Patrick Mathys dell'UFSP
Patrick Mathys dell'UFSP keystone
Momenti chiave
05.05.2021 ore 19:27
05.05.2021 ore 18:07
05.05.2021 ore 14:45
05.05.2021 ore 14:34
05.05.2021 ore 12:44
05.05.2021 ore 12:28
05.05.2021 ore 12:16
05.05.2021 ore 11:03
05.05.2021 ore 10:19
05.05.2021 ore 09:48
05.05.2021 ore 08:30

"In Svizzera si può essere ottimisti"

Lo dice Patrick Mathys - Vaccino svizzero: siglata una collaborazione tra Berna Biotech Pharma e Swiss Biotech Center - Nella Confederazione 13 morti e 1'795 contagi, in calo rispetto a una settimana fa - Le mascherine chirurgiche possono essere riutilizzate
mercoledì 05 maggio 2021 07:04

“Abbiamo buone ragioni per essere ottimisti “, ha detto mercoledì Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Il numero di nuovi casi di coronavirus nel mondo si è stabilizzato nell’arco di una settimana e per la prima volta dopo essere stato per nove settimane in costante aumento.

La situazione in India, dove i decessi giornalieri sfiorano di nuovo quota 4'000 e i contagi i 400'000, prova che l'emergenza globale non è però ancora passata. In Svizzera invece i nuovi contagi sono 1'795, meno dei 2'120 di mercoledì scorso, e i decessi 13. In Ticino si sono registrati 60 casi, nei Grigioni 44: "Abbiamo buone ragioni per essere ottimisti", ha detto mercoledì Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell’Ufficio federale della sanità pubblica, secondo il quale la tendenza positiva proseguirà con l'avanzare della campagna di vaccinazione.

La cronaca di martedì

Stefano Pongan, Daniela Falconi, Joe Pieracci

05.05.2021 ore 21:54
USA a favore della revoca della protezioni dei brevetti sui vaccini

Gli Stati Uniti hanno annunciato di essere a favore della revoca delle protezioni della proprietà intellettuale per i vaccini anti-Covid, per accelerare la produzione e la distribuzione delle dosi nel mondo. “Si tratta di una crisi sanitaria mondiale e le circostanze straordinarie della pandemia invocano misure straordinarie”, ha spiegato la rappresentante per il commercio Katherine Tai in un comunicato, precisando che Washington partecipa “attivamente” ai negoziati in corso all’Organizzazione mondiale del commercio. “L’amministrazione crede fermamente alle protezioni della proprietà intellettuale ma per mettere fine a questa pandemia sostiene la revoca di certe protezioni per i vaccini anti Covid-19”, ha sottolineato Tai. La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki aveva anticipato che Joe Biden era a favore di questa revoca e lo stesso Biden ha detto che ne parlerà nelle prossime ore.

05.05.2021 ore 19:27
Si riaccendono le luci su Broadway

Dopo un anno e mezzo di chiusura a causa della pandemia, i teatri newyorkesi riapriranno a partire dal 14 settembre. Lo ha annunciato il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo. La vendita dei biglietti inizierà già dal 6 maggio. “Broadway è una parte principale dell’identità del nostro Stato e della nostra economia - ha scritto Cuomo su Twitter - e siamo entusiasti che il sipario si alzerà di nuovo”.

05.05.2021 ore 19:19
I cantoni chiedono test pilota nelle discoteche

La Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS) vuole offrire una prospettiva agli organizzatori di eventi di piccole e medie dimensioni - come matrimoni, compleanni o funerali – e chiede inoltre al Consiglio federale di prevedere esperimenti pilota per le discoteche.

Il comitato esecutivo della CDS si è detto favorevole in linea di massima al piano di allentamenti in tre fasi proposto dal Governo. Per i grandi eventi è necessaria una fase di pianificazione più lunga, ma bisognerebbe offrire una prospettiva a più breve termine agli organizzatori di eventi di piccole e medie dimensioni.

Inoltre, si dovrebbe esaminare se i test pilota potrebbero essere effettuati anche nelle discoteche poiché costituirebbero un’esperienza preziosa e permetterebbero di elaborare per tempo soluzioni che evitino eventi ad alto rischio di diffusione del virus, secondo la CDS.

05.05.2021 ore 18:37
Parigi, cittadinanza a chi ha aiutato

Oltre 2’000 lavoratori stranieri che sono stati “in prima linea” durante l’epidemia del coronavirus, mostrando “il loro legame alla nazione”, sono stati naturalizzati francesi: è quanto annunciato oggi dal ministero dell’Interno di Parigi.

“Ad oggi, 2009 persone hanno acquisito la cittadinanza francese, di cui 665 bambini”, nel quadro di una procedura accelerata, dicono da Parigi.

La viceministra responsabile per la Cittadinanza, Marlène Schiappa, aveva chiesto ai prefetti di “facilitare” l’accesso alla cittadinanza a tali stranieri, tra cui sanitari, agenti di sicurezza o manutenzione, baby-sitter, cassieri, aiuti domestici e netturbini.

05.05.2021 ore 18:18
Serbia, un premio di 28 franchi per chi si fa vaccinare

La Serbia potrebbe diventare il primo paese al mondo a premiare con un versamento in denaro chi si fa vaccinare contro il Covid-19. Il presidente Aleksandar Vucic, a fronte di un rallentamento della campagna di immunizzazione, ad una televisione locale ha dichiarato: “Tutti coloro che hanno già ricevuto una o due dosi e tutti coloro che saranno vaccinati con almeno una dose entro il 31 maggio riceveranno 3000 dinari (pari a 28 franchi svizzeri ndr)“. Ha anche annunciato che i dipendenti del settore pubblico che non si sono fatti vaccinare non saranno pagati durante il congedo per malattia se affetti da Covid 19.

05.05.2021 ore 18:07
Italia, 10'585 casi e 267 morti

Sono 10’585 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 9’116. Sono invece 267 i decessi legati al Covid-19 rispetto al giorno precedente.

05.05.2021 ore 17:40
Turismo, colloqui con Parmelin sulla strategia futura

Il presidente della Confederazione Guy Parmelin e i consiglieri federali Ueli Maurer e Alain Berset hanno discusso oggi, mercoledì, in forma virtuale con i responsabili del settore turistico, duramente colpito dalla crisi pandemica. Al centro dei colloqui la strategia futura di rilancio della Confederazione.

La tendenza negativa del 2020 si è mantenuta inalterata anche all’inizio del 2021. Grazie al miglioramento della situazione epidemiologica, ci si può però attendere una graduale normalizzazione delle attività turistiche nel resto dell’anno, anche se, probabilmente, si confermeranno le grandi differenze già rilevate tra una regione e l’altra, rileva il Dipartimento federale dell’economia (DEFR).

Dall’inizio della crisi, viene ricordato, il settore alberghiero e quello della ristorazione hanno ricevuto un importo complessivo di circa due miliardi di franchi in indennità per lavoro ridotto. A questi si aggiungono gli aiuti stanziati per i casi di rigore, la metà dei quali - circa un miliardo di franchi - è andata, oltre che al settore della ristorazione, a quello degli alloggi.

I rappresentanti del settore hanno colto l’occasione per formulare una serie di richieste sulle libertà di viaggio, che possono essere riassunte in tre principali punti: libertà di movimento tra Paesi con un livello simile di rischio di contagio, introduzione di un certificato “Covid Free” per chi è vaccinato, guarito o negativo al test per entrare e uscire liberamente da un Paese, e infine, la garanzia che questi certificati siano digitalizzati, standardizzati e riconosciuti a livello internazionale.

05.05.2021 ore 17:31
Indonesia, in aeroporto test Covid con tamponi riusati

Lavavano i tamponi nasali per il Covid e li utilizzavano nuovamente per testare i passeggeri in partenza all’aeroporto di Medan, in Indonesia. Con questa accusa sono stati arrestati cinque impiegati di una casa farmaceutica e, come riporta la BBC, secondo la polizia circa 9’000 persone potrebbero essere state sottoposte ai controlli con bastoncini riutilizzati. Ora la società a controllo statale rischia una potenziale causa legale da parte dei viaggiatori.

05.05.2021 ore 16:32
Canada, via libera al vaccino Pfizer dai 12 anni

Le autorità sanitarie del Canada hanno approvato l’uso del vaccino Pfizer per gli adolescenti dai 12 anni in poi.

05.05.2021 ore 16:25
Psichiatri: nessun aumento delle domande di cure

La pandemia non ha portato a un aumento della domanda di cure per la maggior parte degli psichiatri per adulti nel 2020 rispetto al 2019. È quanto emerge da un sondaggio dalla Società Svizzera di Psichiatria e Psicoterapia (SSPP) tra i suoi affiliati pubblicato mercoledì. All’indagine online, condotta tra il 19 febbraio e il 1° marzo 2021, hanno risposto 852 professionisti.

Il 44% degli intervistati non ha riportato alcun cambiamento, mentre il 9% ha segnalato addirittura una diminuzione. Per coloro che hanno indicato una crescita delle prese a carico, l’aumento medio è stato del 23%.

Il numero di trattamenti eseguiti è stato lo stesso dell’anno precedente nel 48% dei casi, mentre il 12% ne ha eseguiti meno. Per i 297 membri che hanno osservato un aumento, in media è stato del 19%.

Il 70% degli psichiatri interpellati ha invece assistito a un aumento del bisogno di terapia tra i pazienti già in cura. Questi risultati corroborano i risultati degli studi epidemiologici, secondo cui le persone con malattie mentali preesistenti più gravi e croniche e condizioni socioeconomiche difficili sono particolarmente a rischio.

05.05.2021 ore 15:46
OMS e Germania insieme per un hub globale sulla pandemia

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e la Germania uniscono le forze per migliorare la preparazione del mondo nei confronti della pandemia e creano un nuovo centro apposito, sul modello del CERN, che avrà sede a Berlino.

“Con sede a Berlino, l’hub dell’OMS sarà un centro globale che lavora con partner di tutto il mondo per guidare l’innovazione in tema di pandemia”, ha sottolineato su Twitter il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

05.05.2021 ore 15:32
I cantoni approvano, con riserve, i piani del Governo

I cantoni della Svizzera orientale appoggiano il piano di riapertura in tre fasi messa in consultazione dal Consiglio federale, ma chiedono “passi più rapidi in base al progresso delle vaccinazioni”.

I due Appenzello, San Gallo e Turgovia si dicono in particolare pronti ad accelerare i rispettivi piani vaccinali, a condizione però di introdurre in tempi rapidi un certificato a prova di falsificazione riconosciuto a livello internazionale per le persone vaccinate, guarite o con un tampone negativo. Dal canton Lucerna arriva inoltre la richiesta di far più chiarezza per il settore turistico. Il Consiglio di Stato lucernese auspica in particolare dei regolamenti speciali per i gruppi di viaggiatori.

Il turismo lucernese, con i suoi 12’500 posti di lavoro, è stato duramente colpito dalla crisi pandemica.

05.05.2021 ore 15:02
La variante britannica resta dominante

La variante britannica del Virus provoca il 50% in più di morti rispetto alla versione precedente del virus e sempre più persone ospedalizzate devono ricorrere alle terapie intensive. Lo riferisce Urs Karrer, vicepresidente della task force scientifica federale Covid-19, che afferma: “Partiamo dal presupposto che sia necessaria un’immunità dell’80% della popolazione per poter combattere questa variante del virus”.

Durante la prima ondata, il 5% dei ricoverati dovevano ricorrere alle terapie intensive. Allo stato attuale, invece, questo dato è cresciuto fino al 30%. Con il nuovo virus, anche le persone tra i 50 ei 60 anni sono diventati un gruppo a rischio, ha spiegato inoltre Karrer, aggiungendo che molte pazienti gravemente ammalati hanno un’età compresa tra i 40 e i 50 anni. Lo stress per il personale nelle unità di terapia intensiva è pertanto alto.

05.05.2021 ore 14:52
Variante indiana sotto osservazione

La variante inglese permane dominante in Svizzera, quella brasiliana e sudafricana sono invece più rare.

Per quel che concerne la variante indiana, essa è sotto osservazione ed è stata registrata una dozzina di volte, ma “poco si sa al riguardo, sia sulla sua contagiosità o sui suoi effetti sul sistema immunitario”, ha riferito il capo della sezione Gestione delle crisi dell’Ufficio federale della sanità pubblica, Patrick Mathys.

05.05.2021 ore 14:45
Svizzera: si può essere ottimisti

“Abbiamo buone ragioni per essere ottimisti “, ha detto mercoledì Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Il numero di casi di Covid-19 continua a scendere in Svizzera e la vaccinazione sta procedendo come previsto e la situazione è anche “rilassata” dal punto di vista delle terapie intensive. Patrick Mathys è quindi positivo e spiega che “ci sono buone possibilità che la tendenza continui nelle prossime settimane grazie alla campagna di vaccinazione”. In tal senso, coloro che non possono ancora essere vaccinati, sono ugualmente invitati a registrarsi preventivamente per l’ottenimento della prima dose al fine di facilitare la pianificazione futura dei cantoni.

05.05.2021 ore 14:34
Brasile: 2'966 morti

Il Brasile ha registrato 2’966 morti e 77’359 casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, portando il numero totale di deceduti e contagi rispettivamente a 411’588 e 14’856’888.

Tra le ultime vittime, ci sarebbe anche l’attore Paulo Gustavo, di 42 anni. Il comico, uno degli artisti più apprezzati del Paese, era ricoverato dal 13 marzo in un ospedale di Copacabana, a Rio de Janeiro.

05.05.2021 ore 14:26
Adeguamento della prestazione ponte COVID in Ticino

L’accesso alla prestazione ponte COVID, destinata alle persone che stanno attraversando un periodo di difficoltà economica a causa della pandemia che non possono ottenere altri aiuti, in Ticino sarà facilitato.

Il Consiglio di Stato, alla luce dell’analisi delle domande evase a marzo (290 respinte su 480) ha licenziato il messaggio che rivede i critieri per l’ottenimento dell’aiuto e aumenta l’importo massimo da 1’000 a 2’000 franchi per il primo richiedente e da 500 800 per ogni componente dell’economia domestica. Inoltre è prevista l’estensione fino a fine 2021 della durata del periodo di validità del decreto (inizialmente era previsto scadesse il 30 giugno).

CSI 18.00 del 05.05.21: le spiegazioni di Raffaele De Rosa nel servizio di Romina Lara
05.05.2021 ore 14:11
Svizzera: le Maldive nelle zone a rischio

Secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) le Maldive sono ora di nuovo un’area a rischio corona, mentre il Kosovo, Montenegro e Macedonia del Nord non lo sono più. L’Ufficio ha modificato di conseguenza l’elenco dei Paesi a rischio e ciò significa che l’ingresso e il ritorno in Svizzera da questi tre Stati sono nuovamente possibili senza quarantena.

D’altra parte, chiunque entri in Svizzera da Costa Rica, Georgia, Iran, Colombia, Lettonia, Maldive, Mongolia o dalla regione italiana della Basilicata dal 17 maggio, dovrà stare in quarantena per dieci giorni. Non più a rischio, invece, Emilia-Romagna, Toscana e Friuli Venezia Giulia

05.05.2021 ore 13:41
In Svizzera 1'795 casi, in calo rispetto a una settimana fa

In Svizzera, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 1’795 nuovi casi di coronavirus, secondo le cifre pubblicate dall’Ufficio federale della sanità pubblica. Tredici nuovi decessi sono stati segnalati, mentre 113 persone sono state ricoverate in ospedale.

Nel corso delle ultime 24 ore sono stati trasmessi i risultati di 28’385 test, indica l’UFSP. Il tasso di positività è del 6,32%. Ieri, martedì, i casi annunciati erano 1’633, lunedì - tenendo conto di tutto il weekend, dunque 72 ore - si attestavano a 3’978, mentre venerdì a 1’831. Mercoledì scorso, dunque a distanza di una settimana, a titolo di confronto ne erano stati segnalati 2’120.

05.05.2021 ore 12:49
Regno Unito: morti fra ultrasettantenni nettamente in calo

Nel Regno Unito diminuiscono fortemente le morti per Covid fra gli ultrasettantenni, ormai vaccinati in massa in un Paese che ha già superato le 51 milioni di dosi somministrate.

Il dato a metà aprile equivale a un calo di 166 a settimana, ossia una diminuzione del 98% rispetto al picco dell’ondata alimentata a inizio anno dall’aggressiva “variante inglese” del virus.

05.05.2021 ore 12:44
Riapre il Lido di Locarno

il Lido di Locarno riaprirà nuovamente al pubblico sabato, 8 maggio, dopo più di quattro mesi di chiusura forzata. Lo ha annunciato la Centro balneare regionale SA specificando che, a causa delle ultime disposizioni della Confederazione, saranno riaperte le piscine esterne mentre non saranno ancora disponibili le vasche coperte, gli scivoli e le strutture gonfiabili a lago. L’area esterna può ospitare contemporaneamente un massimo di 2’500 persone, mentre la capacità delle singole piscine varia dalle 22 persone della termale alle 80 dell’olimpionica.

05.05.2021 ore 12:28
Tornano i vaccini svizzeri

Berna Biotech Pharma e Swiss Biotech Center hanno sottoscritto un accordo strategico in cui si propongono di riprendere lo sviluppo e la produzione di vaccini in Svizzera, un comparto un tempo fiorente ma poi abbandonato, partendo da un prodotto anti-Covid di seconda generazione.

Le due società, con sede rispettivamente a Berna e Monthey, annunciano in un comunicato l’intenzione di collaborare per portare un potenziale vaccino già esistente alla fase clinica che “ha mostrato un’efficacia impressionante nei modelli in vivo”, ossia su di un organismo vivente e non in provetta).

05.05.2021 ore 12:16
Friburgo: prostituzione in calo

Il Covid-19 ha fortemente colpito la prostituzione nel 2020 nel cantone di Friburgo che ha dovuto fare i conti con periodi di blackout, limiti di tempo e maggiori rischi per la salute.

In particolare, il divieto temporaneo ha esercitato una forte pressione finanziaria sui lavoratori del settore. L’incertezza dovuta alla crisi sanitaria ha pertanto portato ad un aumento delle richieste di informazioni su un cambio di campo di attività e di iscrizioni al fondo di compensazione.

Alcuni hanno deciso di cessare completamente l’attività, mentre alcune prostitute sono andate a lavorare in cantoni in cui non prevalevano misure di divieto, in particolare i cantoni di Berna e Vaud.


05.05.2021 ore 11:50
Uno studio spiega come riutilizzare le mascherine

Uno studio condotto da Unisanté di Losanna e dalla società di consulenza Environmental Action ha mostrato che una mascherina chirurgica contro il Covid-19, dopo essere stata utilizzata, se conservata per sette giorni potrà essere nuovamente indossata per un massimo di dieci volte. Questo approccio è efficace dal punto di vista della salute e, soprattutto, consente di limitare l’impatto sull’ambiente e i costi.

Tra le diverse maschere analizzate, quella chirurgica monouso è di gran lunga la più dannosa per l’ambiente. Oltre all’impatto relativo alla sua produzione, la riflessione è volta anche al “littering”.

La soluzione “settimanale” consentirebbe pertanto di dividere per 10 l’impatto ecologico delle mascherine chirurgiche. Secondo i calcoli dei ricercatori, se il 10% della popolazione svizzera optasse per questo approccio, si risparmierebbero una quantità di emissioni di CO2 equivalenti a 5’600 voli individuali da Parigi a New York.

05.05.2021 ore 11:03
Uri: vaccini anche dai 16 anni

Il cantone di Uri ha aperto oggi, mercoledì, la registrazione online per le vaccinazioni a tutti i ragazzi a partire 16 anni.

05.05.2021 ore 10:56
Basilea: annullata la festa nazionale sul Reno

La grande festa nazionale che si svolge abitualmente sul Reno a Basilea il 31 luglio, è stata annullata per la seconda volta di seguito. La decisione relativa alla celebrazione ufficiale del primo agosto sul Bruderholz resta tuttavia ancora aperta.

L’evento, con oltre 100’000 visitatori, non potrà avere luogo a causa della situazione epidemiologica.

05.05.2021 ore 10:41
Vaccini dai 18 anni a Berna e dai 50 a Zurigo

Il cantone di Berna permetterà anche alla popolazione con più di 18 anni di vaccinarsi. I giovani di 16 e 17 anni non potranno ancora registrarsi per ricevere le dosi.

La decisione permette un accesso equo a tutti e tocca fasce d’età, quella dai 50 ai 64 anni e quella dai 18 a 49 anni, che attualmente corrispondono a un totale di 160’000 persone in lista d’attesa per vaccinarsi, ma il numero è in costante aumento.

Nel canton Zurigo, invece, altre 50’000 doppie dosi saranno destinate alle persone con più di 50 anni d’età

05.05.2021 ore 10:19
Ticino: 60 contagi e zero decessi

In Ticino sono stati registrati 60 nuovi contagi nelle ultime 24 ore a fronte dei 57 positivi del giorno precedente. Non si attesta nessun decesso e, complessivamente, sono 333 le persone in isolamento e 618 quelle in quarantena.

Aumentano invece di cinque i pazienti ricoverati, compensati tuttavia da altri cinque dimessi che mantengono pertanto costante a 60 (di cui undici in cure intense e sette ventilati) il totale delle ospedalizzazioni.

05.05.2021 ore 10:08
Infezioni nel mondo stabili nell'arco di una settimana

Il numero di nuovi casi di coronavirus nel mondo si è stabilizzato nell’arco di una settimana e per la prima volta dopo essere stato per nove settimane in costante aumento.

La progressione della pandemia in Asia e nel Pacifico occidentale è stata compensata da altre regioni. L’Europa è il luogo in cui si è registrato il calo maggiore. Il tasto dolente resta tuttavia quello delle morti: la difficile situazione asiatica impedisce di registrare un miglioramento.


05.05.2021 ore 09:48
Camping TCS: anno da incorniciare

I campeggi del Touring Club Svizzero (TCS) hanno riscontrato un vero e proprio successo nel corso del 2020: sebbene il semi-confinamento imposto dal coronavirus abbia permesso alle strutture di riaprire i battenti nove settimane più tardi del previsto, nell’anno della pandemia i pernottamenti hanno raggiunto quota 780’000, con una crescita del 25% rispetto al 2019.

“Il lockdown ha ulteriormente rafforzato la domanda di vacanze nella natura, non complicate e conformi alle disposizioni di sicurezza sanitaria. Inoltre a causa dell’incerta situazione sulle condizioni di viaggio, molti svizzeri hanno deciso di trascorrere le vacanze in patria”, afferma Oliver Grützner, responsabile di turismo e tempo libero presso l’associazione degli automobilisti.

Circa il 90% degli ospiti dei 24 campeggi TCS provenivano in effetti dalla Confederazione.

05.05.2021 ore 09:33
Soletta: le Giornate letterarie avranno luogo

Le Giornate letterarie di Soletta, in programma dal 14 al 16 maggio, potranno svolgersi parzialmente anche dal vivo: dieci eventi con un massimo di 50 persone ciascuno si svolgeranno allo “Stadttheater” solettese. Tuttavia, la 43esima edizione si terrà perlopiù online.

05.05.2021 ore 08:30
Annullato il Basel Tattoo Festival

Il secondo più grande festival di musica militare al mondo, il Basel Tattoo, quest’anno non ci sarà. Lo hanno annunciato gli organizzatori della manifestazione prevista per luglio: le misure di allentamento pianificate dal Consiglio federale non comprendono il Festival che conta circa 1’000 partecipanti e 7500 spettatori a spettacolo. È stata anche esaminata l’implementazione di una variante più piccola, ma non era economicamente fattibile.

05.05.2021 ore 07:41
Inghilterra: una terza dose per gli over 55

La Gran Bretagna offrirà in autunno a tutti gli over 50 una terza dose di vaccino contro il Covid-19. Lo scopo è quello di sradicare completamente la minaccia d’infezione dal Paese.


05.05.2021 ore 07:30
Germania: 18'034 casi e 285 decessi

La Germania registra un aumento di 18’034 casi di Coronavirus e 285 decessi.

05.05.2021 ore 07:25
Grigioni: 44 casi ma nessun decesso

I Grigioni hanno registrato 44 contagi da coronavirus nelle ultime 24 ore, il doppio dei 21 della vigilia, tanto che i casi attivi sono tornati a salire (di 13 unità a 265). Tuttavia, arrivano notizie confortanti dal sistema ospedaliero retico, dove non solo non si registrano decessi (bilancio della pandemia fermo a 185 morti), ma i pazienti affetti da Covid-19 sono scesi da 24 a 19. In terapia intensiva sono ricoverate 8 persone (+1), 5 delle quali sottoposte a respirazione artificiale.

Sul territorio cantonale si trovano in quarantena 306 persone. Uno sguardo alle regioni mostra come le nuove infezioni siano distribuite più o meno equamente in particolare nelle regioni di Plessur, Imboden, Maloja, Prettigovia e Surselva. Nel Moesano non se ne segnalano.

05.05.2021 ore 07:22
India: 3'780 nuove infezioni e ospedali sopraffatti

Il numero di morti causati dal Coronavirus in India è aumentato di 3’780 nelle ultime 24 ore e ha raggiunto un totale di 222’000 morti dall’inizio della pandemia. Il gigante asiatico ha da poco segnato il record di seconda nazione al mondo ad aver superato la triste soglia delle 20 milioni di infezioni.

Nonostante le pressione dell’opposizione, il premier Narendra Modi continua a rifiutarsi di imporre un lockdown per timore delle ripercussioni sull’economia.

Le cifre continuano quindi a crescere mettendo a dura prova gli ospedali ormai sopraffatti e a corto di ossigeno, medicine e letti, nonostante gli aiuti internazionali. In tutto il Paese stanno nascendo iniziative individuali o collettive per cercare di aiutare i pazienti in difficoltà, ne è un esempio il caso di Mohammad Javed Khan che ha trasformato il suo veicolo in un’ambulanza improvvisata per i pazienti più poveri.