Guy Parmelin è preoccupato

Le aziende svizzere nel 2022 potrebbero di nuovo essere costrette all'orario ridotto, ma stavolta a causa dell'interruzione delle catene di approvvigionamento

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'interruzione di molte catene di approvvigionamento di pezzi per le aziende svizzere preoccupa il presidente della Confederazione Guy Parmelin: è possibile che nel 2022 debbano ricorrere di nuovo al lavoro a orario ridotto, dice al SonntagsBlick.

"Se questa crisi dovesse peggiorare in altri paesi, anche la Svizzera ne sarebbe colpita". E "Non è perché non c'è lavoro, ma perché mancano  pezzi, componenti o il materiale per finire i prodotti", nota il ministro dell'economia elvetico svizzero in un'intervista pubblicata oggi dal domenicale svizzero-tedesco.

In questo difficile contesto economico, il vodese è preoccupato per un eventuale fallimento della legge Covid-19 in votazione il 28 novembre: "Un 'no' avrebbe certamente delle ripercussioni".

 

La Confederazione avrebbe anche problemi a livello internazionale e dovrà trovare qualcosa di nuovo in marzo per sostituire il certificato Covid, sottolinea l'esponente dell'UDC.

<< ACCEDERE AL SONDAGGIO SSR <<

ats/joe.p.
Condividi