Il nuovo presidente del Governo
tipress
Momenti chiave
06.05.2020 ore 23:46
06.05.2020 ore 22:58
06.05.2020 ore 22:15
06.05.2020 ore 21:09
06.05.2020 ore 20:31
06.05.2020 ore 19:20
06.05.2020 ore 19:14
06.05.2020 ore 18:58
06.05.2020 ore 18:46
06.05.2020 ore 17:52
06.05.2020 ore 17:22
06.05.2020 ore 17:16
06.05.2020 ore 15:46
06.05.2020 ore 13:55
06.05.2020 ore 11:46
06.05.2020 ore 11:29
06.05.2020 ore 10:45
06.05.2020 ore 08:37
06.05.2020 ore 08:05

Gobbi: "Distanti, ma ripartiamo"

Primo dicorso ufficiale del nuovo presidente del Governo ticinese: "Solo rispettando le regole possiamo ripartire". Intanto dal Nazionale a Berna arriva il primo sì alla riapertura delle frontiere svizzere
mercoledì 06 maggio 2020 06:54

Le frontiere dovrebbero essere gradualmente riaperte "in modo da poter riunire rapidamente le famiglie e ripristinare la libera circolazione delle persone". Il Consiglio nazionale ha adottato oggi, con 129 contro 49 e 5 astenuti, una mozione in tal senso della sua Commissione della politica estera.

"Distanti ma ripartiamo", è il motto della nuova campagna ticinese: "Solo rispettando le regole possiamo ripartire”, ha aggiunto Norman Gobbi, neo presidente del Governo ticinese, nel suo primo discorso ufficiale.

In Svizzera 51 nuovi casi e 22 decessi. In Ticino 6 nuovi contagi e 2 decessi. Il virus a livello internazionale ha causato oltre 3,6 milioni di infezioni accertate, mentre i decessi legati al Covid-19 sono oltre 257'000 e le persone guarite quasi 1,2 milioni.

La cronaca della giornata di ieri

I dati sempre aggiornati

di Ludovico Camposampiero, Enrico Campioni, Francesco Gabaglio, Fabio Dotti, Marija Milanovic, Debora Ferrara, Joe Pieracci, Alessandra Spataro, Stefano Pongan

06.05.2020 ore 23:46
La cura con il plasma

Fa discutere in Italia la battaglia del dottor De Donno a Mantova, che tratta con successo i malati di COVID-19 usando il plasma di pazienti guariti, che contiene gli anticorpi. Una sperimentazione è in corso in Svizzera a Basilea e partirà anche in Ticino

"Una cura c'è: è il plasma"

Il dottor De Donno e la sua battaglia in Italia per poter curare i malati. "È l'unica terapia specifica per il COVID, autorizzatemi a salvare vite"

06.05.2020 ore 23:23
In quarantena il portavoce di Bolsonaro

Il portavoce del presidente brasiliano Jair Bolsonaro è risultato positivo al coronvirus. Otavio do Rego Barros, 59 anni, è attualmente in quarantena nella sua casa e il resto dello staff è in isolamento in attesa dei risultati dei test. Nel paese sono in diversi che si interrogano sull’esposizione di Bolsonaro al Covid-19.

06.05.2020 ore 23:04
Da giugno ristoranti e bar riaprono nei Paesi Bassi

Nei Paesi Bassi i ristoranti, i caffè e i musei riapriranno il primo giugno, mentre i locali a luci rosse dovranno attendere fino a settembre. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte. Le mascherine saranno obbligatorie sui mezzi pubblici. E’ dal 16 marzo che il paese è in “chiusura intelligente”, per esempio i negozi sono rimasti aperti e le persone hanno potuto uscire senza restrizioni. Le scuole apriranno gradualmente a partire dalla prossima settimana. Dall’inizio della pandemia sono stati registrati 41’319 contagiati e 5’204 morti.

06.05.2020 ore 22:58
Una sfida geopolitica

Il virus ha esasperato il confronto fra Washington e Pechino, secondo la politologa Bonnie Glaser

Il virus, la partita tra USA e Cina

L’emergenza coronavirus ha rimesso in gioco il ruolo statunitense e le ambizioni di Pechino

06.05.2020 ore 22:15
La favola del dopo coronavirus

Più di 18 milioni di persone hanno guardato online, la favola di uno sconosciuto scrittore britannico che ha raccolto grandi consensi raccontando di un mondo migliore dopo il coronavirus. Nel video Tom racconta al fratellino come il virus ha cambiato le abitudini, “perché qualche volta bisogna essere malati, prima di potersi sentire di nuovo meglio”

06.05.2020: Una favola sul mondo dopo il coronavirus
06.05.2020 ore 21:09
I superoi per Banksy

Banksy ha voluto omaggiare il personale sanitario britannico con una sua opera in cui è ritratto un bimbo che gioca con alcuni supereroi, tra cui un pupazzo con le sembianze di una infermiera. Il disegno, grande circa un metro quadrato, è stato appeso vicino al pronto soccorso dell’ospedale di Southampton, Inghilterra meridionale, in accordo coi vertici dell’istituto ed è stato accompagnato dalla scritta “grazie per tutto il lavoro che state facendo”. L’artista inglese nel corso del lockdown non ha mai smesso di creare, realizzando anche un graffito all’interno del suo bagno, come segno di solidarietà per i milioni di britannici costretti a vivere in isolamento.

Un Banksy per medici e infermieri
06.05.2020 ore 20:43
La voglia di ricominciare dei commercianti

I commercianti, tra timori e voglia di ricominciare, si preparano ad attuare gli accorgimenti di sicurezza in vista della riapertura del prossimo 11 maggio, con misure generali ma pure puntuali, dovute al tipo di merce in vendita.

06.05.2020: Negozi pronti per lo shopping
06.05.2020 ore 20:31
Swiss non prevede licenziamenti

Swiss ed Edelweiss si dicono grate per gli aiuti promessi dal Consiglio federale e dal Parlamento, rispetteranno le condizioni inerenti agli obiettivi climatici del Governo e alle misure in caso di licenziamenti dovuti a una ristrutturazione, si legge in un comunicato congiunto diffuso in serata. Viene però accolto con favore il fatto che le Camere federali abbiano fatto una distinzione tra le misure per aiutare l’aviazione e la politica climatica. In una conferenza stampa telefonica il presidente della direzione di Swiss ha dichiarato che al momento “non sono previsti licenziamenti” nel quadro della riduzione dei costi di circa il 20% per far fronte alla crisi. La compagnia aerea intende ricorrere alla fluttuazione naturale e alla non sostituzione di collaboratori partenti. Nella nota le due compagnie si sono anche espresse in merito alla questione del risarcimento di voli annullati: in assenza di una soluzione europea, Swiss ed Edelweiss rispetterebbero la condizione di rimborsare alle agenzie di viaggio gli anticipi versati da queste ultime entro il 30 settembre.

06.05.2020 ore 20:07
Francia, oltre un terzo dei morti nelle case di cura

L’epidemia di coronavirus ha fatto 25’809 morti in Francia, di cui 16’237 negli ospedali e 9’572 nelle case di cura e in altri istituti, come annunciato mercoledì dal Ministero della salute. Il bilancio giornaliero delle vittime è di 278. I contagiati totali sono 170’694.

06.05.2020 ore 19:24
Chiusa la sessione straordinaria delle Camere federali

Con l’approvazione di aiuti all’economia per complessivi 57 miliardi di franchi si è conclusa la sessione straordinaria delle Camere federali. In sospeso è rimasto il punto che riguarda i gestori di ristoranti e altre strutture in difficoltà con il pagamento degli affitti. Una soluzione potrebbe essere adottata nella sessione estiva di giugno. In questi tre giorni i parlamentari sono stati chiamati a ratificare, spesso a posteriori, i crediti approvati dal Consiglio federale per far fronte alla crisi. Era dal 1939, al momento dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale e della votazione dei pieni poteri per il Governo da parte dell’Assemblea federale, che l’Esecutivo non governava col diritto d’urgenza.

06.05.2020 ore 19:20
"Non c'è ancora l'ordinanza"

La polizia si prepara ai controlli e potrà far chiudere i locali che non rispettano il piano di protezione, ma sulla riapertura dei ristoranti l’11 maggio restano molti punti di domanda anche perché l’ordinanza sarà adattata solo venerdì. Norman Gobbi ha ammesso che il Ticino è stato un po’ preso alla sprovvista dall’accelerazione imposta la settimana scorsa dal Consiglio federale

Gobbi: "Colti di sorpresa"

Sulla riapertura di bar e ristoranti molti punti da chiarire. Il Ticino critico. Nel video i dubbi di Fabio De Angelis del Just Cafè di Lugano

06.05.2020 ore 19:14
Misure di allentamento in Germania

“Siamo riusciti a contenere la pandemia in Germania e a non sovraccaricare il sistema sanitario”. Così si è espressa Angela Merkel, sottolineando che il tasso di contagio rimane sotto l’1, tranne in una regione. La cancelliera ha annunciato una serie di misure di allentamento in accordo con i 16 Laenders, come per esempio gli incontri con persone che non abitano sotto lo stesso tetto e nuovi commerci potranno riaprire. Sui trasporti pubblici rimarrà l’obbligo di indossare mascherine. Nel paese sono 164’807 le persone risultate positive e 6’996 quelle morte. Per quanto riguarda lo sport, il campionato di calcio riprenderà a metà maggio a porte chiuse.

06.05.2020 ore 18:58
Nel Regno Unito 649 morti in più

Calano di poco, a 649 contro i 693 conteggiati ieri, i morti per coronavirus registrati nel Regno Unito nelle ultime 24 ore tra ospedali, case di riposo e altri ricoveri. Il nuovo totale è di 30’076, il bilancio più pesante in tutta Europa e secondo nel mondo solo a quello registrato negli Stati Uniti. In proporzione alla popolazione, invece, il Regno con 44 morti ogni 10’000 abitanti resta dietro a Spagna e Italia (rispettivamente 54 e 48), oltre che ai 70 del Belgio, secondo i dati della Johns Hopkins University. Gli Stati Uniti sono a 21.

06.05.2020 ore 18:46
Gobbi e il passo del montanaro

Gobbi e il passo del montanaro

Intervista al neopresidente del Consiglio di Stato ticinese pronto ad affrontare la "fase due" del cantone

06.05.2020 ore 18:45
Italia, più persone guarite ma ancora 369 morti

In Italia, sono quasi 7’000 i malati in meno in 24 ore: sono infatti 91’528 gli attualmente positivi, con un calo record rispetto a martedì di 6’939. Anche per quanto riguarda le persone guarite si è raggiunto un primato: sono 93’245, 8’014 in più rispetto a ieri, ha reso noto la Protezione civile. Le vittime sono salite a 29’684, con un incremento di 369 (222 in Lombardia) in un giorno. I contagiati totali dal coronavirus, ossia gli attualmente positivi, le vittime e i guariti, sono 214’457 con un aumento rispetto a ieri di 1’444.

06.05.2020 ore 17:52
Zurigo fa un favore agli esercenti

La città di Zurigo va incontro alle esigenze dei ristoratori, in vista della riapertura dell’11 maggio, permettendo loro di estendere gratuitamente le rispettive terrazze sullo spazio pubblico, così da poter garantire un sufficiente numero di posti a sedere e poter lavorare in modo redditizio. Questo a condizione che i marciapiedi restino liberi e sia garantito uno spazio di due metri per i passanti

06.05.2020 ore 17:41
Gobbi: "Ristabilire una normalità, modificata"

L’apertura dei ristoranti e dei bar a partire da lunedì, ha affermato Norman Gobbi, richiederà di “ristabilire una normalità, ma modificata”. Non si potrà per esempio più andare al bar per bere un caffè e leggere un giornale, “queste situazioni di quotidianità non ci saranno più”. Gobbi ha sottolineato che la decisione del Consiglio federare di aprire gli esercizi pubblici prima del previsto “ha colto di sorpresa” il Ticino. A fargli eco anche il capitano Elia Arrigoni, responsabile dei servizi generali della polizia cantonale che ha sottolineato che il cantone ha già iniziato a lavorare con l’associazione di categoria per la riapertura. “Sarà importante il rispetto delle regole”, ha sottolineato, affermando che ad ogni modo “c’è chi sta valutando di attendere ad aprire per organizzare al meglio tutte le misure di sicurezza richieste”. La revisione dell’ordinanza del settore è attesa per venerdì.

Norman Gobbi: "Solo rispettando le regole permetteremo la ripartenza di questo cantone"
06.05.2020 ore 17:26
Protezione per le agenzie di viaggio

I clienti non devono poter intraprendere procedure esecutive contro un’agenzia di viaggi fino al prossimo 30 settembre. Dopo la Camera del popolo stamattina, anche gli Stati hanno deciso tacitamente questo pomeriggio di appoggiare una mozione in tal senso. Le circa 1’300 agenzie del settore sono confrontate a un’ondata di cancellazioni e non possono procedere a tutti i rimborsi fino a quando non saranno state a loro volta ripagate da fornitori di servizi come linee aree e alberghi. Senza misure di protezione rischiano il fallimentoi

06.05.2020 ore 17:22
La Svezia vicina ai 3'000 morti

Sono quasi 3.000 le persone morte per il coronavirus in Svezia, il paese che ha avuto l’approccio più morbido alle misure per frenare la pandemia. L’Agenzia sanitaria nazionale ha annunciato che i casi di COVID-19 nel paese sono 23’918 e le vittime 2’941, 87 in più rispetto al giorno precedente. Un tasso, riporta il Guardian, di 291 per milione di abitanti, molto più alto delle vicine Norvegia (40 per milione), Danimarca (87) e Finlandia (45). Persino maggiore degli Stati Uniti, che detengono il triste primato di decessi. “E’ un numero spaventosamente alto”, ha commentato in conferenza stampa Anders Tegnell l’epidemiologo dietro alla strategia del Governo svedese che ha deciso di non imporre lockdown, né chiudere bar, ristoranti e scuole per i ragazzi sotto i 16 anni.

06.05.2020 ore 17:20
"Avanti con il passo del montanaro"

“La prima parola di ringraziamento e di apprezzamento è per Christian Vitta, che è stato molto presente in queste settimane”: ha aperto così il suo intervento Norman Gobbi, nuovo presidente del Governo ticinese. “Sono state settimane difficili e l’aspetto più doloroso per tanti di noi è stato l’addio a persone care in una forma che nella nostra cultura non è quella abituale. Abbiamo potuto apprezzare però anche molte cose, come il buon funzionamento del sistema federale”, ha detto il responsabile del Dipartimento delle istituzioni, ricordando in seguito le finestre di crisi concesse al Ticino e l’importanza dei comuni per la loro vicinanza ai cittadini.

Oggi possiamo guardare con migliori prospettive al futuro, per andare avanti con il passo del montanaro, sicuro, che richiede prudenza, ma che deve condurre in tempo alla meta, ha aggiunto Gobbi. Si tratta di pianificare il domani che non sarà più come lo ieri che conoscevamo. Lo stato di necessità rimane fino a fine maggio e potrebbe essere protratto nel tempo. “Distanti ma ripartiamo”, è il motto della nuova campagna: “solo rispettando le regole possiamo ripartire”, ha concluso Gobbi.

Norman Gobbi: "La cosa più difficile è stato l'addio a persone care senza poter esprimere emozioni"
06.05.2020 ore 17:16
Vitta: "Siamo un Ticino unito"

Christian Vitta nel suo intervento alla conferenza stampa a Bellinzona ha ripercorso i mesi vissuti dal Ticino a contatto con il coronavirus. Un mese contraddistinto da scelte difficili e importanti, tutte volte alla tutela della salute dei cittadini. “Siamo stati un Ticino unito”, ha affermato, “che sta dimostrando tutta la sua forza”. Ha poi voluto esprimere un pensiero per tutti coloro che hanno perso un loro caro a causa del virus: “Abbiamo sperimentato la fragilità, il dolore, la perdita e la difficoltà della lontananza”. Ha poi citato due volte una frase di Rita Levi Montalcini: “Non temete i momenti difficili, il meglio viene da lì”. Vitta ha ricordato anche i rapporti con Berna: “Siamo riusciti con dignità e convinzione a far capire al Consiglio Federale che avevamo bisogno di misure più restrittive”, ringraziando tutti per il sostegno dimostrato. Ha poi passato il testimone a Norman Gobbi, da oggi nuovo presidente del Consiglio di Stato.

Christian Vitta: "Il nostro Ticino sta esprimendo tutto il suo meglio"
06.05.2020 ore 16:41
Chi riceve indennità potrà pagare dividendi

Le aziende che ricevono indennità per lavoro ridotto a causa del coronavirus devono poter continuare a versare dividendi. Lo ha deciso oggi il Consiglio degli Stati per 32 voti a 10 (un astenuto), respingendo una mozione del Nazionale che chiedeva invece un divieto per il 2020 e il 2021 e limitato alle aziende da una certa dimensione in su

RG 18.30 del 06.05.2020 Il servizio di Paola Latorre
06.05.2020 ore 16:30
Aiuti per l'Africa dalla Fondazione Roger Federer

La Fondazione Roger Federer ha stanziato un milione di franchi per l’Africa. I soldi saranno destinati a diverse organizzazioni che si occuperanno di dare pasti a 64’000 bimbi e cibo ai loro familiari. La stessa cifra era stata destinata alle famiglie più povere in Svizzera, ancora più indebolite dal coronavirus.

06.05.2020 ore 16:13
Belgio, sì a incontrare amici e parenti

Il Belgio si appresta a nuovi allentamenti: i commerci non essenziali potranno riaprire lunedì e da domenica ogni famiglia potrà accogliere quattro persone, membri della stessa famiglia o amici, a condizioni che siano sempre gli stessi a frequentarsi. Lo ha affermato la premier Sophie Wilmès. Nessuna data invece è stata annunciata per quanto riguarda la riapertura di caffè, bar e ristoranti. Le scuole dovrebbero riaprire progressivamente il 18 maggio. Gli sport individuali sono autorizzati, mentre tutte le competizioni sono state congelate fino al 31 luglio, compreso. Il paese che conta 11,5 milioni di abitanti ha registrato 8’300 morti, un tasso molto alto.Il Belgio si appresta a nuovi allentamenti: i commerci non essenziali potranno riaprire lunedì e da domenica ogni famiglia potrà accogliere quattro persone, membri della stessa famiglia o amici, a condizioni che siano sempre gli stessi a frequentarsi. Lo ha affermato la premier Sophie Wilmès. Nessuna data invece è stata annunciata per quanto riguarda la riapertura di caffè, bar e ristoranti. Le scuole dovrebbero riaprire progressivamente il 18 maggio; i ragazzi di età superiore ai 12 anni dovranno usare mascherine. E le mascherine o protezioni dovranno essere indossati anche su mezzi pubblici e negli aeroporti. Gli sport individuali sono autorizzati, mentre tutte le competizioni sono state congelate fino al 31 luglio, compreso. Il paese che conta 11,5 milioni di abitanti ha registrato 8’300 morti, un tasso molto alto.

06.05.2020 ore 16:12
"Certo che farò il test sierologico"

Angela Ricciardi fa parte dei 1’500 ticinesi che si sottoporranno allo studio sierologico: “Felice di aver ricevuto la lettera. Ho detto sì senza nemmeno aver finito di leggerla”


"Felice di aver ricevuto la lettera"

Angela Ricciardi fa parte dei 1'500 ticinesi che si sottoporranno allo studio sierologico: "Ho detto sì senza nemmeno aver finito di leggerla"

06.05.2020 ore 15:46
Calano i ricoverati in Ticino

Nelle strutture ospedaliere ticinesi dedicate alla cura dei pazienti affetti dal coronavirus sono attualmente ricoverate 109 persone: 94 in reparto e 15 in terapia intensiva, di cui 11 intubate. Nel momento di massima pressione sul sistema sanitario, il 30 marzo, erano 415 le persone ricoverate e 75 quelle in cure intense

06.05.2020 ore 15:29
Rita Adam: "I valichi non riapriranno tutti l'11 maggio"

I valichi di confine tra la Svizzera e l’Italia non verranno riaperti tutti il prossimo 11 maggio, ma la volontà è di riaprire tappa per tappa con una reciproca volontà di ritornare alla normalità, ha detto oggi a Roma l’ambasciatrice svizzera in Italia, Rita Adam.

“Siamo di fronte alla sfida di trovare un buon equilibrio tra la salvaguardia della salute e la ripresa dell’economia riducendo al minimo i disagi”, ha aggiunto Adam davanti al Comitato parlamentare italiano di controllo sull’attuazione dell’accordo di Schengen, precisando che la priorità rimane la tutela della salute.

06.05.2020 ore 15:27
Luino: mercato deserto senza i ticinesi

A Luino... mancano gli svizzeri

Il mercato più grande d'Europa sul Verbano ha riaperto con pochi banchi e molti timori per il futuro; senza confederati pochi affari

06.05.2020 ore 15:21
Da un campo per profughi: disinfettarsi grazie ai Lego

Disinfettarsi grazie ai Lego

Da un campo per profughi siriani in Giordania arriva un robot, fatto con i famosi mattoncini, che automatizza il lavaggio delle mani

06.05.2020 ore 15:15
New York perderà 900'000 posti di lavoro

Uno su cinque dei lavoratori della città di New York perderà la propria occupazione entro fine giugno. A fare i calcoli dell’impatto del coronavirus sull’economia della Grande Mela è il supervisore dei conti della città Scott Stringer, prevedendo che complessivamente perderanno l’impiego entro fine giugno 900’000 persone, con i ristoranti e gli hotel le categorie più colpite.

06.05.2020 ore 13:55
Vaccino, avviato test negli USA

La multinazionale Pfizer e la tedesca BioNTech hanno annunciato di aver somministrato, negli Stati Uniti, la prima dose ai partecipanti allo studio per il vaccino BNT162 per prevenire il Covid-19. L’ampiezza di questo programma, annunciano, “dovrebbe consentire la produzione di milioni di dosi di vaccino nel 2020, aumentando a centinaia di milioni nel 2021”. Un programma di sviluppo globale e la somministrazione del vaccino al primo campione in Germania è stata completata la scorsa settimana.

06.05.2020 ore 13:41
Frontiere: il Nazionale favorevole ad una riapertura graduale

Le frontiere dovrebbero essere gradualmente riaperte “in modo da poter riunire rapidamente le famiglie e ripristinare la libera circolazione delle persone”. Il Consiglio nazionale ha adottato oggi, con 129 contro 49 e 5 astenuti, una mozione in tal senso della sua Commissione della politica estera. Il Consiglio federale ha già previsto una riapertura progressiva.

"Frontiere da riaprire gradualmente"

Il Nazionale adotta una mozione, il Consiglio federale ha già una tabella di marcia. Non tutti i valichi ticinesi riaperti l'11 maggio

06.05.2020 ore 12:42
L'Austria prolunga i controlli alla frontiera

L’Austria ha prolungato fino al 31 maggio i controlli alla frontiera anti-Covid-19 che dovevano scadere domani. Il provvedimento è stato prolungato con una nuova ordinanza del ministero degli Interni. Restano perciò chiusi anche i valichi minori (sentieri e strade alpine). Chi entra in Austria, come finora, deve stare per due settimane in quarantena oppure presentare l’esito di un test non più vecchio di quattro giorni.L’Austria ha prolungato fino al 31 maggio i controlli alla frontiera anti-Covid-19 che dovevano scadere domani. Il provvedimento è stato prolungato con una nuova ordinanza del ministero degli Interni. Restano perciò chiusi anche i valichi minori (sentieri e strade alpine). Chi entra in Austria, come finora, deve stare per due settimane in quarantena oppure presentare l’esito di un test non più vecchio di quattro giorni.

06.05.2020 ore 12:34
Svizzera: 51 nuovi casi e 22 vittime in 24 ore

Sono 51 i nuovi casi di coronavirus registrati in Svizzera e Liechtenstein nelle ultime 24 ore, ciò che porta il totale a 30’060. Lo ha reso noto poco fa l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Ieri ne erano stati annunciati 28, mentre lunedì 76.

Secondo un conteggio dell’agenzia Keystone-ATS basato sulle informazioni fornite dai cantoni entro mezzogiorno, sono finora morte complessivamente in Svizzera 1798 persone.

L’UFSP parla dal canto suo di 1505 vittime, 22 in più di ieri, facendo riferimento ai rapporti che i laboratori e i medici hanno presentato nell’ambito dell’obbligo di notifica. Le autorità precisano che il dato può quindi differire dalle cifre cantonali. L’incidenza ammonta a 350 per 100’000 abitanti.

06.05.2020 ore 12:22
Ticino, interpellanza sul numero dei morti

Le vittime del Covid-19 in Ticino sono forse di più, lo abbiamo anticipato ieri. La questione finisce anche sul tavolo del Consiglio di Stato. Ci hanno pensato i deputati Tiziano Galeazzi (UDC) e Lelia Guscio (Lega) che in un’interpellanza chiedono all’esecutivo ticinese di “elencare quanti decessi per Covid-19 o per conseguenza a esso sono avvenuti a domicilio privato (escluse le case per anziani)“.

06.05.2020 ore 11:54
Aviazione svizzera verso il salvataggio

Se il dossier supererà lo scoglio del voto finale - previsto oggi pomeriggio, ma che dovrebbe rappresentare solo una formalità - la base legale che consente alla Confederazione di venire in aiuto al settore dell’aviazione entrerà in vigore già domani.

Le due Camere - all’unanimità agli Stati e con 130 voti a 50 al Nazionale - hanno infatti concesso la clausola d’urgenza alla riveduta legge sull’aviazione civile. Il testo così rivisto, i cui contenuti sono stati definiti ieri dal Parlamento, è valido fino al 31 dicembre 2025. Contro la legge sarà possibile lanciare un referendum, ma solo dall’inizio di giugno.

La nuove legislazione permette alla Confederazione di erogare i crediti d’impegno per un totale di 1,875 miliardi contenuti nel pacchetto di aiuti all’economia: 1,275 miliardi per garantire prestiti alle compagnie aeree svizzere e 600 milioni per sostenere le aziende del settore aeronautico attive negli aeroporti nazionali.

06.05.2020 ore 11:46
Il telelavoro? Meno stress...

Il nuovo coronavirus ha portato a una profonda trasformazione anche nel mondo professionale: nonostante l’incertezza in merito alla situazione attuale e futura, numerosi lavoratori ritengono di essere meno stressati grazie al telelavoro e riescono a conciliare meglio lavoro e vita privata. È quanto emerge dai risultati di due sondaggi effettuato prima e dopo lo scoppio della crisi legata al Covid-19 da alcuni ricercatori dell’Università di Zurigo (UZH).

Al sondaggio, effettuato lo scorso mese, hanno partecipato circa 600 impiegati in Svizzera e Germania, che erano già stati intervistati sulle loro condizioni di lavoro nel giugno 2019. Per questo motivo è stato possibile creare un confronto indipendente, indica in una nota odierna l’UZH.

Il 29% dei partecipanti ha indicato che la loro attività lavorativa è peggiorata dall’inizio della crisi del nuovo coronavirus, mentre solo l’11% ha rilevato un miglioramento. Tuttavia, dai criteri specifici è emersa un quadro più positivo.

06.05.2020 ore 11:32
Bolla immobiliare: pericolo in aumento in Svizzera

Il pericolo di una bolla immobiliare è in aumento in Svizzera: il relativo indice calcolato dagli esperti di UBS si è attestato nel primo trimestre 2020 a 1,30 punti, 0,04 punti in più dell’1,26 (rivisto) dei tre mesi precedenti e valore più elevato dal 2017.

06.05.2020 ore 11:32
Origini del virus, Australia vuole inchiesta indipendente

Il Governo australiano continua a premere su scala globale per un’inchiesta indipendente sulle origini del Covid-19. Il primo ministro Scott Morrison ha scritto ai leader del G20, tra cui il presidente cinese Xi Jinping, per chiedere di approvare la mozione in tal senso che l’Australia si prepara a sostenere alla riunione in teleconferenza dell’organo direttivo dell’Organizzazione mondiale della sanità il 18 maggio. Morrison afferma che è “cruciale una valutazione adeguata” della pandemia, respingendo quindi le affermazioni del segretario di Stato statunitense Mike Pompeo, sulle “enormi prove” che il coronavirus provenisse da un laboratorio in Cina. Il primo ministro sottolinea che un’inchiesta indipendente aiuterebbe il mondo a trarre insegnamenti che potrebbero essere applicati a future pandemie “che potrebbero originarsi in qualsiasi parte del mondo”. L’Australia non può escludere che il virus sia fuoriuscito da un laboratorio, ma “l’origine più probabile è un mercato di carne di animali selvatici a Wuhan”, ha detto Morrison, esprimendo preoccupazione che le pressioni di Washington per attribuire all’Istituto di Virologia di Wuhan la responsabilità della fuga’ del virus possano ostacolare gli sforzi per eliminare i pericolosi mercati umidi di animali selvatici.

06.05.2020 ore 11:29
Recessione storica in Europa

L’economia dell’Eurozona si contrarrà del 7,75% nel 2020, per poi crescere del 6,25 nel 2021. Sono i dati resi noti dalla Commissione europea, nelle sue previsioni economiche di primavera. Per l’intera Unione Europea, compresi i paesi senza Euro, il calo previsto sarà del 7,5% quest’anno, mentre la crescita si attesterà al 6% circa, l’anno successivo. La recessione, oltre ad essere senza precedenti, non sarà uguale per tutti: i dati nazionali variano dal -4,25% della Polonia, al -9,75% della Grecia. Per la Svizzera è annunciata quest’anno una flessione del 5% circa.

Sarà una "recessione storica"

L’economia dell’Eurozona si contrarrà del 7,75% nel 2020, per poi crescere del 6,25 nel 2021

06.05.2020 ore 10:45
Tagli in vista presso Tally Weijl

Ondata di licenziamenti in vista presso Tally Weijl, catena di negozi di moda attiva a livello internazionale, con sede in Svizzera e presente anche in Ticino. Entro la fine del 2021 saranno soppressi fino a 800 impieghi, quasi un terzo del totale. Nella Confederazione potrebbero venir cancellate da 50 a 80 posizioni, con la chiusura di 5-10 filiali. I numeri sono stati diffusi dalla Neue Zürcher Zeitung (NZZ).

06.05.2020 ore 10:40
Governo, trasporti pubblici vanno sostenuti

Colpito duramente dalla pandemia di coronavirus, anche il settore dei trasporti pubblici va sostenuto dalla Confederazione. È l’opinione del Consiglio degli Stati che, dopo il Nazionale, ha adottato oggi una mozione in tal senso per 35 voti a 6. Secondo la maggioranza del plenum, per le aziende i costi complessivi d’esercizio sono rimasti praticamente invariati, e ciò malgrado il numero di utenti sia calato dell’80-90%. Le perdite finanziarie ammontano così a centinaia di milioni di franchi.

06.05.2020 ore 10:39
Canone e consorzi imprese, se ne parlerà in giugno

Il problema dell’eventuale esenzione dalla tassa di ricezione per i consorzi d’imprese dev’essere trattato in giugno, durante l’ordinaria sessione estiva del Parlamento. Lo ha deciso oggi il Consiglio degli Stati, che ha respinto tacitamente una mozione adottata invece dal Nazionale mediante la quale la Camera del popolo voleva, in virtù della crisi che colpisce l’economia a causa del coronavirus, fare un gesto per le imprese anche per quel che concerne il canone radiotelevisivo.

06.05.2020 ore 10:36
Stati, regole invariate sui crediti Covid-19

Diversamente dal Consiglio nazionale, gli Stati hanno respinto oggi una mozione che chiedeva di estendere la durata dei crediti Covid-19 concessi alle imprese a un massimo di otto anni (da 5) e un’altra mozione che domandava che il tasso d’interesse dello 0,0% venisse mantenuto anche dopo il primo anno dalla concessione del prestito. Ieri, nella discussione sulla prima aggiunta al preventivo 2020, due testi simili erano già stati respinti dal Parlamento.

06.05.2020 ore 10:28
+++ Ticino: sei contagi e due decessi in 24 ore +++

Altri due decessi legati al Covid-19 e sei casi positivi confermati in Ticino nelle ultime 24 ore: lo hanno comunicato mercoledì le autorità cantonali. Il totale dei casi positivi al nuovo coronavirus nel cantone sale quindi a 3’245, mentre sono 331 i decessi totali. Le persone dimesse dagli ospedali sono salite a quota 802.

LT
06.05.2020 ore 10:18
Uno su cinque crede che sarà licenziato

Ansia da licenziamento

Quando lo "stai a casa" fa paura: il 20% degli lavoratori svizzeri teme di perdere il lavoro a causa della crisi generata dal coronavirus

06.05.2020 ore 09:14
PMI svizzero-tedesche fiduciose sulla ripresa

Il 68% delle piccole e medie imprese svizzero-tedesche crede nella ripresa dopo la crisi. L’11% ha invece una percezione negativa, mentre il 21% aspetta a esprimersi. I dati emergono da un sondaggio condotto a metà aprile presso 200 PMI nella parte tedescofona della Confederazione su mandato di Localsearch, azienda di marketing che gestisce in particolare i siti local.ch e search.ch.

06.05.2020 ore 08:37
Test "fai da te" sconsigliati

L’apparizione sul mercato di test per capire se si hanno sviluppato degli anticorpi al coronavirus sta interessando parecchi pazienti anche nella Svizzera italiana. L’aumento di richieste in questo senso è stato notato dal settore sanitario, che però sconsiglia di sottoporsi a questi esami poiché al momento non sono affidabili.

È corsa ai "test fai da te"

Aumentano gli esami per cercare anticorpi Covid nel sangue, ma le autorità sanitarie al momento dubitano della loro affidabilità e li sconsigliano

06.05.2020 ore 08:29
Zero morti e due casi importati in Cina

La Cina ha registrato nelle ultime 24 ore zero nuovi casi domestici di Covid-19 e solo due importati, entrambi accertati nella provincia di Shaanxi. I nuovi asintomatici rilevati sono invece 20. La Commissione sanitaria nazionale ha precisato che non ci sono stati decessi, restando quindi fermi a livello globale a 4’633, a fronte di contagi totali saliti a 82’883. Nell’Hubei, la provincia epicentro della pandemia, prosegue l’azzeramento dei nuovi casi, partito il 4 aprile e giunto ormai al 32 giorno di fila.

06.05.2020 ore 08:05
Il coronavirus azzoppa Airbnb

A causa della pandemia il colosso delle case in affitto online stima meno di metà dei ricavi e taglia un quarto dei dipendenti. In crisi nera pure Qatar Airways.

Il coronavirus azzoppa Airbnb

A causa della pandemia il colosso delle case in affitto online stima meno di metà dei ricavi e taglia un quarto dei dipendenti. In crisi nera pure Qatar Airways

06.05.2020 ore 07:44
Aiuti anticrisi: partiti a confronto

I dibattiti non sono ancora terminati ma sul grosso degli aiuti anticrisi le Camere federali hanno ormai deciso, confermandosi un po’ più generose rispetto al Consiglio federale. Circa 57 i miliardi stanziati tra garanzie e fondi, con un’estensione dei beneficiari che non è piaciuta all’UDC. Il sovraindebitamento delle casse statali è in ogni caso un tema che fa riflettere tutti i partiti.

Aiuti che fanno discutere

Il sovraindebitamento delle casse statali, a causa degli interventi anticrisi, è un tema che fa riflettere tutti i partiti svizzeri

06.05.2020 ore 07:37
Anche il Circo Knie chiede il lavoro ridotto

Il Circo Knie ha chiesto il lavoro ridotto a causa della pandemia. Lo ha dichiarato Fredy Knie in un’intervista rilasciata mercoledì al Tages-Anzeiger. Sempre secondo lo stesso Knie, la situazione non è mai stata così grave dal 1919, quando la carovana dovette fermarsi per tre mesi a causa della spagnola. Il Circo potrebbe sopravvivere con meno dell’attuale capacità massima di 2’000 spettatori a causa delle regole della distanza sociale., “ma sotto gli 800, diventa difficile”, ha aggiunto il 73enne. La tournée è stata spostata intanto in luglio.

06.05.2020 ore 07:21
Prorogato lo stato d'emergenza in Ecuador

Il presidente dell’Ecuador Lenin Moreno ha annunciato che lo stato d’emergenza nel paese durerà almeno per altri 30 giorni. Inizialmente era previsto che terminasse al 16 maggio. Secondo l’ultimo rapporto delle autorità sanitarie ecuadoregne, il numero dei contagiati confermati ha raggiunto quota 31’881, con 1’569 morti.

06.05.2020 ore 07:02
Perché gli indipendenti ricevono poche indennità?

In una situazione complessa da gestire come quella dell’emergenza legata al coronavirus vi sono molti punti e decisioni che non fanno l’unanimità. Una delle principali questioni di difficile interpretazione e comprensione è quella relativa alle indennità per lavoratori indipendenti. Da chi riceve la miseria di 20 franchi al giorno, a fronte di un guadagno “normale” di quasi dieci volte tanto, a chi ha diritto a montanti differenti - anche in maniera importante - nonostante un reddito simile, le contraddizioni e gli interrogativi non mancano. Abbiamo provato a fare chiarezza, intervistando Cristina Maderni, presidente della Federazione Ticinese delle Associazioni dei Fiduciari e dell’Ordine dei commercialisti:

Le indennità della discordia

Cristina Maderni ci spiega come mai i lavoratori indipendenti ricevono solo pochi franchi al giorno quale indennità Covid

06.05.2020 ore 06:55
Oltre 15'000 decessi in America Latina

Sono oltre 15’000 i decessi legati al nuovo coronavirus registrati in America Latina e nei Caraibi: è quanto emerge da un conteggio dell’agenzia di stampa francese AFP, che si basa su dati ufficiali. Il totale dei casi supera quota 282’000. Il Paese con il maggior numero di morti è il Brasile a quota 7’921 a fronte di 114’715 casi, seguito dal Messico con 2’271 decessi e dall’Ecuador con 1’569 morti.

06.05.2020 ore 06:55
Trump: “Riaprire presto, anche se bilancio pesante”

Durante la visita in Arizona, il presidente Donald Trump ha sollecitato la riapertura degli Stati Uniti, anche se il bilancio delle vittime di coronavirus sarà più pesante. “Non possiamo tener chiuso il nostro Paese per i prossimi cinque anni”, ha detto in una azienda che produce mascherine. “Alcuni saranno colpiti duramente? Sì. Ma dobbiamo aprire il nostro Paese e dobbiamo aprirlo presto”, ha incalzato.

06.05.2020 ore 06:54
Negli USA oltre 1,2 milioni di casi

Negli Stati Uniti il numero di casi confermati di Covid-19 ha superato quota 1,2 milioni, mentre i decessi legati al nuovo coronavirus sono quasi 71’000, secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University.