Si potrà capire la presenza delle varianti, ma non immediatamente quali
Si potrà capire la presenza delle varianti, ma non immediatamente quali Archivio TI-Press
Momenti chiave
19.01.2021 ore 20:50
19.01.2021 ore 17:52
19.01.2021 ore 17:21
19.01.2021 ore 17:20
19.01.2021 ore 15:23
19.01.2021 ore 15:08
19.01.2021 ore 13:53
19.01.2021 ore 13:41
19.01.2021 ore 11:43
19.01.2021 ore 10:54
19.01.2021 ore 10:23
19.01.2021 ore 06:57

Ticino, varianti studiate "in casa"

Il laboratorio EOC si è attrezzato per l'individuazione delle mutazioni - 61 nuovi casi e nessun decesso nei Grigioni, 86 contagi e 7 decessi in Ticino
martedì 19 gennaio 2021 06:55

“Nel corso delle prossime settimane avremo una fotografia molto chiara delle varianti presenti in Ticino”. Ad affermarlo questa mattina ai microfoni di Modem è Enos Bernasconi, caposervizio malattie infettive dall’Ospedale regionale di Lugano, pur puntualizzando che non sarà possibile dire subito con sicurezza di che variante si tratta, perché dopo aver fatto lo screening che individua la mutazione bisogna fare la sequenza per identificare con precisione il tipo. Finora ci si è appoggiati ai laboratori di riferimento di Ginevra e in parte Basilea, ma “si spera di fare progressi nel nostro laboratorio in modo da poter fare questo tipo di analisi anche da noi" ha detto ancora Bernasconi.

Per quanto riguarda i casi di variante confermati in Ticino, al momento sono 8, 9 o 10, ha fatto sapere il medico cantonale, Giorgio Merlani.

Il presidente americano Donald Trump ha deciso di revocare le limitazioni di ingresso negli Stati Uniti per i viaggiatori provenienti dall'area Schengen, dalla Gran Bretagna, dalla repubblica irlandese e dal Brasile a partire dal 26 gennaio. Il bando era stato introdotto a marzo 2020. Restano invece le limitazioni per Cina e Iran. Dal 26 gennaio tutti i passeggeri che arrivano da Paesi stranieri dovranno avere la prova di un test negativo al Covid-19 o la documentazione attestante la guarigione. Il presidente eletto Joe Biden però, ha già fatto sapere che intende reintrodurre le limitazioni poiché ritiene prematuro allentarle.

La cronaca della giornata di ieri

E nel giorno in cui St. Moritz si appresta a testare tutta la popolazione, dopo la scoperta di alcuni casi di variante sudafricana in due alberghi di lusso, le autorità retiche mar hanno annunciato 61 i nuovi casi di contagio nelle ultime 24 ore, mentre non è stato segnalato alcun nuovo decesso legato al Covid-19. In Ticino vi sono invece stati altri 7 morti e 86 positività al covornavirus.

I dati sempre aggiornati

di Dario Lanfranconi, Elena Boromeo, Marija Milanovic e Diego Moles

19.01.2021 ore 22:42
Brasile: 62'094 contagi e 1'192 vittime

Sono 62’094 I casi di coronavirus registrati martedì in Brasile, dove si segnalano anche altre 1192 vittime.

19.01.2021 ore 21:29
Passamontagna anti-covid, occhio al modello

Sulle piste da sci vige l’obbligo della mascherina e come alternativa, molti hanno scelto il passamontagna dotato di filtro anti-covid. I colleghi svizzero-tedeschi di Kassen-sturz hanno testato 7 modelli. E il risultato non è incoraggiante...

19.01.2021: Passamontagna anticovid: attenzione al modello
19.01.2021 ore 20:50
Superati i 400'000 morti negli USA

Gli Stati Uniti hanno superato i 400’000 morti a causa del Covid-19. È’ quanto emerge dai dati della Johns Hopkins University.

19.01.2021 ore 20:39
In arrivo una mascherina per sportivi

La ministra dello Sport francese, Roxana Maracineanu, ha annunciato stasera un progetto che consentirà la ripresa dell’attività sportiva nelle palestre e nei luoghi chiusi nonostante la pandemia. Sono in preparazione, ha detto ai microfoni di Rtl, “mascherine sportive” con un marchio che consentirà a chi le indossa di praticare attività al chiuso. “Lo sport - ha detto la ministra - ha subito un forte impatto perché non può rispettare le distanze di sicurezza imposte dalla crisi. Con queste mascherine sportive, che stiamo per mettere a norma, speriamo di poter ristabilire questo equilibrio fra lo sport, essenziale per la salute dei francesi, e queste precauzioni che si devono prendere a causa della crisi”

19.01.2021 ore 19:42
Francia: 23'608 contagi e 656 vittime

Sono 23’608 I casi di coronavirus registrati martedì in Francia, dove si segnalano anche altre 656 vittime. Scende invece il numero delle ospedalizzazioni che si attesta a 25’567 (-52), mentre cresce quello dei ricoveri in cure intense che raggiunge quota 2’839 (+26).

19.01.2021 ore 19:32
Israele estende il lockdown fino al 31 gennaio

Il governo israeliano ha deciso all’unanimità di estendere l’attuale lockdown fino al 31 gennaio. La scelta è arrivata al termine di una lunga riunione dell’esecutivo a fronte dei nuovi picchi di infezione che nelle ultime 24 ore hanno superato le 10mila unità. Al tempo stesso è stato introdotto anche l’obbligo del tampone negativo entro le 72 ore precedenti per chi arriva in Israele.

19.01.2021 ore 17:54
Calano le distanze percorse in Svizzera

In queste prime settimane di gennaio, la distanza percorsa dai pendolari sui trasporti pubblici è diminuita dell’80% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, quando la pandemia di coronavirus non si era ancora sviluppata. Per gli automobilisti, i chilometri sono scesi di un sesto. Lo indica il monitoraggio della mobilità pubblicato oggi dall’istituto di ricerca Intervista. In media, la scorsa settimana gli svizzeri hanno percorso giornalmente 30 chilometri. Un dato uguale a quello misurato a novembre e dicembre. La scorsa estate, quando il numero di nuove infezioni da covid-19 era quasi stato azzerato, la distanza era pari a 45 chilometri al giorno.

19.01.2021 ore 17:53
Triste primato di decessi nel Regno Unito

Nuovo record assoluto di 1’610 morti per Covid (contro i circa 600 conteggiati ieri) nel Regno Unito, alle prese con una variante più aggressiva del virus che il lockdown nazionale sta solo lentamente frenando. Lo certificano i dati governativi diffusi oggi, che includono peraltro un recupero statistico di alcuni dati raccolti in ritardo nel weekend. I nuovi contagi giornalieri sono scesi invece a 33’355, contro i 37’535 di ieri. Il totale dei decessi ufficiali - conteggiati includendo chi è morto dall’inizio della pandemia entro 28 giorni dal primo test positivo da coronavirus - supera ora nel Paese quota 91’000.

19.01.2021 ore 17:52
Numeri stabili in Italia

Sono 10’497 i test (molecolari e antigenici) positivi al coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. I decessi sono 603. Ieri i positivi erano stati 8’824 e i morti 377.

19.01.2021 ore 17:24
Si infetta in Svizzera e ne mette 5'000 in quarantena in Belgio

Rientrata in Belgio con il coronavirus da una vacanza in Svizzera, una donna che non ha rispettato i provvedimenti delle autorità ha fatto chiudere due scuole e fatto finire circa 5’000 persone in quarantena. Il fatto è accaduto a Edegem, nelle Fiandre, poco lontano da Anversa. La donna sarebbe risultata positiva alla variante britannica del coronavirus dopo aver trascorso qualche giorno di vacanza sulla neve in Svizzera durante le festività natalizie, indica oggi l’emittente belga RTBF. Al suo ritorno in Belgio, invece di effettuare una quarantena come prevedono le autorità di Bruxelles, la donna è andata a prendere la figlia che si trovava dall’ex marito.

19.01.2021 ore 17:21
Vaccinazioni al via nei comuni

Iniziata una nuova fase della campagna in Ticino grazie all’arrivo del preparato di Moderna. Nell’articolo il riassunto di quanto emerso dall’infopoint di Bellinzona.

Vaccinazioni al via nei comuni

Iniziata una nuova fase della campagna in Ticino grazie all'arrivo del preparato di Moderna

19.01.2021 ore 17:20
Varianti, 388 casi in Svizzera

Accertati finora in Svizzera 388 contagi da varianti. E in larga prevalenza si tratta della variante britannica.

Covid, mutazioni che inquietano

Accertati finora in Svizzera 388 casi. E in larga prevalenza si tratta della variante britannica

19.01.2021 ore 16:21
Test del coronavirus per tutti gli allievi del Moesano

La campagna di test a tappeto avviato nei Grigioni domani raggiungerà le scuole del Moesano dove tutte le sedi saranno coinvolte entro venerdì sera. Il test non è obbligatorio ma vivamente raccomandato nell’ambito della politica adottata a livello cantonale per interrompere al più presto le catene di contagio.

Gli alunni delle elementari (così come i docenti e il resto del personale) saranno sottoposti ad un nuovo test della saliva PCR che non richiede il tampone. Alle scuole secondarie e di avviamento il test sarà invece doppio in quanto personale specializzato eseguirà anche un test antigenico rapido che permetterà di verificare ulteriormente nella pratica la validità del test salivare finora utilizzato solo nelle scuole di Malans e Schiers.

Via alle vaccinazioni nelle case per anziani

Giovedì nel Moesano proseguiranno anche le vaccinazioni nelle case per anziani iniziate mercoledì a Mesocco e Roveredo. Le inoculazioni per gli over 75 al centro regionale allestito presso l’ACAM a Cama prenderanno invece il via lunedì prossimo, 25 gennaio.

19.01.2021 ore 16:03
UE: "Vaccinare il 70% degli adulti entro l'estate"

“L’UE chiede agli Stati membri di vaccinare l’80% degli operatori sanitari e gli ultraottantenni entro marzo, ed il 70% degli adulti entro l’estate”. Lo spiega il vicepresidente della Commissione UE, Margaritis Schinas, presentando la nuova comunicazione pubblicata dall’Esecutivo comunitario per “battere uniti il Covid-19”, in vista della videoconferenza dei leader di giovedì.

19.01.2021 ore 15:59
Nuove regole per accedere agli sportelli del Dipartimento delle istituzioni

Il Dipartimento delle istituzioni, tenuto conto della situazione epidemiologica particolare e della necessità di garantire una migliore lotta alla diffusione del virus nonché una maggiore tutela della salute pubblica, informa che a partire da mercoledì 20 gennaio 2021 tutti gli sportelli accessibili all’utenza che fanno riferimento al DI continueranno a essere aperti, ma solo su appuntamento. La misura resterà in vigore almeno sino al 5 febbraio 2021. La misura riguarda gli uffici dei registri, l’ufficio del registro fondiario federale, l’ufficio del registro di commercio, l’autorità di prima istanza LAFE, gli uffici di esecuzione, gli uffici dei fallimenti, l’ufficio dell’incasso e delle pene alternative e dell’Ufficio dello stato civile della Sezione della popolazione.

19.01.2021 ore 15:52
Lockdown fino al 15 febbraio in Germania

Lo Stato e i Länder tedeschi si sono accordati sul prolungamento del lockdown in Germania fino al 14 febbraio. Lo scrive la Dpa. Restano chiuse gastronomia, negozi al dettaglio e attività del tempo libero.

19.01.2021 ore 15:45
ProSenectute invita gli over 50 a farsi vaccinare

Pro Senectute invita tutte le persone a partire dai 50 anni d’età a vaccinarsi il prima possibile contro il Covid-19. In questo modo, in particolare i più anziani, potranno preservare la loro salute, fornire un contributo all’economia e dimostrarsi solidari a livello intergenerazionale, scrive l’ente in un comunicato diffuso martedì. Gli ultra 50enni non proteggono solo sé stessi e i gruppi vulnerabili, ma anche le persone con cui entrano in contatto quotidianamente, come i famigliari più stretti e il personale sanitario, spiega la più grande organizzazione svizzera specializzata nelle questioni relative alla vecchiaia.

19.01.2021 ore 15:33
Da aprile abbastanza vaccini per tutta la popolazione ticinese

Da aprile ci saranno abbastanza vaccini per tutta la popolazione ticinese, e non più solo per determinate fasce d’età, ha fatto sapere il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini. I malati cronici potrebbero, quanto a loro, essere già vaccinati nel corso del mese di febbraio.

19.01.2021 ore 15:23
Somministrate 9'530 dosi in Ticino

In Ticino fino ad oggi sono state somministrate 9’530 dosi di vaccino e altre 1’170 sono state prenotate nei tre centri di Rivera, Ascona e Tesserete.

19.01.2021 ore 15:20
In arrivo in Ticino 14'000 dosi del vaccino di Moderna

A fine mese arriveranno in Ticino circa 14’200 dosi del vaccino di Moderna, la cui conservazione e gestione è più facile del vaccino di Pfeizer, che necessita una temperatura di -70 gradi.

19.01.2021 ore 15:14
Scuole, possibilità per un rafforzamento delle misure

In che misura potrebbero essere potenziati nelle scuole i provvedimenti preventivi contro il coronavirus? “Le attuali misure devono anzitutto essere rispettate”, ha sottolineato Virginie Masserey dell’UFSP in conferenza stampa a Berna, aggiungendo che all’occorrenza potrebbe anche essere possibile un minor numero di scolari nelle aule al fine di ridurre i rischi d’infezione. Quanto alla possibilità di estendere a tutta la Svizzera la misura disposta oggi da Basilea Campagna, che ha introdotto l’obbligo delle mascherine per gli allievi dai 10 anni, Masserey ha osservato che finora la propagazione del virus nelle scuole è stata mantenuta sotto controllo. Tuttavia “monitoriamo la situazione”, ha aggiunto. E “reagiremo, se constateremo che una nuova variante del virus provocherà nelle scuole un maggior numero di infezioni”.

19.01.2021 ore 15:11
La media nazionale è tornata sotto i 2'000 contagi al giorno

La media dei nuovi contagi quotidiani in Svizzera (calcolata su base settimanale) è tornata di nuovo sotto i 2’000 casi giornalieri. Il doppio del massimo ragigunto nel corso della prima ondata pandemica la scorsa primavera, ma molto meno del picco raggiunto nel corso della seconda ondata. Il suo massimo era stato raggiunto all’inizio dello scorso novembre quando, dopo una crescita rapidissima, il coronavirus a livello nazionale infettava oltre 8’000 persone al giorno. Poi si è entrati in una fase di discesa piuttosto costante, ma lenta.

19.01.2021 ore 15:09
Obiettivo: vaccinare il più presto possibile

Franco Denti: l’obiettivo ora è vaccinare il più presto possibile tenuto conto delle contingenze dei vaccini e delle possibilità logistiche.

19.01.2021 ore 15:08
Vaccini in centri e studi adeguati

Alcuni dei medici che si sono messi a disposizione inizieranno già mercoledì a somministrare il vaccino in studi e centri adeguati.

19.01.2021 ore 15:04
209 medici a disposizione per le vaccinazioni

Il presidente dell’Ordine dei medici Franco Denti ha fatto sapere che attualmente 209 medici si sono messi a disposizione per occuparsi delle vaccinazioni.

19.01.2021 ore 15:02
Comuni e medici devono trovare una soluzione insieme

Il cantone è suddiviso in 32 comprensori con 111 comuni e per ogni comprensorio è stato designato un comune che dovrà coordinare le operazioni per trovare gli spazi e pianificare la campagna di vaccinazione di prossimità.

19.01.2021 ore 15:00
Marzio Della Santa: i comuni devono pianificare gli appuntamenti

Ai comuni si chiederà di pianificare gli appuntamenti, ha dichiarato martedì in conferenza stampa a Bellinzona il capo della sezione degli enti locali Marzio Della Santa. Si chiede loro inoltre di mettere a disposizione dei medici degli spazi adibiti alle vaccinazioni di prossimità.

19.01.2021 ore 14:57
"Gli over 80 si annunciano nei propri comuni"

Giovan Maria Zanini: i posti nei centri di vaccinazione sono esauriti. Da oggi c’è la possibilità di annunciarsi nel proprio comune ed entro la fine del mese l’offerta sul territorio sarà potenziata.

19.01.2021 ore 14:55
Vaccinazione di prossimità con il vaccino di Moderna

Giovan Maria Zanini: la vaccinazione di prossimità è possibile solo con il vaccino di Moderna, poiché la sua conservazione è più facile (non necessita i -70 gradi come quello di Pfeizer). Oggi sono arrivate 1’100 dosi di questo vaccino in 25 comuni ticinesi. Domani arriveranno anche negli altri comuni riceveranno il vaccino, per un totale: 3’600 dosi.

19.01.2021 ore 14:51
Oltre il 50% degli over 80 ha aderito alla campagna di vaccinazione

Fino ad oggi c’è stata un’adesione al vaccino dell’oltre 50% della popolazione degli over 80.

19.01.2021 ore 14:48
Al via la vaccinazione di prossimità

In conferenza stampa da Bellinzona il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini ha presentato una nuova tappa nella campagna di vaccinazione, ossia la vaccinazione di prossimità: chi non vuole o non può spostarsi in uno dei centri di vaccinazione (Rivera, Tesserete, Ascona) può vaccinarsi più vicino al proprio domicilio a partire da oggi, martedì.

19.01.2021 ore 14:47
Paesi vicini, non è in causa una chiusura delle frontiere

Una chiusura delle frontiere, in funzione del contenimento della pandemia, rappresenta una delle ipotesi attualmente in valutazione. Ma chiusure dei confini con gli Stati vicini alla Svizzera non sono attualmente in causa, ha precisato Virginie Masserey dell’UFSP in conferenza stampa a Berna, sottolineando che i viaggi nel Regno Unito, in Irlanda e in Sudafrica sono già vietati. “Stiamo anche riflettendo sull’opportunità di disporre dei divieti d’entrata e di uscita per altri Paesi”, ha aggiunto.

19.01.2021 ore 14:37
Le stazioni invernali rispettano le regole

Le stazioni invernali rispettano le regole e ciò è sotto controllo. Così Rudolf Hauri, presidente dell’associazione dei medici cantonali, rispondendo alla domanda di un giornalista sull’ipotesi di una loro chiusura. A detta di Hauri, che sul punto si è espresso nella conferenza stampa degli esperti federali in corso a Berna, i concetti di protezione nelle stazioni sciistiche stanno mostrando efficacia.

19.01.2021 ore 14:26
Vaccinazioni in corso in tutti i cantoni

“Le vaccinazioni sono già effettuate in tutti i cantoni”, ha dichiarato la vicedirettrice dell’UFSP Nora Kronig, rispondendo alla domanda di un giornalista durante la conferfenza stampa in corso a Berna sull’evoluzione della pandemia. “Il numero delle vaccinazioni aumenta ogni giorno e constatiamo che rimane ancora molto da ottimizzare”, ha aggiunto.

19.01.2021 ore 14:20
Praticate finora 110'000 vaccinazioni

Il dato registrato fino alla serata di ieri indica che sono 110’000 le vaccinazioni contro il coronavirus che sono state finora praticate in Svizzera. “I cantoni ne sono responsabili e sono stretti i contatti fra essi e l’UFSP”, ha dichiarato la vicedirettrice dell’ufficio federale Nora Kronig, nella conferenza stampa in corso a Berna

19.01.2021 ore 14:13
In Svizzera 388 casi di mutazione del virus

Sono attualmente 388 i casi di mutazione del coronavirus finora accertati in Svizzera. Quanto al tasso “R” di riproduzione del Covid-19, esso si attesta ora su scala nazionale a 0,81. Cionondimeno 4 cantoni presentano un tasso superiore a 1. Attualmente, ha aggiunto Virginie Masserey dell’UFSP durante la conferenza stampa in corso a Berna, “il 48% dei posti letto in intensiva sono occupati da pazienti affetti dal coronavirus”. Anche questo dato corrisponde ad una leggera diminuzione.

19.01.2021 ore 14:12
Si cercano le varianti anche in Ticino

Anche in Ticino è ora possibile identificare la mutazione che caratterizza le varianti di nuovo coronavirus. Il laboratorio dell’ente ospedaliero cantonale, EOLAB, si è attrezzato ed ha iniziato stamattina ad eseguire un test specifico, che permette di scoprire – in tempi relativamente brevi- se un caso di positività al Covid-19 è da ricondurre o meno a un virus mutato.

Il Ticino cerca le varianti

L’EOLAB ha iniziato le analisi specifiche per identificare la mutazione del nuovo coronavirus

19.01.2021 ore 14:12
Nuova variante del virus in California

Una nuova variante del virus Sars-CoV-2 è stata isolata in California, uno degli Stati americani più colpiti dalla pandemia. La notizia viene riportata da alcuni quotidiani USA, fra i quali anche il New York Times, che citano il Dipartimento della sanità pubblica. La nuova variante, chiamata L452R, sarebbe in circolazione da dicembre ed è stata identificata per la prima volta lo scorso mese di marzo in Danimarca. Dallo scorso dicembre la diffusione di questa nuova variante è aumentata dal 3,8% al 25,2%. Stando al genetista Charles Chiu, che ha coordinato il sequenziamento, la L452R, “ci sono segnali che potrebbe essere altamente trasmissibile”. Sono ora in corso ulteriori analisi per verificare se è in grado di sfuggire agli anticorpi, rendendo così i vaccini meno efficaci.

19.01.2021 ore 14:06
"Cifre in lieve calo, ma situazione sempre preoccupante"

“Stiamo constatando una leggera diminuzione delle cifre, ma la situazione è sempre preoccupante”. Così Virginie Masserey, responsabile per il controllo delle infezioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), nell’apertura della conferenza stampa a Berna degli esperti della Confederazione sugli ultimi sviluppi della pandemia in Svizzera.

19.01.2021 ore 14:03
Svizzera, in alcuni cantoni iscrizione online per il vaccino interrotta

A causa di problemi tecnici, l’iscrizione online per la vaccinazione contro il Covid-19 è interrotta da stamattina in alcuni cantoni che utilizzano la piattaforma informatica della Confederazione. Lo hanno indicato le autorità cantonali svittesi.


Nel canton Svitto nessuno può attualmente iscriversi per fissare un appuntamento per la vaccinazione contro il coronavirus, hanno scritto poco prima di mezzogiorno le autorità, precisando che hanno sospeso le registrazioni per non irritare ulteriormente le persone interessate. Le iscrizioni dovrebbero riprendere non appena la Confederazione avrà risolto i problemi tecnici della sua piattaforma. Altri cantoni hanno segnalato la panne alle autorità federali, indica il Dipartimento dell’interno svittese. Concretamente la piattaforma online non consente più di attribuire le ore degli appuntamenti, ha precisato all’agenzia Keystone-ATS la farmacista cantonale.

19.01.2021 ore 13:53
Corsa al test a St. Moritz

L’emersione del focolaio della variante sudafricana in due alberghi di lusso e gli appelli delle autorità, a St Moritz hanno indotto moltissime persone ad annunciarsi per sottoporti al test di massa. Il cantone ha reso noto che tra residenti e ospiti a tarda mattinata si erano fatti avanti in 2’546. “La propensione è molto gratificante” si legge in una nota diffusa anche per avvertire che nei centri allestisti per i test è necessaria una certa pazienza poiché molti si presentano alla prova senza preavviso. Per evitare tempi d’attesa è consigliata la registrazione sulll’apposito sito internet.

Nei due alberghi posti in quarantena sono stati eseguiti 548 test salivari PCR (435 dipendenti e 113 ospiti). I risultati non saranno disponibili prima della serata.

19.01.2021 ore 13:41
2'260 nuovi casi in Svizzera

Nelle ultime 24 ore sono stati resgistrati 2’260 nuovi contagi da coronavirus in Svizzera (ttoale dall’inizio della pandemia: 502’191) e 75 decessi ad esso legati(totale: 8’166). Sono inoltre state ospedalizzate 129 persone. Attualmente si trovano in isolamento 24’020 persone e 33’313 in quarantena.

19.01.2021 ore 13:26
Serbia, al via la vaccinazione di massa

Ha preso il via martedì in Serbia il piano di vaccinazione di massa, dopo l’arrivo nei giorni scorsi di un milione di dosi del vaccino anti-Covid cinese Sinopharm. Il presidente Aleksandar Vucic ha lanciato un appello alla popolazione ad affrettarsi a vaccinarsi, perchè questo, ha detto, è l’unico modo per sconfiggere il coronavirus ed evitare un ulteriore aggravamento della crisi economica. La Serbia è l’unico Paese della regione balcanica dove vengono somministrati tre tipi di vaccino: Pfizer-BioNTech, il russo Sputnik V e il cinese Sinopharm. A breve, ha detto Vucic, arriveranno altre 250 mila dosi dello Sputnik V, mentre verrà firmato un accordo per la fornitura di 800’000 dosi di vaccino AstraZeneca attraverso la Polonia. Per i poco più di 7 milioni di serbi vi saranno dosi a sufficienza, ha assicurato Vucic, che ha parlato di “una lotta furibonda a livello planetario” (dieci Paesi hanno ottenuto finora il 95% del totale delle dosi disponibili).

19.01.2021 ore 13:22
Vaccini, dalle 14:25 la diretta della conferenza stampa delle autorità cantonali

Aggiornamento sulla vaccinazione di prossimità in Ticino: a partire dalle 14:25 sarà possibile seguire l’infopoint delle autorità cantonali in diretta su LA2, sul sito RSI.ch, sul Play RSI e sulla pagina Facebook RSI News. La versione in lingua dei segni sarà disponibile sul sito e su HbbTV (tasto rosso del telecomando).

Interverranno:

Giovan Maria Zanini, farmacista cantonale

Marzio Della Santa, Capo della Sezione degli enti locali

Franco Denti, Presidente dell’Ordine dei medici del Canton Ticino

19.01.2021 ore 13:22
Serbia, parte la vaccinazione di massa con il preparato cinese

In Serbia, dopo l’arrivo nei giorni scorsi di un milione di dosi del vaccino anti-Covid cinese Sinopharm, ha preso il via oggi il piano di vaccinazione di massa. Nel darne l’annuncio, il presidente Aleksandar Vucic ha lanciato un appello alla popolazione ad affrettarsi a vaccinarsi, perchè questo, ha detto, è l’unico modo per sconfiggere il coronavirus ed evitare un ulteriore aggravamento della crisi economica.


In Serbia, unico Paese della regione balcanica, vengono somministrati tre tipi di vaccino: Pfizer-BioNTech, il russo Sputnik V e il cinese Sinopharm. A breve, ha detto Vucic, arriveranno altre 250mila dosi dello Sputnik V, mentre verrà firmato un accordo per la fornitura di 800mila dosi di vaccino AstraZeneca attraverso la Polonia.

19.01.2021 ore 13:20
Regno Unito, il ministro della sanità in isolamento

Autoisolamento precauzionale da oggi per il ministro della Sanità britannico, Matt Hancock, figura centrale nella compagine Tory di Boris Johnson sul fronte dell’emergenza Covid.


Il ministro, che proprio ieri ha tenuto la conferenza stampa di giornata a Downing Street sugli sviluppi della pandemia, è stato infatti avvertito oggi dal sistema di test e tracciamento del virus di aver avuto contatti nelle scorse ore con una persona poi risultata contagiata e - nel rispetto delle linee guida - si è isolato in casa in attesa di sottoporsi cautelativamente a un nuovo tampone. Il ministro era già stato infettato dal Covid in forma relativamente lieve a marzo.

19.01.2021 ore 13:20
I Grigioni tengono aperti gli impianti sciistici

Gli impianti sciistici grigionesi possono restare aperti. Il Governo, data l’evoluzione del numero dei nuovi contagi e la strategia di test globale adottata a livello cantonale, ha prolungato l’autorizzazione per l’esercizio dei comprensori fino a domenica 28 febbraio 2021 compresa. Allo stato attuale, spiega il Consiglio di Stato, la situazione sta migliorando anche se nei reparti di cure intense i posti liberi sono scarsi, ma non a causa delle attività sportive invernali.

Esprimendo preoccupazione per il focolaio della nuova variante di coronavirus individuato a St. Moritz, il Governo retico tramite una nota esorta tutti a evitare assembramenti e altri comportamenti pericolosi (come lo sci fuori pista).

19.01.2021 ore 12:56
Ripercussioni negative anche per "Tavolino Magico"

Le restrizioni causate dal coronavirus si sono ripercosse anche sulle donazioni di prodotti a “Tavolino Magico”. Per la prima volta da oltre 20 anni, l’associazione non è riuscita ad aumentare il volume di alimenti recuperati rispetto all’anno precedente, si legge in una nota diffusa martedì. Sono state raccolte complessivamente 4'008 tonnellate di derrate, con un calo del circa 11% rispetto al 2019, di cui 800 tonnellate in meno solo durante il lockdown.

19.01.2021 ore 11:43
Record di pacchi per la posta

Il lockdown, i negozi chiusi e l’aumento del commercio online hanno permesso alla Posta di polverizzare tutti i record: nel 2020 sono stati trattati 182,7 milioni di pacchi, registrando un aumento del 23,3% rispetto all’anno precedente. La Posta in 170 anni non ha mai recapitato così tanti pacchi come in questo 2020 dominato dal coronavirus, spiega il gigante giallo in una nota odierna, precisando tuttavia che il volume delle lettere ha proseguito la sua tendenza al ribasso. Il risultato record è da ricondurre soprattutto all’enorme volume di pacchi trattati durante il lockdown della scorsa primavera, nonché i numerosi invii - oltre un milione al giorno a partire dal Black Friday - nel periodo prenatalizio.

19.01.2021 ore 11:40
Record di contagi (e vaccinazioni) in Israele

Nonostante il lockdown in corso, Israele ha registrato nelle ultime 24 ore il numero record di 10’021 contagi da coronavirus. Secondo i dati del Ministero della salute, sono in aumento anche i casi gravi: ora sono 1’114. Il totale dei decessi, da inizio pandemia, è salito a 4’049. Altro record, quello del numero di vaccinazioni: in un giorno sono state inoculate 180’000 dosi. Attualmente risultano essere state vaccinate in totale 2,2 milioni di persone con la prima dose e 422’000 quelle con la seconda.

19.01.2021 ore 11:33
Il Regno Unito è il Paese con il più alto tasso di mortalità

Il Regno Unito è il Paese con il più alto tasso di mortalità da coronavirus al mondo: è quanto emerso dalle statistiche della piattaforma di ricerca “Our World in Data”, secondo quanto riporta il quotidiano The Independent. Negli ultimi 7 giorni il Paese ha registrato una media di 953 decessi giornalieri, ossia 16,55 morti al giorno per ogni milione di abitanti. Il Regno Unito supera così la Repubblica Ceca, che era in testa alla classifica dallo scorso 11 gennaio. L’Israele, quanto a lui, è lo Stato con il tasso più basso (5,51).

19.01.2021 ore 11:29
I corsi online accrescono le disparità fra studenti

La diffusione sempre più generalizzata di corsi online accresce del 5% le disparità fra gli studenti più dotati e quelli che lo sono meno. È quanto emerge da uno studio dell’Università di Ginevra - in collaborazione con quella di San Gallo e con il Politecnico federale di Losanna - condotto prima dell’introduzione del semiconfinamento e pubblicato sul Journal of the European Economic Association. Per comprendere l’impatto di questa prassi, i ricercatori hanno utilizzato dati raccolti fra il 2016 e il 2017 su 1’459 studenti che frequentavano il primo anno di economia all’Università di Ginevra: ad alcuni di loro sono stati dispensati corsi online in materie come la matematica o l’economia, mentre altri hanno continuato a studiare “normalmente”. Il tutto è stato valutato tramite esami specifici, dai cui risultati è emerso che i corsi online hanno consentito di migliorare del 2,5% i voti degli studenti con elevato potenziale, mentre quelli degli studenti con difficoltà di apprendimento sono peggiorati del 2%.

19.01.2021 ore 11:20
Raddoppiato il numero di prostitute a Berna

Le prostitute attive nella città di Berna sono raddoppiate in una settimana e sono attualmente 180. Ciò si spiega con la decisione cantonale di lasciare aperti i postriboli, a differenza di quanto avviene nelle regioni circostanti. La Confederazione - contrariamente a quando avvenuto durante il primo lockdown della scorsa primavera - consente attualmente l’apertura di questi locali, anche se con orari di apertura limitati: l’ultimo cliente deve uscire alle 19.00. Per contro, i cantoni di Zurigo, Argovia, Ginevra, Lucerna, Soletta e Turgovia hanno emanato divieti.

Il capo della polizia degli stranieri della città Alexander Ott ha detto a Keystone-ATS che gli ultimi sviluppi sono problematici: a causa del blocco delle case chiuse negli altri cantoni, molte prostitute hanno perso il loro alloggio e i loro guadagni. Per questo motivo si sono trasferite nel canton Berna. In alcune strutture fino a tre donne condividono ora la stanza e vi ricevono i clienti. Questo non è problematico solo per motivi igienici, ma è anche una questione di dignità, sottolinea Ott.

19.01.2021 ore 11:16
UBS: l'economia tornerà a crescere, ma...

Gli esperti di UBS ritengono che l’economia svizzera supererà quest’anno la crisi causata dal coronavirus e che tornerà a crescere in maniera robusta. Tuttavia l’ampiezza dipenderà da quanto in fretta la popolazione aderirà al programma di vaccinazione contro il Covid-19. “Una campagna vaccinale sembra essere attualmente l’unica via praticabile per una ripresa sostenibile dell’economia globale”, afferma in un comunicato diramato martedì il capoeconomista di UBS Daniel Kalt. Non appena un’ampia fetta di popolazione potrà sottoporsi a un programma di vaccinazione la congiuntura accelererà significativamente. Intanto dalla primavera le autorità dovrebbero ridurre gradualmente le misure per contenere l'epidemia, cosa che darà a sua volta slancio all'economia, aggiungono gli esperti della grande banca.

19.01.2021 ore 11:08
WEF: "La stabilità politica mondiale è a rischio"

La pandemia renderà fragile la stabilità politica mondiale tra 5-10 anni: a dirlo è il Forum economico mondiale (WEF), che lancia un appello ai dirigenti mondiali affinché si impegnino per anticipare i pericoli a medio termine. Il coronavirus ha già fatto aumentare le disparità e le frammentazioni sociali e avrà un effetto anche sui guadagni a livello globale. È quanto si può leggere nel rapporto annuale del WEF sulle minacce globali, pubblicato martedì a Ginevra, a pochi giorni dall’inizio del forum, che sarà virtuale per la sua edizione 2021.

19.01.2021 ore 11:03
Basilea Campagna: mascherina a partire dai 10 anni

Il Governo cantonale di Basilea Campagna ha deciso di introdurre a partire da mercoledì l’obbligo di indossare la mascherina per i bambini a partire dai 10 anni di età e non più 12 come era stato il caso finora. Una decisione presa in seguito al forte aumento di contagi nelle scuole del cantone.

19.01.2021 ore 10:55
Varianti, il Ticino punta a fare le analisi in casa

“Nel corso delle prossime settimane avremo una fotografia molto chiara delle varianti presenti in Ticino. Quello che non potremo dire subito con sicurezza è di che variante si tratta, perché dopo aver fatto lo screening che individua la mutazione bisogna fare la sequenza per identificare con precisione il tipo di variante”. A spiegarlo durante la puntata di Modem di questa mattina è Enos Bernasconi, caposervizio malattie infettive dall’Ospedale regionale di Lugano. “Per il momento facciamo ancora capo ai laboratori di riferimento, quello di Ginevra e in parte quello di Basilea, e i tempi per ottenere la sequenza del virus sono molto lunghi, settimane. Si spera di fare progressi nel nostro laboratorio in modo da poter fare questo tipo di analisi anche da noi. Ma comunque richiederà sempre alcuni giorni”, precisa. Per quanto riguarda i casi di variante confermati in Ticino, al momento quelli confermati sono 8, 9 o 10, ha fatto sapere il medico cantonale, Giorgio Merlani.

Il Covid-19 e le sue varianti

In Ticino e nei Grigioni nuovi ceppi legati al coronavirus hanno paralizzato diverse regioni

19.01.2021 ore 10:54
Settimane bianche annullate

La maggioranza delle scuole elvetiche ha annullato i campi sportivi invernali a causa della situazione pandemica nella Confederazione. L’Iniziativa sport sulla neve Svizzera (GoSnow) sta ora valutando delle alternative estive. “185 dei 250 campi da sci previsti sono già stati cancellati e anche gli altri subiranno probabilmente la stessa sorte”, ha affermato a Keystone-ATS il segretario generale di GoSnow Ole Rauch, confermando quando detto martedì mattina da Radio SRF. Ogni campo sarà comunque valutato singolarmente. Una “settimana bianca” in contemporanea per più classi non è consigliabile per non mescolare bambini di diverse classi. Per compensare i campi annullati, si sta ora lavorando ad alternative, che potrebbero aver luogo con l’arrivo della bella stagione in maggio e giugno.

19.01.2021 ore 10:51
Distruggere il virus premendo un tasto

Ricercatori della Scuola universitaria professionale di scienze applicate di Zurigo (ZHAW), in collaborazione con l’impresa svizzera Osmotex, hanno sviluppato una mascherina igienica riutilizzabile che rende inoffensivi i virus premendo un tasto. La nuova mascherina ha una struttura a “sandwich”: una membrana isolante tra due strati di tessuto elettrico ai quali viene applicata una corrente di pochi volt. Le molecole di ossigeno reattive che entrano in contatto con il virus vengono distrutte in pochi minuti. Oltre alla disattivazione elettrochimica dei virus la nuova mascherina possiede anche un filtro e un rivestimento che eliminano passivamente i virus. L’effetto antivirale risulta così essere superiore al 99%, stando ai ricercatori.

19.01.2021 ore 10:44
Cinque anziani positivi al virus, un morto

Degli 86 contagi registrati nelle ultime 24 ore in Ticino, cinque riguardano residenti di case per anziani e dei sette decessi, uno riguarda un ospite di queste strutture. Attualmente risultano essere positivi al virus 115 anziani residenti in 18 strutture diverse.

19.01.2021 ore 10:23
Ticino, 86 contagi e 7 decessi

Sono 86 i nuovi casi di coronavirus registrati in Ticino nelle ultime 24 ore e sette i decessi ad esso legati. Sono state ricoverate 21 persone (per un totale, attualmente, di 254 posti letto occupati, di cui 35 in cure intense), 23 quelle dimesse. In totale, dall’inizio della pandemia, 26’155 persone sono risultate positive al virus e 895 hanno perso la vita.

Per la prima volta dall’inizio della seconda ondata il numero dei nuovi positivi è inferiore a 100 in un giorno lavorativo. Il tendenziale calo dei nuovi contagi ha portato a un miglioramento anche della situazione negli ospedali ticinesi. In 10 giorni il numero dei ricoverati nei reparti di cura è passato da 359 a 254, mentre quello in terapia intensiva è sceso da 52 a 35. Dal 19 gennaio a fronte di 120 nuovi ricoveri, vi sono state 179 dimissioni e 53 decessi.

19.01.2021 ore 10:10
Cina: 118 nuovi contagi, di cui 12 importati

La Cina ha registrato lunedì 118 nuovi casi di Covid-19, di cui 106 trasmessi localmente e 12 importati: secondo i dati diffusi dalla Commissione sanitaria nazionale, 43 infezioni sono state rilevate nella provincia di Jilin (altro fronte caldo tra i recenti focolai), 35 in quella di Hebei, 27 nello Heilongjiang e una a Pechino. Centinaia di operai sono intanto al lavoro per costruire in brevi tempi un nuovo centro adibito alle quarantene, a causa del nuovo focolaio individuato a 300 chilometri dalla capitale.

19.01.2021 ore 09:57
Germania, lockdown forse fino al 15 febbraio

La cancelliera tedesca Angela Merkel vuole prolungare il lockdown nel Paese fino al 15 febbraio: lo riferisce il quotidiano Bild, citando una proposta del Governo. Un incontro è previsto martedì tra la cancelliera e i ministri-presidenti dei Länder tedeschi per decidere le misure da adottare nelle prossime settimane.

19.01.2021 ore 09:11
Migros in crescita anche grazie agli effetti della pandemia

La crescita di alcune attività legata alla pandemia (come le vendite online ma pure quelle al dettaglio nei negozi) ha permesso a Migros di compensare ampiamente il crollo degli affari registrato a causa del diffondersi del coronavirus da Hotelplan (-38,4% a 732 milioni). Il gruppo martedì mattina ha reso noto che nel 2020 ha registrato una cifra d’affari complessiva di 29,82 miliardi, in crescita del 4% rispetto al 2019.

Il fatturato del commercio al dettaglio è aumentato del 2,6% a 24,38 miliardi di franchi, ma al netto degli effetti della cessione di Globus e Depot, le vendite di questo segmento sono aumentate del 7,2%.

La pandemia ha modificato il comportamento d’acquisto di molti consumatori si è tradotta in una crescita a due cifre del fatturato per i negozi di prossimità, sottolinea Migros in nota dalla quale si apprende che, nonostante il forte calo del numero di acquirenti (-8,9%), le 10 cooperative regionale hanno visto aumentare il proprio fatturato del 3,0% a 14,85 miliardi.

19.01.2021 ore 08:56
USA, oltre 137'000 nuovi contagi e 1'382 decessi

Gli Stati Uniti hanno registrato 137’885 nuovi casi di coronavirus e 1’381 decessi ad esso legati nelle ultime 24 ore. Il totale dei contagi dall’inizio della pandemia sale così a 24’074’658, e quello di morti a 398’981. Finora sono state somministrate 12’279’180 dosi di vaccino.

19.01.2021 ore 08:49
California, superati i 3 milioni di contagi

La California è diventata il primo Stato USA a superare i 3 milioni di contagi da Covid-19: lo riporta la CNN citando i dati raccolti dalla Johns Hopkins University. Il numero di casi nello Stato più popoloso degli Stati Uniti è più che triplicato nell’arco di due mesi e attualmente è a quota 3’005’830. Dall’inizio della pandemia sono inoltre morte 33’623 persone.

19.01.2021 ore 08:46
Francia, la circolazione del virus è "preoccupante"

Il ministro della salute francese Olivier Veran ha detto martedì che la circolazione del coronavirus nel Paese è ancora a un livello “preoccupante”. Non ha però, per ora, raccomandato un terzo lockdown nazionale. “Abbiamo già preso una decisione difficile la settimana scorsa per imporre un coprifuoco statale alle 18.00”, ha dichiarato Veran a France Inter radio.

19.01.2021 ore 08:34
App Swisscovid, un potenziale ancora da sfruttare

Negli scorsi mesi il tracciamento manuale dei contatti in caso di contagio da Covid-19 ha mostrato tutti i suoi limiti. L’applicazione SwissCovid potrebbe davvero fornire un importante aiuto nella lotta alla pandemia, dicono gli esperti dell’Università di Zurigo. Ma ci sono ancora delle criticità da risolvere. Un contagiato su tre ad esempio non attiva l’avviso tramite App, e questo in seguito ai ritardi nell’assegnazione dei codici segnalati negli scorsi mesi.

Il servizio di Mirko Priuli andato in onda al Radiogiornale.

RG 08.00 del 19.01.21 - Il servizio di Mirko Priuli
19.01.2021 ore 08:18
Vendite di automobili in Europa: quasi un quarto in meno

Le vendite di automobili in Europa nel 2020 hanno subìto un crollo “senza precedenti” nel 2020: “il mercato di veicoli privati è calato del 23,7% sotto effetto della pandemia”, scrive martedì l’Associazione dei costruttori europei in un comunicato. L’anno scorso sono stati venduti 9’942’509 veicoli, ossia 3 milioni in meno rispetto al 2019.

19.01.2021 ore 08:10
Lindt & Sprüngli, vendite in forte calo

Le vendite registrate da Lindt & Sprüngli nel 2020 hanno subìto un forte calo nel 2020 a causa del coronavirus. La chiusura dei negozi e le restrizioni ai viaggi imposte per fronteggiare la pandemia nell’anno da poco conclusosi hanno fatto scendere il fatturato annuale del 1,9% in meno rispetto al 2019 (4,02 miliardi di franchi di fatturato). Si tratta di cifre peggiori dei pronostici formulati dagli analisti. Il produttore elvetico di cioccolata ha però potuto un po’ rialzare la testa sotto Natale e prevede che la crescita tornerà al ritmo precedente la crisi.

19.01.2021 ore 07:38
Disneyland Parigi rimanda la riapertura al 2 aprile

Disneyland Parigi ha deciso di posticipare l’apertura ad aprile. Il parco di divertimenti aveva inizialmente previsto di riaprire i battenti a febbraio, ma vista la situazione pandemica nel Paese, ha annunciato tramite il suo profilo Twitter che, se le condizioni lo permetteranno, lo farà il prossimo 2 aprile. Disneyland Paris aveva già interrotto le sue attività tra il 13 marzo e il 15 luglio, per poi nuovamente chiudere al pubblico lo scorso 30 ottobre.

19.01.2021 ore 07:23
Campagna di vaccinazione a rilento nei Balcani

Nei Balcani la campagna di vaccinazione è iniziata molto a rilento. Gli Stati della regione si affidano al programma COVAX pensato per i Paesi in via di sviluppo dall’OMS e dall’UE, ma le consegne per ora sono limitate. Serbia e Albania hanno ricevuto scorte simboliche del vaccino Pfizer/BioNTech: rispettivamente 60’000 e 10’000 dosi. Kosovo e Bosnia invece inizieranno la campagna di immunizzazione solo a marzo/aprile. Pochi Paesi possono permettersi delle alternative rispetto al programma COVAX. La Serbia, ad esempio, ha acquistato un milione di dosi del vaccino dalla Cina e mezzo milione dalla Russia.

Nell’audio la diretta del Radiogiornale con Matteo Tacconi

RG 07.00 del 19.01.2021 - La diretta con Matteo Tacconi
19.01.2021 ore 06:58
Grigioni: 61 nuovi contagi e nessun nuovo decesso

Sono 61 i nuovi casi di contagio registrati nel canton Grigioni, mentre non è stato segnalato alcun nuovo decesso legato al Covid-19. Le ospedalizzazioni sono stabili: le persone ricoverate sono sempre 39, di cui 10 in cure intense (+2 rispetto al giorno prima). Ieri le autorità retiche avevano comunicato 48 nuovi casi e 2 decessi.

19.01.2021 ore 06:57
In Germania altri 989 morti

La Germania ha registrato 11’369 nuovi contagi nelle ultime 24 ore, mentre i decessi legati al Covid sono 989. Si tratta di numeri che sostanzialmente confermano la tendenza degli ultimi giorni, con un numero di morti molto più elevato rispetto alla prima ondata (quattro giorni fa è stato registrato il record di 1’113 decessi).

19.01.2021 ore 06:57
Trump revoca il bando per i viaggiatori UE, ma Biden vuole reintrodurlo

Il presidente americano Donald Trump ha deciso di revocare le limitazioni di ingresso negli Stati Uniti per i viaggiatori provenienti dall’Europa e dal Brasile a partire dal 26 gennaio. Il bando era stato introdotto a marzo 2020. Ma il presidente eletto, Joe Biden, ha già fatto sapere che intende reintrodurlo poiché ritiene prematuro allentare le restrizioni anti-Covid.


Trump revoca restrizioni per europei

Il bando, che riguarda anche i viaggiatori brasiliani, cadrà il 26 gennaio – Biden ha già annunciato di volerle reintrodurre: “Troppo presto per allentare”