Segui gli aggiornamenti sulla situazione in Svizzera e nel mondo, con il liveticker di RSI News
Segui gli aggiornamenti sulla situazione in Svizzera e nel mondo, con il liveticker di RSI News keystone
Momenti chiave
01.05.2020 ore 23:34
01.05.2020 ore 23:14
01.05.2020 ore 22:14
01.05.2020 ore 18:31
01.05.2020 ore 15:44
01.05.2020 ore 10:46
01.05.2020 ore 10:43

Ticino e Grigioni, il virus rallenta

Gli ultimi dati dai due cantoni confermano un calo dell'incidenza della pandemia. Primo Maggio nel segno del grave impatto sul mondo del lavoro
venerdì 01 maggio 2020 07:12

Un decesso in più in Ticino, a fronte di 8 nuovi contagi e altri 25 pazienti dimessi. Nei Grigioni, solo 2 nuovi casi di positività. Dati, gli ultimi diffusi stamani, che al momento confermano un rallentamento della pandemia nei due cantoni.

Vanno in questa direzione anche le ultime cifre a livello nazionale sui contagi diffuse dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Nelle ultime 24 ore sono stati computati 119 nuovi casi d'infezione. Ma la curva degli ultimi giorni evidenzia anche una diminuzione del numero delle persone testate positive.

La cronaca della giornata di ieri

È intanto un Primo Maggio decisamente sui generis quello che la Svizzera vive quest'anno. L'emergenza coronavirus impedisce manifestazioni e cortei - ed è la prima volta in ben 130 anni - ma ha determinato un clima di rinnovata incertezza a causa delle gravi ripercussioni della crisi sul mondo del lavoro.

I dati sempre aggiornati

Il Paese si appresta ad affrontare le tappe indicate dal Consiglio federale per l'uscita dal lockdown. Ma la strategia del Governo, se da un lato viene incontro alle aspettative dei vari settori investiti dalla crisi, dall'altro suscita non pochi interrogativi per la possibilità di una, tanto temuta, seconda ondata dell'epidemia. Interrogativi che si concentrano anche e soprattutto sulla questione delle scuole, con il delegato della Confederazione per il nuovo coronavirus Daniel Koch che ancora oggi ha ribadito in conferenza stampa che non sussiste un pericolo di diffusione nelle scuole, mentre la task-force scientifica della Confederazione, presieduta da Matthias Egger, è giunta alla conclusione "che non può essere escluso che i bambini trasmettano il virus".

Il numero dei contagi in Svizzera ha fatto ancora registrare un aumento e rasenta ormai i 30'000 casi.

di Alex Ricordi, Ludovico Camposampiero, Enrico Campioni, Diego Moles, Fabio Dotti, Dario Lanfranconi e Giorgio Buzelli

01.05.2020 ore 23:34
Kim Jong Un sarebbe vivo

L’agenzia di stampa statale della Corea del Nord, KCNA, ha fatto sapere che il leader Kim Jong Un ha partecipato al completamento di un impianto di fertilizzanti in una regione a nord della capitale, Pyongyang. È la sua prima apparizione pubblica dall’11 aprile. Negli ultimi tempi erano nate delle speculazioni sullo stato di salute del leader, dopo che non aveva presenziato il 15 aprile alla celebrazione dell’anniversario della nascita del fondatore dello Stato Kim Il Sung. Donald Trump ha dal canto suo detto che dirà qualcosa sulla vicenda “nel momento più appropriato”.

01.05.2020 ore 23:14
USA, luce verde per il remdesivir

Donald Trump ha annunciato venerdì in conferenza stampa che la Food and Drug Administration (FDA), ovvero l’autorità federale per i medicamenti, ha autorizzato la prescrizione del remdesivir per il trattamento dei pazienti affetti da COVID-19. Si tratta di un antivirale sperimentale del gruppo farmaceutico Gilead Sciences, capace di ridurre del 31% i tempi di guarigione dagli effetti del coronavirus.


Il presidente americano ha dato il via libera a Daniel O’Day, direttore generale dell’azienda, al termine di un incontro alla Casa Bianca, affermando che il laboratorio privato ha già donato 1,5 milioni di dosi del farmaco. Le autorità federali coordineranno la distribuzione del remdesivir agli ospedali delle città maggiormente colpite dalla pandemia.

01.05.2020 ore 23:00
Presto si userà il plasma di persone convalescenti a Locarno

Enos Bernasconi, responsabile del servizio malattie infettive dell’Ente ospedaliero cantonale, nello Speciale coronavirus andato in onda su LA1, ha annunciato che nelle prossime settimane inizierà a Locarno uno studio usando il plasma di persone convalescenti, ovvero si tratteranno dei pazienti positivi al Covid-19 con il sangue di chi è guarito. L’EOC ha ottenuto il via libera dalla Commissione etica.

Le dichiarazioni di Enos Bernasconi
01.05.2020 ore 22:14
Swisscamps non ci sta

Swisscamps, l’associazione che fa gli interessi dei camping svizzeri, chiede al Consiglio federale l’immediata apertura delle strutture turistiche che rappresenta. Non è ammissibile che i campeggi siano trattati in modo diverso da alberghi, ostelli e rifugi alpini, si legge in una nota diramata venerdì sera. Reagendo alla decisione del Governo di mercoledì, l’organizzazione fa notare che i campeggi sono senz’altro la struttura ricettiva in cui è più facile far rispettare la cosiddetta distanza sociale.

01.05.2020 ore 22:09
Moesano, una sola casa anziani (su 4) in isolamento

In una delle regioni grigionesi più colpite dall’epidemia non si registrano nuovi casi già da tre giorni, ma la casa di riposo la Residenza delle Rose, a Grono, rimane in isolamento

Case anziani, Grono ha ancora paura

Nel Moesano da tre giorni non si registrano nuovi casi di Covid-19, ma la casa di riposo la Residenza delle Rose rimane in isolamento

01.05.2020 ore 21:34
Esami di guida di nuovo possibili dall'11 maggio

Gli allievi conducenti potranno nuovamente sostenere i loro esami teorici e pratici dall’11 maggio. Lo ha deciso venerdì il Consiglio federale, precisando che le lezioni di guida e le formazioni complementari saranno pure autorizzate. Gli organizzatori degli esami e i mastri conducenti dovranno tuttavia elaborare un piano di protezione. Le raccomandazioni dell’Ufficio federale di sanità pubblica dovranno essere rispettate. Il numero di partecipanti alle formazioni è limitato a cinque persone, compresi gli insegnanti.

01.05.2020 ore 20:54
La lunga rincorsa per costruire la nuova Valascia

Ad Ambrì è iniziata la rincorsa per recuperare il mese e mezzo di stop al cantiere della Nuova Valascia. La pista dovrà essere pronta per l’inizio della stagione 2021-2022, come da accordo con la Lega. Nel cantiere fino a metà marzo normalmente lavoravano fino a 40 operai, nelle ultime due settimane si è potuto far capo a meno della metà del contingente. Una diminuzione della forza lavoro che sicuramente inciderà sui tempi. Il Quotidiano è andato a sondare il terreno in Leventina.

01.05.2020: I lavori alla nuova Valascia
01.05.2020 ore 20:51
Spagna, nel 2020 -9,2% del PIL e disoccupazione al 19%

La Spagna prevede un prodotto interno lordo (PIL) in picchiata del 9,2% nel 2020 con due milioni di posti di lavoro persi e una disoccupazione al 19%. Sono le stime del governo di Madrid inviate a Bruxelles, secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa Efe.


La contrazione economica sarà dovuta al crollo dei consumi delle famiglie (-8,8%), degli investimenti (-25,5%) e delle esportazioni (-27,1%). Madrid prevede poi un rimbalzo del Pil del 6,8% nel 2021, quando solo la metà dei posti di lavoro persi dovrebbe essere recuperata.

01.05.2020 ore 19:47
Francia, 218 nuovi decessi, 24'594 in totale

I morti per coronavirus in Francia sono aumentati di 218 nelle ultime 24 ore, portando il totale delle vittime a 24’594, mentre i ricoveri e i pazienti in terapia intensiva continuano a diminuire. Lo ha riferito il capo della sanità pubblica in conferenza stampa.

Il numero di morti è aumentato dello 0,9% rispetto a giovedì, un tasso di aumento inferiore rispetto alle 24 ore precedenti. Il numero degli ospedalizzati è sceso ulteriormente a 25’887 dai 26’283 di giovedì, mentre in terapia intensiva si è scesi a 3’878 da 4’019. Entrambi i numeri sono in calo da oltre due settimane.

01.05.2020 ore 19:43
New York, scuole chiuse almeno fino a settembre

Il Governatore di New York Andrew Cuomo ha annunciato che le scuole rimarranno chiuse fino al termine dell’anno accademico e che nessuna decisione è ancora stata presa per quanto riguarda settembre, nonostante il rallentamento della pandemia di coronavirus. A New York, 289 persone sono morte nelle ultime 24 ore a causa del COVID-19 (erano state 306 tra mercoledì e giovedì): si tratta del dato giornaliero più basso da oltre un mese.

01.05.2020 ore 19:30
La scuola riparte anche nei Grigioni: il servizio con Romano Losa

Sono stati pubblicati venerdì pomeriggio i documenti del Dipartimento grigionese di educazione, cultura e protezione dell’ambiente che serviranno da guida alle istituzioni scolastiche in vista della ripresa - il prossimo 11 maggio - delle lezioni in presenza per il ciclo della scolarità obbligatoria. In queste direttive generali e valide per tutto il Cantone, c’è un’esplicita menzione delle strutture del Grigioni italiano. Non sarà possibile impartire una lezione sia in presenza, sia a distanza. Quest’ultima fase terminerà con la riapertura delle scuole. Alcuni punti restano ancora da chiarire, come ha spiegato ai microfoni di Grigioni Sera il direttore delle scuole secondarie di avviamento pratico del Moesano Romano Losa.

Grigioni Sera del 01.05.2020 La riapertura delle scuole
01.05.2020 ore 18:31
Italia, 269 nuovi decessi

Il totale delle persone che in Italia hanno contratto il virus è 207’428, con un incremento rispetto a giovedì di 1’965 nuovi casi. Tra gli attualmente positivi, 1’578 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 116 pazienti nelle ultime 24 ore. Rispetto all’ultimo bollettino della Protezione civile, i nuovi decessi sono 269, per un totale di 28’236. Il numero complessivo dei dimessi e guariti è di 78’249, con un aumento di 2’304 persone.

01.05.2020 ore 18:22
739 morti nel Regno Unito, 27'510 in totale

Nel Regno Unito nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 739 decessi, che portano il totale delle vittime a 27’510. Nei soli ospedali inglesi sono morte 352 persone in più di ieri, tra cui 18 pazienti che non avevano nessuna patologia pregressa.

In conferenza stampa il ministro della salute Hancock ha affermato che non ci sarà un alleggerimento del lockdown finché non ci sarà la necessaria sicurezza.

01.05.2020 ore 18:09
Discoteche, riapertura si deciderà il 27 maggio

Una nuova apertura per discoteche, sale per concerti, “shisha” lounge e festival di street food verrà decisa solo il prossimo 27 maggio. Al momento è fuori questione, indica il Consiglio federale, rispondendo a due mozioni identiche delle Commissioni dell’economia e dei tributi di entrambe le Camere che chiedevano un allentamento graduale nel settore.

01.05.2020 ore 18:05
Gli asili nidi svizzeri non riceveranno sovvenzioni

Gli asili nido e le altre strutture di accoglienza extrascolastica non riceveranno denaro dalla Confederazione per ammortizzare le conseguenze della crisi legata alla pandemia da coronavirus. Il Consiglio federale resta sulle proprie posizioni e respinge due mozioni in questo senso avanzate dalle competenti Commissioni del Parlamento. Il Governo ricorda che questi centri, analogamente alle altre piccole e medie imprese, possono usufruire degli strumenti predisposti dalla Confederazione per attenuare l’impatto della pandemia: le indennità per lavoro ridotto (per enti pubblici e privati) e la possibilità di sopperire alla mancanza di liquidità tramite crediti transitori garantiti dal Governo (per enti privati). Non occorre pertanto, secondo il Consiglio federale, adottare ulteriori provvedimenti per sostenere finanziariamente queste attività.

01.05.2020 ore 17:59
Il lavoro ridotto in aprile è costato tra i 5 e i 7 miliardi di franchi

Le aziende elvetiche in aprile hanno deciso di ricorrere al lavoro ridotto per 1,9 milioni di impiegati a causa del coronavirus. In marzo erano 1,5 milioni. Il costo, solo per il mese scorso, si aggira tra 5 e 7 miliardi di franchi. Lo ha indicato venerdì il Consiglio federale in risposta a un’interpellanza della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati.

01.05.2020 ore 17:40
Svizzera, calato il numero di nuove aziende in aprile

A causa del coronavirus attualmente in Svizzera vengono fondate molte meno aziende del solito. Se febbraio è stato il mese-record in positivo, aprile ha fatto segnare il peggior dato degli ultimi 10 anni, con 2’721 nuove aziende. I cali percentuali più netti sono stati segnati nei settori della mobilità (-19%), dell’agricoltura e della silvicoltura (-20%) e dell’alta tecnologia (-25%). Nonostante la forte riduzione del mese scorso, nei primi quattro mesi del 2020 si è raggiunto il quinto livello più alto dell’ultimo decennio. Da gennaio ad aprile sono state registrate 14’079 nuove società.

01.05.2020 ore 17:27
Ticino, da lunedì altri 3 valichi doganali aperti

Da lunedì 4 maggio 2020, i valichi di confine di Ponte Cremenaga, Brusino e Ligornetto saranno riaperti al traffico. “Con questo provvedimento l’Amministrazione federale delle Dogane anticipa l’aumento del traffico transfrontaliero in seguito alle misure di allentamento annunciate dal Consiglio federale” si legge in una nota.


Saranno mantenute le attuali disposizioni sull’ingresso limitato e i relativi controlli alla frontiera. La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) elenca sul suo sito internet tutte le informazioni relative alle disposizioni attuali. L’AFD chiede inoltre ai viaggiatori di rispettare le norme d’ingresso vigenti nei rispettivi Paesi confinanti.

01.05.2020 ore 17:14
La Confederazione non interverrà sugli affitti

Il Governo svizzero non intende intervenire sulla vertenza tra i proprietari immobiliari e i locatori di negozi che faticano a pagare gli affitti a causa dell’emergenza coronavirus. Le parti dovranno trovare un accordo autonomamente. L’Esecutivo ha inoltre negato un aiuto d’emergenza ai media, affermando che il pacchetto destinato a questo settore è già sufficiente. Per quel che concerne i crediti Covid-19, chi ne beneficia non dovrebbe ottenere condizioni più favorevoli per il rimborso.

Affitti, il Governo non interviene

Proprietari immobiliari e locatori di negozi devono accordarsi autonomamente. Un "no" invece per un aiuto d'emergenza ai media

01.05.2020 ore 16:53
Vallese, a Bagnes 120 franchi in buoni da spendere nei commerci locali

Il comune vallesano di Bagnes, sul cui territorio si trova la stazione sciistica di Verbier, ha deciso di offrire ai suoi cittadini - bambini compresi - due buoni acquisto del valore di 60 franchi l’uno valevoli nei commerci presenti sul suo territorio. In questo modo, spiega il sindaco Eloi Rossier a Keystone-ATS, si può sostenere sia la popolazione che il commercio locale. La misura peserà sulle casse comunali per circa un milione di franchi.


Le autorità hanno anche deciso di concedere sconti - 3 centesimi al chilowattora - per le tariffe dell’energia elettrica. Il costo del provvedimento è di circa 3 milioni di franchi e ogni economia domestica risparmierà in media 180 franchi.

01.05.2020 ore 15:44
L'India estende il lockdown

Il Governo indiano ha annunciato venerdì un’estensione di due settimane del lockdown legato al coronavirus. Inizialmente sarebbe dovuto terminare il 4 maggio. Ci saranno in ogni caso alcuni alleggerimenti, specialmente in quelle zone dove i casi di Covid-19 sono pochi o addirittura nulli.

01.05.2020 ore 15:11
I divieti legati al coronavirus fermano gli autonomi

La polizia della città di Zurigo, non potendo tollerare assembramenti data le disposizioni anti Covid-19, venerdì pomeriggio è intervenuta, operando anche alcuni fermi, per disperdere le manifestazioni organizzate in occasione del 1° maggio dagli autonomi. Questi avevano annunciato che si sarebbero trovati nel Kreis 4 per manifestare a piccoli gruppi (al massimo 5 persone).

01.05.2020 ore 15:06
L'italiano integrato tra le materie a scelta di I e II media

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport ha rettificato le Direttive per la riapertura delle scuole dell’obbligo integrando l’italiano (che era stato omesso per errore come comunicato in conferenza stampa) tra le materie a scelta per l’insegnamento in presenza in I e II media.

01.05.2020 ore 15:01
“Nessun pericolo per scolari e docenti”

“Cosa vogliamo dire alla popolazione svizzera? Non ci sono problemi se riaprono le scuole: questo non poterà ad un’epidemia tra i bimbi che vanno a scuola, non rappresenta un pericolo né per i genitori né per i docenti”, ha affermato il delegato della Confederazione per il nuovo coronavirus, Daniel Koch, rispondendo alle domande dei giornalisti.

Daniel Koch "Nessun pericolo per bimbi e docenti"
01.05.2020 ore 15:01
“Nessuna epidemia nelle scuole”

“Ci sono studi che hanno analizzato la frequenza con la quale il virus viene trasmesso nelle scuole. Esiste uno studio piuttosto completo svolto in aprile in Australia, dove le scuole non sono state chiuse, e lì si vede chiaramente che è molto raro che i bambini si contagino a scuola. Tutti gli studi e i dati raccolti finora, dimostrano che il virus non si diffonde nelle scuole; già i primi cinesi spiegavano come i bambini non sono i principali vettori, lo sono gli adulti”, ha dichiarato Daniel Koch, delegato della Confederazione per il nuovo coronavirus, a Berna durante la conferenza stampa.

Daniel Koch "Studi dimostrano che il virus non si propaga nelle scuole"
01.05.2020 ore 15:00
“Bambini che stanno male non vadano a scuola”

Interrogato dai giornalisti sulla riapertura delle scuole e sulla possibilità per i nonni di riabbracciare i nipotini, Daniel Koch, delegato della Confederazione per il nuovo coronavirus, ha dichiarato: “Non si tratta di sottovalutare la questione. I bambini malati possono andare a scuola? No, naturalmente. Se guardiamo il quadro globale, i dati sono uniformi: né nelle scuole né altrove vediamo una diffusione enorme dell’epidemia da parte dei bambini, per questo motivo non dovrebbe essere un problema riaprire le scuole ma questo non esclude il fatto che i bambini, se hanno il virus addosso, lo possono anche trasmettere. E per questo i bimbi malati non devono andare a scuola”.

Daniel Koch "Bambini non sono i principali vettori"
01.05.2020 ore 14:44
Un abbaccio a tutti i malati di Covid-19 dall'ospedale La Carità di Locarno

Il Primo Maggio è stato festeggiato anche all’ospedale la Carità di Locarno, da un mese e mezzo al fronte nella lotta al Covid-19 quale centro specialistico dell’Ente ospedaliero cantonale ticinese per la cura di chi è colpito dalla malattia provocata dal coronavirus.

Per l’occasione tutti i dipendenti hanno partecipato alla realizzazione di un video per raggiungere tutti coloro che in queste settimane hanno incrociato il loro destino con l’ospedale. Un grande abbraccio virtuale ricco di emozioni.


01.05.2020 ore 14:32
“Non è escluso che i bimbi trasmettano il virus”

La task-force scientifica della Confederazione sul nuovo coronavirus è giunta a conclusione che non può essere escluso che i bambini trasmettano il virus: lo ha dichiarato il presidente della task-force Matthias Egger, che ha aggiunto: “Possono contagiarsi, ma più difficilmente degli adulti, e hanno generalmente un decorso blando della malattia, ma non possiamo escludere che possano trasmettere il virus ad altri, ma non è ancora chiaro con che forza. Inoltre, i bambini hanno spesso sintomi lievi del Covid-19, per questo sono vettori meno potenti, ma non possiamo escludere a priori che trasmettano il virus”. È comunque chiaro che i bambini non svolgono un ruolo preponderante nella diffusione dell’epidemia, ha specificato.

01.05.2020 ore 14:23
Finora forniti 35 milioni di mascherine in Svizzera

Fino a fine aprile sono state forniti in Svizzera 35 milioni di mascherine: 13 milioni tramite il commercio al dettaglio e 22 tramite i cantoni. Sono in arrivo 6 voli in Svizzera carichi di altre mascherine prodotte in Asia e dovrebbero essere disponibili dal 5 maggio, è stato dichiarato oggi a Berna durante una conferenza stampa indetta per fare il punto sulla pandemia di nuovo coronavirus.


Così si utilizza una mascherina igienica: il video esplicativo dell'UFSP
01.05.2020 ore 14:20
Maturità federale: esami confermati

Gli esami per la maturità federale sono confermati, è stato dichiarato oggi a Berna durante una conferenza stampa indetta per fare il punto sulla pandemia di nuovo coronavirus.

01.05.2020 ore 14:18
L'MPS chiede le dimissioni di Manuele Bertoli e Emanuele Berger

Il Movimento per il socialismo tramite un comunicato ha chiesto al direttore del DECS Manuele Bertoli e al direttore della Divisione della scuola Emanuele Berge di dimettersi. La risoluzione adottata giovedì in vista della riapertura delle scuole, che viene definita “l’ultima di una serie di pessime decisioni politiche che hanno investito, in questi ultimi anni, la scuola ticinese”.

A detta del movimento il Dipartimento dimostra “assoluta indifferenza” nei confronti “delle opinioni delle altre componenti della scuola (insegnanti, genitori, studenti)“. I vertici del DECS, per questa e precedenti decisioni, sono criticati per un “atteggiamento di sufficienza, combinata con una dose di autoritarismo e insofferenza”.


"Non ci hanno ascoltato"

Diverse le prese di posizione che criticano la decisione di riaprire le scuole il prossimo 11 maggio

01.05.2020 ore 14:16
“L’app per il contact-tracing è sicura”

L’app sviluppata in Svizzera per il contact-tracing, per contenere la diffusione del virus, protegge i dati privati: tutto è decentralizzato e i dati vengono cancellati regolarmente, ha spiegato Marcel Salathé direttore del Digital epidemiology lab del Politecnico di Losanna e membro della task force nazionale per il Covid-19, a Berna, durante una conferenza stampa indetta per fare il punto sulla pandemia.


Prova del 9 per l'app contro il virus

I militari hanno testato nel canton Vaud l'applicazione che monitora la trasmissione del virus

01.05.2020 ore 14:07
“Contact-tracing presto possibile”

Il “contact-tracing”, la fase di contenimento, implica che ogni persona che contrae la malattia debba essere isolata e i suoi famigliari messi in quarantena: se i casi continuassero a scendere potremmo, in ogni cantone, procedere con questa fase, ha dichiarato venerdì Daniel Koch, delegato della Confederazione per il nuovo coronavirus, a Berna durante una conferenza stampa indetta per fare il punto sulla pandemia. A Zugo, per esempio, il “contact-trancing” è già operativo.

01.05.2020 ore 13:15
Svizzera, scende la curva dei contagi

I dati aggiornati sull’evoluzione dell’epidemia in Svizzera fanno stato di 119 nuovi contagi computati nelle ultime 24 ore. Ieri il dato era di 179, mentre i casi registrati mercoledì scorso erano 143. Scende quindi la curva delle infezioni accertate, che ora a livello nazionale si attestano complessivamente a 29’705. Sempre in base alle cifre pubblicate poco fa dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), sono finora 1’435 i decessi causati dalla malattia.

La progressione dei contagi è sempre meno marcata tanto a livello nazionale quanto a livello ticinese come si evince dalla rappresentazione su scala logaritmica che rende evidente la tendenza.

01.05.2020 ore 12:38
Situazione delle PMI fortemente deteriorata

La situazione delle piccole e medie imprese in Svizzera si è fortemente deteriorata in aprile a causa della crisi del coronavirus. L’indice dei responsabili degli acquisti di Raiffeisen è crollato a 30,6 punti contro i precedenti 41,4 punti. Un indice sotto i 50 punti indica che un’economia o un settore si sta riducendo. L’impatto è particolarmente forte per le imprese che erogano servizi alla persona, ma la crisi ha colpito in pieno anche l’industria. Oltre il 70% delle società interrogate hanno registrato volumi di produzione inferiori.

Nel complesso, secondo i dati della Segreteria di stato dell’economia (SECO) ad aprile sono state presentate richieste di lavoro ridotto per oltre il 43 % degli occupati nell’industria, ben al di sopra della media del 35% per l’insieme dell’economia.

01.05.2020 ore 11:23
Riaprono altri servizi a Bellinzona

L’amministrazione comunale di Bellinzona da lunedì 4 maggio procederà ad ulteriori riaperture al pubblico di servizi ed uffici nel rispetto delle norme di distanziamento sociale. In particolare saranno nuovamente accessibili (con entrate contingentate) gli sportelli multifunzionali (Bellinzona, Claro, Giubiasco e Sementina; quelli degli altri quartieri torneranno operativi dall’11 maggio) e gli ecocentri dove si potranno nuovamente consegnare ingombranti, carta, plastica, umido, apparecchi elettrici e rifiuti speciali. Per gli scarti vegetali resta attiva unicamente la piazza di consegna di via Mondari a Giubiasco, insieme agli ecocentri di Claro e di Preonzo.

Resta sempre attiva la hotline per l’aiuto alle fasce di popolazioni anziane o vulnerabili chiamando il numero 058 203 19 99 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 11 e dalle ore 13.30 alle 15.30.

01.05.2020 ore 10:46
Due contagi e nessun nuovo decesso nei Grigioni

813 casi di Covid-19 confermati e 45 decessi nei Grigioni: sono i dati aggiornati pubblicati venerdì dalle autorità cantonali. Dati che attestato solo due nuovi contagi e nessun decesso in 24 ore.


01.05.2020 ore 10:46
Spagna, PIL in caduta del 9,2%

Per il 2020 la Spagna potrebbe veder scendere il suo Prodotto interno lordo (PIL) del 9,2%, il dato più basso dal 2012. Ad annunciarlo è stato il governo di Madrid, spiegando che le cause sono da attribuire alle ingenti spese pubbliche atte a limitare le ripercussioni del coronavirus sull’economia nazionale. La ministra dell’Economia Nadia Calviño ha inoltre dichiarato che il tasso di disoccupazione potrebbe crescere fino al 19%, contro il 13,8% registrato nel 2019.

01.05.2020 ore 10:43
Un nuovo decesso in Ticino

Gli ultimi dati sull’evoluzione della pandemia in Ticino indicano un decesso in più nelle ultime 24 ore. Sale quindi a 322 il numero delle persone che hanno finora perso la vita nel cantone a causa della patologia. Ancora in lieve aumento, da 3’210 a 3’218, il numero delle infezioni accertate dall’inizio della crisi. Cresce però anche il numero dei pazienti dimessi: 25 in più, rispetto al dato diffuso ieri, per un totale ora di 764 persone.

01.05.2020 ore 10:07
Ryanair, a rischio 3'000 posti di lavoro

A causa dell’emergenza coronavirus Ryanair potrebbe essere costretta a tagliare 3’000 posti di lavoro. La compagnia aerea ha infatti stimato che la domanda dei passeggeri rischia di non tornare alla normalità prima di 2 anni. I tagli riguarderebbero principalmente i piloti e il personale di bordo, mentre sarebbero previste anche riduzioni salariali fino al 20% e la chiusura di una serie di basi in Europa, almeno fino al recupero del traffico. Ryanair ha inoltre deciso lo stop del 99% dei suoi voli fino a luglio, annunciando che il numero di passeggeri del primo trimestre è stato inferiore del 99,5% (solo 150’000) rispetto alle previsioni di 42,4 milioni. Fino a marzo 2021 il colosso irlandese prevede di trasportare al massimo 100 milioni di passeggeri, ovvero il 35% in meno dell’obiettivo originale di 154 milioni.

01.05.2020 ore 09:44
Tre giorni senza nuovi contagi nel Moesano

Gli ultimi dati lasciano intendere che la diffusione del coronavirus si sarebbe arrestata nel Moesano, una delle regioni più colpite della Svizzera italiana. Da tre giorni - stando a quanto appreso dalla RSI - infatti non si registrano nuovi casi di contagio. Il numero delle persone positive dall’inizio della pandemia è fermo a 108 dal 28 aprile quando il bollettino dello Stato maggiore regionale faceva stato anche di 10 ospedalizzati e di 15 decessi, in particolare tra gli ospiti delle tre case per anziani (sulle quattro presenti in Mesolcina) in cui si sono avuti focolai.

01.05.2020 ore 09:44
Russia, i nuovi contagi sono quasi 8'000

Il trend dei contagi in Russia si conferma in aumento. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 7’933 nuovi casi positivi al coronavirus, in rialzo rispetto ai 7’099 di ieri. Il totale dei contagi su suolo nazionale ha così raggiunto quota 114’431. I nuovi decessi sono stati invece 96, per un bilancio complessivo di 1’169 vittime.

01.05.2020 ore 09:00
Germania, 193 decessi e 1'639 nuovi contagi

In Germania sono state 193 le persone che hanno perso la vita a causa del coronavirus nelle ultime 24 ore. Il totale dei decessi dall’inizio della pandemia è così salito a 6’481. Secondo i dati forniti dall’Istituto Robert Koch (RKI) i nuovi casi di contagio sono stati 1’639, in aumento rispetto ai 1’478 registrati giovedì. Il numero complessivo delle persone che ha contratto il Covid-19 nel paese ha toccato così quota 160’758.

01.05.2020 ore 07:32
“I più deboli sono i più toccati dalla crisi”

La crisi del coronavirus tocca più duramente le persone fragili, ha dichiarato il presidente dell’Unione sindacale svizzera, Pierre-Yves Maillard, in un’intervista apparsa sui giornali del gruppo Tamedia il 1° maggio, giorno della festa del lavoro. Tra i lavoratori con un salario basso, il 50% si trova attualmente in regime di lavoro ridotto, ha sottolineato il sindacalista vodese, ricordando che fra le persone meglio remunerate la quota è invece del 5%. Un modo per aiutare chi guadagna di meno, ha aggiunto, sarebbe quello di agire sui premi dell’assicurazione malattia. Nell’intervista, Maillard ha sottolineato anche la necessità di meglio tutelare la salute dei dipendenti e di investire maggiormente nel servizio pubblico (soprattutto sanitario), che non deve più essere sottomesso alle leggi di mercato. “Certi settori che fanno profitti colossali” dovranno mostrarsi solidali, ha concluso.

01.05.2020 ore 07:21
Oltre un milione i guariti nel mondo

La soglia delle persone guarite dal nuovo coronavirus a livello mondiale ha superato venerdì il milione: è quanto emerge dal conteggio aggiornato pubblicato dalla Johns Hopkins University. Secondo i dati raccolti dall’università statunitense, i guariti sono ora 1’014’809, mentre i morti sono 233’405 a fronte di un totale di 3’257’520 casi.

01.05.2020 ore 07:19
USA, Boeing lancia prestito azionario da 25 miliardi

Il costruttore di aeromobili statunitense Boeing, gravemente colpito dalla pandemia di coronavirus, ha lanciato un prestito obbligazionario da 25 miliardi di dollari rinunciando per il momento agli aiuti federali. Lo rende noto un comunicato stampa.

01.05.2020 ore 07:18
Sempre più allarmante la situazione negli USA

Nuovo incremento dei decessi negli Stati Uniti

Il Covid-19 flagella l'America

Ancora più di duemila morti negli USA, che registrano quasi un terzo del totale globale dei contagi. I vettori aerei americani impongono le mascherine

01.05.2020 ore 07:16
Amazon fa il pieno di ricavi, ma il virus costa 4 miliardi

I ricavi di Amazon volano con il coronavirus che costringe a casa miliardi di persone in tutto il mondo. La società chiude il primo trimestre con ricavi in aumento del 26% a 75,5 miliardi di dollari, sopra le attese degli analisti e pari a circa 33 milioni all’ora. Un aumento che però ha un costo: l’utile netto è calato del 29% a 2,5 miliardi di dollari, sotto le attese degli analisti. E i costi continueranno: nei tre mesi in corso Amazon stima di spendere 4 miliardi di dollari o più per le spese legate al coronavirus, che includono quelle per la sicurezza dei suoi dipendenti. Per il secondo trimestre Amazon prevede ricavi fra i 75 e gli 81 miliardi di dollari, con una crescita fra il 18% e il 28% rispetto allo stesso periodo del 2019. Alla luce dell'attesa spesa di 4 miliardi, Amazon stima che il risultato operativo potrebbe oscillare fra una perdita di 1,5 miliardi e un utile di 1,5 miliardi.

01.05.2020 ore 07:14
Dalla ristorazione alla coltivazione nei campi. L'impatto della crisi sul lavoro nei Grigioni

Il reportage per RSI News di Annalisa De Vecchi

Quando il virus porta nei campi

Lavoratori della ristorazione impiegati nell'agricoltura durante il lockdown