L'arrivo del C17 a Zurigo lo scorso 14 gennaio
L'arrivo del C17 a Zurigo lo scorso 14 gennaio (keystone)

Arriva Trump, cieli "intasati"

Già arrivati i primi aerei a Zurigo, il giorno dello sbarco del presidente terrazza chiusa a pubblico e giornalisti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La partecipazione al WEF di Davos del presidente americano Donald Trump provocherà la chiusura al pubblico del terrazzo panoramico dell'aeroporto di Zurigo la mattina del 25 gennaio e il pomeriggio del 26. L'arrivo di Trump sarà inibito anche ai media.

Il presidente statunitense è accompagnato da una folta delegazione e da grandi quantità di materiale: domenica e giovedì sono atterrati due grossi aerei da trasporto militari, con a bordo elicottero e limousine blindate per i trasporti.

Non si potrà osservare l'arrivo del presidente
Non si potrà osservare l'arrivo del presidente (keystone)

Per tutta la durata del Forum, dal 23 al 26 gennaio, lo scalo di Kloten prevede un numero supplementare di movimenti aerei paragonabile a quello degli anni passati, ossia un migliaio. La cifra comprende anche numerosi spostamenti di elicotteri verso la località grigionese. L'incremento dei movimenti aerei inizierà già a partire da lunedì 22 gennaio e nel corso della settimana i responsabili prevedono che ci saranno ogni giorno fino a 130 atterraggi e decolli in più rispetto alla media.

L'aeroporto di Kloten dispone di 62 posti di sosta per gli aerei che trasportano le delegazioni che si recano a Davos. Altri 36 velivoli atterreranno invece all'aerodromo militare di Dübendorf.

ATS/sdr

Condividi