C'è chi la rende obbligatoria anche in spiaggia
C'è chi la rende obbligatoria anche in spiaggia keystone
Momenti chiave
15.07.2020 ore 23:48
15.07.2020 ore 21:34
15.07.2020 ore 21:31
15.07.2020 ore 18:04
15.07.2020 ore 17:46
15.07.2020 ore 16:59
15.07.2020 ore 13:11
15.07.2020 ore 11:22
15.07.2020 ore 10:03
15.07.2020 ore 09:54
15.07.2020 ore 07:45
15.07.2020 ore 07:19
15.07.2020 ore 07:08
15.07.2020 ore 07:06

Mascherina, chi sì e chi no

La Francia la rende obbligatoria al chiuso, in Lombardia da oggi non lo è più all'aperto se si tiene la distanza. In Svizzera 132 nuovi casi in 24 ore, in Ticino 5, uno nei Grigioni
mercoledì 15 luglio 2020 06:58

Mentre la prima ondata continua a mietere vittime negli Stati Uniti e in America Latina, l'Europa dove i numeri dei contagi sono molto più contenuti adotta misure per evitarne una seconda. La mascherina, che in Svizzera è da portare sui mezzi pubblici, dal 1° agosto sarà obbligatoria in Francia al chiuso e fortemente raccomandata anche all'aperto, ha dichiarato martedì sera il presidente Emmanuel Macron.

Nel Regno Unito servirà nei negozi dal 24 luglio. In Spagna dopo la Baleari anche l'Andalusia prende il medesimo provvedimento, ma in modo ancora più drastico: sarà da indossare ovunque negli spazi pubblici, anche in piscina e in spiaggia. In Italia, invece, la nuova ordinanza regionale lombarda in vigore da oggi, mercoledì, come già anticipato fa decadere l'obbligo all'aperto, laddove le distanze sociali possono essere mantenute.

Le donne incinte devono essere considerate un gruppo a rischio coronavirus. La Società Svizzera di Ginecologia e Ostetricia sta modificando le sue raccomandazioni in questo senso, ha spiegato il professor David Baud, del Centro ospedaliero universitario vodese (CHUV).

Cinque nuovi casi di contagio sono stati confermati nelle ultime 24 ore in Ticino. Nei Grigioni invece uno solo.

La cronaca di martedì

I dati sempre aggiornati

di Joe Pieracci, Stefano Pongan, Alex Ricordi, Enrico Campioni, Marija Milanovic e Sandro Pauli

15.07.2020 ore 23:48
Brasile, superati i 75'000 morti

Il Brasile questo mercoledì ha registrato ulteriori 1’233 decessi e 39’924 contagi nelle ultime 24 ore: lo ha comunicato in serata il Consiglio nazionale dei segretari sanitari (Conass). Il numero complessivo dei casi confermati di Covid-19 nel Paese è dunque salito a 1’966’748, mentre il totale delle vittime dall’inizio della pandemia ha raggiunto quota 75’366.


Secondo il ministero della Sanità, il gigante sudamericano, che conta 112 milioni di abitanti, ha attualmente 635’818 pazienti monitorati e 1’255’564 guariti dalla malattia.

15.07.2020 ore 21:34
Oltre 300'000 casi in Sudafrica

I casi di Covid-19 del Sudafrica hanno superato quota 300’000. La nazione più industrializzata dell’Africa ha registrato un aumento di 12’757 contagi nelle ultime 24 ore, per un totale che ora è di 311’049. Lo ha dichiarato il ministero della salute con un comunicato.

15.07.2020 ore 21:31
Jair Bolsonaro ancora positivo

Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro è risultato nuovamente positivo al coronavirus. Lo ha riferito mercoledì la CNN Brasil. Da quando si è ammalato di Covid-19, circa una settimana fa, Bolsonaro ha detto di sentirsi in buona salute. All’inizio di questa settimana ha detto che avrebbe ripreso il suo normale programma di lavoro se fosse risultato negativo al tampone.

15.07.2020 ore 21:19
Bosnia, positivi i premier delle due entità

In Bosnia-Erzegovina sono risultati positivi al Covid-19 i capi di Governo delle due entità che compongono il paese - la Republika Srpska (Rs) e la Federazione croato-musulmana (Bh). Come riferiscono i media a Belgrado, il premier della Rs Radovan Viskovic si è sottoposto al test nel capoluogo Banja Luka e dopo la positività ha annullato tutti gli impegni in agenda. Più pesante la situazione per Fadil Novalic, che è stato ricoverato in un ospedale di Sarajevo per una polmonite.

15.07.2020 ore 19:31
Si aggrava la situazione in Albania

In Albania aumentano i nuovi casi di Coronavirus e anche le vittime. Dall’inizio di giugno, quando le autorità decisero di allentare le misure restrittive, sono stati circa 2500 i casi confermati di positivi al Covid 19, il doppio di quelli dei primi tre mesi dall’inizio della pandemia lo scorso marzo. Lo stesso anche per quanto riguarda le vittime, salite, con le 4 di oggi a 101, di cui 66 nelle ultime cinque settimane. Cresciuti anche i ricoveri, che ad oggi sono a quota 88 pazienti. Per far fronte alla situazione è stato riaperto un secondo ospedale Covid con circa 100 posti letto.

15.07.2020 ore 18:04
Italia, 162 contagi

Sono 162 i nuovi contagiati da Covid-19 nelle ultime 24 ore in Italia, ieri erano 114. Le vittime sono invece 13 (4 in più rispetto al penultimo bilancio). I casi totali di infezione salgono a 243’506, i morti a 34’997. I dati sono stati pubblicati sul sito della Protezione civile. I guariti sono 198’016, in aumento di 575 rispetto a ieri. Gli attuali positivi sono 12’493, in calo di 426 nelle ultime 24 ore. Nella sola Lombardia si registrano 63 nuovi contagi e cinque decessi.

15.07.2020 ore 17:46
Molti medici sottoccupati

La pandemia non ha avuto le stesse ripercussioni su tutti i medici. Se da un lato alcuni sono stati sommersi dal lavoro, dall’altro parecchi hanno dovuto forzatamente ridurre le proprie attività, con conseguenze non indifferenti sulle entrate. È quanto emerge da un sondaggio realizzato dalla Federazione dei medici svizzeri (FMH) coinvolgendo i propri membri. A marzo, appena il 13% ha indicato di aver avuto “molto più lavoro”, una percentuale inferiore a quella di chi ne ha avuto “un po’ meno” (22%) o “molto meno” (32%).


Lo scarto si è addirittura allargato il mese seguente. In aprile infatti, solo il 7% ha riferito di un carico di lavoro maggiore. Quasi la metà - il 46% - ha parlato di molto meno lavoro e il 24% di un po’ meno. In maggio la situazione si è normalizzata: sia la menzione molto più lavoro che quella molto meno hanno raggiunto il 9%.


Questo calo ha inevitabilmente influito sui guadagni. Oltre due terzi degli interpellati si aspetta delle perdite e il 43% che tali perdite siano “importanti”. Per il 4% del campione, il deficit accusato potrebbe perfino costituire “una minaccia esistenziale”. Il 36% dei medici ha rivelato di aver richiesto le indennità del lavoro ridotto, mentre l’1,6% ha effettuato licenziamenti.

15.07.2020 ore 17:17
Pericoloso parlare di vaccino entro fine anno

Affermare che si avrà un vaccino per il Covid-19 entro fine anno “è un grave disservizio per il pubblico”, che addirittura “potrebbe danneggiare la lotta alla pandemia”. Lo ha affermato, in un’intervista alla Harvard Business Review, Kenneth Frazier, Ceo della società farmaceutica Merck. Sentendo parlare di un vaccino a breve termine, afferma Frazier, il pubblico potrebbe ignorare le misure di distanziamento. “Quello che mi preoccupa - ha aggiunto - è che le persone sono così desiderose di tornare alla normalità che ci stanno spingendo ad andare sempre più velocemente. Ma alla fine se si userà un vaccino su miliardi di persone è meglio sapere bene che cosa fa”.

15.07.2020 ore 17:09
Riprendono le attività al mattatoio di Tönnies

L’azienda tedesca di lavorazione della carne Tönnies può riprendere l’attività nella sua sede principale. Il mattatoio era stato chiuso a causa del pericoloso focolaio di coronavirus - il più grande finora mai registrato in Germania - esploso nel distretto di Gütersloh, nel Nordreno-Vestfalia.

15.07.2020 ore 16:59
Sei casi importati in Cina

Ieri nella Cina continentale sono stati registrati sei nuovi casi confermati di Covid-19, tutti importati. Lo comunica oggi la Commissione sanitaria nazionale cinese nel suo rapporto quotidiano, secondo cui non sono emersi nuovi casi sospetti o decessi correlati alla malattia. Dei sei casi importati, tre sono stati segnalati a Shanghai, mentre gli altri tre nello Shanxi, nel Chongqing e nello Yunnan. Sempre ieri 19 persone sono state dimesse dall’ospedale dopo essersi riprese.

15.07.2020 ore 16:51
Banksy, graffito cancellato per errore

Banksy si è visto cancellare per errore un graffito sul tema coronavirus eseguito a bordo d’un vagone della metropolitana di Londra. Secondo la società di gestione dei trasporti urbani della capitale britannica (Transport for London, TfL), il disegno è stato “ripulito inconsapevolmente” dagli addetti alle pulizie alcuni giorni fa. L’opera, un incoraggiamento a usare le mascherine facciali per proteggersi dal contagio da Covid-19 e intitolato “If You Don’t Mask, You Don’t Get”, era comparso all’interno di una carrozza della Circle Line. La TfL ha offerto comunque ora a all’artista uno spazio all’interno della metropolitana londinese per riprodurre l’opera laddove egli voglia farlo.

Visualizza questo post su Instagram

. . If you don’t mask - you don’t get.

Un post condiviso da Banksy (@banksy) in data:

15.07.2020 ore 16:38
Bolsonaro rinvia il secondo tampone

Il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, ha rinviato un secondo test sul coronavirus che avrebbe dovuto fare già ieri dopo essere risultato positivo a un altro tampone effettuato lo scorso 6 luglio.


L’ufficio stampa del Palacio do Planalto, sede della Presidenza della Repubblica, ha riferito oggi che il capo dello Stato “si sta sentendo bene” e che il secondo test il Covid-19 è stato rinviato a data ancora da definirsi.

15.07.2020 ore 16:28
Disoccupazione priorità assoluta in Francia

La lotta alla disoccupazione è la “priorità assoluta dei prossimi 18 mesi”. Lo ha detto il neo-premier francese, Jean Castex, intervenendo in parlamento a Parigi. Il successore di Edouard Philippe ha poi annunciato un piano da 40 miliardi per il rilancio dell’industria. “Dobbiamo trasformare il nostro apparato produttivo - ha avvertito -. La nostra industria si è troppo indebolita, siamo troppo dipendenti dai nostri partner esterni. Stanzieremo 40 miliardi di euro affinché ciò cambi”.

15.07.2020 ore 15:28
La pubblicità rialza un po' la testa

Il mercato pubblicitario elvetico ha dato segni di “risveglio” in Svizzera nel mese di giugno, specie nel settore del commercio al dettaglio. Il giro d’affari lordo si è attestato a 403,1 milioni di franchi, in flessione dell’11,5% su un anno. Si tratta di un risultato incoraggiante, dopo i tonfi del 40,2% in aprile e del 33,8% in maggio, si legge in una nota odierna Media Focus Schweiz. Dall’inizio dell’anno, tuttavia, la contrazione rimane in ogni caso importante: -22% a 2,34 miliardi di franchi.

15.07.2020 ore 14:45
Quasi 30'000 nuovi contagi in India

In India, rispetto a ieri, è stato rilevato un nuovo record di aumento giornaliero dei casi di coronavirus: 29’429 nuovi contagi. Il numero complessivo delle infezioni accertate nei territori dell’Unione sale così a 936’181; un dato che comprende 592’031 pazienti guariti e 319’840 pazienti attivi. Sempre nelle ultime 24 ore ci sono stati 482 decessi provocati dalla patologia.

15.07.2020 ore 14:36
Catalogna, più test e più contagi accertati

La Catalogna ha registrato 938 contagi da coronavirus nelle ultime 24 ore.. Il maggior numero di casi, pari a 250, si rileva nella regione sanitaria di Barcellona. Secondo le autorità le infezioni accertate sono in aumento a causa di un incremento del numero dei test, specie sugli asintomatici.

15.07.2020 ore 13:11
In Svizzera altri 132 contagi

Sono 132 i nuovi contagi da coronavirus computati in Svizzera rispetto a ieri. È quanto ha comunicato poco fa l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Il numero complessivo delle infezioni accertate dall’inizio della crisi sale cosÌ a 33’148. Invariato nelle ultime 24 ore il numero dei decessi (1’688) determinati dalla patologia. I nuovi ricoveri sono stati invece 9, il che porta le ospedalizzazioni a 4’104.

15.07.2020 ore 12:29
Israele, si profila un nuovo lockdown

Non si arresta la crescita dei nuovi contagi da coronavirus in Israele: da lunedì scorso i casi sono stati 1’718 - un nuovo dato da primato per il periodo - che portano il numero complessivo, da inizio pandemia, a 42’813. Con 4 nuovi decessi il bilancio delle vittime della malattia arriva ora a 375 morti. Gli ammalati sono attualmente 22’704 e sono così tornati a superare il numero dei guariti. I pazienti in gravi condizioni sono 183 e 57 di loro sono sottoposti a ventilazione. Vista la preoccupante situazione il ministro della sanità Yuli Edelstein, in un’intervista al quotidiano Yediot Ahronot, non ha escluso che “nella riunione di governo di domenica prossima” si possa decidere un ritorno al lockdown.

15.07.2020 ore 11:59
Sudafrica: pandemia, divieto del consumo di tabacco e vendite illegali

L’approfondimento di Lorenzo Simoncelli


Jason, trafficante per Covid-19

Aveva un lavoro, poi, causa pandemia, l'ha perso. Adesso vende sigarette sotto banco visto che il Sudafrica ha vietato il consumo di tabacco

15.07.2020 ore 11:22
Vaccino USA: Lonza "vola" in borsa

Lonza sta decisamente attirando l’interesse degli investitori oggi alla Borsa svizzera. L’annuncio da parte della società biotecnologica Moderna dell’inizio dei test clinici finali per il suo vaccino anti Covid-19 ha infatti messo le ali alle azioni dell’impresa elvetica (+3,09%), la quale produce il principio attivo del preparato per conto dell’azienda biotecnologica con sede nel Massachusetts. L’inizio della fase finale è previsto per il 27 di luglio. Moderna è la prima impresa al mondo a raggiungere questa tappa. A essa prenderanno parte 30’000 persone, metà delle quali riceverà una dose di 100 microgrammi mentre l’altra assumerà una sostanza placebo. Lo studio dovrebbe proseguire sino al 27 ottobre.

15.07.2020 ore 10:54
Donne in gravidanza: gruppo a rischio

Le donne in gravidanza devono essere considerate come un gruppo a rischio, nel quadro della lotta alla pandemia. Ad affermarlo è il professor David Baud, specialista dello CHUV di Losanna, anticipando una revisione delle raccomandazioni in materia da parte della Società svizzera di ginecologia e ostetricia. All’inizio dell’emergenza, spiega Baud, le donne incinte non sembravano esposte a rischi maggiori rispetto alla popolazione delle stesse età. Dati più recenti hanno però nettamente cambiato il quadro della situazione: ormai, infatti, si stima che abbiano un rischio da 3 a 5 volte più elevato di contrarre una forma aggressiva di Covid-19, con potenziali e serie conseguenze per i nascituri. “La malattia induce cambiamenti nella placenta, che può essere infettata. Ciò fa supporre che i nascituri siano meno nutriti nell’utero” e possano quindi finire esposti a ritardi nella crescita, sottolinea il professore.

15.07.2020 ore 10:17
Ristoranti e locali, limite di 100 avventori a Lucerna

Il canton Lucerna introdurrà a partire da venerdì prossimo, per contrastare la ripresa dei casi di coronavirus, un limite di 100 avventori per ristoranti, discoteche e bar. Più nel dettaglio il limite si riduce da 300 a 100 persone, se i clienti non sono seduti ai tavoli. Restrizioni saranno vigenti anche per gli eventi: in occasione di manifestazioni pubbliche e private con più di 100 persone, se non risulterà possibile rispettare le misure di protezione, sarà necessario procedere ad una suddivisione in zone per rispettare il limite massimo, e dovranno essere raccolti i dati personali dei presenti, ha reso noto il Dipartimento cantonale della sanità.. Basilea Città e Campagna, Argovia, Soletta e Zugo hanno già inasprito nei giorni scorsi le misure per i locali pubblici.

15.07.2020 ore 10:03
Cinque casi in più in Ticino

Cinque nuovi casi di contagio sono stati confermati nelle ultime 24 ore in Ticino. Il dato, reso noto poco fa dalle autorità cantonali, porta così a 3’381 il numero delle infezioni riscontrate dall’inizio della crisi sanitaria. Nel cantone, dove rispetto a ieri non si è verificato alcun nuovo decesso (sono finora 350 le persone che hanno perso la vita a causa della patologia), si attesta sempre a 916 il numero dei pazienti dimessi dagli ospedali.

15.07.2020 ore 09:54
Un nuovo contagio nei Grigioni

Sale a 850 nei Grigioni il numero dei contagi da coronavirus, dopo il computo di un nuovo caso d’infezione nel distretto di Prettigovia/Davos. Figura invece in calo, da 11 a 8 nelle ultime 24 ore, il numero dei casi attivi. Il quadro aggiornato della situazione in territorio retico, dove il bilancio delle vittime della malattia resta invariato a 50 decessi dall’inizio della crisi, fa inoltre stato di 137 persone sottoposte a quarantena e 8 in isolamento.

15.07.2020 ore 09:14
Lavoro ridotto, AutoPostale ricorre

AutoPostale ha deciso di ricorrere contro la decisione del canton Berna di non riconoscere all’azienda indennità di disoccupazione parziale legate alla pandemia. “Al momento siamo in una situazione nella quale non è stata ancora presa una decisione politica”, ha affermato, intervistato da Radio SRF, il portavoce dell’impresa Urs Bloch. AutoPostale, in primavera, aveva chiesto indennità per lavoro ridotto per i suoi conducenti e i controllori dei titoli di trasporto: una misura che verrebbe applicata a diverse centinaia di collaboratori. Ma il cantone ha respinto anche una richiesta analoga avanzata dalle FFS. La questione del riconoscimento di queste indennità alle aziende di trasporto è molto controversa a livello federale. Compete però ai cantoni l’esame delle relative richieste. La corrispondenza da Berna è di Gian Paolo Driussi

RG 12.30 del 15.07.2020 La corrispondenza di Gian Paolo Driussi
15.07.2020 ore 08:19
Un anno, un anno e mezzo, per un vaccino

Un vaccino contro il Covid-19 dovrebbe essere pronto “entro il prossimo anno, anno e mezzo”. La previsione è del noto immunologo statunitense Anthony Fauci, lo specialista più autorevole della task force istituita dalla Casa Bianca nel quadro della lotta contro la pandemia. Lo studioso, come riferito stamani dai media USA, afferma di aver avuto rassicurazioni dalle aziende produttrici sulla possibilità di produrre fino ad un miliardo di dosi, consentendo di distribuire il vaccino non solo negli Stati Uniti ma anche nel mondo.

15.07.2020 ore 07:45
Alle urne in piena pandemia

Seggi elettorali aperti nella Macedonia del nord per le elezioni parlamentari anticipate. La consultazione ha luogo mentre il paese è alle prese, come gli altri Stati dell’area balcanica, con una sensibile ripresa dei contagi da coronavirus. Alla luce di questa situazione le operazioni di voto sono state distribuite su tre giorni e hanno preso il via lunedì, quando hanno potuto votare i malati di Covid-19 e i positivi che sono in autoisolamento, mentre ieri hanno potuto votare i malati cronici, impossibilitati a lasciare le proprie abitazioni, i detenuti e i residenti in case di riposo per anziani. Oggi, si recano alle urne tutti gli altri elettori, che sono in totale poco più di 1,8 milioni. Il voto era in programma per lo scorso 12 aprile, ma era stato rinviato per l’emergenza sanitaria. Le operazioni di voto si svolgeranno nel quadro di strette misure precauzionali: mascherine, distanza fisica, disinfezione delle mani.

15.07.2020 ore 07:19
Scatta il confinamento a Lleida

La città di Lleida e altri sette comuni della zona di Segrià, in Catalogna, sono da oggi (mercoledì) in lockdown dopo che il governo della Generalitat ha approvato una nuova risoluzione - tutelata da una modifica della legge catalana sulla sanità pubblica - alla luce del veto che era stato imposto lunedì da un tribunale della regione. Quest’ultimo aveva deciso di non ratificare la decisione presa domenica scorsa dall’Esecutivo di imporre il confinamento comuni definendola “sproporzionata”. La misura vale per 15 giorni, alla popolazione si chiede di uscire di casa solo per le necessità.

15.07.2020 ore 07:14
Si aggrava ancora il bilancio statunitense

Secondo i dati della Johns Hopkins University, gli Stati Uniti hanno registrato martedì 63’262 contagi (dato in linea con quello dei giorni precedenti) e almeno 850 decessi dovuti al COVID-19. Il bilancio sale così a 3,42 milioni di infezioni e 136’432 morti. Particolarmente colpita la Florida, uno dei primi Stati a uscire dal lockdown, che ha fatto segnare un nuovo primato negativo: 132 morti in un giorno.

15.07.2020 ore 07:11
USA, studenti stranieri non più minacciati

Gli Stati Uniti hanno ritirato la minaccia di allontanamento dal territorio nazionale per quegli studenti universitari stranieri che, nel prossimo semestre invernale, seguiranno solo online i corsi dei rispettivi atenei americani. Lo si desume dal protocollo di un’audizione davanti a una corte di Boston. Università come Harvard e il MIT si erano formalmente opposte alla misura, come 17 Stati dell’Unione e il distretto della capitale Washington.

15.07.2020 ore 07:08
In Germania 3 morti e 351 casi

Sono 351 i nuovi casi di corionavirus nelle ultime 24 ore in Germania, ha annunciato l’istituto Robert Koch. Il totale da inizio pandemia sale a 199’726. I decessi sono invece 9’071, +3 rispetto a martedì.

15.07.2020 ore 07:06
Test per il vaccino di Moderna

Moderna, società attiva nelle biotecnologie, ha rilanciato le speranze in un vaccino annunciando che lancerà il 27 luglio la fase finale dei test sul suo prodotto, realizzato anche grazie a un contributo di 438 milioni di dollari garantito dal Governo degli Stati Uniti e a un partenariato con la Lonza. Serviranno 30’000 volontari per stabilire se è sicuro e in grado di prevenire un’infezione da SARS-CoV-2 o perlomeno di mitigarne la gravità. Lo studio durerà fino al 27 ottobre, con risultati preliminari già prima di quella data. L’obiettivo di produzione a lungo termine è di almeno 500 milioni di dosi l’anno, se possibile anche un miliardo.

15.07.2020 ore 07:01
Lombardia non più pericolosa per gli austriaci

L’avvertimento che le autorità austriace davano ai loro cittadini di non recarsi in Lombardia è decaduto alla mezzanotte. I numeri dell’epidemia non lo giustificano più, hanno fatto sapere le autorità, la situazione è sotto controllo tanto che la nuova ordinanza regionale lombarda fa decadere l’obbligo della mascherina all’aperto laddove le distanze possono essere mantenute. Il livello di sicurezza fissato da Vienna è ora di 4 su una scala di 6 per tutta l’Italia come per la maggior parte degli altri paesi.