rischio dal punto di vista epidemiologico, imponendo restizioni e quarantene al rientro.

21.08.2020 ore 16:04
Covid-19: stessi sintomi dell'influenza, ma l'ordine è diverso

I sintomi del Covid-19 sono gli stessi di molte altre malattie del sistema respiratorio (dolori muscolari, febbre, tosse, nausea, vomito e diarrea), ma l’ordine in cui si presentano nella maggior parte dei casi è invece “unico”. Lo ha scoperto uno studio della University of Southern California pubblicato da Frontiers in Public Health, secondo cui è possibile sfruttare questa caratteristica per fare la diagnosi. Analizzando 55’000 casi confermati di Covid-19 in Cina e confrontando l’ordine dei sintomi con quelli di migliaia di casi di influenza, 150 di SARS e alcuni di MERS, i ricercatori hanno notato che la malattia provocata dal SARS-CoV-2 inizia con più probabilità dalla febbre, poi seguono tosse e dolori muscolare, quindi nausea e vomito. Infine si manifesta la diarrea. Anche includendo gli altri sintomi meno frequenti del nuovo coronavirus scoperto a Wuhan lo scorso dicembre, come la gola secca, l’ordine cronologico dei primi quattro non cambia. Il fatto che la febbre si presenti per prima, aggiungono gli autori, indica che la misurazione della temperatura è un buon metodo di screening.

“L’ordine dei sintomi è importante” ha sottolineato uno degli autori della ricerca poiché “conoscendo la progressione di ogni malattia i medici possono individuare precocemente se una persona ha con più probabilità il Covid-19 o un’altra patologia, prendendo decisioni migliori sul trattamento”.

21.08.2020 ore 15:45
Test a ospiti e operatori di 10 case per anziani

Saranno testati dal prossimo anno, su base volontaria, circa 900 residenti di case per anziani e operatori di dieci strutture presenti in Ticino.

COV-RISK, anziani e anticorpi

Terzo studio sierologico in Ticino : a venire testati saranno 900 ospiti e altrettanti operatori di 10 case anziani – Primi risultati a metà settembre

21.08.2020 ore 14:52
Vendita record di patate in Svizzera

Nei primi sei mesi dell’anno gli svizzeri hanno acquistato dai dettaglianti 52,4 milioni di chili di patate, una cifra record per gli ultimi dodici anni. Il risultato eccezionale è dovuto a un maggiore consumo nelle economie domestiche legato alla chiusura provvisoria dei ristoranti a causa del coronavirus. Il livello dei prezzi è rimasto simile a quello degli ultimi tre anni, ha precisato l’Ufficio federale dell’agricoltura in un comunicato. Il fatturato nel primo semestre ha raggiunto i 106 milioni di franchi: era dal 2008 che le vendite non superavano i 100 milioni di franchi. Rispetto allo stesso periodo del 2019 lo smercio di patate fresche è cresciuto del 5,8%. La domanda è stata particolarmente alta in marzo e aprile. Anche i prodotti a base di patate, come per esempio patatine fritte e rösti, sono stati molto richiesti.

21.08.2020 ore 14:42
Perché sono pochi i casi gravi?

Le considerazioni di Tanja Stadler e Christian Garzoni

Casi su, ma pochi gravi: il perché

Si ammalano piuttosto i giovani, sappiamo come comportarci ed è migliorata la presa a carico: i pareri di Tanja Stadler e Christian Garzoni

21.08.2020 ore 14:38
Como, salta la Città dei Balocchi

Dopo 26 anni Como dovrà rinunciare questo Natale alla Città dei Balocchi. Secondo quanto scrive il quotidiano La Provincia, nessuno - neanche il consorzio promotore della manifestazione - ha partecipato al bando indetto dal Comune.

21.08.2020 ore 13:36
Sessione a prova di virus

A Palazzo federale ci si prepara per la sessione di autunno, in modo che possa svolgersi in modo sicuro: le sale - in immagine una commissionale - sono state attrezzate con pareti divisorie in plexiglas visto che le distanze fra deputati non possono essere rispettate durante i lavori

21.08.2020 ore 12:38
Test in Messico per il vaccino russo

Almeno 2000 volontari parteciperanno in Messico ai test per la terza fase di sperimentazione del vaccino russo Sputnik V. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri messicano, Marcelo Ebrard, dopo una riunione con l’ambasciatore russo a Città del Messico, Victor Koronelli. Il Messico si propone di partecipare anche nei test del vaccino che sta mettendo a punto il gigante statunitense Johnson & Johnson.

21.08.2020 ore 12:37
Philip Morris sopprime 200 impieghi

Il produttore di sigarette Philip Morris annuncia la cancellazione di altri 200 posti di lavoro in Svizzera. Sono corrette al ribasso, nel contempo, le cifre di una precedente ristrutturazione comunicata a inizio anno: da 265 a meno di 150 impieghi soppressi.

21.08.2020 ore 12:26
Svizzera: 306 nuovi casi

In Svizzera sono stati registrati 306 nuovi casi nelle ultime 24 ore su un totale di 10’206 test effettuati; 13 persone sono state ospedalizzate ma non sono stati segnalati nuovi decessi. Da inizio pandemia il totale delle infezioni sale a 39’332, quello dei ricoveri a 4’481, mentre i morti sono 1’719. Attualmente sono 1’572 le persone in isolamento dopo essere risultate positive, 4’821 quelle in quarantena in seguito a contatti a rischio e 14’181 quelle che invece lo sono dopo essere rientrate da paesi figuranti sulla lista di quelli non sicuri.

21.08.2020 ore 11:28
Mascherine, la Flawa compra due macchine

La società Flawa, con sede nel canton San Gallo, acquista al prezzo di 800’000 franchi l’una le due macchine per la produzione di mascherine di proprietà finora della Confederazione e del canton Zurigo. L’accordo prevede che questi ultimi comprino in cambio rispettivamente 3,5 e 1,5 milioni di esemplari per garantire l’approvvigionamento in caso di necessità. Le due apparecchiature sono già attive nel sito di Flawil e da diversi mesi producono mascherine certificate, che con questa operazione entreranno a far parte in pianta stabile dell’offerta dell’azienda. La capacità massima è di 85’000 pezzi al giorno.

21.08.2020 ore 11:21
Creditori in soccorso di Swissport

Swissport, attiva nei servizi aeroportuali e di proprietà del gruppo cinese HNA, si è assicurata liquidità per 300 milioni di franchi, messa a disposizione da non meglio precisati creditori. La situazione è seria: il 18 agosto restavano in cassa 200 milioni e nel secondo trimestre il fatturato è crollato del 70% per effetto della pandemia, mandando i conti nelle cifre rosse (67 milioni di perdita operativa)

21.08.2020 ore 10:56
Annullata la corsa dell'Escalade

La corsa dell’Escalade, tradizionale appuntamento podistico di Ginevra, che doveva tenersi il 5 e 6 dicembre, è stata cancellata dagli organizzatori, che comunicano di aver scelto la prudenza. La 43ma edizione si terrà quindi a inizio dicembre del 2021.

21.08.2020 ore 10:52
16,8 miliardi di crediti, 48 procedimenti per abuso

Sono 136’112 le piccole e medie imprese (in pratica una su cinque in Svizzera) che hanno approfittato entro il termine del 31 luglio della possibilità di ottenere i crediti COVID-19, secondo l’ultimo aggiornamento dei dati sul sito della SECO. Nel dettaglio, 134’983 PMI hanno ricevuto in media 103’000 franchi ciascuna nella categoria fino a mezzo milione interamente garantita dalla Confederazione e altre 1’129 una media di 2,7 milioni in quella superiore fino a 20 milioni. In totale sono stati concessi dunque prestiti per 16,8 miliardi di franchi, in larga misura entro la fine di marzo. Dalla seconda metà di aprile l’interesse è considerevolmente diminuito. Il 42% dei mezzi messi a disposizione è stato utilizzato.

L’impatto della crisi sull’economia ticinese si conferma dall’analisi delle cifre cantone per cantone: il 17,1% delle richieste è arrivato da Zurigo, seguito da Vaud (10,8%) e per l’appunto Ticino (9,3%), che precede cantoni più grandi come Berna, Ginevra e Argovia. Fra quelli coinvolto, l’istituto più sollecitato è stata la Raiffeisen, a cui si è rivolto quasi un quinto degli interessati, davanti a UBS, Postfinance e Credit Suisse.

Per quanto riguarda i settori, è quello dei commerci e dei garage ad aver approfittato maggiormente dello strumento, con il 24,6% delle domande. Seguono l’industria manifatturiera con il 15%, l’edilizia con il 13% e la ristorazione e albergheria con il 9,5%

Sono 845 i casi in cui sono sorti sospetti di abuso, sfociati 48 volte nell’apertura di un procedimento: si ipotizzano usi per investimenti o dividendi (che non erano consentiti), doppie richieste e dati falsificati sulla cifra d’affari.

21.08.2020 ore 10:24
"Libero" dopo 115 giorni e 28 tamponi

È tornato a casa ad Albino, in provincia di Bergamo, Marco Carrara, la cui singolare odissea durata mesi ha attirato l’attenzione dei media e non solo. Il 43enne - a cui ha anche scritto il premier Giuseppe Conte - è infatti stato ricoverato per coronavirus per 115 giorni, seguiti da altri 27 di isolamento, e ha dovuto fare 28 tamponi prima del via libera. Lo riferisce l’Eco di Bergamo. Era il 31 marzo infatti quando è entrato in ospedale, poco dopo la morte per COVID-19 del padre. In quell’ospedale restò un mese e mezzo, poi un mese alla clinica San Francesco e in seguito il ritorno al Giovanni XXIII dopo un peggioramento delle sue condizioni. L’8 giugno aveva iniziato la riabilitazione e il 24 luglio era stato dimesso perché ormai senza sintomi. Ma “non potevo tornare a casa - racconta lui stesso - perché i tamponi erano ancora positivi. Così mi sono messo in quarantena nell’appartamento di mio padre, con i miei ci guardavamo dal terrazzo ma niente di più”. Insomma nessun contatto con la moglie e i due figli. Solo giovedì si sono potuti riabbracciare, alle 14.00, mentre le campane del paese suonavano a festa per il suo ritorno.

21.08.2020 ore 10:18
Argovia attinge alle riserve

Il canton Argovia ha presentato per il 2021 un preventivo in pareggio, un risultato ottenuto però soltanto prelevando 120,5 dalla “cassa speciale” per i tempi grami, dove era stato accantonato fin qui quasi mezzo miliardo

21.08.2020 ore 09:54
Otto contagi ma ospedali vuoti in Ticino

Sono otto i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore in Ticino, che portano a 3’500 il totale da inizio pandemia. Restano tuttavia vuoti gli ospedali: da tre giorni non risulta ricoverato alcun paziente malato di COVID-19. I decessi sono fermi a 350 da oltre due mesi.

21.08.2020 ore 09:52
Cifre rosse a Berna

Le finanze del canton Berna risentono pesantemente delle conseguenze della pandemia: per i prossimi anni, il Governo prevede cifre rosse (per 630 milioni nel 2021) e un indebitamento in crescita di centinaia di milioni di franchi. La legge volta a frenarlo non potrà, realisticamente, essere rispettata. Sono stati identificati progetti previsti e non ancora attuati ai quali sarebbe possibile rinunciare, ma non si intende procedere a un pacchetto di risparmi che non troverebbe appoggio nella popolazione, la quale si aspetta piuttosto impulsi per la ripresa congiunturale.

21.08.2020 ore 09:48
Christiane Meier nuovo medico cantonale zurighese

Christiane Meier è stata nominata dal Governo zurighese nel ruolo di medico cantonale, che già occupava ad interim da aprile, quando il predecessore Brian Martin era andato in malattia e aveva poi rassegnato le dimissioni in piena pandemia di coronavirus.

21.08.2020 ore 09:33
Numeri stabili in Russia

La Russia ha registrato nelle ultime 24 ore 4’870 nuovi casi di coronavirus e 90 decessi, a fronte di 4’785 contagi e 110 morti del giorno precedente. Il totale da inizio pandemia è di 16’189 morti e 946’976 infezioni.

21.08.2020 ore 08:59
Più di 1'400 nuovi contagi in Germania

Sono 1’427 i nuovi casi di positività al coronavirus registrati in Germania nel corso delle ultime 24 ore. Il dato, reso noto dal Robert Koch Institut (RKI), porta a oltre 230’000 il numero complessivo dei contagi nel paese. Sempre fra ieri e oggi sono stati comunicati altri 7 decessi causati dalla malattia. Il bilancio delle vittime ella pandemia in Germania aumenta quindi a 9’260 morti dall’inizio della crisi sanitaria.

21.08.2020 ore 08:35
Situazione sempre preoccupante in Brasile

Il Brasile ha registrato altri 1’204 decessi e 45’323 nuovi contagi da coronavirus nelle ultime 24 ore. Il numero complessivo dei casi confermati di Covid-19 è dunque salito a 3’501’975, mentre ha raggiunto quota 112’304 il bilancio delle vittime della patologia dall’inizio della crisi.

21.08.2020 ore 07:41
Sette contagi in più nei Grigioni

Sette contagi in più e un’ospedalizzazione in meno nei Grigioni. Sono i dati in evidenza sulla scorta delle ultime cifre, diffuse stamani, sugli sviluppi della pandemia nel cantone. I casi d’infezione da coronavirus salgono così a 971 dall’inizio della crisi. Sono quindi 24 i casi attualmente attivi posti in isolamento, 3 in più rispetto al dato di ieri, a fronte di un bilancio delle vittime che resta invariato (50 finora i decessi causati dalla malattia in territorio retico). Sono infine 139 le persone attualmente poste in quarantena, mentre una resta ricoverata ma non in terapia intensiva.

21.08.2020 ore 07:36
La pandemia tarpa le ali a Kloten

Pesanti ripercussioni, a causa della crisi indotta dal coronavirus, per l’aeroporto di Zurigo. Le operazioni di volo sono praticamente cessate nei mesi di aprile e maggio e gli effetti sul piano economico sono stati eloquenti. In base alle cifre comunicate stamani, nel primo semestre dell’anno il fatturato dello scalo di Kloten è calato del 47% a 310 milioni di franchi. Benchè si registrino ora segnali di ripresa, le prospettive per le attività restano fortemente incerte.

21.08.2020 ore 07:17
Solo casi sporadici in Cina

In 24 ore la Cina ha registrato appena 22 nuovi casi di contagio, che hanno portato a 84’917 il bilancio da inizio pandemia, con 4’634 decessi.

21.08.2020 ore 07:16
Il Giappone riapre ai residenti stranieri

Il Giappone, dopo aver adottato per mesi delle misure all’immigrazione fra le più severe al mondo, dal mese prossimo renderà più facile l’ingresso agli stranieri con un permesso di residenza, ponendo quale condizione un depistaggio e un confinamento di 14 giorni, come per i cittadini nipponici che rientrano in patria.

21.08.2020 ore 07:14
Il coprifuoco ha funzionato in Australia

Lo Stato di Victoria, focolaio principale del coronavirus in Australia, ha registrato 179 nuovi casi nelle ultime 24 ore. È il dato più basso da cinque settimane a questa parte (prima del coprifuoco notturno e la chiusura di diverse attività, due settimane fa, si era toccata anche quota 700). Nel resto del paese la situazione è sotto controllo, ciò che spinge l’economia a chiedere un allentamento delle restrizioni agli spostamenti interni. Malgrado la seconda ondata in Victoria, l’Australia ha gestito bene la pandemia, registrando solo 24’500 infezioni e 450 decessi.

21.08.2020 ore 07:06
Scende l'utile di Ems-Chemie

Ems-Chemie, aziende di specialità chimiche diretta da Magdalena Martullo-Blocher, ha realizzato un utile di 192 milioni di franchi nel primo semestre, segnato dalla pandemia. Il dato è in calo del 27,8% rispetto al medesimo periodo del 2019, mentre il fatturato è calato del 26,8% a 845 milioni.