Nei Grigioni, al contrario, gli ospedalizzati sono leggermente aumentati (+3)
Nei Grigioni, al contrario, gli ospedalizzati sono leggermente aumentati (+3) TI-Press
Momenti chiave
20.01.2021 ore 22:19
20.01.2021 ore 21:11
20.01.2021 ore 18:20
20.01.2021 ore 18:05
20.01.2021 ore 17:27
20.01.2021 ore 17:20
20.01.2021 ore 16:06
20.01.2021 ore 14:36
20.01.2021 ore 14:08
20.01.2021 ore 13:27
20.01.2021 ore 12:07
20.01.2021 ore 11:05
20.01.2021 ore 10:10
20.01.2021 ore 07:47
20.01.2021 ore 07:40
20.01.2021 ore 07:33

Svizzera, 2'727 nuovi casi e 70 morti

Attualmente sono ricoverate 21'044 persone - Ospedalizzati sotto quota 250 (232) in Ticino - Medie di Morbio, altri 11 casi sospetti di variante – Nessun morto e 64 infezioni nei Grigioni
mercoledì 20 gennaio 2021 06:57

Nelle ultime 24 ore in Svizzera sono stati registrati 2'727 nuovi contagi da coronavirus (totale dall’inizio della pandemia: 504’918) e 70 decessi ad esso legati (totale: 8’236). Sono inoltre state ospedalizzate 137 persone. Attualmente si trovano in isolamento 26’948 persone e 17’722 in quarantena. Sul fronte aiuti, il Consiglio federale ha adottato nuove misure a beneficio delle persone colpite dal lavoro ridotto. In particolare l’abolizione del periodo di attesa e l’estensione dei beneficiari agli apprendisti.

In Ticino prosegue il trend positivo sulle ospedalizzazioni che, con i 27 dimessi nelle ultime 24 ore, a fronte di 7 ricoveri, porta il totale degli ospedalizzati (232) sotto la soglia dei 250, non succedeva dallo scorso 11 novembre. Sul fronte dei nuovi contagi (114) si è invece tornati, dopo la discesa di ieri (86), sopra quota 100. Sempre tra ieri e oggi sono inoltre stati segnalati 4 ulteriori decessi legati al Covid-19. Per quel che riguarda il focolaio alle Scuole Medie di Morbio, rilevati altri 11 casi sospetti di variante. In totale altre 25 infezioni segnalate.

La cronaca della giornata di ieri

Nei Grigioni sono 64 i nuovi casi registrati, mentre non è stato segnalato alcun nuovo decesso. Le ospedalizzazioni sono invece leggermente cresciute.

La Confederazione ha aggiornato, allungandolo, l'elenco dei paesi e delle regioni a rischio. Dal 1° febbraio quarantena obbligatoria anche per chi entra in Svizzera da Portogallo, Spagna, Slovacchia, Friuli-Venezia-Giulia, Emilia Romagna, Provenza e dalla regione di Salisburgo. Dal 21 gennaio 2021 non figurano più nell'elenco: Croazia, Danimarca, Georgia, Lussemburgo e Serbia.

I dati sempre aggiornati

di Dario Lanfranconi, Marija Milanovic, Stefano Pongan, Fabio Dotti e Diego Moles

20.01.2021 ore 22:31
Vaccinazioni, Svizzera ottava al mondo

La Svizzera con 1,27 persone ogni 100, è l’ottavo Paese al mondo per numero di vaccinazioni. Lo indica Ourworldindata. La classifica è guidata da Israele, che ha un valore di 33,93. Sul podio anche Gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein.

20.01.2021 ore 22:19
Non diminuiscono i casi in Brasile

Sono 64’385 i nuovi contagi da coronavirus registrati in Brasile, che portano il totale dei casi confermati dall’inizio della pandemia a oltre 8,6 milioni. I dati pubblicati dal Ministero della salute segnalano anche 1’340 ulteriori decessi legati al Covid-19, con il bilancio totale che sale così a 212’831 morti, il secondo più alto al mondo dopo gli Stati Uniti.

20.01.2021 ore 21:16
Torna la scuola a distanza nel Canton Argovia

Da lunedì prossimo, i licei e le scuole professionali del canton Argovia passeranno all’insegnamento a distanza. Con questa misura, il Consiglio di Stato intende ridurre la mobilità degli studenti nell’ambito della crisi del coronavirus. Attualmente molti giovani utilizzano i trasporti pubblici, ha sottolineato in una nota la Cancelleria dello Stato del Canton Argovia, stando alla quale proprio l’insegnamento a distanza ne potrà far diminuire l’uso. Il provvedimento sarà in vigore fino al 28 febbraio.

20.01.2021 ore 21:11
Spagna, record di test positivi

Record di contagi da Covid-19 oggi in Spagna che ha registrato 41’576 nuovi casi in 24 ore, il numero più alto dall’inizio della pandemia. Lo scrive El Pais facendo notare che il 7 gennaio il numero era di 42’360, ma includeva anche i dati del giorno precedente.

20.01.2021 ore 19:18
Aumentano i pazienti negli ospedali francesi

Le autorità francesi mercoledì hanno registrato 26’784 nuovi contagi da coronavirus e 310 ulteriori decessi legati al Covid-19. Negli ospedali del Paese a causa della malattia sono ricoverate 25’686 persone, 119 in più di martedì, 2’852 delle quali sono in cure intense.

20.01.2021 ore 18:46
Il vaccino di Pfizer sembra efficace contro la variante inglese

Il vaccino BioNTech-Pfizer sembra essere efficace contro la variante inglese del Covid-19. Lo rilevano due studi preliminari pubblicati online oggi. “I nostri risultati suggeriscono che la maggior parte delle risposte ai vaccini dovrebbe essere efficace contro la variante B.1.1.7”, riferisce un team internazionale di ricercatori di università britanniche e olandesi.

20.01.2021 ore 18:20
Studenti francesi in piazza

Centinaia di studenti universitari francesi sono scesi nelle strade delle principali città del Paese per denunciare gli effetti della crisi sanitaria sulla loro quotidianità. Da oltre due mesi non possono più seguire lezioni in presenza, contrariamente agli alunni di licei e altre scuole.

20.01.2021 ore 18:05
Aumentano i contagi in Italia

Sono 13’571 i test positivi al coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia, facendo segnare un aumento rispetto ai due giorni precedenti, quando erano stati segnalati rispettivamente 10’497 e 8’824 contagi. In crescita anche il numero di test effettuati, ma anche il tasso di positività, passato dal 4,1 al 4,9%. I nuovi decessi legati al Covid-19 sono stati 524, portando il bilancio a 83'681 morti dall’inizio della pandemia.

20.01.2021 ore 17:27
Picco di decessi nel Regno Unito

Il Regno Unito ha fatto segnare mercoledì un nuovo massimo giornaliero nei decessi legati al Covid-19, con 1’820 morti, che portano il bilancio a 93’290 morti dall’inizio della pandemia. I nuovi contagi registrati dalle autorità sono stati 38’905 e i casi confermati in totale sono oltre 3,5 milioni.

20.01.2021 ore 17:20
Quarantena, la lista si allunga

La quarantena sarà obbligatoria dal primo febbraio per i viaggiatori in arrivo in Svizzera da 15 regioni e Paesi in più. Nella lista aggiornata mercoledì tra gli Stati vicini figurano il Friuli-Venezia Giulia e l’Emilia-Romagna in Italia, oltre al Veneto che era già presente. Per la Francia è stata aggiunta la regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, la Turingia per la Germania e Salisburgo in Austria. Sono stati inseriti nella lista anche Spagna, Portogallo, Malta, Monaco, Slovacchia, Estonia, Cipro, Israele e il Libano. La quarantena obbligatoria è invece stata revocata per chi arriva da Croazia, Serbia, Danimarca, Lussemburgo e Georgia.


La lista completa dei Paesi e regioni interessati dalla quarantena

20.01.2021 ore 16:41
Variante inglese in Svizzera da ottobre

La cosiddetta variante inglese del coronavirus è apparsa per la prima volta in Svizzera in ottobre, nel canton Vaud. Finora le autorità avevano ipotizzato una prima comparsa di questa variante del virus all’inizio di dicembre sulla base di campioni di acque reflue.

20.01.2021 ore 16:32
Impennata dei contagi in Portogallo

Le autorità portoghesi hanno segnalato mercoledì 14’647 nuovi contagi da coronavirus, un nuovo massimo quotidiano, facendo segnare un aumento del 40% rispetto a martedì. Il Paese di 10 milioni di abitanti ha registrato 581’605 casi confermati dall’inizio della pandemia.

20.01.2021 ore 16:14
Scuola di Morbio Inferiore: altri 11 casi sospetti di variante

L’indagine ambientale avviata a seguito del focolaio di coronavirus all’interno della scuola media di Morbio Inferiore ha rilevato a oggi, su oltre 460 persone testate, altri 25 casi positivi, di cui 11 verosimilmente riconducibili alla variante inglese del virus. Lo ha comunicato in una nota il Dipartimento della sanità e socialità del canton Ticino. L’Ufficio del medico cantonale, d’intesa con il DECS, domenica ha posto in quarantena allievi e docenti della scuola dopo aver ricevuto conferma di due casi di variante inglese sui 13 constatati dalla riapertura dopo le vacanze di Natale.

Complessivamente, dal 7 gennaio a oggi, i casi positivi fra allievi e docenti della scuola media di Morbio sono quindi 39. I contatti stretti di questi casi sono stati posti in quarantena dal servizio di contact tracing, che ha proposto loro di sottoporsi a un test nei prossimi giorni.

Medie di Morbio, altri 25 contagi

Le indagini sul focolaio scoppiato nell'istituto scolastico in quarantena da domenica hanno fatto emergere ulteriori 11 sospetti casi di variante inglese

20.01.2021 ore 16:06
L'incidenza scende rapidamente

La riduzione dei contagi quotidiani sta rapidamente facendo calare l’attuale incidenza del coronavirus, misurata considerando i nuovi casi registrati negli ultimi 14 giorni su 100’000 abitanti, un po’ in tutta la Svizzera. Attualmente il tasso nazionale si situa a 374,1 casi. Sopra i 500 ci sono unicamente Glarona e Giura. La discesa più marcata negli ultimi giorni si è registrata in Ticino che in brevissimo ha visto il proprio dato scendere da 630 a 460.

20.01.2021 ore 16:04
Scuola elementare di Tesserete: una classe in quarantena

Una classe della scuola elementare di Tesserete è stata messa in quarantena da oggi fino al 28 gennaio. Lo riporta dil Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport sul proprio sito internet.

20.01.2021 ore 16:03
Il lockdown pesa sulla psiche dei giovani

Gli effetti del lockdown sulla salute mentale sono particolarmente marcati perle persone sotto i 30 anni e quelle con problemi psichiatrici preesistenti. È il risultato di uno studio condotto da diverse università con dati raccolti da 200’000 cittadini di Francia, Danimarca, Paesi Bassi e Regno Unito tra la primavera ed estate 2020. Nei quattro Paesi, i livelli maggiori di ansia e solitudine sono stati osservati tra marzo e l’inizio di aprile scorsi, per poi calare leggermente nei mesi successivi con le riaperture graduali.

20.01.2021 ore 15:16
19'000 operazioni rimandate in Svizzera

Dallo scorso mese di novembre circa 19’000 persone in Svizzera hanno dovuto rinviare un intervento medico a causa della seconda ondata pandemica. I reparti di terapia intensiva hanno raggiunto i loro limiti e non dovrebbero tornare alla normalità prima del 10 febbraio. Le unità di cure intensive trattano in genere circa 600 pazienti, ma da novembre questa media è stata superata fino a raggiungere quota 865, indica la task force Covid-19 della Confederazione in un rapporto pubblicato mercoledì. In tal modo è stato oltrepassato il numero di letti per terapia intensiva certificati con una qualità di cure garantita. Secondo le conclusioni di questo stesso rapporto, inoltre, gli ospedali operano al limite delle loro capacità da diversi mesi.

20.01.2021 ore 14:53
Iniziate le vaccinazioni nei comuni ticinesi

La seconda fase della campagna di vaccinazione contro il Covid-19 è entrata nel vivo in Ticino, con l’avvio – oggi, mercoledì – delle vaccinazioni di prossimità nei comuni. Agnese e Patrizio Frusetta, 83 e 87 anni, sono stati i primi, ad Acquarossa, in un centro adibito ad hoc, a ricevere il preparato dell’azienda Moderna.

20.01.2021 ore 14:43
Venerdì a Bellinzona apre il centro di vaccinazione

Nell’ambito della campagna di vaccinazione anti Covid-19, la Città di Bellinzona ha allestito un centro di prossimità per accogliere in una prima fase i cittadini con più di 80 anni (nati nel 1940 o prima) e gli eventuali coniugi o conviventi over 75 che devono sottoporsi alla vaccinazione e che non lo hanno ancora fatto nei centri cantonali di Rivera, Tesserete e Ascona. A partire da venerdì 22 gennaio l’aula magna delle Scuole Nord di Bellinzona accoglierà gli anziani che si sono annunciati negli scorsi giorni e che sono stati ricontattati telefonicamente dall’Amministrazione comunale per ricevere un appuntamento, si legge in una nota diramata oggi dal Municipio. Gli anziani che rientrano nella fascia d’età aperta al vaccino ma che non si sono ancora annunciati, possono chiamare gli sportelli di Quartiere e saranno inserito nella lista in attesa delle successive forniture del preparato.

20.01.2021 ore 14:36
Vaticano, vaccini per i senzatetto

Il Vaticano ha cominciato mercoledì la sua campagna di vaccinazioni anti-coronavirus per i senzatetto. Il primo a beneficiarne è stato un gruppo di 25 persone e nei prossimi giorni sarà il turno di altri residenti degli spazi messi a disposizione dalla Santa Sede per chi non ha una fissa dimora. La campagna di vaccinazione nel piccolo Stato è cominciata una settimana fa per i suoi residenti e gli impiegati. Tra i primi a farsi iniettare il siero, papa Francesco e il suo predecessore Benedetto XVI.

20.01.2021 ore 14:08
Coprifuoco in Olanda

Il Governo olandese annuncerà a breve una stretta delle misure per contrastare la pandemia da coronavirus con un coprifuoco a partire da giovedì. Si tratta del primo coprifuoco a livello nazionale dalla seconda Guerra mondiale. Lo riferiscono i media locali tra cui l’emittente RTL. Alcune fonti, scrive dal canto suo il portale Dutch News, hanno riferito che i ministri stanno discutendo sulla misura che dovrebbe partire dalle 20.30 fino alle 4.30 del mattino. Sul tavolo anche nuove restrizioni alle visite domiciliari, altre limitazioni al numero di persone che possono presenziare ai funerali e un potenziale divieto per i voli in provenienza dalla Gran Bretagna e dal Sud Africa, dove sono stati identificati per la prima volta i nuovi ceppi del virus, molto più contagiosi.

20.01.2021 ore 14:05
Lavoro ridotto, Berna lo estende agli apprendisti e abolisce il periodo d’attesa

Il Consiglio federale ha adottato oggi nuove misure a beneficio delle persone colpite dal lavoro ridotto. In particolare l’abolizione del periodo di attesa e l’estensione dei beneficiari agli apprendisti.


Le nuove norme, contenute nella riveduta Ordinanza COVID-19 assicurazione contro la disoccupazione, entrano in vigore domani. Sono basate sulla legge COVID-19 recentemente adottata dal Parlamento (e contro la quale è stato promosso il referendum, ndr). Tra le novità figura la soppressione, fino al 31 marzo e retroattivamente dal 1° settembre, del periodo di attesa per la riscossione delle indennità per lavoro ridotto (ILR). La modifica retroattiva non richiede alcun intervento da parte dei datori di lavoro: l’assicurazione contro la disoccupazione adeguerà i conteggi e verserà la differenza.


Altra misura adottata oggi: è stata abolita la durata massima di riscossione delle ILR di quattro periodi di conteggio in caso di perdita di lavoro superiore all’85% (retroattivamente dal 1° marzo 2020 e fino al 31 marzo 2021). Il governo ha poi deciso di estendere il diritto alle indennità per lavoro ridotto anche ai dipendenti con un contratto a tempo determinato. In questo modo anche gli apprendisti delle aziende che hanno dovuto chiudere per ordine delle autorità potranno beneficiarne.

Più aiuti per il lavoro ridotto

Abolito il periodo di attesa - Anche gli apprendisti potranno beneficiarne

20.01.2021 ore 13:43
Svizzera, 2'727 nuovi casi e 70 morti

Nelle ultime 24 ore sono stati resgistrati 2’727 nuovi contagi da coronavirus in Svizzera (totale dall’inizio della pandemia: 504’918) e 70 decessi ad esso legati (totale: 8’236). Sono inoltre state ospedalizzate 137 persone. Attualmente si trovano in isolamento 26’948 persone e 17’722 in quarantena.

20.01.2021 ore 13:27
"Le scuole non vanno chiuse"

I direttori cantonali dell’educazione e la task force scientifica del Consiglio federale sconsigliano una chiusura su larga scala delle scuole in Svizzera. Il Dipartimento dell’interno diretto da Alain Berset sta studiando possibili scenari per gli istituti di grado secondario, da attuare nel caso di un peggioramento della situazione. “Con le misure già attuate, si è potuto evitare grandi focolai negli istituti scolastici”, si legge in una nota diffusa oggi, mercoledì, ma tutti gli attori del settore sono d’accordo sul fatto che un’ulteriore diffusione delle varianti mutate, già responsabili di quarantene per intere sedi come quella delle medie di Morbio Inferiore, potrebbero rendersi necessarie. Solo se davvero si rendesse inevitabile, tuttavia, si accetteranno gli svantaggi che l’insegnamento a distanza comporta per la qualità dell’istruzione.

20.01.2021 ore 12:46
"La chiusura delle frontiere non ha senso"

“La chiusura a tappeto delle frontiere in questa situazione non ha senso, ostacola il funzionamento del mercato interno e non è così efficace come le misure mirate”. Lo ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen parlando al Parlamento europeo. “Abbiamo bisogno di un approccio comune, test, tracciamenti, viaggi e frontiere”.

20.01.2021 ore 12:43
Il commercio internazionale elvetico sta bene

L’impatto sull’economia e sul commercio internazionale delle misure adottate su scala mondiale per contenere l’epidemia di Covid-19 suscita preoccupazione. Nonostante la gravità della situazione, però, la Svizzera ha finora gestito bene la crisi dal punto di vista economico, sottolinea il Consiglio federale adottando mercoledì un rapporto in materia. Il rapporto sulla politica economica esterna 2020 quest’anno si concentra sulle conseguenze della pandemia, indica un comunicato governativo. I provvedimenti anti-coronavirus hanno avuto una notevole influenza, ma le misure adottate da Confederazione, Cantoni e Comuni a sostegno dell’economia interna hanno impedito un crollo ancora più massiccio.

20.01.2021 ore 12:37
FFS e sindacati: accordo per risparmi sul personale

La situazione finanziaria delle Ferrovie federali è molto critica a causa della pandemia. Sindacati e FFS si sono accordati dopo 4 mesi di trattative su misure di riduzione dei costi che toccano anche il personale, in un contesto segnato dal coronavirus in seguito al quale lo scorso anno la Confederazione ha aumentato il limite di credito a breve termine di 550 milioni, a copertura delle carenze di liquidità. Per misure salariali individuali destinate ai lavoratori nei livelli inferiori del CCL sarà utilizzato lo 0,3% della massa salariale invece dello 0,9%, non sarà pagata nel 2021 una quota di prestazioni uniche e i collaboratori in regime di contratto collettivo almeno dal 1° luglio 2020 e fino al 31 maggio 2021 riceveranno un premio straordinario una tantum di 200 franchi. Si rinuncia, infine, alla cancellazione di giorni di ferie per l’anno in corso

20.01.2021 ore 12:36
Francia, ristoranti chiusi fino a Pasqua

Stando a informazioni che non hanno ancora trovato conferme ufficiali, ristoranti, bistrot e brasserie francesi potrebbero rimanere chiusi almeno fino a Pasqua. Lo riporta il settimanale Le Point. L’ipotesi di riapertura “più ottimistica”, precisa il giornale, dovrebbe essere fissata per il 6 aprile. Per quanto riguarda invece i bar, viene evocato un possibile rinvio dell’apertura a inizio giugno.

20.01.2021 ore 12:20
Oltre 50 milioni di vaccini già somministrati, Israele in testa

Sono, ad oggi, oltre 50 milioni le dosi di vaccino anti-coronavirus somministrate in tutto il mondo stando a un conteggio effettuato dall’agenzia AFP. Più precisamente, secondo gli ultimi dati raccolti da AFP, 51’285’801 vaccini sono stati somministrati in 61 Paesi. Di questi, Israele è quello più coperto: il 26,1% della sua popolazione ha già ricevuto almeno una dose (il 6,2% anche la seconda). A livello di volume, sono gli USA a farla da padrone: 17,7 milioni di dosi (il 4,1% della popolazione). Segue il Regno Unito: 4,7 milioni di vaccini (6,3% della popolazione).

20.01.2021 ore 12:07
L'India regala vaccini ai vicini

L’India ha spedito mercoledì alle Maldive a al Bhutan decine di migliaia di dosi del vaccino Covidshield sviluppato da AstraZeneca-Oxford e prodotto dal Serum Institute of India (SII). Il Governo indiano ha dichiarato che 100’000 dosi di siero sarebbero state regalate alle Maldive e 150’000 al Bhutan questo mercoledì. L’India ha promesso di regalare ai suoi vicini une ventina di milioni di dosi, stando a quanto scritto dall’agenzia Bloomberg la scorsa settimana. Il SII è il più grande fabbricante di vaccini al mondo. Sri Lanka, Afghanistan, Mauritius, Brasile e Africa del Sud sono in prossimi in lista d’attesa per le forniture del siero di AstraZeneca

20.01.2021 ore 11:53
Danimarca, campagna di vaccinazione rallentata

I ritardi nelle forniture del vaccino di Pfizer-BioNTech costringono anche i danesi a rivedere gli obiettivi di vaccinazione: “La Danimarca sarà in grado di praticare nel primo trimestre circa 85-100’000 vaccinazioni in meno rispetto a quanto inizialmente pianificato, il che corrisponde a 42-50’000 danesi vaccinati in meno”, ha affermato in una nota l’Agenzia danese per il controllo delle malattie infettive.

20.01.2021 ore 11:28
Ritardi di Pfizer, stop alle vaccinazioni nel Nordreno-Westfalia

Il Nordreno-Westfalia interrompe le vaccinazioni per 10 giorni per mancanza di dosi del vaccino di Pfizer-BioNTech: lo ha confermato il ministero della Salute del Land tedesco, stando a quanto riferito dall’agenzia di stampa tedesca DPA.

20.01.2021 ore 11:08
Russia, 21'152 contagi e 597 decessi

Le autorità sanitarie russe hanno registrato 21’152 nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore (di questi, 2’452 nella capitale Mosca). Sono inoltre 597 le persone che hanno perso la vita a causa del virus. I totali nel Paese salgono così a 3’633’952 infezioni e 67’220 decessi dall’inizio della pandemia.

20.01.2021 ore 11:05
Variante inglese a Pechino

I primi casi della variante inglese del coronavirus (più infettiva) sono stati individuati a Pechino. Lo hanno fatto sapere le autorità sanitarie cinesi.

20.01.2021 ore 10:58
Non hai la mascherina? Fai le flessioni

Diversi turisti stranieri, interpellati dalle forze dell’ordine di Bali perché non portavano la mascherina, hanno dovuto fare delle flessioni come “multa” per non aver rispettato la regola. Sull’isola è obbligatorio indossare la mascherina in tutti i luoghi pubblici. Chi viene pizzicato senza mascherina deve pagare una multa di 100’000 rupie (circa 7 franchi). Se però la persona in questione non è in possesso di contanti al momento dei fatti, la multa viene tramutata in flessioni: 50 per chi non indossa la mascherina e 15 per chi la indossa in maniera non conforme.

20.01.2021 ore 10:56
Si riduce la pressione sugli ospedali Covid-19 in Ticino

In Ticino prosegue il trend positivo sulle ospedalizzazioni che, con i 27 pazienti dimessi nelle ultime 24 ore, a fronte di 7 ricoveri, porta il totale dei ricoverati per Covid-19 (232) sotto la soglia dei 250, non succedeva dallo scorso 11 novembre.


Il picco di ospedalizzazioni durante la seconda ondata, finora, è stato raggiunto lo scorso 4 gennaio, quando il numero ha toccato le 388 unità. Durane la prima ondata si era invece sforata pure la quota di 400, con 415 pazienti ricoverati per Covid-19 al 30 marzo.


Confermata pure la minore pressione sui reparti di cure intense, che accolgono al momento 32 pazienti, sempre in calo dallo scorso 12 gennaio, quando è stato toccato il picco della seconda ondata con 55 pazienti. Durante la prima ondata si erano raggiunti i 76 ricoveri intensivi il primo aprile.

20.01.2021 ore 10:46
Case per anziani, un contagio e 2 decessi

Nelle ultime 24 ore nelle case per anziani del canton Ticino è stato registrato un nuovo caso di coronavirus e due persone sono morte. Attualmente sono 106 i residenti positivi al Covid-19 in 17 strutture. Otto, invece, quelli che sono stati dichiarati guariti dalla malattia.

20.01.2021 ore 10:29
Svizzera, il 4% delle nuove infezioni sono varianti più infettive

Stando alla taskforce elvetica Covid-19, la proporzione delle nuove varianti del coronavirus (britannica e sudafricana) rispetto alla variante più diffusa a livello globale è aumentata in maniera regolare dal momento in cui sono state individuate per la prima volta nella settimana del 14 dicembre 2020. Rappresentano in media il 4% di tutti i nuovi casi e sono molto più infettive.

20.01.2021 ore 10:10
Ticino, 114 contagi e 4 decessi

Sono 114 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore in Ticino, in aumento rispetto a martedì (totale: 26’269). Quattro persone sono inoltre morte a causa del virus (totale: 899). Sette persone sono state ricoverate negli ospedali del cantone, mentre 27 pazienti sono stati dimessi.

20.01.2021 ore 09:33
Grigioni, i ritardi di Pfizer influiscono sul piano di vaccinazioni

I ritardi di fornitura del vaccino da parte della casa farmaceutica Pfizer influiscono sul piano grigionese delle vaccinazioni: delle 3’000 dosi di vaccino pattuite, il 18 gennaio l’Ufficio dell’igiene pubblica ne ha ricevute solo 1’000. Le seconde dosi per chi ha già ricevuto le prime sono comunque assicurate. Oltre al vaccino prodotto da Pfizer, si può leggere sul sito del Cantone, “il centro di vaccinazione di Coira (ubicazione Kreuzspital) verrà rifornito anche con il vaccino di Moderna. Ne consegue che gli altri centri di vaccinazione e di test potranno contare su quantità inferiori del vaccino di Moderna e quindi ci saranno ulteriori ritardi in relazione agli appuntamenti per le vaccinazioni”.

“A seguito della disponibilità limitata del vaccino saranno vaccinate esclusivamente persone appartenenti a determinati gruppi target, a norma della raccomandazione di vaccinazione della Commissione federale per le vaccinazioni. Si tratta innanzitutto delle persone a partire dai 75 anni nonché degli adulti affetti da gravi malattie croniche”.

PP 12.00 del 20.01.2021 La corrispondenza di Roberto Scolla
20.01.2021 ore 08:08
Svizzera e varianti a scuola, allo studio nuove misure

Continua ad allungarsi l’elenco degli istituti scolastici elvetici costretti a fare i conti con una serie di casi di coronavirus mutato, così come si moltiplicano le reazioni delle autorità cantonali. Da oggi, per esempio, nelle strutture di Basilea Campagna portare la mascherina sarà obbligatorio dai 10 anni e non più dai 12.

Nel frattempo gli esperti della Confederazione esaminano nuovi provvedimenti per contenere la diffusione delle varianti del virus, come noto più contagiose.


Ascolta il servizio da Berna di Anna Riva.

RG 8.00 del 20.01.2021 - Il servizio di Anna Riva
20.01.2021 ore 07:47
Olimpiadi forse senza pubblico

I responsabili dei giochi olimpici di Tokyo 2020, rimandati all’estate 2021 causa pandemia, si sono detti “inflessibili” riguardo alle nuove date in programma: lo ha dichiarato il direttore del comitato organizzativo Toshiro Muto all’agenzia AFP. Muto non ha però escluso lo svolgimento dei giochi senza la presenza del pubblico. Eppure, a fronte di un numero record di contagi, gran parte del territorio giapponese si trova in stato d’emergenza e secondo un recente sondaggio l’80% della popolazione nipponica si dice poco favorevole all’organizzazione dei giochi, preferendone un nuovo rinvio o addirittura l’annullamento.

20.01.2021 ore 07:40
Il virus fa bene a Netflix

Netflix ha chiuso il quarto trimestre del 2020 con 8,51 milioni di nuovi abbonati, che portano il totale degli utilizzatori a 203,7 milioni. Grazie a questo balzo, i titoli a Wall Street del colosso dello streaming a pagamento guadagnano oltre il 10,4%. Negli ultimi tre mesi dello scorso anno i ricavi di Netflix sono saliti a 6,64 miliardi di dollari (nel 2019 erano 5,45). Nel corso dell’intero 2020, grazie ai lockdown introdotti a livello globale, si sono abbonate al servizio 37 milioni di persone in più. “Stiamo diventando sempre più una società globale con l’83% dei nuovi abbonati del 2020 che provengono da fuori dall’area” Stati Uniti e Canada, afferma Netflix in una nota.

20.01.2021 ore 07:33
Variante britannica in 60 Paesi

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha fatto sapere che la variante britannica del virus è presente in almeno 60 Paesi, ossia 10 in più rispetto al 12 gennaio. La variante sudafricana, anch’essa altamente contagiosa, si diffonde più lentamente ed è per ora stata individuata in 23 Paesi (il 12 gennaio erano 20).

20.01.2021 ore 07:24
Germania, quasi 16'000 nuovi contagi

L’istituto tedesco per le malattie infettive ha registrato 15’974 nuovi casi di coronavirus, che portano il totale dall’inizio della pandemia a 2’068’002. A causa del virus sono inoltre morte 1’148 persone (totale: 48’770).

20.01.2021 ore 07:05
Cina, a sud di Pechino 1,7 milioni di persone in lockdown

Pechino ha imposto il lockdown a 1,7 milioni di persone nel distretto di Daxing, a sud della capitale dove si trova il nuovo aeroporto, dopo che sono stati trovati sei casi di coronavirus per un totale nella città salito a quota 15.


Pechino ha anche esteso a 28 giorni il periodo di restrizioni a chiunque arrivi dall’estero, di cui 14 di quarantena in strutture centralizzate.

20.01.2021 ore 07:03
Grigioni: 64 nuovi contagi e nessun nuovo decesso

Sono 64 i nuovi casi di contagio registrati nel canton Grigioni, mentre non è stato segnalato alcun nuovo decesso legato al Covid-19. Le ospedalizzazioni sono invece leggermente cresciute: le persone ricoverate sono sempre 42, 3 in più del giorno precedente. Di queste 11 sono ricoverate in cure intense (+1 rispetto al giorno prima). Ieri le autorità retiche avevano comunicato 61 nuovi casi e nessun morto.


In tutto il Cantone al momento ci sono 546 persone in quarantena, mentre 447 sono in isolamento perché positivi.

20.01.2021 ore 07:02
Wengen, 90 militi in quarantena per la variante inglese

A causa della cosiddetta variante britannica del coronavirus, rilevata nel tampone di un militare, è stata imposta la quarantena a una novantina di militi. In vista dello spostamento previsto di parti della compagnia 2 del battaglione di carabinieri 14, da Wengen (BE) a Crans-Montana (VS), dove avrebbero dovuto fornire supporto alla gara di Coppa del mondo di sci, i militari sono stati sottoposti preventivamente al test del coronavirus. Proprio così è stato scoperto il caso positivo, si legge in un comunicato odierno dell’Aggruppamento Difesa.


La quarantena durerà dieci giorni e verrà sospesa solo dopo due test negativi. Le disposizioni per la variante inglese prevedono che in caso di risultato positivo da parte di un militare, tutti i contatti dei contatti vengano messi in quarantena.

20.01.2021 ore 07:00
Germania, prolungato il lockdown fino al 14 febbraio

In Germania, governo federale e Länder hanno deciso di prolungare almeno fino al 14 febbraio il confinamento in corso. Rimarranno chiuse le scuole e la gran parte di negozi e servizi non essenziali, quali: palestre, cinema e teatri.

Fra le nuove misure, anche regole più stringenti sulle mascherine -sui trasporti pubblici e nei negozi sono obbligatorie quelle FFP2 o quelle chirurgiche - e l’obbligo del telelavoro in tutti i casi in cui sia possibile.

I dettagli nella corrispondenza di Walter Rauhe

RG 07.00 del 20.01.2021 La corrispondenza di Walter Rauhe