Positivi in aumento, ma numero delle ospedalizzazioni ancora contenuto
Positivi in aumento, ma numero delle ospedalizzazioni ancora contenuto (keystone)
Momenti chiave
22.07.2021 ore 18:53
22.07.2021 ore 13:07
22.07.2021 ore 12:13
22.07.2021 ore 10:43

In una settimana casi su dell'85%

La Cina contro l'OMS: le autorità di Pechino respingono l’indagine sull’origine del virus – Nelle ultime ore nei Grigioni altri 12 casi, 14 in Ticino e 861 a livello nazionale - Italia: dal 5 agosto green pass per ristoranti al chiuso
giovedì 22 luglio 2021 07:18

La Cina ha respinto il progetto di una seconda fase di indagine da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità sull’origine del coronavirus, in cui era inclusa l’ipotesi che il virus fosse sfuggito da un laboratorio nella regione di Wuhan. La proposta dell’OMS prevedeva verifiche nei laboratori e mercati della città e chiedeva la massima trasparenza alle autorità di Pechino.

Il rapporto settimanale dell'UFSP fa intanto il punto sull'evoluzione pandemica in Svizzera: la seconda settimana le infezioni in Svizzera sono aumentate dell'85% rispetto a quella precedente. Nei Grigioni sono invece stati registrati in 24 ore altri 12 contagi da coronavirus e, dopo i due pazienti rilasciati ieri, una persona in più risulta ospedalizzata. Sono 14 invece i casi segnalati in Ticino, mentre è stabile la situazione negli ospedali. A livello nazionale si contano 861 test positivi. Nelle statistiche sono entrati anche 7 decessi e 14 ospedalizzazioni.

La cronaca di mercoledì

I nuovi dati rappresentano un calo rispetto a quelli di ieri, che erano i più alti registrati dall’inizio di maggio.

Simone Fassora, Joe Pieracci, Stefano Pongan

22.07.2021 ore 22:04
EMA, vaccino J&J può causare raro disturbo neurodegenerativo

Il vaccino anti-Covid Johnson and Johnson può causare un raro disturbo neurodegenerativo, la sindrome di Guillain-Barré. Lo ha dichiarato l’Ema dopo aver esaminato 108 casi segnalati in tutto il mondo, secondo quanto riportato dal Guardian. “Dopo aver valutato i dati disponibili, il Prac (il comitato di valutazione dei rischi dell’Ema) ha concluso che sia possibile una relazione causale tra il vaccino Janssen e la sindrome di Guillain-Barré”, ha affermato l’Agenzia del farmaco europea. Si tratta di un effetto collaterale “molto raro” , ha precisato l’Ema ribadendo che “i vantaggi del vaccino Janssen continuano a superare i rischi”.

22.07.2021 ore 18:53
Nuovo positivo fra i cechi a Tokyo

Sesto caso positivo - il quarto di un atleta - nella delegazione ceca ai Giochi olimpici: è il ciclista Michal Schlegel, che non potrà quindi gareggiare.

22.07.2021 ore 18:45
Due dosi di Pfizer o Astrazeneca sono efficaci contro la variante Delta

Dopo la doccia fredda dello studio israeliano che pochi giorni fa aveva ipotizzato una forte perdita di efficacia del vaccino Pfizer nell’evitare l’infezione dalla variante Delta del Sars-Cov-2, dati più rassicuranti vengono dalla Gran Bretagna. Secondo l’agenzia sanitaria Public Health England infatti due dosi di vaccino Pfizer o Astrazeneca proteggono dalla malattia sintomatica, con solo una piccola diminuzione di efficacia. Per lo studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, sono stati utilizzati i dati dei positivi in Inghilterra di cui era stato sequenziato il virus, per un totale di circa 20mila casi di variante Delta, elaborati in due modi diversi. Due dosi di vaccino Pfizer sono risultate efficaci all’88% nel prevenire la malattia sintomatica, contro il 93,7% della Alfa. Per quanto riguarda l’efficacia dell’AstraZeneca, con due dosi è risultata del 67%, più alta quindi del 60% riportato da altri studi, rispetto al 74,5% della Alfa. L’analisi ha confermato anche che una sola dose non basta: per entrambi i vaccini l’efficacia dell’immunizzazione parziale di ferma intorno al 30%.

22.07.2021 ore 18:11
Cinque atleti che saranno ai Giochi

La Guinea cambia idea, a Tokyo ci sarà

Il Paese africano "ha ottenuto garanzie dalle autorità sanitarie"

22.07.2021 ore 18:08
Senza mascherina in treno, condannati

Il Tribunale distrettuale di Zurigo ha condannato oggi un 69enne e un 41enne refrattari alle mascherine che non ne hanno indossata una mentre viaggiavano in treno nell’agosto 2020. Il giudice ha così deciso in maniera differente che altre corti di prima istanza del cantone in casi simili. Anche in aula i due, processati separatamente, si sono presentati senza mascherina: “ora ho 69 anni e non ho ancora mai indossato una mascherina, e non comincerò di certo ora”, ha detto uno dei due uomini. Il 41enne ha riferito di “motivi particolari”, tra l’altro di natura religiosa. “Sono cristiano e Gesù non avrebbe sicuramente portato una mascherina”.

Tutti e due non hanno saputo esibire un attestato medico; non rispettando le misure di protezione, hanno dovuto lasciare l’aula dopo pochi minuti. I due uomini avevano ricorso contro i decreti d’accusa emessi dal prefetto, che li aveva condannati a una multa di 330 franchi - più spese legali per lo stesso importo - per violazione dell’obbligo di indossare la mascherina. Oggi il Tribunale distrettuale ha confermato i due decreti d’accusa e le multe, e ha portato le tasse a 600 franchi.

22.07.2021 ore 17:28
Italia: dal 5 agosto green pass per ristoranti al chiuso

Dal 5 di agosto in Italia green pass obbligatorio con una dose di vaccino nei ristoranti al chiuso, e nei locali dove si consuma al tavolo, per assistere agli spettacoli al cinema e a teatro, per partecipare a eventi e competizioni sportive, per andare nelle piscine, nelle palestre, ma anche a fiere, sagre, convegni, parchi divertimento, sale gioco, partecipazione a concorsi.

Lo prevede la bozza del decreto che è stato illustrato ai presidenti di Regione dal ministro della Salute Roberto Speranza e degli Affari Regionali Maria Stella Gelmini. Dopo il via libera il testo arriverà al consiglio dei ministri che dovrà approvarlo per farlo entrare in vigore già domani.

22.07.2021 ore 17:22
Studenti di lingue contagiati a Malta

La Francia rimpatria oggi 128 studenti contagiati durante un soggiorno linguistico a Malta, dopo essere risultati negativi prima della partenza. Secondo i responsabili della sanità dell’isola mediterranea, le scuole di lingue, che la settimana scorsa sono state chiuse, sono i maggiori focolai del paese e rappresentano da sole un quarto dei contagi totali.

22.07.2021 ore 17:20
Regno Unito: 39'000 contagi e 84 morti

Restano attorno a quota 40’000 al giorno le nuove infezioni nel Regno Unito, 39’906 per la precisione giovedì. Il Covid-19 ha causato 84 nuovi decessi (73 mercoledì). Nell’ultimo mese il paese ha conosciuto un forte incremento dei contagi, dovuto alla variante Delta che ha ormai soppiantato tutte le altre, ma grazie alla campagna vaccinale (46,43 milioni di persone hanno ricevuto almeno una dose e di questi 36,59 anche al seconda) le conseguenze sulla mortalità sono rimaste limitate.

22.07.2021 ore 17:12
In Italia 15 nuovi decessi, salgono i contagi

Le autorità italiane hanno annunciato oggi, giovedì, un incremento dei contagi giornalieri passati da 4’529 la vigilia a 5’057 in 24 ore. I pazienti in ospedale salgono a poco meno di 1’400, 158 dei quali in terapia intensiva, mentre al bilancio da inizio pandemia, che sfiora ormai i 128’000 morti, si aggiungono 15 nuovi decessi. Mercoledì erano stati 21.

22.07.2021 ore 17:09
"Il 95% dei nuovi infetti ha meno di 50 anni"

"I ricoverati sono non vaccinati"

Il medico cantone Giorgio Merlani fa il punto sulla pandemia e sulla campagna di vaccinazione: "Il 95% degli infetti ha meno di 50 anni"

22.07.2021 ore 15:27
Clapton non suonerà dov'è richiesta la vaccinazione

Eric Clapton non suonerà nei club e nelle sale concerto dove è richiesta la vaccinazione anti-Covid. Lo ha annunciato lo stesso chitarrista, all’indomani delle direttive del primo ministro inglese Boris Johnson secondo cui sarà richiesto un corrispettivo del “green pass” nel Regno Unito per i club e le venue che ospiteranno grandi eventi.

“In seguito all’annuncio del primo ministro di lunedì 19 luglio, il mio onore mi obbliga a fare un annuncio a mia volta”, ha detto Clapton. “Voglio dire a tutti che non suonerò mai su alcun palco alla presenza di una platea discriminata - ha sottolineato -. Se non sarà possibile a tutti poter assistere al concerto, mi riservo la possibilità di poter cancellare lo show”.

22.07.2021 ore 15:20
ASI: la vaccinazione degli infermieri va incoraggiata, non forzata

L’Associazione Svizzera Infermieri (ASI) è contraria all’obbligo di vaccinazione per il personale di cura e rifiuta ogni sorta di stigmatizzazione. Tuttavia sostiene la campagna nazionale e incoraggia tutti gli infermieri a farsi immunizzare.

“La vaccinazione è la migliore opzione per proteggere sé stessi e gli altri e per portare sotto controllo la pandemia”, scrive oggi l’associazione in un comunicato. Ma rendere la vaccinazione obbligatoria per il personale infermieristico, come già è il caso in altri paesi, non è la strada giusta da seguire, ritiene l’ASI. Sarebbe perfino contraproduttivo.

22.07.2021 ore 15:17
Certificato Covid: i test trovano 136 punti deboli

I test di sicurezza riguardanti il certificato Covid hanno finora permesso di scovare 136 potenziali punti deboli. Secondo gli esperti, considerando la complessità del sistema, si tratta di una cifra “normale”. A rendere noto questo risultato è stato il Centro nazionale per la cibersicurezza (NCSC) attraverso il suo sito internet.

22.07.2021 ore 15:01
Vaccinazione: a Giubiasco si possono scegliere data e ora

L’accesso alla vaccinazione si fa ancora più semplice: da subito, al centro cantonale di Giubiasco è possibile scegliere data e ora dell’appuntamento. Le iscrizioni per il centro cantonale di Lugano verranno invece chiuse a fine luglio: chi desidera approfittare del centro del Sottoceneri è invitato quindi ad annunciarsi sul sito www.ti.ch/vaccinazione.

22.07.2021 ore 15:01
Spagna, diverse regioni prolematiche

Restano molto alte le cifre di contagi di Covid notificate oggi da diverse regioni della Spagna: secondo quanto raccolto dai media iberici, nei Paesi Baschi e alle Baleari sono stati comunicati nuovi record di casi giornalieri (rispettivamente, 1’801 e 882); i dati riportati rimangono elevati anche nella Comunità Valenciana e in Andalusia.

A causa dell’intensità della nuova ondata di contagi, aumenta la preoccupazione per la pressione su centri sanitari e ospedali. A Madrid, per esempio, il Governo regionale ha disposto la conversione di uno dei padiglioni del nuovo grande ospedale Isabel Zendal da centro di vaccinazione a reparto Covid.

In Cantabria (nord del Paese) le autorità sanitarie hanno manifestato allarme per il fatto che 10 sui 17 pazienti attualmente ricoverati in terapia intensiva hanno meno di 40 anni.

La regione finora in maggior difficoltà da questo punto di vista è la Catalogna, dove tuttavia il ritmo di crescita dei contagi è in fase di rallentamento. Per far fronte alla situazione, diverse regioni hanno chiesto alla giustizia le autorizzazioni necessarie per ripristinare il coprifuoco nei territori più colpiti dal virus. In molti casi si attendono le risposte dei tribunali. La corte regionale della Catalogna ha dato l’ok alla proroga del coprifuoco in 165 comuni, compreso quello di Barcellona, tra l’una e le sei del mattino.

22.07.2021 ore 13:58
Ginevra è il cantone dove il virus circola di più

L’incidenza del coronavirus in Svizzera è salita a quasi 82 casi ogni 100’000 abitanti nelle ultime due settimane, con Ginevra che si conferma il cantone in cui il virus circola di più, con 215 infezioni ogni 100’000 abitanti negli ultimi 14 giorni, mentre in Appenzello Interno è oltre un mese che non si registrano nuovi casi. Il dato è in leggero aumento in Ticino e nei Grigioni, che si mantengono però al di sotto della media nazionale.

22.07.2021 ore 13:37
Oltre 800 casi in un giorno in Svizzera

Sono 861 i contagi da coronavirus segnalati giovedì dall’Ufficio federale della sanità, un dato che conferma il costante aumento delle infezioni in Svizzera. Nelle ultime 24 ore sono stati trasmessi i risultati di 21’784 test, con un tasso di positività del 3,95%.

A livello nazionale vengono segnalate anche 14 ulteriori ospedalizzazioni. Il numero totale dei pazienti Covid negli ospedali svizzeri resta stabile a 128, di cui 30 nei reparti di terapia intensiva.

Sono invece 7 i nuovi decessi legati al Covid-19, che portano il bilancio dall’inizio della pandemia a 10’387.

22.07.2021 ore 13:07
Nuove restrizioni in Croazia

La crescita dei contagi da coronavirus, che potrebbe mettere in pericolo la stagione turistica, preoccupa in Croazia. Il Governo ha quindi annunciato nuove misure che entreranno in vigore dalla prossima settimana. Sono previsti controlli e multe sull’obbligo di avere un certificato Covid per partecipare a raduni pubblici di oltre 100 persone, e sarà introdotto un limite massimo di mille persone per qualsiasi evento.

22.07.2021 ore 12:26
Svizzera: settimana scorsa infezioni a +85%

La settimana scorsa, il numero di nuove infezioni da coronavirus in Svizzera e nel Liechtenstein è salito dell’85%, raggiungendo i 3’795 casi. In 48 casi si è reso necessario il ricovero, più del doppio rispetto alla settimana precedente. Una persona è deceduta. Lo indica l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) nel suo rapporto settimanale reso noto oggi per il periodo dal 12 al 18 luglio. Secondo le stime, la variante Delta (ex indiana), giudicata particolarmente preoccupante, è responsabile del 73% delle nuove infezioni.

I dati indicano 43,9 infezioni per 100 mila abitanti. L’incidenza più elevata è stata registrata nel canton Ginevra con 116 casi. Risparmiato dal Covid invece Appenzello Interno.

22.07.2021 ore 12:13
Tokyo, quinto caso fra i cechi

Un quinto caso di Covid-19 è stato riscontrato nella delegazione ceca ai Giochi olimpici di Tokyo, il cui responsabile Martin Doktor parla di una “situazione grave”. Dopo il medico della squadra Vlastimil Voracek, il pongista Pavel Sirucek e due membri del gruppo del beachvolley, Ondrej Perusic e l’allenatore Simon Nausch, tocca a un’altra pallavolista, Marketa Slukova, moglie di quest’ultimo. Ha dovuto ritirarsi dal torneo, a cui doveva partecipare in coppia con Barbora Hermannova.

Di peso, invece, una defezione segnalata dalla Russia, che nel nuoto dovrà fare a meno del campione europeo dei 400 misti, Ilya Borodin, risultato positivo a un test durante il campo di allenamento conclusivo a Vladivostok.

Nuovo caso di COVID-19 tra la delegazione ceca

Positiva una giocatrice di beachvolley dello stesso gruppo della Svizzera

22.07.2021 ore 12:08
Si complica l'avvio del campionato svizzero di calcio

Anche il Thun posto in quarantena

Rinviata la sfida con l'Yverdon, la Challenge League stenta a partire

22.07.2021 ore 12:04
Casi aumentati dell'85% in una settimana

Il numero delle infezioni è cresciuto dell’85% in Svizzera e nel Liechtenstein la scorsa settimana, rispetto ai sette giorni precedenti. Se ne sono registrate 3’795, con 48 nuovi ricoveri, il doppio della settimana precedente, e un decesso. È quanto emerge dal rapporto settimanale dell’Ufficio federale della sanità pubblica, che stima al 73% i contagi dovuti alla variante Delta, precedentemente conosciuta come indiana.

22.07.2021 ore 11:14
Locarno: al Pardo già 6’000 prenotazioni

Sarà un Festival del film segnato dal coronavirus: le prenotazioni saranno obbligatorie per le proiezioni e ci saranno diversi paletti perché tutto si possa svolgere in sicurezza.

A Locarno, la biglietteria è operativa da ieri, in un giorno sono giunte già 6’000 prenotazioni. Tutto è pronto dunque per l’edizione numero 74 del Festival del film che si aprirà il 4 agosto.

Pardo: già 6'000 prenotazioni

Quasi tutto è pronto dunque per l’edizione numero 74 del Festival del film di Locarno che si aprirà il 4 agosto

22.07.2021 ore 10:51
Due dosi di Pfizer o AstraZeneca proteggono da Delta

Due dosi di vaccino Pfizer o AstraZeneca proteggono anche dalla variante Delta del Sars-Cov-2, con solo una piccola diminuzione di efficacia rispetto alle altre. Lo dimostrano i dati raccolti da Public Health England, e pubblicati sul New England Journal of Medicine.

Solo una settimana fa l’Agenzia europea dei medicinali (EMA) aveva rassicurato, sulla base dei dati preliminari, che anche Moderna e Johnson&Johnson (i due vaccini, oltre al preparato di Pfizer-BioNTech, che sono stati approvati in Svizzera) proteggono dalla variante Delta con ciclo completo di vaccinazione.

22.07.2021 ore 10:43
Ticino, calo dei contagi: sono 14

Nelle ultime 24 ore in Ticino si sono registrati 14 nuovi positivi al virus. Lo riferisce l’ufficio del medico cantonale nel suo bollettino odierno. Ieri erano stati 43. E non ci sono nuovi ricoveri: negli ospedali ticinesi ci sono sempre 8 pazienti degenti, di cui 2 in cure intense. Bellinzona non segnala neppure nessun morto, il numero dei decessi è sempre fermo a 995.

Sul fronte delle vaccinazioni, sono 367'745 le dosi somministrate nel cantone, secondo i dati aggiornati al 20 luglio, con il 47.2% della popolazione completamente vaccinata.

22.07.2021 ore 09:45
Biden: "Ora la pandemia è un problema per chi non è vaccinato"

La pandemia ora è un problema di chi non si vuole vaccinare. Lo ha detto nella notte il presidente USA Joe Biden, durante un dibattito col pubblico trasmesso sulla Cnn, rispondendo a chi chiedeva spiegazioni sull’aumento di nuovi casi di Covid-19 negli Stati Uniti: “Se siete vaccinati non correte il rischio di essere ospedalizzati o di finire nel reparto di rianimazione o di morire”, ha affermato il presidente USA.

Nelle ultime due settimane i casi di coronavirus negli Stati Uniti sono triplicati: lo indicano i dati della Johns Hopkins University, secondo la quale oltre l’80% di essi sono legati alla variante Delta. La media giornaliera è salita dai 13’700 nuovi contagi del 6 luglio agli oltre 37’000 nuovi casi del 20 luglio.

22.07.2021 ore 09:16
YouTube rimuove dei video di Bolsonaro

YouTube ha rimosso alcuni video pubblicati sulla piattaforma dal presidente brasiliano Jair Bolsonaro giudicandoli disinformativi sulla pandemia di coronavirus. L’azienda ha precisato che la decisione non è basata sulla politica o l’ideologia, ma è frutto delle regole che governano i suoi contenuti.

22.07.2021 ore 09:11
La vendita dei test spinge i risultati di Roche

La vendita dei test contro il coronavirus ha spinto verso l’alto i risultati di Roche, che nel primo semestre dell’anno ha visto il suo fatturato crescere dell’8%, a tassi di cambio costanti, a 30,71 miliardi di franchi.

I test spingono i risultati di Roche

Il gigante farmaceutico ha visto crescere dell’8% il fatturato nel primo semestre dell’anno

22.07.2021 ore 08:37
Grigioni: sostegno per le grandi manifestazioni

Le autorità grigionesi hanno sviluppato una protezione cantonale per eventi pubblici di importanza sovracantonale con oltre mille partecipanti al giorno che devono essere annullati a seguito della situazione epidemiologica. Gli organizzatori, che si assumono una franchigia di 5’000 franchi nonché un’aliquota pari al 10% dei costi non coperti, per ottenere la garanzia devono rispettare le norme sanitarie previste dal Cantone.

22.07.2021 ore 07:48
Stati Uniti: mascherina a scuola raccomandata per chi non è vaccinato

Le autorità sanitarie statunitensi si preparano a emanare delle linee guida per le scuole in cui si raccomanda a tutti gli studenti non vaccinati, anche sotto i 12 anni, di indossare la mascherina al rientro dalle vacanze scolastiche, secondo quanto affermato dal presidente Joe Biden.

L’annuncio arriva mentre negli Stati Uniti, nelle ultime due settimane, il numero di infezioni giornaliere è triplicato, dai 13’700 nuovi contagi del 6 luglio agli oltre 37’000 del 20 luglio.

22.07.2021 ore 07:28
La Cina contro l’inchiesta sull’origine del virus

La Cina ha respinto il progetto dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) di una seconda fase di inchiesta sull’origine del coronavirus che includeva l’ipotesi di una fuga del virus da un laboratorio nella regione di Wuhan. Le autorità di Pechino si sono dette sconcertate da una delle ipotesi avanzata dall’OMS, secondo la quale una violazione dei protocolli potrebbe aver fatto sfuggire la malattia da un centro di ricerca.

L’OMS ha proposto una seconda fase di studi sull’origine del virus che includeva una serie di verifiche in laboratori e nei mercati di Wuhan e chiedeva la massima trasparenza alla Cina, dopo che la durante la prima inchiesta non erano state fornite tutte le informazioni richieste.

22.07.2021 ore 07:18
Grigioni: 12 nuove infezioni e un ricoverato in più

Sono 12 le nuove infezioni da coronavirus segnalate giovedì nei Grigioni, in netto calo rispetto a mercoledì, quando è stato registrato il massimo dei casi giornalieri dall’inizio di maggio, ma in linea con i dati dei giorni precedenti.

Negli ospedali del cantone, dopo le due persone dimesse nei giorni scorsi, risulta un paziente Covid in più, per un totale di tre persone, nessuna delle quali ha avuto bisogno di un ricovero nei reparti di cure intense.