Obiettivo: aziende più sostenibili

Il Quotidiano di giovedì 17.03.2022

“Non un ostacolo, ma uno strumento di competitività”

Presentata mercoledì la piattaforma finanziata dalla Camera di commercio per agevolare la compilazione del rapporto di sostenibilità.

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Mettere in vetrina la propria responsabilità sociale, ecologica ed economica. La Camera di commercio Cantone Ticino ha sviluppato una piattaforma per la compilazione del rapporto di sostenibilità. Il cosiddetto Corporate Social Responsibility (CSR). Lo ha fatto in collaborazione con la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI) e il Dipartimento dell’economia, pensando soprattutto alle piccole e medie imprese.

“Chiaramente si tratta di un impegno e per questo noi siamo a sostegno delle imprese”, riconosce Luca Albertoni, direttore della Camera di commercio del Canton Ticino. “Credo, però, che sia uno sforzo che vale la pena fare. Non è uno strumento di pressione, ma un'occasione, per chi può, di darsi un'immagine positiva.”

Edilizia e logistica i pionieri

Il Consiglio di Stato ha introdotto il criterio della responsabilità sociale nella Legge sulle commesse pubbliche. Le imprese possono ottenere punti, e scalare così la graduatoria (parliamo del 4% nei criteri di aggiudicazione), se rispondono alla trentina di criteri decisi dal Cantone. I primi settori a confrontarsi con questa novità saranno l'edilizia e la logistica.

Con la nuova piattaforma la Camera di commercio aiuta ad ottenere anche una Dichiarazione di conformità riconosciuta dal Cantone. Un documento che agevola il riconoscimento di questi criteri.

“Lo sviluppo sostenibile è una tendenza in atto da tempo in tutto il mondo”, commenta Nicola Bagnovini, direttore della Società Svizzera Impresari Costruttori, sezione Ticino. “È importante mostrare come ci si comporta; molte ditte seguono già tante buone pratiche ma non lo dicono”.

Investimenti anche nella formazione

La responsabilità sociale delle imprese rientra tra gli obiettivi di legislatura 2019-2030 del Consiglio di Stato ticinese. “Sono stati investiti 450'000 franchi”, ha ricordato il direttore del Dipartimento dell’economia, Christian Vitta, in conferenza stampa “per incentivare nuove misure in questa direzione, come ad esempio la formazione di figure di riferimento per l’implementazione del CSR”.

L.D/Seidisera
Condividi