414193393_highres.jpg
Le misure sono state annunciate giovedì in conferenza stampa a Berna keystone
Momenti chiave
16.04.2020 ore 23:33
16.04.2020 ore 21:04
16.04.2020 ore 19:29
16.04.2020 ore 18:33
16.04.2020 ore 18:13
16.04.2020 ore 17:57
16.04.2020 ore 17:38
16.04.2020 ore 17:05
16.04.2020 ore 17:03
16.04.2020 ore 16:56
16.04.2020 ore 16:45
16.04.2020 ore 16:06
16.04.2020 ore 16:04
16.04.2020 ore 16:00
16.04.2020 ore 15:46
16.04.2020 ore 15:36
16.04.2020 ore 15:30
16.04.2020 ore 15:29
16.04.2020 ore 15:20
16.04.2020 ore 15:05
16.04.2020 ore 14:26
16.04.2020 ore 12:36
16.04.2020 ore 12:18
16.04.2020 ore 12:14
16.04.2020 ore 12:09
16.04.2020 ore 12:00
16.04.2020 ore 11:36
16.04.2020 ore 11:14
16.04.2020 ore 10:23
16.04.2020 ore 10:15
16.04.2020 ore 10:14
16.04.2020 ore 09:56
16.04.2020 ore 09:49
16.04.2020 ore 09:13
16.04.2020 ore 07:47

Tre tappe per uscire dalla crisi

Ripresa delle attività economiche: il Governo illustra la sua strategia dopo gli ultimi sviluppi della pandemia in Svizzera. Finestra ticinese fino al 26 aprile
giovedì 16 aprile 2020 07:40

Il Governo ha illustrato, in conferenza stampa a Berna, la sua strategia di uscita dalla crisi provocata dalla pandemia di coronavirus. Tre le tappe e le scadenze in prospettiva; la data del 27 aprile, legata in particolare alla riapertura di negozi fai-da-te e parrucchieri; quella dell'11 maggio per la riapertura delle scuole dell'obbligo e di tutto il commercio al dettaglio; quella dell'8 giugno per le scuole postobbligatorie, i musei e le biblioteche. Nessuna decisione è stata invece presa in funzione di manifestazioni e grandi eventi estivi.

Berna ha autorizzato il Ticino a prorogare fino al 26 aprile la sua finestra di crisi, con misure, comunicate dal Consiglio di Stato, che prevedono nuovi allentamenti per industria e cantieri.

L'epidemia continua intanto a mietere vittime. Nelle ultime 24 ore altre 6 persone sono spirate, in Ticino, dopo aver contratto la patologia da coronavirus. È quanto emerge dagli ultimi dati forniti dalle autorità del cantone. Il numero dei contagi ha poi fatto segnare un'ulteriore progressione, con 26 casi in più rispetto a ieri. Nei Grigioni si contano un morto in più, ora 38, e cinque nuovi contagi (746 in totale). A livello nazionale, i contagi sono aumentati di 315 unità, e sono oltre 26'000, mentre i decessi di 44 a 1'017.

La cronaca della giornata di ieri

I dati sempre aggiornati

In Spagna è intanto deceduto di coronavirus lo scrittore cileno Luis Sepulveda. Aveva 70 anni. Avvertiti i primi sintomi a fine febbraio, era ricoverato all'ospedale di Oviedo.

di Alex Ricordi, Patrick Solcà, Enrico Campioni, Stefano Pongan, Elena Boromeo, Elias Bernasconi, Sandro Pauli e Giorgio Buzelli

16.04.2020 ore 23:33
La storia del capitano Tom

A quasi 100 anni, il veterano britannico Tom Moore ha raccolto 13 milioni di sterline per il sistema sanitario nazionale.

Beneficenza a 99 anni

Tom Moore, veterano inglese, ha raccolto 15 milioni di sterline completando 100 giri del proprio giardino

16.04.2020 ore 21:38
"Non sopravviveremo per così tanto tempo"

Se attività come parrucchieri, fioristi, giardinieri, musei, biblioteche e altri negozi hanno ricevuto oggi importanti risposte riguardo a quando potranno riaprire, non è stata presa alcuna decisione da parte del Consiglio federale per quanto concerne bar, ristoranti e grandi eventi. Domande senza risposta che creano preoccupazione, come ha confermato Massimo Suter, vicepresidente di GastroSuisse, al Telegiornale del 16.04.2020: “Siamo preoccupati e abbiamo paura, perché non abbiamo uno spazio temporale definito. Credo che il Cantone debba essere presente e fare la sua parte per sostenere il settore con dei crediti a fondo perso”. Sulla stessa barca è Michele Alvarez, di Emme eventi: “Riteniamo che l’attività legata ai grandi eventi non riprenderà fino a settembre. Il Cantone e la Confederazione hanno fatto tanto e si sono attivati subito, ma solo con questi primi aiuti non riusciremo a sopravvivere per così tanto tempo: abbiamo scorte per 3-4 mesi, ma qui stiamo parlando di 6-7 mesi di completa inattività”.

Le dichiarazioni di Massimo Suter e Michele Alvarez (TG 16.04.2020, 20h00)
16.04.2020 ore 21:04
Più di 30'000 casi in Brasile

Sono 30’425 i casi accertati di Covid-19 in Brasile, dove i morti sono saliti oggi a 1’924. Lo rivela il ministero della Salute nel quotidiano bollettino sull’emergenza coronavirus pubblicato sul proprio sito. I decessi nelle ultime 24 ore sono stati 188, in lieve calo rispetto ai due giorni precedenti, quando i morti erano stati 204. I nuovi positivi, diagnosticati tra ieri e oggi, sono invece 2’105. Lo Stato più colpito è quello di San Paolo, con 853 morti, seguito da quello di Rio de Janeiro, con 300. Il tasso di mortalità è invece del 6,3 per cento. Intanto, tramite i social, il ministro della Sanità brasiliano Luiz Henrique Mandetta ha annunciato di essere stato licenziato dopo un incontro a Brasilia con il presidente della Repubblica Jair Bolsonaro.

16.04.2020 ore 20:59
Il Gruppo Zegna si reinventa, pronti camici protettivi per Ticino e Piemonte

Sapersi riconvertire durante l’emergenza coronavirus. Il Gruppo Zegna, specializzato solitamente in abiti di alta moda, sta producendo camici protettivi destinati al settore sanitario del canton Ticino e del Piemonte: “Domani consegneremo i primi 2’000 indumenti allo Stato maggiore ticinese”.

16.04.2020: Camici protettivi per il Ticino
16.04.2020 ore 20:25
Edilizia, la riapertura fa discutere

Se per i sindacati si tratta di un passo troppo ampio, per le aziende è un passaggio obbligato. Ne hanno discusso il segretario regionale UNIA Ticino Giangiorgio Gargantini e il presidente Unione delle associazioni dell’edilizia Piergiorgio Rossi a margine della conferenza stampa del Consiglio di Stato ticinese.

Edilizia, la riapertura fa discutere

In Ticino, se per i sindacati si tratta di un passo troppo ampio, per le aziende è un passaggio obbligato

16.04.2020 ore 19:29
Quasi 110'000 casi in Francia

I decessi legati al coronavirus in Francia sono passati da 17’167 a 17’920 (+753 nelle ultime 24 ore), dei quali 6’860 nelle sole case anziani, mentre il numero dei casi totali confermati è salito a 108’847 (rispetto ai 106’206 di mercoledì). Sono invece calate per il secondo giorno consecutivo le ospedalizzazioni (da 31’779 a 31’305).

16.04.2020 ore 19:15
Stato d'emergenza prolungato in Portogallo

Il Portogallo ha deciso di prolungare di altre due settimane lo stato d’emergenza, estendendolo quindi fino al 2 maggio. Il numero di casi di coronavirus confermati giovedì è di circa 18’800, e più di 600 persone sono già morte nel paese a causa del Covid-19.

16.04.2020 ore 18:33
L'Italia conta altri 525 morti

Il bilancio delle vittime da coronavirus in Italia è sempre grave, ma c’è un leggero miglioramento. I nuovi decessi registrati oggi, infatti, sono 525, contro i 578 di ieri. Il totale dei morti sale così a 22’170. I nuovi casi di contagio sono 3’786: un numero elevato, che - secondo quanto spiega la protezione civile - dipende anche dall’elevato numero di tamponi effettuati.

16.04.2020 ore 18:30
Garzoni: "Tempi maturi per riaprire le scuole ma senza dimenticare tutto"

“I bambini non hanno quasi mai un decorso grave, tornare a scuola per loro non è pericoloso e i tempi stabiliti sono dal Consiglio federale sono maturi”, ha detto il dottor Christian Garzoni della Clinica Luganese Moncucco, collegato in diretta con la RSI. “Non deve essere però una riapertura dimenticandoci di tutto quello che abbiamo imparato fin qui, quindi distanze sociali e misure di igiene”, ha detto ancora Garzoni. E soprattutto la protezione delle fasce a rischio, perché anche se non si ammalano gravemente i bambini possono essere vettori del virus e contagiare per esempio i nonni.

Christian Garzoni: "I tempi per la riapertura delle scuole sono mature, ma le misure di protezione restano essenziali"
16.04.2020 ore 18:13
Lockdown esteso nel Regno Unito

Il Regno Unito ha esteso il lockdown a livello nazionale per almeno altre tre settimane. Il ministro Dominic Raab, che ha preso momentaneamente il posto del convalescente Boris Johnson alla guida del governo, ha detto che le restrizioni sociali imposte dal 23 marzo stanno funzionando, ma che non è certo che il picco sia stato superato.

16.04.2020 ore 18:09
"Festival di Locarno ancora possibile"

In assenza di decisioni federali sui grandi eventi, “il Festival del film resta ancora possibile”, ha detto Manuele Bertoli. Entro un paio di settimane ci vorranno però indicazioni politiche “più vincolanti” perché una decisione andrà presa.

Manuele Bertoli: "Il Festival di Locarno è ancora possibile"
16.04.2020 ore 18:07
Nelle case anziani ticinesi 116 morti

Sono 116 i decessi finora nella case per anziani ticinesi, su un totale di 269 morti in Ticino e di 4’500 ospiti di queste strutture, che in Ticino sono una settantina. Lo ha detto il medico cantonale Giorgio Merlani.

Giorgio Merlani: "Il tasso di mortalità nelle case anziani è intorno al 25-30%"
16.04.2020 ore 17:57
Altri 606 decessi a New York

I decessi legati al coronavirus nello stato di New York sono 606 nelle ultime 24 ore (contro i 752 del giorno precedente), e il bilancio delle vittime complessivo è ora 12’192. Il governatore Andrew Cuomo ha anche comunicato che lo stop delle attività commerciali non essenziali e la chiusura delle scuole sono state prorogate per altre due settimane, ovvero fino al 15 maggio.

16.04.2020 ore 17:51
"Sulla scuola il Cantone dovrà valutare"

La scuola dell’obbligo potrà riaprire dall’11 maggio secondo le disposizioni federali, se la decisione verrà confermata a fine aprile dal Consiglio federale, “poi toccherà al Cantone fare le sue valutazioni”, ha detto Manuele Bertoli in conferenza stampa. “Ora abbiamo un orizzonte temporale, anche per la scuola a distanza che almeno fino all’11 maggio dovrà proseguire, e su questo dovremo lavorare”.

Manuele Bertoli: "La scuola rimane di competenza cantonale"
16.04.2020 ore 17:47
Sarà la fine della finestra di crisi?

L’eventualità di una proroga della finestra di crisi ticinese sarà discussa la prossima settimana dal Governo ticinese, ha risposto Christian Vitta, sollecitato da una domanda. Ha però precisato che se richiesta “non è scontato che sia concessa” e che le regole da rispettare sono precise. Alain Berset ha detto chiaramente a Berna che il Governo auspica che tutta la Confederazione esca progressivamente dall’emergenza al stesso ritmo.

Christian Vitta: "Non era scontato che la finestra di crisi ci venisse concessa"
16.04.2020 ore 17:44
Cosa cambia in Ticino dal 20 al 26 aprile

Allentamenti in Ticino

Il Governo rende note le disposizione sulle attività economiche fino al prossimo 26 aprile

16.04.2020 ore 17:38
Niente Paléo nel 2020

Il Paléo Festival non avrà luogo nel 2020. Il più grande openair della Svizzera è stato infatti annullato e rinviato al 2021 per l’epidemia di coronavirus. Per la 45a edizione, che avrebbe dovuto svolgersi dal 20 al 26 luglio, ci si aspettavano circa 270’000 spettatori durante i sette giorni del festival.

16.04.2020 ore 17:37
Ridotti i letti COVID negli ospedali

L’Ospedale La Carità di Locarno resterà l’unico dedicato al COVID-19, altre strutture manterranno letti COVID e non COVID in piena sicurezza, ha detto il consigliere di Stato Raffaele De Rosa. Anche per i pazienti non contagiati, che in alcuni casi hanno rinunciato a farsi curare per evitare il contagio “e questo può essere molto pericoloso”, bisognerà tornare a un regime normale. Dal 14 aprile sono diminuiti così da 110 a 81 i posti in terapia intensiva per i malati di coronavirus. Nei reparti acuti COVID si passerà da circa 440 a circa 220 a La Carità e Clinica Moncucco. Nel livello 3, meno acuto, si scenderà da 150 a 60-7’0 posti. Nel post acuto, a Faido, Castelrotto e Ars Medica, da 130-150 a 110, e nella riabilitazione saranno disponibili una trentina di letti a Novaggio e alla Hildebrand di Brissago.

Raffaele De Rosa: "Ridotti i posti in cure intense riservati unicamente ai pazienti di Covid-19"
16.04.2020 ore 17:21
"Dovremo convivere ancora con il virus"

L’allentamento delle misure ticinesi riflette il lento miglioramento della situazione ma non è la fine dell’emergenza, ha ricordato Christian Vitta. Norman Gobbi ha osservato che il percorso è ancora lungo: “La prudenza deve continuare a essere presente in tutti noi, gli spostamenti non necessari dovranno essere evitati anche in futuro. Dobbiamo continuare con la disciplina perché (...) la pazienza salva vite umane”.

Norman Gobbi: "La pazienza salva vite umane"
16.04.2020 ore 17:11
Ancora regime di autorizzazioni per l'industria

Le aziende che intendono impiegare contemporaneamente oltre il 50% del personale attivo a regime ordinario devono, se superano i 10 dipendenti impiegati contemporaneamente, chiedere un’autorizzazione allo Stato Maggiore di Condotta Cantonale per attività non procrastinabili o di interesse pubblico.

16.04.2020 ore 17:10
Allentamento per i cantieri e le cave

Le eccezioni ticinesi, dal 20 aprile (data di scadenza delle disposizioni precedenti) e fino al 26 aprile, continuano a riguardare alberghi e campeggi, chiusi o con al massimo 50 ospiti che devono essere non turisti, ma attivi nei settori permessi. I cantieri restano chiusi, con l’eccezione sui cantieri all’aria aperta o al coperto svolte da massimo 10 persone oppure quelle legate alla lavorazione ed estrazione della pietra naturale.

Christian Vitta: "Tutte le strutture ricettive restano chiuse, cantieri ancora sospesi"
16.04.2020 ore 17:07
Un'app per segnalare i contatti a rischio

Tracciamento sistematico dei contagi e monitoraggio dei possibili contatti a rischio attraverso un’app. È quanto prevede di fare la Confederazione nella “fase 2” dell’epidemia da coronavirus.

In futuro anche un'app anti-contagi

La strategia del Governo per la "fase 2" prevede un controllo più serrato della catena di trasmissione delle infezioni e un'applicazione per svelare i contatti a rischio

16.04.2020 ore 17:05
Finestra di crisi confermata

Christian Vitta conferma che, unico cantone svizzero, il Ticino ha chiesto e ottenuto anche per la prossima settimana lo statuto della finestra di crisi, che permette misure più restrittive del resto del paese. L’evoluzione dell’allentamento è graduale tenendo conto della situazione sanitaria.

Christian Vitta: "Il Ticino rimanere l'unico cantone ad avere misure più restrittive rispetto al resto della Svizzera"
16.04.2020 ore 17:04
Amministrazione ancora a ritmo ridotto

L’amministrazione cantonale continuerà a lavorare a ritmo ridotto fino al 26 aprile, favorendo il lavoro ridotto. L’accesso agli sportelli sarà possibile su appuntamento

Christian Vitta: "L'amministrazione cantonale opererà a regime ridotto fino al 26 aprile"
16.04.2020 ore 17:03
"Sforzi efficaci"

“Gli sforzi sono stati efficaci, ma dobbiamo proseguire con le misure di igiene e distanza sociale per non vanificare i sacrifici fatti finora”, esordisce Christian Vitta. L’obiettivo è continuare a rallentare la diffusione del virus.

Christian Vitta: "Non vanifichiamo gli importanti sacrifici fatti finora"
16.04.2020 ore 17:02
+++ Inizia al conferenza stampa del Consiglio di Stato ticinese+++

È presente il Governo in corpore, oltre al medico cantonale Giorgio Merlani in collegamento via Skype

16.04.2020 ore 16:56
Licenziata una parte delle truppe

Il numero di richieste d’appoggio da parte dell’esercito dai Cantoni in relazione al coronavirus è solo lievemente aumentato. Considerata l’evoluzione, l’esercito licenzia dall’impiego una parte delle truppe sanitarie in servizio d’appoggio. Il Consiglio federale è stato informato oggi. La sanità pubblica avrà ancora a sua disposizione un numero sufficiente di militari. Il licenziamento dall’impiego di 300–400 militari è connesso a cosiddetti “obblighi di prontezza”: i militari potranno essere nuovamente chiamati in servizio nell’arco di 24 ore se la situazione dovesse richiederlo, viene reso noto in un comunicato governativo.

16.04.2020 ore 16:45
"I lavoratori vanno protetti"

I sindacati accolgono favorevolmente la progressiva riapertura delle attività in tre tappe decisa dalla Confederazione, ma insistono: la priorità deve essere data alla protezione dei lavoratori

16.04.2020 ore 16:25
EasyJet sopravviverà a nove mesi di stop

EasyJet ha comunicato di poter sopravvivere a nove mesi di interruzione delle proprie attività di volo, grazie alle misure straordinarie adottate per combattere la crisi legata al coronavirus. La compagnia aerea low-cost britannica ha infatti dichiarato che inizierà a ridurre la propria flotta, stimando che non tornerà ai livelli pre-crisi prima del 2022 ma restando flessibile in caso di nuovi sviluppi.

16.04.2020 ore 16:06
Quasi 30'000 contagi in Olanda

L’ultimo aggiornamento delle autorità sanitarie olandesi riferisce di 1’061 nuovi contagi da coronavirus accertati nelle ultime 24 ore (ieri erano 734), per un totale di 29’214 dall’inizio dell’epidemia. Sono invece 181 i nuovi decessi, per un totale di 3’315. Sia i dati dei decessi che quelli dei ricoveri sono in linea con quelli degli ultimi giorni.

16.04.2020 ore 16:04
"Ancora attenzione con i nonni"

“Fino a quando non ci sarà un vaccino la questione dei contatti intergenerazionali, e quindi con gli anziani in particolare, resterà attuale. La prudenza andrà mantenuta”, ha detto Alain Berset in risposta a una domanda della stampa durante la conferenza stampa di Berna.

Alain Berset: "Finché non sarà trovato un vaccino bisognerà fare attenzione ai contatti intergenerazionali"
16.04.2020 ore 16:03
L'evoluzione dei contagi nella Confederazione, in Ticino e nei Grigioni
16.04.2020 ore 16:00
L'UE sconsiglia il tracciamento

L’Unione europea, in una nota diffusa giovedì, ha sconsigliato a tutti i paesi l’utilizzo di tecnologie di geolocalizzazione che, per combattere la pandemia di coronavirus, avvisano l’utente di essere entrato in contatto con una persona risultata positiva. Secondo l’UE sono presenti minacce alla privacy e alla sicurezza in alcuni dei sistemi di tracking utilizzati fin qui. L’UE raccomanda che l’installazione di queste applicazioni sia volontaria e avvenga con il consenso dell’utente, basandosi su dati anonimi. Questi dati devono rispettare le norme sulla protezione dei dati e sulla privacy ed essere disattivati al termine della pandemia. Un’ulteriore raccomandazione è che questi strumenti dovrebbero essere sviluppati e utilizzati “in stretto coordinamento con le autorità sanitarie pubbliche e sotto la supervisione di queste ultime”.

16.04.2020 ore 16:00
Regno Unito, 861 decessi in un giorno

Sono 861 le persone morte nelle ultime 24 ore nel Regno Unito a causa del coronavirus. Il totale dei decessi sale così a 13’839. In totale, i contagi diagnosticati sono più di 103’000. Lo ha comunicato il ministero della Sanità britannico.

16.04.2020 ore 15:54
Stati Uniti, esplode la disoccupazione

Le richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana si sono attestate a 5,24 milioni, dopo i 6,61 milioni della settimana precedente. Complessivamente, nelle ultime 4 settimane, 22 milioni di americani hanno richiesto i sussidi. La cifra di 22 milioni corrisponde circa al numero netto dei posti creati in nove anni e mezzo di ripresa, iniziata alla fine dell’ultima recessione nel 2009.

16.04.2020 ore 15:48
Tutto il paese allo stesso ritmo, eccezione ticinese fino al 26 aprile

“Il Consiglio federale vuole uscire dalla crisi nel modo più coordinato possibile, con misure applicate su tutto il territorio nazionale” (e quindi senza differenze fra cantoni), ha detto Alain Berset, rispondendo a una domanda che accennava all’eccezione ticinese. La Confederazione ha però autorizzato il Ticino a prorogare fino al 26 aprile le limitazioni supplementari ordinate per determinati settori economici. Quali saranno queste eccezioni lo vedremo nel dettaglio nella conferenza stampa del Consiglio di Stato ticinese, che alle 17.00 presenterà l’aggiormanento dei suoi provvedimenti

Alain Berset: "Abbiamo creato un piano che dovrebbe consentire un'uscita coordinata"
16.04.2020 ore 15:46
L'allentamento in tre tappe

Prime riaperture dal 27 aprile

Il Governo ha presentato il piano di allentamento delle misure anti-Covid-19 in tre tappe - Scuole obbligatorie chiuse fino all'11 maggio

Alain Berset: "Dall'11 maggio potrà riaprire tutto il commercio al dettaglio"
16.04.2020 ore 15:40
Come sarà la fine dell'apprendistato per 75'000 giovani

Gli esami scolastici per gli apprendisti saranno sostituiti quest’anno dalla nota, ha detto Guy Parmelin, mentre per i 75’000 giovani a fine formazione gli esami pratici restano ancora da precisare nella loro modalità in funzione della professione.

Guy Parmelin: "Non ci sarà un esame di tirocinio a scuola per gli apprendisti"
16.04.2020 ore 15:38
Indennità per diversi professionisti

Taxisti, fisioterapisti e altri professionisti toccati indirettamente dalle misure di lotta al coronavirus avranno diritto ad aiuti: il Consiglio federale ha deciso di dar loro diritto all’indennità di perdita di guadagno COVID-19, per un ammontare massimo di 196 franchi giornalieri.

Alain Berset: "Potenziato il sostegno per i lavoratori indipendenti"
16.04.2020 ore 15:36
Apertura con protezione

Con la fase di allentamento delle misure, per i singoli settori sarà elaborato un piano di protezione e potrà essere raccomandato o reso obbligatorio di portare la mascherina.

Alain Berset: "In molte situazioni portare la mascherina sarà raccomandato"
16.04.2020 ore 15:30
Negozi aperti dall'11 maggio

La seconda tappa, oltre a quella delle scuole dell’obbligo, prevede anche la riapertura di tutti i negozi, comunica Alain Berset. Poi ci sarà più tempo per valutare la situazione prima della terza tappa dell’8 giugno. Ancora nessuna decisione, per ora, per le grandi manifestazioni dell’estate.

Alain Berset: "Le strutture ambulatorie, i fisioterapisti, i saloni di massaggio e i centri estetici potranno tornare ad operare"
16.04.2020 ore 15:29
Più di 1’000 morti in Svizzera

Hanno ufficialmente superato la soglia psicologica dei mille i decessi legati al coronavirus in Svizzera. Ad oggi, i morti nella Confederazione sono 1’017, ieri erano 973, mentre le persone risultate positive al virus sono 26’732, con un incremento rispetto a ieri di poco più di 300 unità

Alain Berset: "La progressione dei contagi ora è più lenta"
16.04.2020 ore 15:22
"Continuiamo a rispettare le distanze"

“Non vogliamo un contraccolpo in termini di contagi, continuiamo a rispettare le distanze e le misure di igiene”, raccomanda Simonetta Sommaruga.

Simonetta Sommaruga: "Dobbiamo evitare a tutti i costi una ricaduta"
16.04.2020 ore 15:20
Apertura in tre fasi

“Le misure hanno funzionato, la diffusione del coronavirus è contenuta e la seconda buona notizia è che possiamo procedere a un allentamento delle misure in tre tappe: il 27 aprile, l’11 maggio con le scuole dell’obbligo e l’8 giugno. Annuncia Simonetta Sommaruga. Fisioterapisti, centri di giardinaggio, parrucchieri riapriranno il 27 aprile con altri prestatari di servizi senza grandi flussi di persone. Gli ospedali potranno in quella data tornare a fornire anche le prestazioni non urgenti.

Simonetta Sommaruga: "La prima fase di apertura avverrà il 27 aprile, mentre la seconda l'11 maggio"
16.04.2020 ore 15:17
+++ Comincia la conferenza stampa del Consiglio federale+++

Il Consiglio federale presenta la misure di allentamento del lockdown decise stamane: inizia la conferenza stampa con la presidente Simonetta Somaruga, Alain Berset e Guy Parmelin

16.04.2020 ore 15:05
Tampone a tappeto in Austria

L’Austria ha programmato dei test di coronavirus a tappeto nelle case anziani. Il tampone, che verrà fatto a circa 130’000 persone tra pazienti e personale sanitario, è stato annunciato dal ministro della salute Rudolf Anschober ed è giustificato dall’alto richio di contagio nelle strutture.

16.04.2020 ore 14:26
Misure per evitare i fallimenti

Bisogna evitare i fallimenti dovuti al coronavirus e la conseguente perdita di posti di lavoro. A tale scopo il Consiglio federale ha approvato oggi una modifica d’ordinanza che permette alle imprese di evitare la chiusura definitiva. Prevista anche una moratoria senza ostacoli burocratici, destinata in particolare alle PMI. In una situazione normale, le imprese sono tenute, in caso di eccedenza dei debiti, ad avvisare immediatamente il giudice del fallimento. La modifica d'ordinanza approvata oggi esenta da tale obbligo le imprese che alla fine dello scorso anno erano sane se esiste la prospettiva che dopo la crisi la situazione possa risolversi. In caso contrario l'impresa può chiedere, come finora, la moratoria concordataria, le cui condizioni sono state leggermente alleviate.

16.04.2020 ore 14:24
Giappone, stato di emergenza su tutto il territorio

Il Giappone ha deciso di estendere lo stato di emergenza, legato alla pandemia da coronavirus, a tutto il territorio del paese. Questo fino al 6 maggio. Finora la misura interessava solo 7 regioni su 47. Nel paese asiatico i contagi da coronavirus sono circa 8’600 e i morti sono 178.

16.04.2020 ore 13:19
Swiss a regime ridotto fino al 17 maggio

La Swiss ha prorogato fino al 17 maggio il piano di volo ridotto ai minimi termini che applica già dal 23 marzo, per effetto delle restrizioni di viaggio imposte in Svizzera e in numerosi paesi del mondo a causa della pandemia. Sono in servizio soltanto sei apparecchi, mentre il resto della flotta, 85 veicoli, è parcheggiato al suolo. I passeggeri i cui voli sono cancellati o che non possono partire possono far cambiare il loro biglietto scegliendo un’altra data o un’altra destinazione, con scadenza al 31 agosto.

16.04.2020 ore 13:05
Un morto e cinque casi nei Grigioni

Dall’inizio dell’epidemia sono 38 le persone morte di COVID-19 nei Grigioni e 746 quelle infettatesi. Coira ha aggiornato le sue cifre: rispetto a quelle della vigilia, si segnalano un decesso e cinque contagi in più

16.04.2020 ore 13:00
Zurigo, più di un morto su due era in casa anziani

I dati diffusi dal canton Zurigo oggi confermano come il coronavirus sia particolarmente pericoloso nelle case per anziani: vi risiedevano infatti 47 delle 87 vittime recensite.

16.04.2020 ore 12:39
I sindaci morti per la campagna in Francia

Vari sindaci francesi sono deceduti, dopo aver contratto il coronavirus durante la scorsa campagna elettorale per le municipali, svoltesi il 15 marzo. Lo rivela un’inchiesta della Radio pubblica France Info. E per permettere ai municipi di funzionare, il Governo ha emanato un’appposita ordinanza. La corrispondenza da Parigi è di Alessandro Grandesso.

RG 12.30 del 16.04.2020 La corrispondenza di Alessandro Grandesso
16.04.2020 ore 12:36
Fare i conti con il coronavirus

I costi economici della crisi scatenata dal coronavirus sono impressionanti. I bilanci di Confederazione, cantoni e comuni sono e saranno pesantemente toccati. Il preventivo 2020 in Ticino prevedeva per esempio un disavanzo di 4 milioni di franchi, ma non aveva ancora fatto i conti con il coronavirus: “Questi documenti”, afferma il presidente del Governo Christian Vitta, “andranno aggiornati perché da un lato c’è l’intervento dell’ente pubblico a sostegno di questa situazione difficile, dall’altro registreremo minori introiti: i gettiti fiscali caleranno e avremo maggiori costi per tutti gli interventi che stiamo facendo. E’ un tema che toccherà comuni, cantoni e Confederazione”. A causa di questa situazione eccezionale Vitta afferma che “sicuramente nel 2020 si registrerà una depressione, quanto durerà e come ci si riprenderà è ancora un’incognita”.

RG 12.30 del 16.4.2020 L'intervista di Sharon Bernardi
16.04.2020 ore 12:35
Meno pressione sugli ospedali ticinesi

Nelle strutture ospedaliere ticinesi dedicate alla cura dei pazienti affetti dal coronavirus, sono attualmente ricoverate 249 persone: 190 in reparto e 59 in terapia intensiva, di cui 49 intubate. Lo rende noto lo Stato maggiore cantonale di condotta. Sono tutti dati in calo, che confermano la diminuzione della pressione sui nosocomi ticinesi: era dal 23 marzo che le ospedalizzazioni non scendevano a un livello così basso

16.04.2020 ore 12:18
Multa per i turisti della spesa

Il Consiglio federale precisa la sua ordinanza sui provvedimenti contro il coronavirus, dopo che nelle ultime ultime settimane l’Amministrazione federale delle dogane ha constatato un intenso traffico transfrontaliero a scopo di acquisti. Da metà marzo, si ricorda, sono stati reintrodotti controlli alle frontiere ed emanati dei divieti di entrata, i viaggi non essenziali sono sconsigliati. La nuova disposizione, decisa oggi, introduce una multa di 100 franchi nei casi di evidente turismo dell’acquisto, non per sanzionare la spesa stessa, si precisa, ma per aver ostacolato il lavoro delle guardie di confine di cui si vorrebbe concentrare le risorse per altri compiti.

16.04.2020 ore 12:14
È morto il jazzista Lee Konitz

Lee Konitz, uno dei grandi musicisti jazz di fama internazionale, è morto a 92 anni al Lenox Hill Hospital di New York. La notizia è stata confermata dal figlio, Josh Konitz, che ha specificato che le cause del decesso sono da attribuirsi al Covid-19. Nato a Chicago nel 1927, la sua carriera artistica è durata oltre 70 anni.

16.04.2020 ore 12:09
Altri 551 morti in Spagna

Sono ormai 19’130 le persone morte di COVID-19 in Spagna. Il bilancio si è aggravato da ieri con 551 nuovi decessi. I contagi accertati, comunica il Ministero della salute, sono cresciuti di circa 5’000 unità, a 182’816

16.04.2020 ore 12:05
Gli Stati si indebiteranno per far fronte alla crisi

Le misure di aiuto all’economia adottate dagli Stati non saranno indolori. Infatti secondo le previsioni del Fondo monetario internazionale c’è da attendersi un importante aumento del debito pubblico di molti Stati. Gli ultimi dati del terzo trimestre 2019 indicavano una media dell’86%, che salirà al 100% stando alle stime dell’FMI, come ci dice Marzio Minoli.

PP 12.00 del 16.04.2020 Il servizio di Marzio Minoli
16.04.2020 ore 12:00
Petizione del Moesano inascoltata

Il Governo grigionese, pur manifestando la massima comprensione per la situazione nelle valli italofone, ha deciso di non dar seguito alla petizione “Sostegno ticinese al Moesano”. Il testo chiedeva l’adozione per Mesolcina e Calanca di misure anticoronavirus analoghe a quelle attuate in Ticino, più severe di quelle ordinate dal Consiglio federale. La petizione, promossa da Michela Ahmed Ranzi, un’infermiere appartenente a un gruppo a rischio, fino a ieri aveva raccolto 4450 firme in tutta la Svizzera, di cui 1950 di moesani e ticinesi, ha scritto ieri la stessa petizionaria su Il Bernina, sito di informazione grigionitaliano.

16.04.2020 ore 11:36
Banksy lavora da casa

Il celebre artista, confinato come tutti, ha realizzato in bagno la sua ultima opera. “Mia moglie non è contenta”, dice

La quarantena di Banksy
16.04.2020 ore 11:24
Una spesa tecnologica e rispettosa delle distanze

Consegna spesa... via robot

A Washington un negozio di alimentari ha assunto una squadra di macchinine autonome

16.04.2020 ore 11:14
Morto lo scrittore Luis Sepulveda

Lo scrittore cileno Luis Sepulveda è morto a causa del coronavirus. Aveva 70 anni. Avvertiti i primi sintomi il 25 febbraio, era stato ricoverato all’ospedale di Oviedo, in Spagna

È morto Luis Sepúlveda

Lo scrittore cileno è deceduto a causa del coronavirus presso l'ospedale di Oviedo, in Spagna

16.04.2020 ore 10:23
La curva dei contagi in Ticino
16.04.2020 ore 10:15
Sei decessi in più in Ticino

Sono sei le persone decedute nelle ultime 24 ore in Ticino a causa del coronavirus. Il bilancio aggiornato stamane è di 269 morti e 2’953 contagi accertati (26 in più della vigilia). Le persone dimesse dagli ospedali sono passate da 548 a 568

16.04.2020 ore 10:14
EPFL chiuso fino all’autunno

Gli studenti del Politecnico federale di Losanna (EPFL) non torneranno in aula prima di autunno. I corsi di questo semestre termineranno online e gli esami di giugno si svolgeranno tra il 3 e il 28 agosto. A causa della situazione attuale, la direzione ha pure spiegato che gli studenti potranno rinunciare a presentarsi agli esami di una materia fino al 24 luglio, senza che questo comporti una bocciatura. Inoltre, sarà pure possibile prolungare di un anno la durata degli studi.

16.04.2020 ore 09:56
Quasi 3500 nuovi casi in Russia

Si aggrava il bilancio in Russia. Rispetto a ieri si sono registrati altri 3’448 nuovi casi di coronavirus. Si tratta del numero più alto dall’inizio della pandemia. In totale, il numero degli infetti nel paese è di 27’938, mentre i morti sono 232.

16.04.2020 ore 09:49
I Grigioni sostengono gli ospedali

I Grigioni sostengono finanziariamente gli ospedali, confrontati con un crollo delle prestazioni in seguito alla decisione del Consiglio federale, nel contesto della crisi del coronavirus, di ammettere solo trattamenti urgenti. Il Governo cantonale ha emanato un’ordinanza di necessità che probabilmente comporterà un onere supplementare per lo Stato e per i Comuni di rispettivamente 59 e 5,5 milioni di franchi. Il 21 marzo il Consiglio federale ha deciso che in particolare negli ospedali e nelle cliniche possono ancora essere effettuati soltanto esami, trattamenti e interventi medici urgenti. Questa decisione ha importanti conseguenze per gli ospedali grigionesi (e svizzeri in generale), già si delineano problemi di liquidità

16.04.2020 ore 09:13
In Germania 315 morti

L’istituto Robert Koch, nel suo aggiornamento giornaliero, ha annunciato il decesso di altre 315 persone nelle ultime 24 ore in Germania a causa del coronavirus. Il bilancio complessivo sale così a 3’569 morti, mentre i contagiati accertati sono 130’450 (+2’866)

16.04.2020 ore 09:09
Crisi coronavirus, più di 5'000 finora gli svizzeri rientrati dall'estero

Circa 5’100 connazionali sono finora stati rimpatriati attraverso voli speciali dopo essere rimasti bloccati all’estero a causa dell’emergenza coronavirus. Di questi, indica il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), 3’700 hanno viaggiato su aerei organizzati dalla Confederazione, mentre per i restanti 1’400 il rientro è stato organizzato da un altro Paese. La frequenza dei voli sta calando, ma ci sono ancora diverse centinaia di svizzeri che intendono rientrare in patria. Il prossimo aereo è atteso oggi a Zurigo, proveniente da Ucraina e Montenegro.

16.04.2020 ore 08:31
Ritorno alla normalità in tre fasi

La strategia di Alain Berset, anticipata da alcune indiscrezioni di stampa, prevede un ritorno alla normalità in 3 fasi. Il primo passo si farebbe il 27 aprile, con la riapertura di centri di giardinaggio, parrucchieri e fisioterapisti, probabilmente con accesso limitato. La seconda tappa sarebbe l’11 maggio, data in cui dovrebbero riaprire le scuole elementari e il commercio al dettaglio, ovvero tutti i negozi che vendono beni non essenziali. L’ultima fase sarebbe prevista l’8 giugno e concernerebbe la riapertura di bar, ristoranti e locali pubblici.

Nel progetto del responsabile del Dipartimento federale dell’interno non si parla però di grandi manifestazioni o eventi sportivi, né dei consigli per l’uso delle mascherine; verosimilmente scatterà un obbligo di portarle in certe situazioni. Tuttavia, il piano di Berset non farebbe l’unanimità in Consiglio federale. Alcuni membri del Governo, come il mondo economico, vorrebbero un’apertura più rapida e meno prudente.

Monica Fornasier in studio con Giuseppe Limoncello.

RG 08.00 del 16.04.2020: Monica Fornasier in studio con Giuseppe Limoncello
16.04.2020 ore 07:59
Più di 28’000 contagi in Brasile

Il numero di casi di coronavirus in Brasile è salito a 28’320, 3’058 (12%) rispetto al giorno precedente. I decessi sono ora 1’763, pari a 204 (13%) di più nelle ultime 24 ore. Lo Stato di San Paolo, il più popoloso del paese, continua a concentrare la maggior parte dei contagi (11’043) e dei decessi (778).

Il 27% dei deceduti aveva meno di 60 anni e il 27% non apparteneva ad uno dei gruppi considerati a rischio. Lo ha dichiarato il ministero della Sanità brasiliano.

16.04.2020 ore 07:47
Soluzione tecnologica allo studio

Un braccialetto contro il COVID-19

Al via una ricerca nel Liechtenstein per tracciare persone entrate in contatto con il virus; il dispositivo (già in commercio) in grado di analizzare parametri vitali

16.04.2020 ore 07:41
Stati Uniti: il punto della situazione

USA, i morti sono oltre 28'000

Il Covid-19 ha infettato più di 636'000 persone negli Stati Uniti, mentre Trump prepara la riattivazione delle attività economiche