Foto d'archivio (keystone)

Uno su due al lavoro anche in pensione

Studio Swisslife: in un caso su 4 sono determinanti le ragioni finanziarie

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il 49% delle persone tra i 55 e i 70 anni, intervistate nell’ambito di uno studio di Swiss Life, non esclude la possibilità di continuare a lavorare anche dopo l’età di pensionamento, oppure lo fa già. Tuttavia, le condizioni per farlo devono essere giuste, perché se non vi fossero vincoli la maggior parte delle persone vorrebbe andare in pensione prima della normale età pensionabile o almeno ridurre il proprio grado di occupazione.

La maggior parte delle persone a partire dai 64-65 anni continua a svolgere la sua attività per passione, quindi in ampia misura in piena libertà di scelta. Solo in un caso su quattro sono determinanti le ragioni finanziarie.

Sono questi alcuni dei dati emersi nello studio dal titolo “Vivere più a lungo, lavorare più a lungo?”, al quale hanno partecipato 1'472 persone di età compresa fra i 55 e i 70 anni che esercitano un’attività lucrativa o che la esercitavano prima del pensionamento.

Tra i vari aspetti relativi al momento del pensionamento in Svizzera è emerso che i lavoratori autonomi, gli agricoltori, i liberi professionisti e i gerenti sono i più propensi a lavorare oltre l’età di pensionamento ordinaria.

M. Ang.
Condividi