Lucerna
Dopo le manifestazioni di Berna e Bellinzona, anche a Lucerna si è accesa la contestazione (Keystone)

In 1'500 a Lucerna contro le restrizioni

Nuova manifestazione dei contrari all'estensione dell'uso del certificato Covid in Svizzera - 58 casi nei Grigioni - Confermata efficacia del vaccino: chi non si vaccina rischia 11 volte di più di perdere la vita se contagiato
sabato 11 settembre 2021 09:33

L'estensione dell'uso del certificato Covid a partire da lunedì 13 settembre continua a scaldare gli animi in Svizzera. Oltre un migliaio di persone sono scese in piazza anche sabato a Lucerna, per protestare contro le ultime decisioni del Consiglio federale. Negli scorsi giorni, proteste analoghe si erano tenute anche a Berna e Bellinzona.

Dagli Stati Uniti intanto giungono ulteriori conferme sull'efficacia della vaccinazione nel prevenire le forme più gravi della malattia. Chi non si è vaccinato ha 11 volte più probabilità di perdere la vita se infettato con il Covid-19 rispetto a chi si è inoculato. È quanto emerge da uno studio dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) statunitensi. "Le vaccinazioni funzionano, come stiamo dimostrando ricerca dopo ricerca", ha affermato Rochelle Walensky, la direttrice dei CDC, sottolineando che il 90% dei ricoverati per Covid è non vaccinato.

Sul fronte dei dati, come sempre nel weekend non sono disponibili aggiornamenti nazionali e ticinesi, ma solo grigionesi. Le autorità di Coira sabato mattina hanno annunciato 58 nuovi casi di contagio da Covid-19. Negli ospedali le persone attualmente ricoverate sono 20 e ce n'è una in più (sei in totale) nei reparti di cure intense.

La cronaca di venerdì

Omar Cartulano, Stefano Pongan, Alex Ricordi

11.09.2021 ore 20:39
Francia, in 121'000 contro il Green Pass

Circa 121’000 persone hanno partecipato oggi in Francia alle manifestazioni indette contro il Green Pass. Il ministero dell’interno ha complessivamente recensito 207 dimostrazioni o cortei nell’insieme del Paese. Almeno 19’000 persone hanno preso parte alle proteste organizzate a Parigi. Nella capitale uno dei cortei si è diretto nella zona degli Champs-Elysées, vietata ai dimostranti, ed è stato respinto dalla polizia che ha fatto anche uso di gas lacrimogeni.

11.09.2021 ore 19:05
Art Basel e paradossi legati ai Covid Pass

Tra un paio di settimane si svolgerà a Basilea Art basel, la più grande fiera d’arte al mondo. Per accedervi occorrerà presentare un valido certificato Covid svizzero o europeo. Tra gli espositori figurano anche importanti galleristi britannici, il cui pass non è però riconosciuto. Una situazione che ha messo in evidenza alcuni paradossi.

RG 18.30 dell'11.09.21 - Il servizio di Maria Jannuzzi
11.09.2021 ore 18:59
Kosovo, proposto rinvio delle elezioni

In Kosovo l’istituto nazionale di salute pubblica ha consigliato di rinviare le elezioni amministrative, previste per il prossimo 17 ottobre, a causa dell’aggravarsi della situazione epidemiologica. La campagna elettorale, con relativi comizi, incontri e meeting, rappresenta un serio rischio per un ulteriore aumento dei contagi e decessi legati alla pandemia, sottolinea l’istituto. . Da alcune settimane in Kosovo si registra un’impennata dei contagi e dei decessi causati dal Covid-19.

11.09.2021 ore 18:51
Berset nel mirino di un video

Sta suscitando preoccupazione un video minaccioso diretto contro il consigliere federale. Una conferma della tensione e delle minacce alle quali, nelle circostanze della pandemia, sono esposte le personalità di governo che guidano le politiche sanitarie.

RG 18.30 dell'11.09.21 - La corrispondenza di Lucia Mottini


11.09.2021 ore 18:33
Francia, 46 decessi in 24 ore a causa del Covid-19

Sono 46 i decessi imputabili al coronavirus, registrati in Francia fra ieri e oggi. Lo hanno reso noto poco fa le autorità sanitarie, precisando che 2’131 pazienti si trovano attualmente in rianimazione a causa della patologia.

11.09.2021 ore 17:36
In Italia oltre 5mila casi e 57 vittime

Sono 5’193 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore in Italia. Secondo i dati del ministero della Salute, sono invece 57 le vittime in un giorno, mentre la vigilia erano state 62.. I pazienti attualmente ricoverati in terapia intensiva sono 547.

11.09.2021 ore 17:32
La Gran Bretagna prepara il "piano invernale"

Il primo ministro britannico Boris Johnson annuncerà a breve il suo “Piano Covid per l’inverno” proponendo una serie di misure da adottare nel caso in cui il sistema sanitario si trovasse nuovamente sopraffatto dalla pandemia. Non è escluso il ritorno alle mascherine e allo smart working. Lo ha anticipato la BBC, sottolineando che l’intervento del premier è atteso per martedì e che, per iniziare, si prevedono indicazioni sulle somministrazioni della terza dose di vaccino.

Al momento inoltre - stando a fonti vicine al governo citate dal media britannico - non vengono presi in considerazione altri periodi di lockdown e sicuramente non vi sono piani di chiusure a ottobre. In sostanza saranno indicazioni su come “convivere con il virus durante l’inverno” e molto dipenderà dalla tenuta del sistema sanitario. Quindi, per esempio, stando ad indiscrezioni del Times, le mascherine obbligatorie e il lavoro da casa potrebbero tornare in caso di forti aumenti dei contagi.

11.09.2021 ore 15:15
Nono sabato di proteste in Francia

Proteste per il nono sabato consecutivo in Francia contro il green pass, con quattro manifestazioni dichiarate a Parigi e diverse in molte città di provincia. Nella capitale, uno dei cortei si è diretto nella zona degli Champs-Elysées, vietata ai dimostranti, ed è stato respinto dalla polizia che ha fatto uso di gas lacrimogeni.

Nelle altre città, i manifestanti stanno già sfilando da Aix-en-Provence a Pau, da Valence a Périgueux. Nelle ultime settimane la partecipazione alle proteste del sabato contro il pass sanitario ha fatto registrare una partecipazione sempre minore. Il record è stato tuttavia toccato la scorsa settimana, con 142’000 partecipanti in tutto il Paese.


11.09.2021 ore 15:02
Alleanza del Centro a favore della legge Covid

Riunita oggi in assemblea a Zugo, la prima da lungo tempo con ampia presenza, l’Alleanza del Centro ha deciso di sostenere a larga maggioranza la legge Covid.

Un delegato ha chiesto che su questo oggetto il partito evitasse di esprimersi in modo netto, visto che sulla questione della vaccinazione ciascuno dovrebbe poter decidere individualmente, ma la sua idea è stata chiaramente bocciata. È passata la posizione che il certificato Covid, al centro delle discussioni, sia uno strumento per far fronte allo sviluppo della pandemia, come detto da Lukas Engelberger, consigliere di stato di Basilea Città e presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS).

Il Centro dice sì al matrimonio per tutti

L'Alleanza si è riunita in assemblea a Zugo - Il presidente Gerhard Pfister attacca chi divide il Paese

11.09.2021 ore 14:44
1500 manifestanti a Lucerna

Circa 1’500 oppositori alle misure contro la pandemia e contrari all’estensione dell’obbligo di certificato hanno manifestato sabato pomeriggio a Lucerna. Il portavoce della polizia Christian Bertschi, interpellato dall’agenzia Keystone-ATS, in un primo tempo aveva quantificato i presenti in alcune centinaia, ma nel pomeriggio la stima delle autorità è stata corretta.

La dimostrazione, non autorizzata, è iniziata attorno alle 13 in diversi luoghi del centro città e si è poi trasformata in corteo, causando temporanei disagi al traffico motorizzato. Non sono stati segnalati disordini . Tuttavia, a causa di ripetuti attacchi fisici contro un reporter, il portale online “20 Minuten” ha interrotto la sua copertura in diretta. “Stampa bugiarda” è stato gridato all’indirizzo dei giornalisti.

11.09.2021 ore 13:58
Vaccino per gli adolescenti anche in Sudafrica

Anche le autorità sanitarie sudafricane hanno approvato il vaccino Covid-19 di Pfizer per l’uso nei bambini dai 12 anni in su, aprendo così la strada alla vaccinazione degli adolescenti. Dopo un inizio difficile, la campagna di vaccinazione del Sudafrica si è intensificata negli ultimi mesi grazie a una grande scorta di vaccini. Attualmente poco più del 12% dei circa 60 milioni di abitanti sono stati vaccinati.

11.09.2021 ore 12:27
Ex ministra francese incriminata nell'inchiesta sulla pandemia

L’ex ministro della salute francese Agnes Buzyn è stata incriminata venerdì per “aver messo in pericolo la vita degli altri”. Si tratta della prima persona incriminata dalla Corte di Giustizia della Repubblica (CJR) nell’inchiesta sulla gestione della pandemia di coronavirus.

Le udienze sono durate più di nove ore e Buzyn se n’è andata senza dire una parola alla stampa. All’arrivo in mattinata aveva invece dichiarato che la giornata sarebbe stata “un’eccellente opportunità per me di spiegarmi e ristabilire la verità dei fatti. Non permetterò che l’azione del governo e la mia azione come ministro siano offuscate quando abbiamo fatto così tanto per preparare il nostro Paese a una crisi sanitaria globale che, vi ricordo, è ancora in corso”.

Il CJR ha aperto nel luglio 2020 un vasto dossier dedicato al modo - ancora oggi criticato - con cui le autorità francesi hanno anticipato e poi gestito la pandemia che in Francia ha causato almeno 115’000 morti.

11.09.2021 ore 11:24
Ondata di contagi tra i bambini vallesani

In Vallese l’inizio del nuovo anno scolastico è stato accompagnato da un’ondata di infezioni da Covid-19 tra i bambini. Nella fascia sotto i dieci anni, il numero di casi è aumentato di quasi dieci volte in cinque settimane ed è la prima volta che questo accade dall’inizio della pandemia. Secondo quanto riportato dalla RTS, la scorsa settimana nei giovanissimi fino ai 14 anni sono stati registrati 177 nuovi casi. Un numero di contagi superiore a quello di qualsiasi altra fascia di età.

Uno sviluppo preoccupante, anche se è improbabile che i bambini sviluppino gravi complicazioni: “Stiamo monitorando la situazione da vicino. Nella maggior parte dei casi, non ci sono nemmeno sintomi, quindi è piuttosto positivo e rassicurante”, ha detto alla tv romanda il consigliere di Stato vallesano Mathias Reynard. Il locale ministro della salute ha fatto inoltre notare che “dal momento in cui c’è un buon tasso di vaccinazione tra gli adulti, anche i bambini sono meno colpiti”.

11.09.2021 ore 10:30
USA: a breve possibile via libera a Pfizer per minori di 11 anni

Negli Stati Uniti il vaccino contro il Covid-19 di Pfizer potrebbe presto essere autorizzato per i bambini tra i 5 e gli 11 anni. Secondo degli alti funzionari dell’amministrazione statunitense, entro la fine di settembre Pfizer avrà abbastanza dati dagli studi clinici per richiedere una licenza d’urgenza alla Food and Drug Administration (FDA).

11.09.2021 ore 09:43
Grigioni: 58 nuovi casi e un paziente in più in cure intense

I nuovi casi di infezione al Covid-19 segnalati sabato mattina dalle autorità sanitarie retiche sono 58. Non sono invece stati registrati nuovi decessi, mentre tre sono state le nuove persone ospedalizzate, portando il totale a 20. Il numero di pazienti in cure intense è salito di un’unità, con tutti e 6 i pazienti attualmente sottoposti alla respirazione artificiale.

11.09.2021 ore 09:34
Bangkok riaprirà ai turisti da ottobre

La Thailandia prevede di riaprire Bangkok ai visitatori vaccinati contro il coronavirus in ottobre. Il regno sta cercando di salvare la sua industria del turismo, che rappresenta un quinto del reddito nazionale.

Secondo l’Autorità del Turismo della Thailandia (TAT) i viaggiatori stranieri completamente vaccinati potranno visitare Bangkok e altre quattro province senza dover subire una quarantena di due settimane in albergo. Le cinque regioni dovrebbero seguire un modello sperimentale già in atto da luglio sull’isola di Phuket. I turisti interessati devono rimanere in una certa zona per sette giorni dopo il loro arrivo e sottoporsi a test di screening.