Il premier del Regno Unito, Boris Johnson
Il premier del Regno Unito, Boris Johnson keystone
Momenti chiave
22.02.2021 ore 14:18
22.02.2021 ore 09:12
22.02.2021 ore 07:23
22.02.2021 ore 07:15

GB: apertura a tappe fino a giugno

Boris Johnson ha annunciato un "cauto" piano graduale in quattro fasi - L’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera italiana scelto da Swissmedic come Centro di riferimento a livello nazionale - Lento ritorno alla normalità in Spagna
lunedì 22 febbraio 2021 07:05

Il premier britannico Boris Johnson ha annunciato un "cauto" piano graduale in quattro fasi per l'uscita del Paese dal lockdown fra l'8 marzo e il 21 giugno.

Swissmedic ha scelto l’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera Italiana dell’EOC quale Centro di riferimento a livello nazionale per le analisi e la valutazione dei casi di effetti collaterali ai vaccini del coronavirus.

La cronaca di domenica

Nel frattempo, sul fronte dei numeri venerdì (ultimo dato disponibile) in Svizzera sono stati registrati altri 1'021 casi e altri 10 decessi legati al Covid-19.

Marija Milanovic, Ludovico Camposampiero, Joe Pieracci, Sandro Pauli e Diego Moles

22.02.2021 ore 23:39
Superate le 500'000 morti legati al Covid-19 negli Stati Uniti

Il numero dei decessi legati la Covid-19 dall’inizio della pandemia negli Stati Uniti ha superato complessivamente i 500’000 quando in Svizzera erano da poco passate le 23 di lunedì.. Gli ultimi dati aggiornati dalla Johns Hopkins University fanno stato di 500’071 decessi, pari a oltre un quinto di quelli attribuiti alla malattia provocata dal coronavirus in tutto il mondo: 2’471’801. Tenendo conto del numero degli abitanti gli USA sono la nona Nazione con la maggiore mortalità legata al Covid-19, dopo otto Stati europei: Gibilterra, San Marino, Belgio, Slovenia, Cechia, Regno Unito, Italia e Portogallo. La Svizzera è in 28esima posizione con 1’139 morti su un milione di residenti, preceduta, tra gli altri, anche dalla Svezia.

I contagi complessivi negli Stati Uniti sono oltre 28,174 milioni (circa un quarto di tutti quelli registrati a livello planetario). L’incidenza dall’inizio della pandemia è di 86’730 casi ogni milione di abitanti. La settima più alta al mondo dopo quelle di Andorra, Gibilterra, Montenegro, Cechia, San Marino e Slovenia. Quella della Svizzera è invece di 63’278. Un dato che fa della Svizzera il 20esimo paese al mondo con la maggiore diffusione proporzionale del virus. Seguono la Svezia, i Paesi Bassi, il Regno Unito, la Francia, l’Italia.

22.02.2021 ore 22:40
Brasile: 639 morti e 26’000 contagi in 24 ore

Il Brasile ha registrato 639 morti di Covid-19 e 26’986 contagi nelle ultime 24 ore. Lo rivela il Consiglio delle segreterie di salute. Dall’inizio della pandemia le vittime sono 247’143 a fronte di 10’195’160 contagi.

22.02.2021 ore 22:29
Niente Sanremo per Naomi Campbell bloccata dalle restrizioni USA

Naomi Campbell non sarà al festival di Sanremo dove avrebbe dovuto co-condurre la serata di apertura di martedì 2 marzo. Lo ha reso noto il direttore artistico della kermesse Amadeus già impegnato nelle prove al Teatro Ariston con Fiorello, spiegando che il forfait è legato alle “nuove restrizioni USA” antipandemia. La presenza della 50enne modella, attrice e cantante britannica era stata annunciata dallo stesso Amadeus un mese fa.

22.02.2021 ore 21:59
La Svizzera torna a produrre etanolo

Le società Alcosuisse e Zucchero svizzero lunedì hanno annunciato che dal prossimo autunno la Svizzera, dopo circa 30 anni, tornerà ad avere una propria produzione su ampia scala di etanolo, da impiegare per vari usi, tra cui i gel disinfettanti. La ripresa della produzione indigena sarà assicurata dalla trasformazione delle barbabietole da zucchero in una nuova linea che, a pieno regime, dovrebbe riuscire a sfornare 700’000 litri all’anno. di alcol etilico puro. Una quantità insufficiente a coprire il fabbisogno nazionale, ma sufficiente a ridurre la totale dipendenza dall’estero che la pandemia ha dimostrato essere problematica. Tant’è che le Camere hanno approvato la concessione di un prestito di 5,8 milioni di franchi per la ricostituzione di scorte presso Alcolsuisse. Il prodotto sviluppato, denominato “CH1+”, sarà disponibile in due qualità: una per l’industria delle bevande e l’altra per tutte le altre applicazioni, come la produzione di disinfettanti, cosmetici ecc.

22.02.2021 ore 21:27
Bandiere a mezz'asta in tutti gli USA per onorare le 500'000 persone morte a causa del Covid-19

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato l’esposizione delle bandiere a mezz’asta su tutti gli edifici federali per marcare il lutto per il superamento delle 500’000 morti legate al Covid-19 nel paese. Lo ha annunciato la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki.

Joe Biden ricorderà le vittime americane della pandemia alla Casa Bianca nelle prossime ore, quando la soglia sarà stata raggiunta (l’ultimo bilancio aggiornato dalla Johns Hopkins University sulla base dei dati ufficiali parla di 499’779 decessi). Il presidente, insieme alla first lady, alla vicepresidente Kamala Harris e a suo marito, osserveranno anche un minuto di silenzio nel Portico sud.

22.02.2021 ore 21:19
Anthony Fauci: abbiamo fatto peggio di quasi tutti gli altri paesi

“Se ci guardiamo indietro dobbiamo ammettere che abbiamo fatto peggio di quasi tutti gli altri paesi, eppure siamo un paese molto ricco e sviluppato”. La critica alla gestione dell’emergenza coronavirus negli Stati Uniti è giunta dall’epidemiologo Anthony Fauci che alla Abc ha anche dichiarato: “Ripensando a ciò che si sarebbe potuto fare sin dall’inizio - aggiunge - appare chiaro che le risposte diverse date da ogni Stato invece di un approccio unificato hanno prodotto questa situazione. Ma era difficile all’inizio e lo è oggi”.

La situazione nel frattempo è però cambiata in meglio, ha sottolineato. “Ora andremo avanti come un paese unito contro un nemico comune e ora abbiamo della armi contro questa malattia terribile come i vaccini”.

22.02.2021 ore 19:27
Il Marocco sospende i voli con Turchia e Svizzera

Il Marocco sospende i collegamenti aerei con Turchia e Svizzera. La decisione, che rientra nell’ambito della lotta al Covid-19, entra in vigore da oggi, lunedì 22 febbraio, a partire dalle 24.00, per una durata di 15 giorni. Fino ad ora in Marocco sono stati isolati soltanto 24 casi provocati dalla variante inglese.

22.02.2021 ore 19:09
Spagna quasi sotto la soglia di “rischio estremo”

L’indice dei contagi scende ancora in Spagna e passa dai 294 casi ogni 100’000 abitanti di venerdì scorso ai 252 di oggi: sono gli ultimi dati del Ministero della Sanità. Secondo i criteri stabiliti dallo stesso ministero, la soglia di “rischio estremo” è fissata a 250 contagi ogni 100’000 abitanti. Negli ultimi tre giorni, sono stati contabilizzati 20’849 nuovi contagi e 535 nuove morti. “Siamo ancora su livelli di incidenza alti, che non ci permettono di abbassare la guardia”, ha detto in una conferenza stampa ripresa dai media locali Fernando Simón, direttore del Centro di Coordinamento delle Emergenze Sanitarie del Ministero della Sanità spagnolo.

22.02.2021 ore 17:42
Vaccino: oltre 3,5 milioni di dosi somministrate in Italia

Le dosi di vaccino somministrate in Italia hanno superato i 3 milioni e mezzo, secondo il report su governo.it. L’aggiornamento alle ore 15 indica la cifra di 3’537’975. I vaccinati con due dosi, compreso il richiamo, sono ora 1’332’163. Delle oltre 3,5 milioni di dosi somministrate, 2’210’876 sono andate a personale sanitario e sociosanitario, 638’483 a personale non sanitario, 367’054 a ospiti delle Rsa, 261’444 a over 80, 24’902 a membri delle forze armate e 35’216 al personale scolastico.La stragrande maggioranza delle dosi impiegate sono del vaccino Pfizer-Biontech (3’334’254), quindi Astrazeneca (110’016) e Moderna (93’705), secondo dati del ministero della Salute aggiornati a oggi.

22.02.2021 ore 17:29
Regno Unito: allentamenti a tappe fino a fine giugno

Il premier britannico Boris Johnson ha annunciato un “cauto” piano graduale in quattro fasi per l’uscita del Paese dal lockdown: con la riapertura delle scuole l’8 marzo e qualche limitatissimo allentamento delle restrizioni sociali fra l’8 e il 29; seguite da alleggerimenti più estesi il 12 aprile, il 17 maggio e un previsto superamento generale delle misure il 21 giugno. Johnson ha evocato “i successi” nella campagna dei vaccini come una spinta a riaprire, ma ha indicato pure 4 condizioni sul contenimento della pandemia e delle varianti che andranno verificate prima di ogni tappa affinché “i cambiamenti siano irreversibili”.

Intanto nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 10’641 contagi e 178 decessi. Sul fronte delle vaccinazioni invece sono 17,7 milioni le persone che hanno ricevuto la prima dose del vaccino contro il virus.

22.02.2021 ore 17:05
Italia: 9'630 contagi e 274 vittime

Sono 9’630 i test positivi al coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i positivi erano stati 13’452. Le vittime sono invece 274, ieri erano state 232.

22.02.2021 ore 17:03
Lento ritorno alla normalità in Spagna

Mentre il ritmo dei contagi di covid in Spagna rallenta, prosegue anche l’allentamento delle misure restrittive in alcune regioni. La Galizia, nel nordovest, ha disposto, da venerdì, la riapertura parziale di bar e ristoranti e meno proibizioni alla mobilità tra municipi. Ha anche soppresso il divieto di riunione tra non conviventi (permessi fino a quattro). La Castiglia e León consentirà alle attività commerciali non essenziali due ore in più di apertura, fino alle 22. Anche nella regione di Murcia, nel sudest, i locali non dovranno più chiudere alle 20 e si potranno riunire fino a quattro non conviventi. Il coprifuoco rimane alle 22. Nella regione de La Rioja (nord), è entrato in vigore un sistema basato su livelli di rischio (adesso fissato a 4 su 6). Continuano a preoccupare le nuove varianti del virus, mentre l’indice dei contagi è in risalita in Catalogna, nel nordest. Lo riportano i media spagnoli.

22.02.2021 ore 16:36
USA: economisti ottimisti, è possibile un boom post-pandemia

Un boom post pandemia per l’economia americana. Gli economisti guardano con relativo ottimismo al 2021, quando il pil statunitense potrebbe crescere del 4,5%, in quello che sarebbe l’anno migliore dal 1999. Le previsioni sono ancora più rosee per Goldman Sachs, secondo la quale l’economia crescerà del 6,8% quest’anno con un tasso di disoccupazione al 4,1% in dicembre.

“Avremo probabilmente un tasso di crescita elevato”, afferma il capo economista di Goldman Sachs, Jan Hatzius, parlando di una “ripresa a V”. Il crescente ottimismo, riporta il New York Times, è legato a vari fattori, dal calo dei casi di Covid negli Stati Uniti ai vaccini, oltre e soprattutto ai miliardi di dollari di aiuti pubblici piovuti sull’economia.

Ma lo scenario ottimista non è privo di rischi. Il primo è l’andamento delle vaccinazioni, un processo che continua ad accumulare ritardi. Ci sono poi le nuove varianti del virus che rischiano di rendere l’immunizzazione meno efficace. Senza contare i pericoli legati a un boom economico, quali un possibile surriscaldamento dell’economia che potrebbe spingere i prezzi e costringere la Fed ad alzare i tassi. Uno scenario questo che l’ex ministro del Tesoro americano, Larry Summers, ritiene potrebbe verificarsi nel caso in cui il piano da 1900 miliardi di dollari di Joe Biden dovesse essere approvato.

C’è poi il timore che la ripresa possa giovare solo i ricchi, aumentando le disuguaglianze già accentuate dalla pandemia.

22.02.2021 ore 15:56
Emirates, primo volo con tutto il personale vaccinato

Emirates è una delle prime compagnie aeree al mondo ad aver operato un volo sul quale tutto il team che lavora in prima linea è completamente vaccinato. Lo ha reso noto lunedì la compagnia di Dubai. Si tratta del volo EK215 operato domenica 21 febbraio, partito alle ore 08.30 da Dubai e diretto a Los Angeles.

22.02.2021 ore 15:09
Al via le vaccinazioni nella Striscia di Gaza

La campagna di vaccinazione è iniziata lunedì nella Striscia di Gaza, dopo la consegna di migliaia di dosi di siero Sputnik V in provenienza dagli Emirati arabi uniti e dall’Autorità palestinese in Cisgiordania. La priorità viene data al personale medico, seguito dagli anziani malati.

22.02.2021 ore 14:48
Un cantone su due vorrebbe ravvicinare le tappe del deconfinamento

I Cantoni sostengono la proposta del Consiglio federale di allentare gradualmente le misure di protezione contro il Covid-19 per evitare, per quanto possibile, un effetto yo-yo di aperture e chiusure. Quasi un Cantone su due, però, vorrebbe intervalli di tempo più brevi per le diverse tappe dell’allentamento delle misure restrittive attualmente in vigore. È quanto emerge dall’odierna Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS). I Cantoni sostengono il piano di decofinamento a tappe a secondo la situazione epidemiologica. L’obiettivo principale dovrebbe essere quello di mantenere le cifre dell’infezione il più basse possibile in tutto il paese o di ridurle, scrive la CDS. Questo dovrebbe evitare di dover imporre nuove restrizioni. La maggioranza dei cantoni, inoltre, vorrebbe anche un approccio coordinato a livello nazionale, senza differenziazioni cantonali.

22.02.2021 ore 14:39
Ceschi: "Riconoscimento importante"

“E’ un riconoscimento importante”, commenta Alessandro Ceschi, direttore dell’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera italiana, scelto da Swissmedic come Centro di riferimento a livello nazionale. “Dimostra la qualità del nostro lavoro. Ed è sensato centralizzare, perché si sviluppano competenze particolari e di qualità”.


22.02.2021: EOC punto cardine per la sicurezza dei vaccini
22.02.2021 ore 14:38
Germania: vaccini in sovrannumero ai Paesi in via di sviluppo

Il presidente tedesco si è detto favorevole a condividere con i Paesi in via di sviluppo i vaccini in sovrannumero: “Non dobbiamo perdere di vista la dimensione internazionale della crisi sanitaria”, ha dichiarato lunedì nel corso di un incontro online con il direttore dell’Organizzazione mondiale della salute Tedros Adhanom Ghebreyesus. “La lotta contro la pandemia solo in pochi Paesi non è sufficiente”.

22.02.2021 ore 14:18
Aziende di famiglia preoccupate

In Ticino l’Associazione imprese familiari (AIF) si rivolge al Consiglio di Stato, affinché eserciti maggior pressione sul Consiglio federale. I futuri allentamenti annunciati la settimana scorsa sarebbero troppo timidi. A preoccupare non sono solo le conseguenze dirette, ma anche e soprattutto quelle indirette, legate ad altre ditte o ad altri settori economici, che si traducono in inefficienze produttive, maggiori costi, irregolarità della domanda, impossibilità di pianificare, ritardi nelle forniture e nei pagamenti... L’AIF Ticino (che conta quasi un centinaio di membri) denuncia una totale assenza di tempistiche per la riapertura delle attività e per i piani di vaccinazione.

22.02.2021 ore 13:59
Bulgaria, anticipata la vaccinazione di massa

La Bulgaria ha anticipato l’inizio della vaccinazione di massa contro il Covid-19 all’intera popolazione, previsto dopo la metà di marzo. Il premier Boyko Borissov ha chiesto l’avvio di un “corridoio verde” per tutte le persone che vogliono essere vaccinate, indipendentemente dai vari gruppi di appartenenza. Nello stesso tempo Borissov ha dichiarato che le misure restrittive contro la diffusione del virus non saranno rafforzate.

22.02.2021 ore 13:38
Svizzera, 2'449 contagi e 26 decessi nel fine settimana

Sono 2’449 i nuovi contagi e 26 i decessi registrati nel fine settimana in Svizzera. Stando ai dati diffusi dall’Ufficio federale della sanità pubblica, altri 84 pazienti sono stati ricoverati negli ospedali del Paese per complicazioni legate al Covid-19. Attualmente nella Confederazione 11’051 persone si trovano in isolamento, 18’725 quelle in quarantena dopo essere entrate in contatto con persone infette e 2’913 dopo essere rientrate da un Paese a rischio.

22.02.2021 ore 13:21
AstraZeneca un po' meglio di Pfizer-BioNTech

Un’indagine condotta in Scozia ha dimostrato che il vaccino di AstraZeneca è più efficace di quello di Pfizer-BioNTech. Nonostante entrambi siano in grado di prevenire il rischio di contagi gravi da Covid-19, anche dopo una sola dose, lo studio ha osservato che c’è tato un calo del 94% dei ricoveri in ospedale tra chi ha ricevuto una dose del siero di AstraZeneca, contro l’85%fra chi ha ricevuto quello di Pfizer-BioNTech

22.02.2021 ore 13:16
Merkel: uscita dal lockdown in tre "pacchetti"

Angela Merkel vuole che la Germania, in lockdown duro da metà dicembre, proceda con grande cautela alle riaperture e di pari passo con un aumento della capacità di test. È quello che ha chiarito ancora una volta nel corso di un incontro virtuale dell’Unione (CDU-CSU), secondo le indiscrezioni raccolte dalla stampa tedesca. La cancelliera ha immaginato tre “pacchetti”, per fare nuove concessioni nell’ambito dei contatti personali, della scuola e delle scuole professionali e nei settori della cultura, della gastronomia e dello sport. Il prossimo incontro fra Stato e Regioni è previsto per il 3 marzo, mentre le regole attualmente vigenti dureranno fino al 7 marzo. Diversi Länder tedeschi hanno riaperto oggi, lunedì, scuole e asili nido, nonostante le perplessità della cancelliera, che ha più volte insistito sui rischi di una terza ondata della pandemia, in cui la diffusione della variante inglese del virus potrebbe prendere il sopravvento. La settimana è iniziata con dati poco incoraggianti: stando al Robert Koch Institut domenica, per il quarto giorno consecutivo, nonostante le stringenti misure anti-Covid, i nuovi contagi hanno continuato ad aumentare. La situazione del bollettino di lunedì (come sempre condizionata dal rallentamento della raccolta dei dati durante il week-end) mostra uno stallo, con 4’369 nuovi casi di infezione in 24 ore (una settimana fa erano 4’426). Le vittime registrate sono 62 (meno di una settimana fa, quando erano state 116).

22.02.2021 ore 13:00
Sanofi produrrà il vaccino Johnson&Johnson

Sanofi - il marchio francese che ha dovuto ritardare la messa a punto del proprio vaccino - produrrà in Francia il prodotto della concorrente americana Johnson & Johnson, così come ha già annunciato di fare per quello di Pfizer-BioNTech.

22.02.2021 ore 13:00
La Francia rafforza i controlli alla frontiera italiana

Il prefetto della regione di Nizza, le Alpes-Maritimes, al confine con l’Italia, ha annunciato oggi il “rafforzamento dei controlli alle frontiere” nell’ambito della stretta che prevede per 15 giorni un lockdown parziale durante il week-end sul litorale.

22.02.2021 ore 12:04
Un vodese su quattro è immunizzato

Stando a uno studio di Unisanté, un vodese su quattro risulta attualmente essere immune al coronavirus, chi dopo essere stato esposto al virus ed avere quindi ora gli anticorpi e chi per essersi sottoposto alla vaccinazione.

22.02.2021 ore 12:02
Pandemia, sostegno dell'UE ai Balcani occidentali

L’impegno dell’Unione europea a sostegno dei Balcani occidentali nella lotta alla pandemia e nell’attuazione dei piani vaccinali è stato ribadito dall’Alto rappresentante UE per la politica estera e di sicurezza Josep Borrell e dal commissario all’allargamento Oliver Varhelyi. “Siate certi che la Commissione europea è impegnata a continuare nel suo forte sostegno in questa crisi. Una rapida vaccinazione nei Balcani occidentali sarà decisiva per porre fine alla pandemia e per favorire l’avvio della ripresa socio-economica”, hanno detto Borrell e Varhelyi in una lettera di risposta al ministro degli esteri del Montenegro Djordje Radulovic, che si era rivolto ai vertici UE per sottolineare l’importanza di un’azione comune nel contrasto alla pandemia.

22.02.2021 ore 11:38
Italia, stop agli spostamenti tra regioni fino al 27 marzo

Il Consiglio dei ministri italiano ha approvato il decreto legge Covid che proroga il divieto di spostamenti tra le regioni fino al 27 marzo. Viene inoltre prorogata anche la regola che limita gli spostamenti verso le abitazioni private: sono autorizzati solo due adulti insieme ai figli minori di 14 anni.

Resta, invece, nelle zone gialle e arancioni, la possibilità, una sola volta al giorno, per due adulti con i figli minori di 14 anni, di spostarsi verso un’altra abitazione privata, tra le 5.00 e le 22.00. Questa possibilità non varrà più nelle aree rosse.

22.02.2021 ore 11:35
Russia, 12'604 contagi e 337 decessi

Le autorità russe segnalano che nel Paese sono risultate essere positive al virus 12’604 persone, di cui 1’723 a Mosca. Altre 337 persone sono morte a causa del Covid-19. Dall’inizio della pandemia risultano così essere state contagiate 4’177’330 persone, mentre sono 83’630 quelle cha hanno perso la vita.

22.02.2021 ore 11:24
Calo del 12% dei dividendi a livello mondiale

I dividendi versati dalle imprese a livello globale sono calati del 12,2% a causa della crisi sanitaria globale. Lo rivela uno studio pubblicato dalla società di gestione Janus Henderson. La società, che si aspettava una flessione più importante, sottolinea che la situazione delle imprese è migliorata nel quarto trimestre del 2020. L’anno scorso una società su otto ha annullato i dividendi, una su cinque li ha ridotti, mentre due su tre li hanno aumentati o mantenuti allo stesso livello.

Banche, società petrolifere miniere e beni e servizi non essenziali sono stati i settori più toccati dalla crisi, mentre il commercio al dettaglio alimentare, i prodotti farmaceutici e l settore della salute sono quelli che hanno meglio resistito alla crisi.

22.02.2021 ore 10:45
Effetti collaterali ai vaccini, Swissmedic punta sul Ticino

L’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera Italiana è stato scelto da Swissmedic come Centro di riferimento a livello nazionale per l’analisi e valutazione dei casi di effetti collaterali ai vaccini COVID-19. Lo comunica lunedì l’EOC.

Effetti del vaccino, analisi in Ticino

L'Istituto di scienze farmacologiche EOC diventa il centro di riferimento nazionale

22.02.2021 ore 10:38
Mascherine alle elementari, il Ticino è pronto

Se la situazione dovesse peggiorare, sarebbe possibile introdurre l’obbligo della mascherina anche per gli allievi di 4a e 5a elementare. Lo comunica stamane il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS), di fronte ai timori legati alle nuove versioni del coronavirus, più contagiose. Le autorità sono dunque pronte ad introdurre un obbligo per un periodo limitato ed il Cantone fornirebbe il materiale necessario per le prime settimane. Le precisazioni sono contenute in una lettera inviata oggi ai Comuni, dopo aver consultato l’Ufficio del medico cantonale. La misura entrerebbe in vigore solo in caso di impennata dei contagi legata proprio alle nuove versioni del virus. Si tratta dunque di un’informazione puramente preventiva. Il DECS sottolinea che l’attuale situazione epidemiologica non motiva per ora l’introduzione di nuove misure oltre a quelle già adottate.

22.02.2021 ore 10:29
Vaccini: alla Serbia altre 50'000 dosi di Sputnik

Altre 50’000 dosi del vaccino anticovid russo Sputnik V sono giunte stamane in Serbia, il Paese dei Balcani occidentali che registra i maggiori successi nel programma di vaccinazione di massa della popolazione. Finora i vaccinati con la prima dose sono circa 1,2 milioni (il 17% circa della popolazione), a ricevere anche la seconda sono stati oltre 400’00. Lo Sputnik V è uno dei quattro vaccini disponibili in Serbia, unitamente al cinese della Sinopharm, allo Pfizer-BioNTech e all’AstraZeneca. La premier Ana Brnabic ha confermato che nella giornata odierna arriveranno anche ulteriori 46’800 dosi di vaccino Pfizer-BioNTech, con le quali le forniture alla Serbia raggiungeranno complessivamente 2 milioni di dosi. Il Paese balcanico ha raggiunto un accordo con la Russia per la produzione sul suo territorio dello Sputnik V, che potrebbe partire entro la fine di quest’anno. Al pari degli altri Paesi della regione balcanica la Serbia è inclusa nella lista dei Paesi beneficiari del piano Covax per il vaccino agli stati a basso reddito, ma Belgrado nei mesi scorsi - grazie a una maggiore disponibilità finanziaria e ai buoni rapporti del presidente Aleksandar Vucic con i leader di Russia e Cina - ha deciso di muoversi autonomamente concludendo contratti bilaterali con le case produttrici di vaccini. Ciò ha consentito alla Serbia di donare quantità di vaccini ai Paesi vicini.

22.02.2021 ore 10:15
Ticino, 29 nuovi contagi e un decesso

È stato registrato un nuovo decesso nelle ultime 24 ore in Ticino legato al coronavirus. I nuovi casi sono in diminuzione, 29 in totale (ieri erano stati 37, e nessun decesso). Negli ospedali si sono registrati 4 nuovi ricoveri mentre 3 persone sono state dimesse. Ora i ricoverati sono 73, di cui 14 in cure intensive.

22.02.2021 ore 09:58
Cassis: lo sviluppo sostenibile è minacciato dal Covid

Il consigliere federale Ignazio Cassis ha dichiarato lunedì, in apertura del Consiglio dei diritti umani, che la pandemia minaccia i progressi fatti nell’ambito dello sviluppo sostenibile nel mondo. Ha poi lanciato un appello affinché si cominci a lavorare sulle strategie per il mondo post-pandemia.

22.02.2021 ore 09:53
Germania, riaprono le scuole in 10 Länder

Dopo oltre due mesi di chiusura a causa del lockdown, riaprono oggi le scuole e gli asili infantili in dieci Länder della Germania, fra cui quello di Berlino. Una misura molto discussa nelle ultime settimane, e in particolare al recente vertice Stato-Regioni, che ha visto posizioni più rigide a riguardo da parte di Angela Merkel. La cancelliera avrebbe voluto rimandare ulteriormente la ripresa delle lezioni in presenza, vincolandola ai dati sull’incidenza settimanale dei contagi da Covid-19.

Germania, si torna a scuola

Dopo oltre due mesi di chiusura a causa del lockdown, riaprono oggi le scuole e gli asili infantili in dieci Laender

22.02.2021 ore 09:12
Il vaccino rallenta i contagi

Il ministro britannico delle vaccinazioni ha fatto sapere lunedì che la somministrazione del vaccino alla popolazione britannica ha fatto sì che il numero di contagi rallentasse: “Senza il vaccino non sarebbe possibile per noi oggi dire che le scuole riapriranno il prossimo 8 marzo e che aumenterà il numero di persone autorizzate a incontrarsi negli spazi esterni”. Una dichiarazione che giunge nel giorno in cui il premier britannico annuncia i primi allentamenti al confinamento in vigore da gennaio.

22.02.2021 ore 08:23
Serum Institute of India richiamato all'ordine

Il massimo produttore di vaccini al mondo, il Serum Institute of India, che produce il vaccino AstraZeneca, ha lanciato un appello ai Paesi in attesa del vaccino affinché portino pazienza, poiché ha ricevuto l’ordine da parte del Governo indiano di accordare la priorità all’India per la fornitura di siero anti-Covid. L’India si è prefissata l’obiettivo di vaccinare 300 milioni di persone entro il mese di luglio, ma la campagna sta andando a rilento e attualmente solo state somministrate solo 11 milioni di dosi.

22.02.2021 ore 07:59
Basilea, centinaia di persone al Morgenstraich

Nonostante il Carnevale di Basilea sia stato annullato a causa dell’attuale situazione pandemica, alcune centinaia di persone i sono riunite lunedì verso le 4 del mattino per un Morgenstraich (tradizionale battuta d’inizio delle festività di Carnevale) silenzioso: a parte alcune eccezioni, il divieto di suonare strumenti è stato rispettato. La presenza della polizia è stata discreta: è intervenuta unicamente per chiedere alle persone, riunite in massa, di indossare la mascherina, ma non per disperdere l’assembramento, che si è sciolto in autonomia intorno alle 5 del mattino.

22.02.2021 ore 07:52
Economiesuisse critica la gestione della pandemia

Economiesuisse critica la gestione delle pandemia di coronavirus in Svizzera: l’organizzazione della campagna di vaccinazione, per esempio è “un’enorme delusione”, come ha dichiarato il presidente dell’organizzazione ombrello Christoph Mäder in un’intervista pubblicata lunedì dal quotidiano Blick. In un Paese che si considera altamente tecnologico, non può essere complicato sviluppare uno strumento informatico che permetta di registrarsi in tempi “ragionevoli”, aggiunge. Secondo Mäder, molto resta da fare anche per quanto riguarda la comunicazione, che ha funzionato male nel corso dell’ultimo anno.

Mäder prosegue discutendo delle mascherine: “non riesco a credere” che all’inizio sia stato fatto passare il messaggio che non servissero a niente. Un episodio che è stato nocivo per la Confederazione e per la fiducia da parte del popolo nei suoi confronti. Lo stesso vale, prosegue, per le discrepanze tra Berna e i Cantoni. Infine, critica la lentezza con la quale si è implementato un sistema di depistaggio di massa.

22.02.2021 ore 07:34
Gran Bretagna, presentato un piano di uscita dal confinamento

Il premier britannico ha presentato lunedì il suo piano di uscita dal nuovo confinamento in cui si trova il Paese dall’inizio del mese di gennaio. Tra gli allentamenti previsti, il primo dovrebbe essere la graduale riapertura delle scuole, a partire dall’8 marzo. La stessa data dovrebbe anche segnare la ripresa delle visite all’interno delle case per anziani (unica condizione: chi viene a trovare un residente deve presentare una prova di negatività al virus). Dovrebbero inoltre essere nuovamente autorizzati gli incontri tra più persone all’esterno, dove il rischio di contagi è più basso. Pub, ristoranti e bar, invece, dovranno ancora portare pazienza.

22.02.2021 ore 07:23
Cile, superati i 20'000 morti

Il Cile ha superato la soglia dei 20’000 morti a causa del coronavirus dall’inizio della pandemia, stando ai dati raccolti dalla Johns Hopkins University. Il Paese sudamericano ha inoltre registrato quasi 800’000 contagi (799’460).

22.02.2021 ore 07:21
Argentina, autorizzazione d'emergenza per Sinopharm

La nuova ministra della salute argentina Carla Vizzotti ha autorizzato domenica l’approvazione in emergenza del vaccino Sinopharm contro il Covid-19, sviluppato dalla Cina. Questo siero si va così ad aggiungere agli altri usati nel Paese, il russo Sputnik V e Covidshield sviluppato da AstraZeneca). Attualmente sul territorio argentino vengono vaccinati il personale sanitario, le fasce a rischio e gli over 70.

22.02.2021 ore 07:15
Grigioni, 10 contagi e un morto

Sono 10 le persone risultate essere positive al Covid-19 nelle ultime 24 ore nel canton Grigioni. Una persona è inoltre morta in seguito a complicazioni legate al virus. I casi attivi nel cantone risultano attualmente essere 147. I pazienti attualmente ricoverati in ospedale sono 17 (due in più rispetto a ieri): quattro sono in cure intense e tre sono sottoposti a respirazione artificiale.