TiPress_370228.jpg
Quello causato dal coronavirus potrebbe essere il più importante crollo delle attività produttive da oltre 40 anni © Keystone - ATS/ Ti-Press / Alessandro Crinari
Momenti chiave
24.04.2020 ore 00:01
24.04.2020 ore 00:01
23.04.2020 ore 20:06
23.04.2020 ore 18:50
23.04.2020 ore 18:26
23.04.2020 ore 16:21
23.04.2020 ore 12:32
23.04.2020 ore 12:23
23.04.2020 ore 10:17
23.04.2020 ore 08:52
23.04.2020 ore 08:20

Il peggiore shock dal 1975

La SECO prevede la più grave recessione per l'economia svizzera da dopo la crisi petrolifera - Aumentano i contagi nella Confederazione; altri 4 morti fra Ticino e Grigioni
giovedì 23 aprile 2020 07:16

Sono saliti a 28'496, dopo l'accertamento di altri 228 casi in un giorno, i contagi da coronavirus in Svizzera. In crescita, stando sempre alle ultime cifre diffuse dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), anche il numero delle vittime della patologia: sono stati infatti computati a livello 41 decessi in più. Sul piano regionale altre 3 persone in Ticino e una nei Grigioni non sono sopravvissute alla patologia.

La cronaca della giornata di ieri

Intanto l'impatto della crisi sull'economia svizzera si rivela sempre più severo e con pesantissime ripercussioni per le finanze pubbliche. Dopo la notizia di questa mattina della perdita di 38,2 miliardi di franchi nel primo trimestre per la BNS, nel pomeriggio sono arrivate le nuove stime della Segreteria di Stato dell'economia, che per il 2020 prevede un calo del PIL del 6,7% al netto degli eventi sportivi. Si tratterebbe, scrive la SECO "del più importante crollo delle attività produttive dal 1975", ovvero da dopo la crisi petrolifera.

I dati sempre aggiornati

Inoltre, gli esborsi straordinari per la Confederazione a causa degli interventi imposti dalla crisi potranno essere comparabili ad un budget annuale, ossia nell'ordine di 70-80 miliardi di franchi.

di Alex Ricordi, Enrico Campioni, Elena Boromeo, Giorgio Buzelli, Diego Moles, Sandro Pauli ed Elias Bernasconi

24.04.2020 ore 00:01
Un Ramadan diverso dal solito

Dopo una Pasqua anomala per i cristiani, da venerdì sarà anomalo pure il Ramadan dei musulmani. Il mese sacro dell’Islam, caratterizzato dal digiuno, ma anche dalla preghiera comunitaria, quest’anno dovrà adattarsi alle regole imposte dalle autorità per combattere la pandemia di coronavirus

Ramadan, la vicinanza sarà spirituale

I divieti dovuti al coronavirus non permetteranno le preghiere nelle moschee. L'imam Radouan Jelassi: "L'Islam chiama al rispetto della sicurezza"

24.04.2020 ore 00:01
Dopo 40 giorni Ischgl riapre

Da tempio dell’après-ski a focolaio europeo del coronavirus, poi il lockdown ed il cammino verso la normalità

Dopo 40 giorni Ischgl riapre

Da tempio dell'après-ski a focolaio europeo del coronavirus, poi il lockdown ed il cammino verso la normalità

23.04.2020 ore 23:36
“Non posso pagare 10’000 franchi al mese per qualcosa che non genera nulla”

Commerci non essenziali e ristoratori settimana prossima non potranno ancora aprire. Nelle ultime settimane, seppur chiusi, hanno dovuto comunque continuare a pagare l’affitto. E malgrado l’appello di alcune commissioni parlamentari, il Consiglio federale si è limitato a invitare locatori e locatari a trovare soluzioni, che però stentano ad arrivare.

Il dilemma degli affitti

Commerci e ristoranti: Berna consiglia trattative locatari e locatori, ma hanno scarso successo – L’esempio di Vaud - Il Ticino attende

23.04.2020 ore 23:18
Ticino, l’agonia dei bus turistici

“Avevamo richieste fino a settembre e oltre, purtroppo è tutto annullato e annullato vuol dire perso”. Per le aziende di viaggi su gomma, per le quali il 2020 era sulla carta un anno promettente, si è trasformato in agonia. Zero viaggi, zero trasporti scolastici... al punto che è in gioco la loro sopravvivenza. Guarda il servizio del Quotidiano.

23.04.2020: La crisi dei bus turistici
23.04.2020 ore 22:39
San Paolo: 13'000 fosse in 3 cimiteri cittadini

“Il virus si sta diffondendo in tutti i quartieri della città di San Paolo e il peggio deve ancora venire”. Bruno Covas, sindaco della capitale paulista, la più colpita dall’epidemia di Covid-19 in Brasile, ha lanciato oggi l’allarme annunciando di aver ordinato di scavare 13 mila nuove fosse in tre cimiteri cittadini. “I lavori sono già cominciati e, se necessario, lavoreremo anche di notte. Abbiamo anche realizzato un centro di logistica nel cimitero di Vila Formosa e acquistato quattro container refrigerati in grado di ospitare fino a mille cadaveri in attesa di sepoltura”, ha aggiunto Covas.

23.04.2020 ore 22:38
Gli Europei di atletica non avranno luogo

I campionati europei di atletica, in programma a Parigi, sono stati cancellati a causa dell’emergenza coronavirus

Europei di Parigi annullati

La manifestazione non sarà recuperata nel 2021

23.04.2020 ore 22:35
Coronavirus, l'OSI prova a reinventarsi

Anche le orchestre sinfoniche soffrono l’impatto dell’emergenza coronavirus. Christian Weidmann: “La sfida è trovare soluzioni innovative”

OSI in cerca di nuove formule

Anche le orchestre sinfoniche soffrono l'impatto dell'emergenza coronavirus. Christian Weidmann: "La sfida è trovare soluzioni innovative"

23.04.2020 ore 22:17
Fontana: “Sono vittima di uno sciacallaggio mediatico"

“Non sono pentito di nulla e sono vittima di uno sciacallaggio mediatico”. Una frase detta dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e confermata “al 100%” anche ai microfoni della RSI.

“Non mi pento di nulla”

Intervista al presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana – Case di riposo: “Situazione identica ovunque nel mondo”

23.04.2020 ore 22:01
Canada: militari nelle case di cura

Il premier canadese Justin Trudeau onorerà la richiesta arrivata dalle province del Canada di inviare militari nelle case di cura, colpite duramente dal coronavirus. Ma, senza nascondere la sua frustrazione: “Questa non è una soluzione di lungo termine. In Canada non dovrebbero essere i militari a prendersi cura degli anziani. Stiamo assistendo a terribili tragedie nelle case di cura nel Paese e questo è inaccettabile. Possiamo fare meglio, dobbiamo fare meglio”.

23.04.2020 ore 21:58
Quando il rock incontra il covid-19

Si chiama “Living in a ghost town” ed è un inedito dei Rolling Stones che non componevano nulla di nuovo dal 2012. La canzone è stata composta un anno fa e terminata poche settimane fa quando buona parte del mondo era già in lockdown. “Gli Stones erano in studio per registrare nuovo materiale prima che venisse deciso il lockdown” ha raccontato ai media USA Mick Jagger, “e c’era questa canzone che pensavamo avrebbe assunto un significato ancora più importante se proposta e ascoltata nei tempi che stiamo vivendo in questo periodo. Così ci abbiamo lavorato durante l’isolamento. Ed eccola qua... speriamo vi piaccia”.

23.04.2020 ore 21:07
Noam Chomsky: “È il fallimento delle economie di mercato”

La pandemia di coronavirus rappresenta il fallimento delle economie di mercato e delle politiche neoliberali. A dirlo è Noam Chomsky, uno dei massimi linguisti e filosofi viventi, intervistato dalla RSI. Il 92enne, probabilmente l’intellettuale al mondo l’intellettuale più celebre al mondo, vive da settimane in auto-isolamento nella sua casa in Arizona. L’intervista integrale sarà diffusa sabato mattina su Rete Due nella puntata del magazine Moby Dick intitolata “Un mondo al capolinea?”.

23.04.2020: Chomsky, è il fallimento delle politiche neoliberali
23.04.2020 ore 20:56
A New York l’88% degli intubati è morto

Nel sistema ospedaliero più grande di New York, l’88% dei pazienti che avevano bisogno dei respiratori e sono stati intubati sono morti. Lo rivela uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association, il quale si riferisce agli ospedali della Grande Mela e di Long Island che fanno parte del sistema sanitario Northwell Health.


Complessivamente, la percentuale dei decessi tra i pazienti Covid-19 del sistema è pari al 20%. I dati mostrano inoltre che la maggior parte dei malati gravi aveva patologie preesistenti: il 57% soffriva di pressione alta, il 41% era obeso e il 34% aveva il diabete.

23.04.2020 ore 20:06
Francia, 516 decessi e 522 guariti

In Francia sono 516 le persone che hanno perso la vita a causa del coronavirus nelle ultime 24 ore. Il bilancio complessivo delle vittime su suolo transalpino è così salito a 21’856. Secondo le cifre fornite dalla Direzione Generale della Sanità sono invece 522 le persone dimesse nella giornata di oggi, con il numero dei ricoverati che è sceso a 29’219. In calo (-165) anche le persone ricoverate in rianimazione, che attualmente sono 5’503.

23.04.2020 ore 19:38
Ticino, oltre 1 miliardo di crediti alle imprese

I crediti alle imprese elargito dalle banche con sede in Ticino per far fronte all’emergenza coronavirus hanno superato il miliardo di franchi. Il piano federale di aiuti per il Covid-19 si è dunque rivelato una boccata di ossigeno per le oltre 8’000 aziende che ne hanno fatto richiesta. Ascolta il contributo di Giordano De Lucia con le considerazioni del direttore dell’Associazione bancaria ticinese Franco Citterio

CSI 18.00 del 23.04.2020 - Il servizio di Giordano De Lucia


23.04.2020 ore 19:28
Quando è arrivato il Covid-19 in Ticino?

I medici di famiglia: “Casi sporadici possibili già in gennaio, ma la vera diffusione della malattia solo dalle vacanze di carnevale” - Ascolta il servizio di Paolo Ascierto per le Cronache della Svizzera italiana


Da quando il Covid-19 è in Ticino?

I medici di famiglia: "Casi sporadici possibili già in gennaio, ma la vera diffusione della malattia solo dalle vacanze di carnevale"

23.04.2020 ore 18:50
34 svizzeri rimpatriati da Algeri

Nel tardo pomeriggio odierno un volo proveniente da Algeri è atterrato a Zurigo, riportando a casa 34 cittadini svizzeri. Sull’aereo, si legge sul sito del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), c’erano anche 75 passeggeri di altre nazionalità, 73 dei quali residenti nella Confederazione. Si tratta del secondo volo decollato dall’Algeria nel quadro dell’operazione di rimpatrio di svizzeri bloccati all’estero a causa della pandemia di coronavirus.

23.04.2020 ore 18:39
Lufthansa ha perso 1,2 miliardi di euro in tre mesi

Il Lufthansa Group ha annunciato di aver chiuso il primo trimestre 2020 con una perdita di 1,2 miliardi di euro. La compagnia, che controlla Swiss, nell’intero trimestre ha avuto un fatturato di 6,4 miliardi, con un calo di 1,4 rispetto al 2019 tutto registrato a marzo a causa della pandemia.

23.04.2020 ore 18:26
Record di guariti in Italia

Sono 57’576 i guariti dal coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 3’033. E’ il numero più alto dall’inizio dell’emergenza. Il dato è stato reso noto dalla Protezione civile. Continua, per il quarto giorno consecutivo il calo dei malati. Sono 106’848 le persone attualmente positive, 851 in meno di ieri. È il calo maggiore dall’inizio dell’emergenza. Prosegue ancora il trend in calo dei ricoveri in terapia intensiva. Ad oggi sono 2’267, 107 in meno rispetto a ieri. Infine sono 25’549 le vittime per coronavirus in Italia, con un incremento di 464 in un giorno. Ieri l’aumento era stato di 437.

23.04.2020 ore 18:13
Economia svizzera, una crisi a lungo termine

La previsione di recessione presentata dalla SECO inquieta Travail.Suisse: “Necessario potenziare gli aiuti”

"Urgono maggiori aiuti all'economia"

Per Travail.Suisse sono necessarie ulteriori misure da parte dello Stato per far fronte alla pesante recessione prevista dalla SECO

23.04.2020 ore 17:58
Lunedì i veterinari tornano al lavoro

In Svizzera i veterinari potranno tornare a svolgere pienamente le loro funzioni a partire da lunedì. Per proteggere se stessi e i clienti sono state predisposte alcune misure. La Società dei veterinari svizzeri, si legge in un comunicato odierno, ha preparato un piano di protezione. Per recarsi dal veterinario, i proprietari degli animali dovranno ad esempio sempre annunciarsi telefonicamente. Al posto che in sala d’attesa si attenderà inoltre fuori dall’edificio. Nelle ultime settimane le cliniche veterinarie potevano offrire solo i servizi d’urgenza necessari, fatto che ha portato a notevoli perdite economiche, con diffuso ricorso al lavoro ridotto.

23.04.2020 ore 17:51
Tally Weijl rischierebbe il colasso

La catena di moda Tally Weijl sarebbe in ginocchio a causa del coronavirus e avrebbe bisogno urgente di soldi per sopravvivere. Il marchio elvetico, con sede a Basilea, non sarebbe ancora riuscito a ottenere sostegno finanziario dalle banche svizzere. L’indiscrezione è riportata giovedì dai siti web dei giornali del gruppo Tamedia. L’azienda non ha per ora risposto alla richiesta di delucidazioni in merito avanzata dall’agenzia AWP.

23.04.2020 ore 17:30
“La Svizzera riparte, riaprire i valichi”

“Riaprire subito i valichi svizzeri, tutti, nessuno escluso: una decisione che deve essere presa con la massima urgenza, per evitare le lunghe code di lavoratori frontalieri che già si stanno verificando in questi giorni”. È l’appello del Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Alessandro Fermi, dopo la decisione della Confederazione elvetica di riaprire i cantieri dallo scorso lunedì. Per Fermi “far ripartire cantieri e attività deve essere accompagnato dalla facilitazione ai lavoratori per poter riprendere a lavorare. Senza dimenticare che è anche una questione di sicurezza stradale, che non va certo tenuta in minore considerazione”.

23.04.2020 ore 17:24
Vertice sul turismo domenica a Berna

La presidente della Confederazione, Simonetta Sommaruga, ha invitato i rappresentanti del settore turistico, messo a dura prova dalla pandemia di coronavirus, a un grande vertice. Obiettivo è immaginare come organizzare le vacanze estive in Svizzera senza dimenticare la protezione della salute. L’incontro - al quale parteciperanno anche i consiglieri federali Guy Parmelin e Alain Berset - si terrà domenica a Berna, ha indicato oggi il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC).

23.04.2020 ore 17:07
Malaria e covid-19: è allarme per l'Africa

Il numero di decessi per malaria nell’Africa sub-sahariana potrebbe quest’anno raddoppiare a causa della pandemia di coronavirus, con circa 760.000 persone a rischio nella regione, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). I Paesi africani solitamente rappresentano oltre il 90% degli oltre 400.000 morti per malaria registrati ogni anno, ma l’Oms afferma che il loro numero potrebbe aumentare significativamente per la chiusura dei confini e le restrizioni imposte sugli spostamenti con l’obiettivo di arrestare la diffusione della malattia Covid-19.

23.04.2020 ore 16:21
Decessi in calo nel Regno Unito

Torna a calare per il secondo giorno di fila il numero dei morti per coronavirus registrati nel Regno Unito nelle ultime 24 ore, nei soli ospedali. Lo rende noto il ministero della Sanità, allineando altri 638 decessi, circa 120 meno di ieri. Il totale censito sale così a 18.738 morti, mentre i contagi diagnosticati superano ora i 138.000, con curva d’incremento appiattita attorno a 4.500 al giorno. I test eseguiti restano tuttavia ancora lontani dal target di 100.000 al giorno promesso dal governo per fine mese.

23.04.2020 ore 16:11
Riapre la Münsterplattform di Berna

La Münsterplattform di Berna riapre i battenti. Per gli altri parchi della capitale federale sarà invece ancora necessario attendere precisa l’Esecutivo comunale che per ora parla di una riapertura progressiva in funzione dello sviluppo degli eventi. La decisione, precisano le autorità, è stata presa per mettere a disposizione degli abitanti della città vecchia almeno un parco. La struttura, fa infine sapere la Città, verrà di nuovo equipaggiata delle sue ben note sedie.

23.04.2020 ore 15:59
Vaud, elezioni comunali dal 21 giugno

I legislativi comunali possono tornare a riunirsi nel canton Vaud, che potrà organizzare delle elezioni comunali a partire dal 21 giugno. Evidentemente rispettando scrupolosamente le raccomandazioni fissate dall’Ufficio federale della salute pubblica. Il Consiglio di stato vodese ha infatti ammorbidito il quadro legislativo fissato lo scorso 23 marzo, che poneva degli importanti limiti all’esercizio dei diritti politici.

23.04.2020 ore 15:49
Notre Dame, il cantiere riprende da lunedì

Il cantiere per la ricostruzione della cattedrale di Notre-Dame a Parigi, chiuso a marzo in piena crisi del Coronavirus, riprenderà gradualmente a partire da lunedì: lo ha annunciato la società pubblica incaricata del restauro dopo l’incendio dell’aprile 2019. Jean-Louis Georgelin, il generale incaricato di sovrintendere al restauro, ha spiegato che tutte le cautele e le misure di sicurezza per il distanziamento sociale sono state preparate nel cantiere: “tre tappe” sono previste da lunedì, ha spiegato, con un “aumento di impiego di effettivi graduale lungo tutto il mese di maggio”.

23.04.2020 ore 15:27
Francia, rientro a scuola su base volontaria

Il rientro a scuola in Francia dopo l’11 maggio, data dell’allentamento delle misure anti-coronavirus, sarà “progressivo” e concordato con le singole realtà locali. Ma soprattutto, sarà su base volontaria: non ci sarà un obbligo, ma saranno i genitori a decidere. È quanto ha annunciato il presidente francese, Emmanuel Macron, illustrando le nuove misure per gestire l’emergenza Covid-19 nel Paese. Il presidente ha anche dichiarato che probabilmente sarà imposto l’uso delle mascherine nei trasporti pubblici, e che nel complesso, le soluzioni per il decofinamento saranno adattate ai singoli territori in base alle municipalità.

23.04.2020 ore 15:27
Stati Uniti, più di 26 milioni di disoccupati in 5 settimane

Negli Stati Uniti sono state 26,4 milioni le richieste per i sussidi alla disoccupazione registrate nelle ultime 5 settimane. Il dato, che evidenzia quanto il mercato statunitense sia stato travolto dall’emergenza coronavirus, farebbe presupporre un tasso di disoccupazione del 15-20% per il mese di aprile. Una cifra che negli Stati Uniti non si verifica dalla Grande Depressione del 1929.

23.04.2020 ore 15:15
Coronavirus, test in Svizzera su trattamenti preventivi

L’impatto di alcuni trattamenti preventivi contro il Covid-19 sarà al centro di una specifica sperimentazione clinica. A intraprenderla, come annunciato in un comunicato diffuso oggi, saranno gli Ospedali universitari di Ginevra (HUG), l’Ospedale universitario di Basilea e l’Istituto svizzero di medicina tropicale e di salute pubblica.

Lo studio in questione verificherà l’efficacia della idrossiclorochina (principio attivo antimalarico, di una combinazione dei farmaci lopinavir e ritonavir (attualmente utilizzati contro il virus HIV) e di uno stretto monitoraggio delle persone entrate in contatto con pazienti infetti. A famigliari, amici e conoscenti che possono essere stati a contatto con una persona contagiata dal coronavirus verrà proposto di prendere parte alla sperimentazione.

I partecipanti saranno ripartiti in tre gruppi: a quelli del primo saranno somministrate dosi singole di idrossiclorochina; a quelli del secondo, la combinazione di lopinavir e ritonavir; il terzo gruppo non riceverà farmaci ma i suoi membri verranno sottoposti ad un attento monitoraggio clinico. Tutti saranno controllati quotidianamente per accertare eventuali sintomi della malattia. Tre settimane dopo l’avvio dei test, saranno nuovamente contattati per verificare lo sviluppo o meno di un’infezione e, in caso affermativo, la sua gravità.

23.04.2020 ore 14:38
Ticino e Covid-19, un video sui prossimi possibili scenari

Il medico cantonale Giorgio Merlani illustra nel video le due varianti ipotizzate sui successivi sviluppi dell’epidemia


"È tutto nelle nostre mani"

Un video con il medico cantonale ticinese Giorgio Merlani sui possibili scenari legati all’evoluzione della pandemia

23.04.2020 ore 14:22
Esplosa la richiesta di aiuto sociale

Il numero di richieste per l’aiuto sociale è quadruplicato su base annua nelle prime due settimane del lockdown in Svizzera. Lo ha determinato uno studio della Scuola universitaria professionale di scienze applicate di Zurigo (ZHAW). Ad essere colpite sono in particolare le persone con un salario orario, chi lavora a tempo parziale e gli indipendenti.

23.04.2020 ore 14:14
SECO: sarà la più grave recessione dal 1975

La Segreteria di Stato per l’economia (SECO) ha rivisto fortemente al ribasso le sue previsioni sul PIL. La crescita dell’economia svizzera dovrebbe diminuire del 6,7% al netto degli eventi sportivi, contro l’1,5% previsto in marzo. Si tratterebbe della più grave recessione dal 1975. Il tasso di disoccupazione medio annuo si attesterebbe al 3,9% invece che al 2,8% come pronosticato il mese scorso.

Per il 2021 il gruppo di esperti si aspetta un aumento del PIL del 5,2 % che non permetterà di recuperare quanto perso nel 2020. La disoccupazione potrebbe arrivare al 4,1 %.

23.04.2020 ore 13:00
Covid-19 e fortissima incidenza nelle case di cura in Europa

Quasi metà delle persone decedute per coronavirus in Europa erano residenti in case di cura. Lo ha dichiarato il direttore regionale dell’OMS per l’ Europa, Hans Kluge, nel corso di una conferenza stampa. “Il quadro su queste strutture è profondamente preoccupante”, ha sottolineato.

23.04.2020 ore 12:59
Grigioni, di nuovo possibile incontrare gli ospiti delle case anziani

Il Consiglio di Stato grigionese ha deciso di allentare alcune delle disposizioni introdotte a marzo per fronteggiare l’epidemia di coronavirus. Da lunedì 27 aprile, per esempio, sarà anche possibile andare nuovamente a trovare gli ospiti delle case per anziani.

Gli incontri potranno avvenire nel rispetto di precise condizioni fissate nel decreto governativo. La visita dovrà avere luogo fuori dalla residenza (per esempio in un “box per le visite”) con la presenza dell’ospite accompagnato da una persona della struttura e al massimo due visitatori. D’obbligo anche la distanza di tre metri e la mascherina.

23.04.2020 ore 12:32
Cosa cambia da lunedì in pillole

La Confederazione ha realizzato un video per spiegare quali attività potranno aprire e quali dovranno restare chiuse dal 27 aprile. Le indicazioni valgono per tutta la Svizzera tranne il Ticino dove fino a lunedì 4 maggio è in vigore l’ultima proroga della finestra di crisi che prevede regole particolari.

23.04.2020 ore 12:24
Ultimi dati da Berna, computati 41 decessi in più in Svizzera

Sale a 1’268, sulla scorta dei dati diffusi oggi dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), il numero delle persone finora decedute in Svizzera a causa del coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati infatti computati a livello nazionale altri 41 decessi provocati dalla malattia. Sul fronte dei contagi i casi salgono a 28’496, dopo un incremento di altre 228 infezioni accertate nelle ultime 24 ore.

23.04.2020 ore 12:23
Moesano, nessun nuovo contagio

La diffusione del coronavirus appare in diminuzione nel Moesano. RSI ha appreso che dopo che mercoledì si sono raggiunti i 101 contagi, nelle 24 ore successive non si è registrato nessun nuovo test positivo.

23.04.2020 ore 11:47
Spagna, oltrepassata la soglia dei 22'000 morti

Dopo altri 440 decessi nelle ultime 24 ore, in Spagna è stata superata la soglia dei 22’000 morti a causa del coronavirus. È salito infatti a 22’157 il bilancio delle vittime in territorio iberico dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Dopo gli Stati Uniti e l’Italia, la Spagna è attualmente il terzo paese al mondo più funestato dai lutti causati dalla pandemia.

23.04.2020 ore 10:53
Richieste misure di emergenza per i media

Otto organizzazioni nazionali di giornalisti e media chiedono alle Camere federali misure urgenti per contrastare il calo di introiti del settore dell’informazione e per evitare il fallimento di molti media. Diverse testate, infatti, hanno subito un netto calo delle entrate pubblicitarie durante l’emergenza coronavirus. Le organizzazioni chiedono che durante la crisi i giornali siano consegnati gratuitamente dalla Posta e che la Confederazione finanzi gli abbonamenti dei media all’agenzia Keystone-ATS, oltre all’istituzione di un fondo da 100 milioni di franchi per il sostegno al settore e all’utilizzo della riserva del canone radiotelevisivo soprattutto a beneficio delle emittenti private.

23.04.2020 ore 10:26
Altri 3 morti in Ticino a causa del coronavirus

Tre decessi in più, causati dal coronavirus, nelle ultime 24 ore. È il dato in evidenza nelle ultime cifre sugli sviluppi dell’epidemia in Ticino. Sono quindi finora 298 le persone che nel cantone non sono sopravvissute alla patologia. Sul piano dei contagi accertati, si è passati rispetto a ieri da 3’089 a 3’106 casi. In aumento tuttavia è anche il numero delle persone dimesse dalle cure ospedaliere: 15 in più, per un totale di 676 dall’inizio della crisi.

23.04.2020 ore 10:17
Ancora un decesso nei Grigioni

Nei Grigioni è stato registrato nelle ultime 24 ore un nuovo decesso a causa del coronavirus. Sale così a 43 il numero delle persone che nel cantone hanno perso la vita, colpite dalla malattia. Rispetto a ieri sono stati rilevati altri sei contagi. Il numero complessivo dei casi accertati d’infezione passa quindi a 788. Una persona ha infine potuto essere dimessa. Scende quindi a 26 il numero dei pazienti attualmente ospedalizzati dopo aver contratto la patologia.


23.04.2020 ore 10:14
La Cina dona 30 milioni di dollari all'OMS

La Cina ha annunciato la donazione di altri 30 milioni di dollari all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) negli sforzi di sostegno alla cooperazione internazionale nella lotta al Covid-19. La mossa, annunciata giovedì dal portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang, segue la prima donazione fatta sempre da Pechino in precedenza del valore di 20 milioni di dollari e il blocco dei fondi USA all’agenzia delle Nazioni Unite deciso dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump

23.04.2020 ore 09:59
Turchia: coprifuoco fino a domenica

E’ iniziato la scorsa mezzanotte un nuovo coprifuoco totale in Turchia che proseguirà fino a domenica 26 per cercare di ridurre la diffusione del Covid-19. Il divieto generalizzato di uscire di casa riguarda 31 province, con l’eccezione dei lavoratori ritenuti essenziali, tra cui gli operatori sanitari. Sono comunque garantiti i servizi pubblici di base. Il lockdown in precedenza era stato imposto solo negli ultimi due fine settimana per non danneggiare eccessivamente le attività produttive.

23.04.2020 ore 09:20
Corea Sud, 8 nuovi casi e 2 decessi

La Corea del Sud ha comunicato giovedì di aver registrato otto nuovi casi di contagio da coronavirus, di cui quattro importati, portando il totale a 10’702. Nei suoi aggiornamenti per la giornata di mercoledì, il Korea Centers for Disease Control and Prevention (KCDC) ha poi reso noto due decessi aggiuntivi, il che porta a 240 morti complessivi registrati dallo scoppio della pandemia. In totale, sono 8’411 i pazienti guariti, in rialzo di 134 unità rispetto a martedì. Il Governo di Seul è riuscito a portare sotto controllo la situazione con la politica del “tracciare, testare e trattare” attuata su vasta scala, in aggiunta al ferreo distanziamento sociale. I test finora effettuati sulla positività sono stati 583’971.

23.04.2020 ore 08:54
Grigioni, sedute dei Legislativi non più obbligatorie

Se i comuni, i patriziati, le regioni e i consorzi grigionesi , prima della revoca delle restrizioni per la pandemia, dovessero aver bisogno di decidere su affari improrogabili potranno farlo senza convocare le loro assemblee in seduta fisica. Lo ha stabilito il Governo che con un’ordinanza di necessità ha autorizzato votazioniper urna. Inoltre i Consigli comunali che non possono svolgere le sedute nel rispetto delle prescrizioni in materia di igiene e di distanza devono tenere le loro sedute a porte chiuse.

23.04.2020 ore 08:52
Un vaccino svizzero allo studio

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Berna è al lavoro per mettere a punto un vaccino contro il coronavirus, con l’obiettivo di poter produrre milioni di dosi entro l’autunno in modo da somministrarlo all’intera popolazione svizzera. Il progetto si basa su un approccio innovativo: sfruttare la capacità di moltiplicazione dei batteri per produrre grandi quantità di dosi in breve tempo, come ha spiegato questa mattina la ricercatrice Monique Vogel a La Matinale di RTS. “La possibilità di successo è realistica”, secondo Martin Bachmann, professore di immunologia all’Università di Berna, citato da swissinfo.


23.04.2020 ore 08:46
Credit Suisse, utile trimestrale in forte crescita nonostante il coronavirus

Il secondo gruppo bancario svizzero ha visto il risultato netto del periodo gennaio-marzo aumentare del 75% su base annua a 1,3 miliardi di franchi, nonostante gli effetti del coronavirus.

Il Covid-19 non frena Credit Suisse

Utile netto in progressione per la seconda banca svizzera, che registra il miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni nonostante la pandemia

23.04.2020 ore 08:44
In arrivo un piano d'uscita dalla crisi per lo sport svizzero

Di date fissate non ce ne sono, ma la luce verde per lo sport potrebbe arrivare presto. A inizio maggio dovrebbero poter riprendere gli sport senza contatto fisico e nei quali è possibile rispettare le misure precauzionali. Anche il calcio elvetico pensa alla ripresa dei campionati. La Swiss Football League ha già formulato una richiesta in tal senso.

Sport, strategia d'uscita "rapida"

Da inizio maggio si potrebbero riprendere le attività senza contatto - Per il calcio in arrivo un piano d'uscita dalla crisi, conferma Viola Amherd

23.04.2020 ore 08:31
Mascherine: due linee di produzione in attività da metà maggio

Sono arrivati dalla Cina i macchinari finanziati congiuntamente da Confederazione e Canton Zurigo. Saranno installate presso la Flawa di Flawil (SG) e potranno sfornare 80-100’000 mascherine al giorno.

La Svizzera provvede alle mascherine

Importati due macchinari per la loro produzione: fra le 80'000 e le 100'000 al giorno

23.04.2020 ore 08:20
Cina, 10 casi e nessun decesso

La Cina, nelle ultime 24 ore, ha registrato 10 nuovi casi di coronavirus, di cui 6 importati e 4 individuati nelle province di Heilongjiang (3) e Guangdong (1). La Commissione sanitaria nazionale, che non ha rilevato ulteriori decessi, ha aggiornato il numero di contagi di ritorno a 1’616, di cui 823 risoltisi con la guarigione e 793 sotto cure mediche, comprensivi di 37 in gravi condizioni. I casi a livello nazionale sono saliti a 82’798, mentre sono 4’632 i decessi.

23.04.2020 ore 07:54
Perdita di 38,2 miliardi per la BNS

La Banca nazionale svizzera (BNS) ha subito una perdita di 38,2 miliardi di franchi nel primo trimestre, a causa delle turbolenze sui mercati finanziari dovute al coronavirus. La perdita supera le previsioni fatte dall’Istituto all’inizio della settimana, quando aveva previsto una perdita di 30 miliardi.


BNS sotto i colpi della pandemia

Forte perdita della Banca nazionale nel primo trimestre dell'anno a seguito delle turbolenze sui mercati scatenate dal coronavirus

23.04.2020 ore 07:53
Esequie e onoranze funebri nell'emergenza coronavirus: l'approfondimento di RSI News

Il funerale entra nelle case

Emiliano Delmenico e Dante Pesciallo raccontano come cambia l'ultimo saluto ai tempi del coronavirus

23.04.2020 ore 07:30
Spagna, stretta fino al 9 maggio tra le polemiche

In Spagna il passaggio alla fase due non è ancora all’ordine del giorno. Iniziano però le prime misure di alleggerimento, soprattutto per quanto riguarda le uscite dei minori. Il Governo, intanto, ha incassato, tra le polemiche, la terza proroga dello stato di allerta, che prevede l’estensione fino al 9 maggio delle misure di emergenza in vigore dalla metà di marzo. L’opposizione, però, ha criticato duramente l’Esecutivo guidato dal socialdemocratico Pedro Sanchez, accusandolo, tra l’altro, di “incompetenza”.

La corrispondenza di Mariangela Paone nel Radiogiornale delle 7.00

RG 07.00 del 23.04.20 - La corrispondenza di Mariangela Paone
23.04.2020 ore 07:20
La gravità della situazione in America Latina

Il numero dei contagi da coronavirus in America latina ha subito una nuova crescita passando in circa 48 ore da 101’636 a 121’087 casi. Anche i morti aumentano di oltre 1’000 unità nello stesso periodo, a quota 6’116.

E’ il Brasile che registra il maggior numero sia di contagiati, quasi i due terzi del totale (45’757), sia di vittime, che sono un po’ meno di metà di quelli registrati (2’906).

Seguono con più di 1’000 contagi Perù (19’250 e 530), Cile (11’296/160), Ecuador (10’850/537), Messico (10’544/970), Repubblica dominicana (5’300/260), Panama (4’992/144), Colombia (4’356/206), Argentina (3’288/159) e Cuba (1’189/40).

23.04.2020 ore 07:19
USA e ripristino delle attività economiche: confronto aperto fra Trump e la Georgia

Trump contro la Georgia

Scontro tra la Casa Bianca e il governatore della Georgia che vuole riaprire molte attività già nelle prossime ore. Fauci: "Il virus tornerà in autunno"