Patrick Mathys, responsabile Sezione gestione delle crisi dell'UFSP
Patrick Mathys, responsabile Sezione gestione delle crisi dell'UFSP keystone
Momenti chiave
29.12.2020 ore 23:10
29.12.2020 ore 21:32
29.12.2020 ore 15:59
29.12.2020 ore 15:22
29.12.2020 ore 14:19
29.12.2020 ore 12:14
29.12.2020 ore 10:39
29.12.2020 ore 10:17
29.12.2020 ore 07:42

Mathys: "Non possiamo ancora essere ottimisti"

Il responsabile della Sezione crisi dell'UFSP: "C’è ancora tanto lavoro davanti a noi". In Ticino le case anziani "pronte al vaccino": il 90% dei residenti si vaccinerà, la percentuale scende al 60% tra i collaboratori
martedì 29 dicembre 2020 07:22

 Il coronavirus circola ormai da un anno, il numero di nuovi casi durante le vacanze natalizie è sceso ma è ancora troppo elevato, non posso ancora diffondere ottimismo: così si è espresso in apertura di una conferenza stampa a Berna Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell'UFSP. Oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha annunciato quasi 4'200 nuove infezioni in 24 ore. Il tasso di positività è intorno al 13% e il tasso di riproduzione è allo 0,86, ma questo ultimo va preso con le pinze, ha sottolineato.

Le case per anziani ticinesi, con “grande fermento” ed il “cuore colmo di speranza” sono “pronte a ricevere e somministrare il vaccino contro il Covid-19, a partire dal prossimo 4 gennaio”. Lo conferma martedì con un comunicato l’Associazione dei direttori delle case per anziani della Svizzera italiana (ADICASI). Il 90% dei quasi 5’000 residenti si vaccinerà, tra i collaboratori quasi il 60%.

L’associazione DU - die Unabhängigen ha presentato un ricorso contro l’omologazione del vaccino della Pfizer-BioNTech da parte di Swissmedic.  L’associazione è particolarmente preoccupata dalle possibili nanoparticelle che potrebbero influenzare il DNA delle persone vaccinate.

Sul fronte dei dati, in Svizzera sono stati contabilizzati 4'197 contagi e 131 decessi nelle ultime 24 ore. In Ticino sono stati registrati 273 contagi e nove morti, mentre nel canton Grigioni sono stati segnalati 92 nuovi casi e un decesso.

La cronaca di lunedì

I dati sempre aggiornati

Alberto Silini, Joe Pieracci, Elena Boromeo, Simone della Ripa

29.12.2020 ore 23:39
Il Brasile conta 1'111 morti in un giorno

Sono 1’111 i morti di Covid-19 registrati in Brasile nelle ultime 24 ore, mentre i contagi sono 58’718. Lo rivela il Ministero della salute. Si tratta del più alto numero di vittime in un giorno dallo scorso 15 settembre, quando i morti sono stati 1’113. Dall’inizio della pandemia, il bilancio delle vittime nel Paese sale a 192’681.

29.12.2020 ore 23:33
Primo caso di variante inglese negli USA

La cosiddetta “variante inglese” del nuovo coronavirus è stata rintracciata negli Stati Uniti. Il primo caso è stato rinvenuto in Colorado. Si tratterebbe, secondo quanto riportato dai media americani, di un uomo sui 20 anni.

29.12.2020 ore 23:24
Trump prepara il Capodanno, 500 prenotazioni

Vi sono almeno 500 prenotazioni a Mar-a-Lago per Capodanno. Mentre il Covid corre negli Stati Uniti e le autorità sanitarie invitano a evitare gli assembramenti al chiuso, nella Casa Bianca d’inverno fervono i preparativi per la festa di fine anno di Donald Trump. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti, secondo le quali il consueto party anche quest’anno non dovrebbe deludere le attese con festeggiamenti in grande stile, a dispetto del Covid.

29.12.2020 ore 23:10
Congresso, salta pranzo per Biden

Joe Biden e Kamala Harris dovranno rinunciare al tradizionale pranzo del giorno dell’insediamento ospitato dal Congresso. L’evento è stato cancellato a causa del Covid. Pur non essendo uno degli appuntamenti più seguiti nel giorno dell’insediamento di un presidente, il pranzo ha un importante valore simbolico perché invia un messaggio bipartisan durante il trasferimento di potere da un presidente a un altro. L’evento era stato inizialmente ridimensionato per rispondere alle disposizioni per il contenimento del Covid ma nelle ultime ore è stato cancellato dalla Joint Congressional Committee per le cerimonie dell’inaugurazione.

29.12.2020 ore 22:25
Germania, limitazioni anche dopo il 10 gennaio

Dal 10 gennaio, e cioè allo scadere del lockdown duro, i tedeschi saranno sottoposti “senza dubbio” al prolungamento di alcune misure anticovid. Lo ha affermato il ministro della Salute Jens Spahn alla tv pubblica ARD, secondo un’anticipazione. In che misura ci saranno ancora delle limitazioni, sarà deciso al vertice del 5 gennaio fra stato e regioni.

29.12.2020 ore 22:20
Biden, "vaccino è una sfida per il paese"

La distribuzione dei vaccini sarà la maggiore sfida che “affronteremo come paese”. Lo afferma il presidente eletto Joe Biden, denunciando che gli Stati Uniti non hanno ancora abbastanza test per il Covid. Biden chiede quindi un “sacrificio” agli americani: indossate la mascherina, lavatevi le mani ed evitate assembramenti al chiuso. Lo so che è difficile”.

29.12.2020 ore 21:32
Francia esclude nuove chiusure

Crescono i casi di infezione da Covid in Francia. Tuttavia, in diretta tv al telegiornale di France 2 il ministro della Salute francese, Olivier Véran, ha detto di escludere un nuovo lockdown, sia a livello nazionale, sia a livello regionale. Véran ha parlato di una “concertazione” in vista di un anticipo dell’inizio del coprifuoco - dalle 20 alle 18 - nelle regioni più a rischio. Quanto alle regioni interessate dall’inasprimento del coprifuoco, Véran ha parlato di “distribuzione ineguale” della diffusione del virus sul territorio, con 4 regioni che sono al di là della soglia epidemica di allerta: il Grand Est, la regione di Strasburgo già particolarmente colpita nella prima ondata, la Franche-Comté, l’Auvergne Rhone-Alpes (regione di Lione) e le Alpi Marittime.

29.12.2020 ore 19:26
Slitta Atrazeneca, Ue compra altre dosi Pfizer

L’euforia internazionale per l’arrivo del vaccino anti-Covid patisce la prima frenata. Ritardi nelle forniture da parte delle aziende farmaceutiche e problemi di pianificazione in Europa e Stati Uniti sono emersi nelle ultime ore gelando l’entusiasmo di questi giorni. A confermare quanto sia seria la questione è arrivato un Tweet della presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen che ha annunciato: “Abbiamo deciso di prendere altre 100 milioni di dosi aggiuntive del vaccino BioNTech-Pfizer, già in uso per vaccinare gli europei. Avremo quindi 300 milioni di dosi di questo vaccino, che è stato valutato sicuro ed efficace. Altri vaccini seguiranno”.

29.12.2020 ore 19:01
Piemonte, ridotto stipendio a medico "negazionista"

Una sanzione disciplinare per aver diffuso sul web teorie negazioniste sulla pandemia. È quanto ha deciso l’Azienda sanitaria locale (AslTo4) nei confronti di un medico di famiglia con studio a Borgaro, nel Torinese. In un video il medico sollevava forti dubbi sull’esistenza della pandemia e sull’efficacia del vaccino antinfluenzale, citando fonti non meglio specificate del Pentagono. Dopo l’inchiesta della Procura di Ivrea per procurato allarme e la segnalazione all’Ordine dei medici, l’Asl ha disposto la sanzione disciplinare che consiste nella riduzione dello stipendio “nella misura del 20% per 5 mesi cinque” a partire dal 31 dicembre.

29.12.2020 ore 18:33
Record di casi nel Regno Unito: 53'135 in un giorno

Il Regno Unito oggi ha registrato il numero più alto di nuovi contagi in un giorno: 53’1354, in aumento rispetto al giorno precedente (41’385). I nuovi decessi legati al Covid-19 invece sono 414, anche questi in aumento rispetto a ieri (357).

29.12.2020 ore 18:15
Cuba avrà un suo vaccino entro sei mesi

Cuba prevede di avviare una massiccia campagna di vaccinazione contro il Covid-19 nella prima metà del 2021, con il proprio vaccino. Lo ha dichiarato oggi un alto funzionario del settore sanitario. L’isola avrà la capacità di “vaccinare la popolazione contro il virus Sars-CoV-2 durante la prima metà del 2021”, ha assicurato Vicente Vérez Bencomo, direttore del Finlay Institute (Ifv) specializzato in ricerca e produzione di vaccini. Verez Bencomo, citato oggi dal quotidiano di stato Granma, si è così espresso durante una visita del presidente cubano Miguel Diaz-Canel all’istituto dove vengono sviluppati due vaccini candidati contro il Covid-19: Soberana01 y Soberna02. Cuba, che conta 11,2 milioni di abitanti, è riuscita finora a tenere sotto controllo la diffusione dell’epidemia, con 11’434 casi denunciati e 143 morti, secondo gli ultimi dati ufficiali di domenica.

29.12.2020 ore 17:52
Harris si vaccina in diretta televisiva

Kamala Harris, vicepresidente eletta degli Stati Uniti, e il marito Doug Emhoff sono stati vaccinati in diretta televisiva. La somministrazione della prima dose del vaccino Moderna è stata eseguita allo United Medical Center della capitale federale Washington. Harris ha quindi lanciato un appello a tutti gli americani affinché seguano l’esempio, “per salvare vite umane nelle vostre famiglie e nelle vostre comunità”. Joe e Jill Biden si erano sottoposti alla prima dose di vaccino il 21 dicembre. Vaccinato anche il vicepresidente uscente Mike Pence, mentre ancora si attende di sapere se anche Donald Trump si sottoporrà a vaccinazione.

29.12.2020 ore 17:21
Italia, 11'212 nuovi casi, 659 vittime

Sono 11’212 i nuovi casi di coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore e 659 le vittime. È quanto riporta il nuovo bollettino del ministero della Salute. I guariti o dimessi sono stati 17’044. Sono 128’740 i tamponi per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore nella Penisola. Ieri erano stati 68’681. Il tasso odierno di positività è del 8,7%, in calo rispetto al 12,5% di ieri.

29.12.2020 ore 16:27
Germania, preoccupazione per gli ospedali nel 2021

Secondo l’associazione degli ospedali tedeschi, già nel primo trimestre 2021 molti istituti sanitari potrebbero trovarsi nella situazione di non riuscire a pagare gli stipendi ai loro dipendenti. All’origine del disagio, la forte riduzione delle prestazioni e degli interventi dovuti all’emergenza Covid. “Mancano le risorse per l’attività ordinaria”, ha denunciato il presidente dell’associazione Gerald Gass. Gass, parlando al Redaktionsnetzwerk Deutschland, ha chiesto che gli aiuti statali siano aumentati. Il ministro della Salute Jens Spahn ha assicurato che Stato e Regioni si faranno carico della questione: “Vogliamo assicurare la liquidità degli ospedali nella crisi. I dipendenti possono stare tranquilli”.

29.12.2020 ore 15:59
Fauci, "picco fuori controllo"

“Siamo di fronte a un picco dei casi diventato fuori controllo sotto diversi aspetti”. Così si è espresso il virologo Anthony Fauci intervistato dalla CNN nel descrivere l’evolversi della pandemia nel suo paese. Fauci ha anche sottolineato come gli Stati Uniti siano in ritardo sulla tabella di marcia per la distribuzione dei vaccini.

29.12.2020 ore 15:54
Ticino, nella seconda ondata quasi il doppio dei ricoveri

Nella prima ondata della pandemia, in Ticino sono state ricoverate in ospedale 933 persone a causa del Covid-19. Nella seconda ondata, invece, i pazienti sono stati 1’753: un numero destinato ad aumentare. A spiegarlo durante una conferenza stampa a Bellinzona è Paolo Bianchi, direttore della Divisione della salute pubblica e coordinatore del Dipartimento della sanità e della socialità (DSS). “Le ospedalizzazioni giornaliere sono circa 30 al giorno ormai da due mesi. Ci sono anche delle dimissioni, ma non seguono lo stesso ritmo”, osserva, ricordando che la pressione sugli ospedali resta alta. La caratteristica di questa seconda ondata, infatti, è proprio la “stagnazione” dei casi. Le persone ricoverate in questo momento sono 376, un numero vicino al picco del 23 novembre (382) e a quello della primavera (405). Anche per quanto riguarda le cure intense, i numeri di questa seconda ondata hanno superato la prima, con un aumento del 40%.

“Siamo ancora in un equilibrio estremamente fragile quindi non abbassare la guardia”, ha dichiarato Bianchi, riferendosi all’imminente avvio della campagna di vaccinazione. I posti letto non sono saturi, ma per aumentare le capacità, soprattutto per quanto riguarda le terapie intensive “è stato fatto uno sforzo enorme”, ha ricordato Paolo Merlani, direttore medico del Servizio di medicina intensiva dell’EOC e Direttore sanitario dell’Ospedale regionale di Lugano. “Eravamo certi che la seconda ondata sarebbe arrivata quindi non siamo rimasti con le mani in mano, abbiamo dovuto rimontare tutto il dispositivo. Abbiamo formato 30 infermieri di medicina intensiva”, ha aggiunto.

29.12.2020 ore 15:38
Mathys: "Non possiamo ancora essere ottimisti"

“Non possiamo ancora essere ottimisti. C’è ancora tanto lavoro davanti a noi. Il Covid ha lasciato il segno ed è ancora qui”. Lo ha detto Patrick Mathys, il responsabile della Sezione gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), durante la conferenza stampa odierna di Berna.

29.12.2020 ore 15:27
Ackermann: "Posticipare il rientro delle scuole all'11 gennaio"

È essenziale continuare ad applicare le misure usuali contro i contagi: la limitazione dei contatti, il rispetto delle distanze sociali e l’igiene delle mani. Ma per combattere la pandemia ci sono altre misure potenziali, secondo Ackermann, come incoraggiare ancora di più il telelavoro ed adottare delle misure per prevenire la diffusione nelle scuole, ad esempio “posticipando l’inizio dell’anno scolastico all’11 gennaio”, come hanno già deciso alcuni cantoni.

29.12.2020 ore 15:24
Ackermann: "La Svizzera deve uscire dalla zona a rischio"

“Il numero delle nuove infezioni è ancora troppo alto in Svizzera”, ha ricordato oggi in conferenza stampa il presidente della task force svizzera anti-Covid Martin Ackermann: “Con 80 decessi al giorno, siamo al settimo rango mondiale”. Dobbiamo “assolutamente uscire dalla zona a rischio”. E la situazione “resta tesa pure negli ospedali”, ha aggiunto.

I casi di Covid-19 delle varianti della GB e del Sudafrica “sono sette”, ha proseguito. E rappresentano “l’1% delle infezioni”. Che sembrano poco, ma bisogna fare “attenzione”. In Svizzera “bisogna testare di più dove si pensa che queste nuove varianti possano circolare”, ha concluso.

29.12.2020 ore 15:22
Prime vaccinazioni a Soletta

Martedì pomeriggio, sono state somministrate le prime dosi del farmaco della Pfizer-BioNTech nel canton Soletta. I primi abitanti ad essere vaccinati contro il Covid-19 sono alcuni residenti della casa di riposo Passwang di Breitenbach. A partire da lunedì prossimo, un totale di otto squadre mobili vaccineranno i residenti delle case per anziani.

29.12.2020 ore 14:43
Iniziate le vaccinazioni con Sputnik V in Argentina

L’Argentina ha avviato questa mattina la campagna nazionale di immunizzazione contro il coronavirus, dopo che ieri si è conclusa la distribuzione in tutto il Paese delle 300’000 dosi del vaccino russo Sputnik V, giunte a Buenos Aires il 24 dicembre. In questa prima fase, i vaccini saranno somministrati al personale sanitario. Il programma di vaccinazione è iniziato alle 9 del mattino locali, in tutte le province argentine. Secondo quanto riferito dal portale Clarin, pochi minuti prima dell’inizio ufficiale della campagna, il governatore di Buenos Aires, Axel Kicillof, insieme al suo viceministro della sanità, Nicolás Kreplak, sono stati due delle prime persone che hanno ricevuto una dose del vaccino russo.

29.12.2020 ore 14:19
L'Indonesia chiude le frontiere

L’Indonesia chiuderà le frontiere agli stranieri per contenere la diffusione del Covid-19. Lo riferisce la CNN, citando l’agenzia statale Antara.

29.12.2020 ore 14:08
Svizzera, 4’197 nuovi casi e 131 decessi

Sono 4’197 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore in Svizzera. 131 i decessi supplementari, 220 i ricoveri in ospedale.

29.12.2020 ore 13:55
Vaccino, quasi 500'000 dosi in volo verso l'Italia

Circa 470’000 dosi del vaccino della Pfizer-BioNTech sono in volo verso l’Italia. L’arrivo è previsto nella notte tra martedì e mercoledì, quando sei arerei atterreranno in altrettanti diversi aeroporti del Paese, tra cui quelli di Milano e Roma.

La catena della consegna del vaccino, la cui spedizione sul territorio italiano è gestita da una compagnia tedesca, prevede poi la distribuzione capillare - effettuata direttamente dalla casa farmaceutica - presso i primi 203 siti di somministrazione nelle varie regioni. La prima fase della campagna riguarda il personale sanitario e gli ospiti delle residenze per anziani.

29.12.2020 ore 12:21
Ticino, le case anziani "pronte al vaccino"

Le case per anziani ticinesi, con “grande fermento” ed il “cuore colmo di speranza” sono “pronte a ricevere e somministrare il vaccino contro il Covid-19, a partire dal prossimo 4 gennaio”. Lo conferma martedì in un comunicato l’Associazione dei direttori delle case per anziani della Svizzera italiana (ADICASI). I residenti ed il personale saranno i destinatari delle prime dosi del vaccino Pfizer-BioNTech, distribuiti in Ticino dal prossimo lunedì.

Secondo i programmi cantonali, le case dovrebbero essere in grado di completare la somministrazione della prima dose “entro al massimo due settimane; a cui seguirà dopo circa un mese la seconda e ultima dose”. Una prospettiva che “consentirebbe di proteggere in maniera importante gli anziani residenti nelle case, una delle categorie che ha pagato il tributo più gravoso alla pandemia, in Ticino come nel resto del mondo”.

La fiducia e la speranza riposte nel vaccino hanno “trovato ampio riscontro nel tasso di partecipazione alla campagna vaccinale: il 90% dei quasi 5’000 residenti ha già manifestato, direttamente o attraverso i propri rappresentanti terapeutici, l’intenzione di vaccinarsi”. “Buono” anche il riscontro tra i collaboratori delle case, se confrontato con l’adesione abituale alle campagne di vaccinazione antinfluenzali e tenuto conto anche di chi ha già avuto la malattia: “quasi il 60% intende sottoporsi da subito al vaccino”, conclude la nota.

RG 12.30 del 29.12.2020 - Svelato il tasso di partecipazione alla campagna vaccinale
29.12.2020 ore 12:16
L'Iran testa il suo vaccino su 56 volontari

L’Iran ha iniziato oggi la prima fase della sperimentazione sull’uomo del suo vaccino di produzione nazionale per il Covid-19. Il siero è stato somministrato ai primi 56 volontari in una cerimonia presso il Quartier generale per l’esecuzione dell’ordine dell’Imam Khomeini, responsabile della produzione, alla presenza di numerose autorità di Teheran, tra cui il vicepresidente per la Scienza e la Tecnologia Sorena Sattari e il ministro della Salute Saeed Namaki. In totale, i volontari registrati sono circa 20’000.

29.12.2020 ore 12:14
Turchia, arriva il vaccino cinese

Arriverà domani in Turchia dalla Cina a bordo di un Boeing 777 della Turkish Airlines il primo lotto di 3 milioni di vaccini per il Covid-19, con atterraggio previsto alle 06:10 locali all’aeroporto di Istanbul. Ankara riceverà almeno 50 milioni di dosi del siero cinese e ha inoltre annunciato un'opzione d'acquisto di 30 milioni di dosi del vaccino Pfizer-BioNTech.

29.12.2020 ore 11:57
Epidemia: non si placano le polemiche sui dati svizzeri

“I dati sui ricoveri ospedalieri devono essere interpretati con cautela a causa di lacune e ritardi nella segnalazione”. Questa la nota che si può leggere nel rapporto giornaliero dell’Ufficio federale della sanità pubblica.

La discrepanza tra i dati reali e quelli comunicati è stata particolarmente rilevante negli ultimi tre mesi: nelle prime settimane di ottobre venivano comunicate cifre ben al di sotto di quelle poi confermate. Poi ad inizio novembre c’è stata un ‘inversione, i ricoveri confermati erano meno di quelli inizialmente comunicati. E questo ritardi sono sicuramente un problema per chi deve prendere delle decisioni.

La conferenza dei direttori cantonali della sanità ne è ben consapevole e insieme all’Ufficio federale della sanità pubblica ha invitato i cantoni a chiedere agli ospedali di mandare gli aggiornamenti entro i termini prescritti.

29.12.2020 ore 11:20
Germania, quasi 42'000 persone già vaccinate

Dall’inizio della campagna di vaccinazione nel paese, partita ufficialmente domenica 27 dicembre, in Germania 41’964 persone sono state vaccinate contro il Covid-19. Lo riporta NTV, citando l’Istituto Robert Koch.

29.12.2020 ore 11:04
Zurigo: vaccinazione dal 5 gennaio all'Unispital

I pazienti a rischio dell’Ospedale universitario di Zurigo (USZ) potranno essere vaccinati a partire 5 gennaio. Il nosocomio zurighese ha a tale scopo istituito una propria stazione di vaccinazione. Se le capacità lo permetteranno, anche le persone appartenenti a gruppi a rischio che non sono curate all’USZ potranno ricevere il farmaco.

29.12.2020 ore 10:55
Il ceppo inglese in Germania "almeno da novembre"

La variante del Covid-19 scoperta recentemente nel Regno Unito sarebbe in Germania almeno da novembre. È quello che ha scritto l’Hannoversche Allgemeine Zeitung citando il ministero della salute del Land della Bassa Sassonia. La mutazione è stata scoperta in un paziente contagiato a novembre: una persona molto anziana e con malattie pregresse, che non è sopravvissuta alla malattia. Il risultato delle analisi è stato confermato dal laboratorio dello Charité di Berlino.

29.12.2020 ore 10:39
Vaud anticipa la vaccinazione

Anche il canton Vaud ha deciso di anticipare la sua campagna di vaccinazione, che inizierà mercoledì 30 dicembre. A partire da quella data, delle squadre mobili si recheranno gradualmente negli istituti per anziani per vaccinare residenti e personale curante. Il cantone romando dispone al momento di circa 3’000 dosi del farmaco, la cui somministrazione sarà gratuita e volontaria. Lo ha reso noto il Governo cantonale martedì.

29.12.2020 ore 10:34
Appenzello Interno e Glarona riaprono le piste

Il canton Appenzello Interno riaprirà le piste da sci a partire dal 30 dicembre. Lo ha deciso il Governo cantonale sulla base della situazione epidemiologica. I gestori dei comprensori sciistici avranno bisogno di un permesso. Il numero di nuove infezioni in Appenzello Interno è più basso rispetto alla media svizzera e il tasso di riproduzione è stato inferiore a 0,8 per quasi una settimana. La situazione sarà comunque riesaminata regolarmente. Anche le stazioni sciistiche glaronesi, chiuse dal 22 dicembre, riapriranno il 30. Quelle del canton Lucerna rimarranno invece chiuse.

29.12.2020 ore 10:17
Ticino, 273 contagi e nove decessi

In Ticino sono stati registrati 273 nuovi casi nelle ultime 24 ore, un dato che porta il totale dei casi positivi dall’inizio della pandemia a 22’786. I decessi supplementari sono nove, 759 in totale. Sul fronte dei ricoveri, si contano martedì 376 ospedalizzazioni: rispetto a lunedì, 31 persone sono state ricoverate e 15 pazienti sono stati dimessi. 43 i malati in terapia intensiva, 36 quelli sottoposti a ventilazione artificiale.

29.12.2020 ore 10:11
Stati Uniti, la pandemia non si ferma

Negli Stati Uniti, il numero di morti causati dal coronavirus continua ad aumentare. Secondo i dati della Johns Hopkins University lunedì sono stati registrati 1’718 morti e 168’817 nuove infezioni. Durante il fine settimana di Natale tuttavia, i centri di depistaggio sono stati chiusi o aperti solo in maniera limitata in molti luoghi. I record di contagi e morti nel paese risalgono al 18 e al 16 dicembre, quando sono stati registrati rispettivamente 249’709 nuovi casi e 3’682 decessi.

29.12.2020 ore 09:36
Australia: centinaia di britannici festeggiano in spiaggia

Centinaia di giovani britannici si sono riuniti il 25 dicembre sulla Bronte Beach, una spiaggia di Sydney, per festeggiare il Natale a suon di canti, balli e birra. Senza mascherina e senza rispettare le distanze di sicurezza. La festa potrebbe costare caro ai partecipati. Dopo aver visto le immagini del party, il ministro dell’immigrazione australiano Alex Hawke ha minacciato provvedimenti, che potrebbero andare fino all’espulsione immediata e alla revoca del visto per l’Australia. La città sta combattendo in questi giorni con un nuovo focolaio di Covid-19 partito dalla zona delle “spiagge del nord”, dove sono stati già registrati 129 nuovi casi.

Mega party britannico a Sydney

Centinaia di giovani inglesi si sono ammassati senza mascherina per festeggiare il Natale su una spiaggia australiana. Rischiano l'espulsione dal paese

29.12.2020 ore 09:00
Swiss: “Miglioramenti entro l’estate o non potremo evitare licenziamenti”

Il presidente del Consiglio di Amministrazione di Swiss, Reto Francioni, ripone le sue speranze nei voli intercontinentali. Per l’estate, la compagnia aerea si aspetta un volume di traffico del 50% rispetto alla situazione prima della crisi. “La ripresa dei collegamenti intercontinentali, soprattutto quelli con gli Stati Uniti, è cruciale”, ha detto Francioni in un’intervista alla NZZ. “Se, contrariamente alle aspettative, la situazione non migliorerà sensibilmente entro l’estate, non potremo evitare i licenziamenti”, ha aggiunto.


Il presidente del CEO ha anche confermato che 1’000 posti di lavoro saranno tagliati entro due anni attraverso il blocco delle assunzioni e la fluttuazione, il lavoro a tempo parziale e il pensionamento anticipato. Secondo Francioni ha poi dissipato le speranze di un rapido miglioramento nel settore. “Stimiamo che ci vorrà fino al 2024 per ritornare alle condizioni normali, e i livelli di traffico dovrebbero essere ancora più bassi rispetto a prima della pandemia”.

29.12.2020 ore 08:49
Regno Unito, 1'500 militari per test di massa nelle scuole

Il Governo britannico ha stanziato circa 78 milioni di sterline per effettuare un test di massa nelle scuole, che avrà luogo a metà gennaio, quando gli studenti ritorneranno dalle vacanze. Downing Street ha assicurato che gli istituti saranno dotati dei kit necessari e ha deciso di stanziare 1’500 militari. Il personale dell’esercito aiuterà le scuole con corsi di formazione, webinar e altre forme di supporto. Al momento in Gran Bretagna sono quasi 3’000 i militari impegnati nella lotta al Covid-19.

29.12.2020 ore 08:27
Ricorso contro l'omologazione del vaccino da parte di Swissmedic

L’associazione DU - die Unabhängigen ha presentato un ricorso contro l’omologazione del vaccino della Pfizer-BioNTech da parte di Swissmedic.

Lo stesso giorno, il 23 dicembre, ha inoltre sporto denuncia all’autorità di sorveglianza presso il Dipartimento federale dell’interno riguardo alle azioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) durante la pandemia. L’associazione è particolarmente preoccupata dalle possibili nanoparticelle che potrebbero influenzare il DNA delle persone vaccinate, ha dichiarato martedì in un comunicato stampa, dove chiede sulla base di quali studi scientifici si possa escludere un tale rischio per la salute.

Il movimento, fondato nel 2019, sostiene di essere attivo nei cantoni di Berna e Argovia, nonché nel Liechtenstein. Si situa al centro dello scacchiere politico ma non si definisce un partito. Ha optato per un’azione legale perché ritiene insoddisfacente la risposta di Swissmedic alla sua lettera.

29.12.2020 ore 07:47
Il Canada supera la soglia dei 15'000 morti

Il bilancio dei morti provocati dal coronavirus in Canada ha superato quota 15’000: sono attualmente 15’121. Lo ha reso noto l’Agenzia nazionale per la salute pubblica, secondo quanto riporta la CNN. Nel Paese si contano attualmente 555’207 contagi.

29.12.2020 ore 07:42
Germania, 852 decessi giornalieri

In Germania sono stati segnalati 12’892 nuovi contagi e 852 decessi nelle ultime 24 ore. Si tratta di dati in aumento rispetto a quelli del giorno precedente, in particolar modo per quanto riguarda il numero dei morti, che erano stati meno della metà. Stando ai dati dell’Istituto Robert Koch, i rispettivi bilanci salgono quindi a 1’664’726 casi positivi e 30’978 decessi.

29.12.2020 ore 07:32
Grigioni, 92 nuovi contagi e un decesso

Le autorità sanitarie grigionesi hanno registrato 92 nuovi contagi, che portano il totale delle persone positive a 7’874 dall’inizio della pandemia. Rispetto al dato comunicato il giorno precedente, diminuiscono di 32 unità i casi attivi, che sono attualmente 558. Si conta anche un decesso in più, per un totale di 136 vittime.


Sul fronte delle ospedalizzazioni, attualmente sono 46 le persone ricoverate per Covid-19, tre in più di lunedì. Di queste, sette si trovano in terapia intensiva, ovvero due in meno rispetto al giorno precedente. 760 persone sono in quarantena, 558 in isolamento.

29.12.2020 ore 07:24
USA, la Camera approva l'aumento degli aiuti ai cittadini

La Camera dei rappresentanti ha approvato con 275 voti a favore e 134 contrari l’aumento da 600 a 2’000 dollari per gli aiuti diretti agli americani, fortemente chiesto dal presidente Donald Trump. Il provvedimento passa ora al Senato a maggioranza repubblicana.