Il medico cantonale Giorgio Merlani
Il medico cantonale Giorgio Merlani tipress
Momenti chiave
09.04.2020 ore 23:23
09.04.2020 ore 22:36
09.04.2020 ore 22:22
09.04.2020 ore 18:09
09.04.2020 ore 14:29
09.04.2020 ore 14:11
09.04.2020 ore 11:38
09.04.2020 ore 10:35
09.04.2020 ore 10:18
09.04.2020 ore 10:11
09.04.2020 ore 09:02
09.04.2020 ore 07:54
09.04.2020 ore 07:25
09.04.2020 ore 07:07

Coronavirus: Merlani positivo

Ticino, otto nuovi decessi; i contagiati sono 2'714, 55 in più in 24 ore e le persone dimesse 27 (447). In Svizzera 756 morti e 23’574 contagi. Il Consiglio Federale pronto a nuove misure per contenere i fallimenti
giovedì 09 aprile 2020 07:08

Per evitare un’ondata di fallimenti, il Consiglio Federale ha deciso di non prorogare la sospensione delle esecuzioni e neppure le ferie giudiziarie dei tribunali civili e amministrativi oltre il 19 aprile. In pratica l’Esecutivo ha incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia di sottoporgli proposte adeguate entro una settimana.

La cronaca di mercoledì

I dati sempre aggiornati

Sul fronte contagi, in Ticino si registrano oggi 55 nuovi casi per un totale di 2'714 e otto morti in più (219); le persone dimesse sono state state 27 (447). Nei Grigioni 680 positivi al coronavirus (+12) e 35 decessi (+1). A livello svizzero sono 23'574 i casi accertati (+785) e i morti 756 (+51).

Intanto, per il secondo giorno consecutivo gli Stati Uniti registrano quasi 2'000 morti in 24 ore, per un totale di 14'700; i contagiati sono oramai 430'000. E ancora una volta i media sottolineano come l’intelligence americana aveva messo in guardia già agli inizi di novembre sul coronavirus, che si stava diffondendo in Cina, ritenendolo molto pericoloso e addirittura definendolo un “cataclisma”. Nel mondo i casi accertati di Covid-19 hanno quasi raggiunto il milione e mezzo, per un totale di oltre 88'500 decessi.

Alessandra Spataro, Elena Boromeo, Stefano Pongan, Joe Pieracci, Marco Petrelli e Giorgio Buzelli

09.04.2020 ore 23:58
S'avvicina la fine delle operazioni di rimpatrio

La fine della più importante operazione di rimpatrio mai messa in piedi dal Dipartimento federale degli affari esteri si avvicina. Gli ultimi quattro voli previsti entro la metà di aprile, decolleranno da Mumbai/Delhi per l’India e da Guatemala City/San José (Costa Rica) per l’America Centrale. Da Lima, in Perù, per l’America del Sud e da Kinshasa, nel Congo, per l’Africa. In quest’ultima fase dell’operazione, ha spiegato Peter Lenz del Centro di gestione delle crisi, il DFAE procede in collaborazione con i paesi dell’Unione Eeuropea. Fino ad oggi l’operazione di rimpatrio orchestrata da Berna ha permesso il rientro di 5’000 connazionali rimasti bloccati all’estero dalla pandemia.

pASQUA
09.04.2020 ore 23:23
Oltre 16'000 morti negli USA

Il bilancio dei morti negli Stati Uniti ha superato quota 16’000. I decessi per coronavirus sono ora 16’129, più della Spagna, i casi di contagio 454’304, secondo i dati elaborati dalla John Hopkins University. Sulla situazione sempre più critica si è espresso anche Barack Obama: ”Bisogna dire la verità. L’errore più grande che si può fare in questo momento è disinformare”, è il monito dell’ex presidente. “È più che mai necessario dire chiaramente alla gente a cosa si va incontro e seguire il più possibile i consigli degli esperti”.

09.04.2020 ore 22:36
UE, l'Eurogruppo trova l'intesa

L’Eurogruppo ha raggiunto un accordo: pronto un piano da 1’000 miliardi che sarà messo in campo dall’Unione europea per fare fronte alla crisi economica conseguente all’emergenza coronavirus

L'Eurogruppo trova l'intesa

Accordo sul documento finale: piano di sostegno da 1'000 miliardi di euro per affrontare le conseguenze economiche del coronavirus

09.04.2020 ore 22:33
Criticato il Consiglio di sicurezza dell'ONU

Per la prima volta dallo scoppio della pandemia il Consiglio di sicurezza dell’ONU si è occupato del COVID-19 e delle sue conseguenze in materia di sicurezza internazionale. Sui contenuti della relazione tenuta ai 15 membri del consiglio dal segretario generale dell’organizzazione Antonio Guterres, non è trapelato nulla. Ma non è improbabile che durante la riunione, svoltasi in forma virtuale e con l’esclusione del pubblico, il consiglio abbia discusso anche sulle due risoluzioni in materia di coronavirus che sono finite sul suo tavolo per iniziativa della Francia - membro permanente del consiglio - da una parte e della Germania, in nome dei membri non permanenti, dall’altra. L’ultimo a pronunciarsi negativamente sul silenzio del Consiglio di sicurezza in materia di coronavirus è stata l’organizzazione non governativa Human Rights Watch, secondo cui il Consiglio, in questa occasione, ha messo a nudo un’altra volta le sue divisioni interne.

09.04.2020 ore 22:22
UE, Merkel dice no agli eurobond

La cancelliera tedesca respinge gli eurobond e punta piuttosto sul Meccanismo europeo di stabilità (MES): “Ho parlato con il premier italiano Conte, ci sono altre soluzioni”

Merkel dice no agli eurobond

La cancelliera tedesca: "Ho parlato con il premier italiano Conte, ci sono altre soluzioni" - Attesa per la decisione dell'Eurogruppo sulle misure contro la crisi innescata dal coronavirus

09.04.2020 ore 22:04
Le difficoltà dei famigliari curanti

Spesso le persone ammalate o disabili, possono continuare a vivere nelle loro case soltanto grazie alle cure dei loro familiari che svolgono un lavoro prezioso, ma stancante. A maggior ragione in questo momento in cui numerosi servizi di assistenza sono sospesi. Ma chi si occupa di coloro che aiutano gli altri? Se lo è chiesto Davide De Nigris in questo reportage realizzato per il Quotidiano.

Chi aiuta il famigliare curante?

Le difficoltà di chi assiste un famigliare disabile durante la pandemia nel reportage del Quotidiano

09.04.2020 ore 21:18
Morto il medico che chiese a Johnson più sicurezza

E’ morto per coronavirus a 53 anni il medico che chiese al premier britannico Boris Johnson più sicurezza e più materiale protettivo per il personale in prima linea contro la pandemia in Gran Bretagna. Abdul Mabud Chowdhury lavorava come specialista di urologia all’ospedale di Homerton, nel quartiere di Hackney (Londra est).

09.04.2020 ore 20:57
Economia sì, ma con andamento lento

In Ticino l’economia si prepara alla prossima tappa dell’emergenza, che inizierà dopo Pasqua, con il parziale allentamento delle restrizioni per l’industria e l’artigianato. Ma le misure annunciate dal Consiglio di Stato non porteranno a una ripresa significativa dell’attività di questi settori.

Chi torna al lavoro, chi no

Gli imprenditori: "Nessuna forzatura da parte nostra". Il sindacato OCST, invece, denuncia pressioni


09.04.2020 ore 20:38
+++ GB, Johnson uscito dalla terapia intensiva +++

Il primo ministro britannico Boris Johnson è uscito giovedì dal reparto di terapia intensiva dell’ospedale St. Thomas di Londra, dove era stato ricoverato tre giorni fa a causa dei sintomi del Covid-19. Lo ha annunciato il suo portavoce. Johnson resta tuttavia ricoverato in ospedale dove, ha aggiunto il portavoce, sarà costantemente seguito dall’équipe medica.

09.04.2020 ore 19:54
Olanda, guarita una donna di 107 anni

In Olanda una donna di 107 anni che era risultata positiva al coronavirus è completamente guarita. L’anziana, che aveva contratto il Covid-19 partecipando ad una funzione religiosa lo scorso 13 marzo, nonostante l’età ha vinto la malattia e si trova ora in buona salute.

09.04.2020 ore 18:51
Italia, più morti ma meno ricoveri in 24 ore

l numero dei contagiati totali dal coronavirus in Italia - compresi morti e guariti - è di 143’626, con un incremento rispetto a ieri di 4’204. Il dato è stato reso noto nel corso della conferenza stampa della Protezione Civile. Nelle ultime ventiquattr’ore sono morte 610 persone (ieri le vittime erano state 542), arrivando a un totale di decessi 18’279. I dati del nuovo bollettino della Protezione Civile parlano di un aumento dei malati (ovvero le persone attualmente positive) pari a 1’615 unità (ieri erano stati 1’195). Oggi sono ricoverate in terapia intensiva 3605 persone, 88 meno di ieri. Sono ricoverate con sintomi 28’399 persone, 86 meno di ieri.

09.04.2020 ore 18:42
San Gottardo, nessuno fa dietrofront

Il volume di traffico che attraversa il San Gottardo alla vigilia delle ferie pasquali resta molto basso, ma le automobili in direzione del Ticino non mancano e il blocco allestito nel canton Uri per sensibilizzare le persone non ha dissuaso nessuno dal recarsi nel cantone a sud delle Alpi, particolarmente colpito dalla pandemia di coronavirus.

San Gottardo, nessuno fa dietrofront

Il traffico è ridotto al minimo ma nonostante la situazione in Ticino a causa del coronavirus, tutte le persone fermate nel canton Uri hanno deciso di proseguire verso sud

09.04.2020 ore 18:32
Italia, lo stop delle industrie proseguirà anche dopo il 13 aprile

In Italia non ci sono ancora le condizioni per far ripartire le attività economiche sospese a causa dell’emergenza coronavirus. Queste le parole del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, riportate dal segretario generale dell’Unione Italiana del Lavoro Carmelo Barbagallo dopo il vertice in videoconferenza avuto con lo stesso premier. Le industrie resteranno così chiuse anche dopo il 13 aprile, dato che sarebbe impossibile riuscire a tutelare la salute dei lavoratori.

09.04.2020 ore 18:23
Regno Unito, 881 nuovi decessi dovuti al coronavirus

Nel Regno Unito sono 881 i nuovi decessi legati al coronavirus regitrati nelle ultime 24 ore. Il bilancio totale sale così a 7’978 vittime. I dati aggiornati parlano di 65’077 casi di contagio su un totale di 243’421 tamponi effettuati.

09.04.2020 ore 18:09
Oltre 10'000 morti in Lombardia

Sono più di diecimila le persone morte in Lombardia per Coronavirus, esattamente 10’022: lo ha spiegato in diretta Facebook l’assessore al Welfare Giulio Gallera spiegando che i morti in una giornata sono stati 300. Sono in tutto 54’802 i positivi al Covid, 1388 più di ieri. I ricoverati in terapia intensiva sono 1’236 (-21), mentre quelli non in terapia intensiva sono 11’796 (+77). Sono stati fatti in Regione in tutto 176’953 tamponi. Il dato della Lombardia rappresenta più della metà dei decessi avvenuti in tutta Italia.

09.04.2020 ore 18:07
New York, record di morti in 24 ore

A New York nelle ultime 24 ore sono morte 799 persone a causa del coronavirus, il numero più alto da quando è esplosa la pandemia. Lo ha riferito il governatore Andrew Cuomo. I dati mostrano che nello Stato il virus ha causato la morte 4’132 persone in sei giorni. I decessi in totale sono 7’067:

09.04.2020 ore 18:03
Grigioni, Rathgeb anche in Valposchiavo

Coronavirus: il presidente del Governo Rathgeb e lo Stato maggiore di condotta hanno visitato giovedì la Valposchiavo e la Val Bregaglia per farsi un’idea della situazione al confine con l’Italia. Come la visita nella Regione Moesa di mercoledì, gli incontri hanno permesso uno scambio di idee. Tra i temi toccati anche quello dei frontalieri. Per l’occasione al Centro sanitario Val Poschiavo è stato consegnato dalla protezione civile un respiratore mobile che offrirà maggiore sicurezza ai pazienti durante i trasporti d’urgenza.

09.04.2020 ore 18:01
Dalla Svizzera aiuti a Italia e a organizzazioni internazionali

La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) ha deciso di destinare 18 milioni di franchi a organizzazioni internazionali per contribuire a superare la pandemia di coronavirus. In totale il budget a disposizione dei programmi in corso verrà adattato per un valore di 56 milioni di franchi. La DSC continuerà a fornire materiale di prima necessità ai Paesi colpiti, ad esempio l’Italia, indica in una nota odierna il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), precisando che ieri ha già inviato un carico di 10’000 tute protettive - consegnate oggi a Roma - in direzione della Penisola per un valore di 100’000 franchi. Una seconda consegna è già in programma. Il DFAE in precedenza ha già inviato altro materiale in Cina, Nepal e Serbia, contribuendo anche a fornire aiuto in Grecia. I 18 milioni già destinati a organizzazioni internazionali finiranno alle Nazioni Unite, al Movimento della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, alla Banca Mondiale e al Fondo globale per la lotta contro le malattie infettive, spiega il DFAE. Inoltre, nei prossimi tre mesi 56 milioni di franchi saranno reindirizzati a progetti specifici in diversi Paesi, ad esempio Burkina Faso, Tanzania, Bolivia, Honduras, Afghanistan, Mongolia, Moldova e Kosovo. Questi adeguamenti, spiega il comunicato, sono supportati dai crediti quadro quadriennali della cooperazione internazionale.a Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) ha deciso di destinare 18 milioni di franchi a organizzazioni internazionali per contribuire a superare la pandemia di coronavirus. In totale il budget a disposizione dei programmi in corso verrà adattato per un valore di 56 milioni di franchi. La DSC continuerà a fornire materiale di prima necessità ai Paesi colpiti, ad esempio l’Italia, indica in una nota odierna il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), precisando che ieri ha già inviato un carico di 10’000 tute protettive - consegnate oggi a Roma - in direzione della Penisola per un valore di 100’000 franchi. Una seconda consegna è già in programma. Il DFAE in precedenza ha già inviato altro materiale in Cina, Nepal e Serbia, contribuendo anche a fornire aiuto in Grecia. I 18 milioni già destinati a organizzazioni internazionali finiranno alle Nazioni Unite, al Movimento della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, alla Banca Mondiale e al Fondo globale per la lotta contro le malattie infettive, spiega il DFAE. Inoltre, nei prossimi tre mesi 56 milioni di franchi saranno reindirizzati a progetti specifici in diversi Paesi, ad esempio Burkina Faso, Tanzania, Bolivia, Honduras, Afghanistan, Mongolia, Moldova e Kosovo. Questi adeguamenti, spiega il comunicato, sono supportati dai crediti quadro quadriennali della cooperazione internazionale.

09.04.2020 ore 17:17
Grigioni, blocchi stradali anche a Pasqua

Nei Grigioni le misure prese contro gli assembramenti volontari o involontari negli spazi pubblici, già adottate durante lo scorso fine settimana, saranno prorogate anche durante il periodo della Pasqua. La Polizia cantonale retica sarà sarà presente nei luoghi di ritrovo di maggiore criticità e lungo l’A13, ma anche sulle strade cantonali, per sorvegliare il rispetto dei provvedimenti adottati dal Consiglio federale contro il coronavirus. Se richiesto dalla circostanze, dall’ostinazione dei fermati o dalla gravità della violazione, i trasgressori saranno multati o denunciati alla magistratura.

09.04.2020 ore 16:51
In Serbia 2'867 contagi e 66 vittime

In Serbia il numero dei contagi da coronavirus è salito a 2’867, con 201 nuovi casi accertati nelle ultime 24 ore. Come hanno riferito le autorità sanitarie, si è registrato un altro decesso che porta a 66 il numero delle vittime per le conseguenze del Covid-19.

09.04.2020 ore 16:17
+++ Ticino, il medico cantonale Giorgio Merlani positivo al Covid-19 +++

In Ticino, il medico cantonale Giorgio Merlani è risultato positivo giovedì al test per il Covid-19. Il suo stato di salute, si legge in un comunicato dello stato maggiore di condotta, è buono, in questo momento si trova in isolamento al suo domicilio e continua la sua attività professionale. Merlani ha pure rilasciato un video messaggio.

“Nessuno è invulnerabile a questo virus: potenzialmente chiunque può infettarsi, e questo è successo anche al sottoscritto”, spiega Merlani nella video registrazione, “malgrado le regole di igiene e il distanziamento sociale la sicurezza al cento per cento non esiste (...). E per questo che fin dall’inizio vi ho consigliato di evitare contatti inutili e assembramenti, pur cosciente che nella mia funzione questo per me era impossibile: da un mese e mezzo a questa parte incontro decine, centinaia di persone regolarmente. Incontro il personale sanitario che lavora al fronte, sono stato a visitare strutture con pazienti affetti da Covis-19”. Magari durante uno di questi incontri, aggiunge il medico cantonale, “l’attenzione è calata, ci si dimentica di disinfettare la mano, ed ecco che mi sono infettato”.

Lunedì Merlani spiega di essere andato a lavorare regolarmente e di aver sentito giusto una “leggera tosse irritativa, ma essendo allergico e con l’arrivo della primavera ho pensato che fosse l’allergia a manifestarsi, ma poi ho sentito che qualcosa stavo cambiando. Materdì ho preferito lavorare da casa e ho cominciato a sentire la febbre: è stato ritenuto necessario farmi il test, non tanto per il mio stato di salute ma per poter avere informazioni chiare e informare chi mi sta vicino. Il test purtroppo è positivo”.

Merlani nel video messaggio spiega ancora di “stare bene, molto bene”, e che la tosse è quasi sparita. “Sono a casa in isolamento ma sto lavorando in modo normale”, rassicura Merlani, “sono in contatto con il mio team e sto lavorando forse più di prima. È da lunedì sera che sono isolato, dopo 10 giorni di isolamento se scompaiono i sintomi potrò tornare al lavoro”.

09.04.2020 ore 15:59
Lufthansa perde 1 milione di euro all'ora

L’emergenza Coronavirus sta provocando sulla compagnia aerea Lufthansa, che tra l’altro controlla anche Swiss, un danno peggiore di quanto finora immaginato: la perdita si aggira intorno a un milione di euro l’ora. Lo ha dichiarato oggi il direttore generale di Lufthansa Carsten Spohr in un video-messaggio ai dipendenti, di cui riferisce l’agenzia AFP. Questa crisi “durerà più a lungo di quanto immaginavamo qualche settimana fa” e la compagnia perde “all’incirca un milione all’ora” delle sue riserve di liquidità, ha detto Spohr. “Non possiamo sopravvivere a questa lunga crisi senza il sostegno dello Stato” ha continuato Spohr.

09.04.2020 ore 15:58
Bloccati in galleria senza poter mantenere le distanze

Finisce davanti al Parlamento italiano, con la richiesta di chiarimento avanzata da un parlamentare del PD, la vicenda di 150 frontalieri rimasti bloccati mercoledì sera su un treno della BLS fermo nel tunnel del Sempione a causa di un guasto. Le carrozze sono rimaste al buio per circa un’ora ma solo dopo oltre due ore, hanno sostenuto i passeggeri, la compagnia si è occupata anche di loro e non solo del convoglio da trainare all’aperto. Trasferiti su un secondo treno, quasi tutti con le mascherine, si sono poi ritrovati nell’impossibilità di rispettare le distanze sociali. “Trattati come bestie”, denunciano. Per uscire dalla galleria ci sono volute oltre tre ore, a Briga li attendeva un mezzo sostitutivo per raggiungere Domodossola.

09.04.2020 ore 15:57
Cina, chi guarisce sarà monitorato

La Cina ha diffuso un protocollo sperimentale per la cura delle persone risultate positive al Covid-19 e che sono guarite dall’infezione: il protocollo prevede per questi pazienti un ulteriore periodo di quarantena, periodiche visite di controllo, la ripetizione dei test per il nuovo coronavirus a due e quattro settimane dalla dimissione e un generale monitoraggio delle loro condizioni di salute.

Cina, chi guarisce sarà monitorato

Diffuso un protocollo per tenere sotto controllo le condizioni di salute di chi ha contratto il nuovo coronavirus

09.04.2020 ore 15:42
Polemica: 300 militari positivi a bordo della Roosevelt

Sono 286 i marinai a bordo della portaerei americana USS Theodore Roosevelt al largo di Guam, risultati positivi al coronavirus. Lo riferiscono responsabili della Difesa USA citati dalla CNN. Oltre il 90% dell’equipaggio è stato sottoposto al test per il Covid-19 e 2’329 militari sono stati portati a terra, di questi 1’700 sono in alberghi.

Il 3 aprile scorso si era deciso di procedere con lo sbarco per 2’700 membri dell’equipaggio. La vicenda della Roosevelt e della gestione dell’allarme virus a bordo è stata al centro di una polemica che ha portato anche nei giorni scorsi alla rimozione del suo comandante, il capitano Brett Crozier, da parte del segretario per La Marina Thomas Modly, poi a sua volta dimissionario sempre sull’onda della vicenda.

La storia del capitano Crozier

L'ex comandante della portaerei americana Theodore Roosevelt è stato rimosso dopo aver chiesto di far sbarcare i marinai a causa del Covid-19

09.04.2020 ore 15:29
Effetto coronavirus: è allarme morbillo

La pandemia di coronavirus sta dando un duro colpo agli sforzi di controllo del morbillo. “Già 23 paesi hanno sospeso campagne di morbillo programmate e 78 milioni di bambini nel mondo non saranno vaccinati come previsto” afferma uno studio pubblicato su Nature online.

09.04.2020 ore 15:28
Nel mondo 48'000 malati "gravi o critici"

Oltre 48’000 persone nel mondo sono ricoverate in condizioni gravi o critiche a causa del coronavirus: è quanto emerge dal sito worldometers (Dadax), che partecipa al Progetto Real Time Statistics gestito da un team di ricercatori e sviluppatori internazionale. Per la precisione, i malati in condizioni “gravi o critiche” sono 48’244, pari al 4% del totale di 1’105’037 casi “attivi”: i rimanenti 1’056’793 (96%) versano in condizioni “lievi”.

09.04.2020 ore 15:19
La testimonianza di un medico di NY: "Il picco è ogni giorno"

A New York "il picco è ogni giorno"

Pazienti che muoiono in sala d'attesa e personale senza materiale protettivo, la testimonianza di un medico americano

09.04.2020 ore 14:29
Un premio al personale della Posta

Il personale della Posta, in contatto diretto con la clientela durante il periodo coronavirus, riceverà un premio tra i 250 e i 500 franchi. Il gesto è stato accolto positivamente dal sindacato transfair. CarPostal e PostFinance non si sono allineati a questa iniziativa.

09.04.2020 ore 14:11
Esami di tirocinio garantiti

Gli esami finali di tirocinio 2020 avranno luogo normalmente. Cantoni e partner sociali hanno trovato un accordo per una soluzione da attuare in modo coordinato in tutta la Svizzera. Saranno circa 75’000 i giovani che concluderanno la formazione di base.

09.04.2020 ore 13:44
In Ticino meno ricoverati, ma più intubati

Nelle strutture ospedaliere dedicate alla cura dei pazienti affetti dal coronavirus sono attualmente ricoverate 301 persone (-18 da ieri): 229 in reparto (-19) e 72 (+1) in terapia intensiva, di cui 68 intubate (+4) , rende noto lo Stato maggiore cantonale di condotta.

09.04.2020 ore 12:45
Svizzera, 756 morti e 23’574 contagi

Salgono a 23’574 i casi confermati da test di laboratorio in Svizzera, 785 in più rispetto al giorno precedente. I decessi sono invece 756 (+51). Sono i dati forniti oggi dall’Ufficio federale di sanità pubblica. Ad oggi sono circa 178’500 i test effettuati, il 15% è risultato positivo. Secondo il sito coronadata.ch, basato sui dati comunicati dai cantoni, i morti sono invece 913.

09.04.2020 ore 12:27
Mauro Baranzini: "Preferivo il divieto, io la spesa non la faccio"

Baranzini: "Io la spesa non la faccio"

"Preferivo il divieto", dice l'economista. E sulla riapertura: "Agire troppo in fretta e dover richiudere sarebbe ancora più dannoso"

09.04.2020 ore 12:13
IOR e IRB studiano una possibile terapia

Il COVID-19 è più letale per gli uomini che per le donne, dicono le statistiche e dati epidemiologici suggeriscono che questo sia dovuto alla TMPRSS2 una delle proteine usate dal virus per infettare le cellule, che è regolata dal recettore dell’androgeno (ormone maschile): la questione sta occupando anche i ricercatori dello IOR e dell’IRB in Ticino, che stanno lavorando su un’ipotesi e hanno unito le forze per sviluppare una possibile terapia. L’idea, si legge, è quella di inibire direttamente la proteina con molecole già note, combinando questa azione con farmaci antitumorali ormonali usati correntemente per curare il tumore della prostata, dove pure la TMPRSS2 è coinvolta. Se il trattamento si rivelasse efficace, avrebbe il vantaggio di essere subito disponibile, visto che i farmaci in questione sono già sul mercato. Per ampliare la ricerca e avviare, a termine, uno studio clinico, sono stati chiesti finanziamenti al Fondo nazionale svizzero per la ricerca e ad altre fondazioni.

09.04.2020 ore 12:06
A Bellinzona chiude l'amministrazione comunale

Visto il perdurare dell’emergenza da Covid-19 e il prolungamento dello stato di necessità almeno fino al 26 aprile annunciato ieri dal Consiglio federale, Bellinzona ha annunciato la chiusura straordinaria dell’Amministrazione comunale dal 14 al 17 aprile. Rimarranno comunque operative le attività essenziali, in particolare Polizia, Pompieri, raccolta rifiuti, ecocentri, servizio spesa per le persone anziane e bisognose.

09.04.2020 ore 11:57
Valle Maggia sensibilizza i turisti

Ad Avegno, all’imbocco della strada che porta in Valle Maggia, sono stati esposti degli striscioni raffiguranti pazienti che hanno contratto il coronavirus, con la frase volutamente provocatoria “Vuoi fare la stessa fine?”. I destinatari sono coloro che hanno intenzione di recarsi nella valle per scopi turistici durante le festività pasquali, come spiega il granconsigliere Fiorenzo Dadò: “In Valle Maggia ci difendiamo come possiamo... Dato che il Consiglio federale non ha saputo intervenire in modo deciso, non ci resta che tentare di sensibilizzare la popolazione e i vacanzieri attraverso messaggi forti e immagini anche crude”.

09.04.2020 ore 11:43
Spagna, 683 morti in più e 152'446 contagiati

In Spagna sono 683 le persone morte nelle ultime 24 ore (15’238) e quelle contagiate sono 152’446 (+5’756)

09.04.2020 ore 11:38
Settore alberghiero in difficoltà

Settore alberghiero e ristorazione sono i più colpiti dalla crisi di coronavirus. Lo dice l’istituto BAK secondo cui oltre un quinto del valore aggiunto crollerà quest’anno, rispetto al 2,5% stimato per l’intera economia. Il settore alberghiero risulta in maggior difficoltà (-25,6%) rispetto alla ristorazione (-18,6%).

09.04.2020 ore 11:08
Johnson migliora ma resta in terapia intensiva

Le condizioni di salute di Boris Johnson “migliorano”. Tuttavia, il premier britannico, ricoverato in ospedale a Londra da domenica scorsa per sintomi persistenti da coronavirus, deve restare in terapia intensiva. Lo ha fatto sapere il ministro delle finanze Rishi Sunak.

09.04.2020 ore 11:04
Zurigo, si dimette il medico cantonale

Il medico cantonale di Zurigo Brian Martin ha rassegnato giovedì le sue dimissioni. Martin, che ricopriva la carica dal giugno 2017, era in congedo per malattia da metà marzo. Il lavoro veniva svolto dalla vicedirettrice Christiane Meier, a cui è stato ora ufficialmente affidato l’incarico.

09.04.2020 ore 10:35
Sull'onda ma senza picchi

L’evoluzione del numero dei contagi in Ticino conferma la tendenza in atto da una dozzina di giorni. Si resta sull’onda con un aumento piuttosto costante dei contagi del 2% al giorno rispetto al totale cumulato, ma dalla fine marzo non vi sono più picchi.

Essendoci meno entrate in ospedale rispetto alle dimissioni di chi è guarito dalla malattia, il numero dei pazienti ricoverati per Covid-19 continua pertanto a scendere.

09.04.2020 ore 10:18
Altri otto decessi in Ticino

Sono saliti da 211 a 219 i decessi in Ticino a causa del coronavirus. Lo ha reso noto lo Stato maggiore di condotta cantonale. I contagi registrati nelle ultime 24 ore sono 55, per un totale di 2’714. Nel contempo altre 27 sono state dimesse dagli ospedali, per un totale di 447 dall’inizio della crisi

09.04.2020 ore 10:11
Oltre 10'000 casi in Russia

Sono 10’131 i contagiati accertati finora in Russia, di cui 1’459 registrati nel corso dell’ultima giornata: lo fa sapere il centro anticoronavirus russo, ripreso dalla Tass. Le autorità sottolineano inoltre che “118 persone sono state dimesse dagli ospedali nelle ultime 24 ore, portando il numero totale dei guariti a 698”, mentre “13 pazienti sono morti nelle ultime 24 ore portando a 76 il totale dei decessi”.

09.04.2020 ore 09:02
Ricoverati in calo nei Grigioni

Un altro decesso va ad aggiungersi al bilancio della pandemia nel canton Grigioni: secondo i dati diffusi giovedì mattina dalle autorità, i morti sono passati da 34 a 35. Sono invece 12 i nuovi contagi accertati, per un totale che passa da 668 a 680. Si registra per contro un netto miglioramento sul fronte della pressione sulle strutture ospedaliere, dove sono ancora ricoverate 38 persone. Appena 24 ore prima erano ancora 49.

09.04.2020 ore 08:50
Una "moratoria Covid-19" per le PMI

Il Consiglio federale prevede di introdurre una moratoria di durata limitata a favore delle piccole e medie imprese (PMI) confrontate con difficoltà finanziarie dovute esclusivamente alla pandemia. “Le aziende più grandi possono già differire il fallimento con la procedura concordataria”, ha ricordato la consigliera federale Karin Keller-Sutter durante la conferenza stampa a Berna dedicata al sovraindebitamento delle aziende. Il Governo vuole fare in modo di evitare la possibile ondata di fallimenti delle imprese a causa del coronavirus, e anche per questo vuole introdurre una misura che consenta ai creditori in difficoltà di riorganizzarsi. Una misura, denominata “moratoria Covid-19” che sarà aperta anche agli indipendenti non iscritti al registro di commercio.


09.04.2020 ore 08:42
Giornata della solidarietà per la Catena della Solidarietà: il 16 aprile

La Catena della Solidarietà, nel contesto della colletta per il coronavirus, indice una giornata nazionale di solidarietà per giovedì 16 aprile, congiuntamente alla SSR e con il sostegno di alcuni media privati. Ed in questa giornata l’azione lanciata il 23 marzo si erigerà a simbolo della solidarietà nazionale attraverso le quattro regioni svizzere.

Fino a oggi sono 16,1 i milioni raccolti, 4 dei quali già messi a disposizione per l’aiuto immediato fornito dai partner accreditati che sono Caritas Svizzera e Croce Rossa Svizzera, oltre a quattro altre organizzazioni specializzate.

Allo stato attuale altre 30 associazioni locali o regionali attive nell’aiuto alimentare hanno sottoposto richieste di finanziamento. In questo modo si pensa di riuscire a raggiungere gran parte delle persone che passano attraverso le maglie della rete sociale.

09.04.2020 ore 08:30
Il Governo cerca altre strade per evitare i fallimenti

Il Consiglio federale ha già adottato diverse misure per aiutare le aziende a superare i problemi di liquidità, tuttavia molte società rischiano di indebitarsi eccessivamente e quindi di fallire a causa della pandemia di Covid-19. Il Governo ha stabilito di non prorogare la sospensione delle scadenze che aveva decretato fino al 19 aprile, supponendo che non sia uno strumento adeguato per affrontare le difficoltà economiche a lungo termine. Nella seduta di ieri l’esecutivo ha incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di sottoporgli proposte adeguate entro una settimana, indica una nota governativa odierna. Tra le misure allo studio ci sarebbe un regolamento provvisorio che permetterebbe alle imprese minacciate dal sovraindebitamento a causa del coronavirus di non informare immediatamente il giudice se c’è motivo di sperare che la situazione possa risolversi dopo la crisi.

09.04.2020 ore 08:29
La "canzone di Berset" sfonda su YouTube

Qualche effetto sui suoni prodotti con un rubinetto, protagonista delle nostre giornate scandite dai lavaggi delle mani, e la voce dei “più grandi influencer del momento in Svizzera”, ovvero i consiglieri federali Simonetta Sommaruga e Alain Berset, che ripete instancabilmente il suo “Bleiben Sie zu Hause”, ovvero “restate a casa”. Così il produttore musicale Robin Pickis ha realizzato per “Zwei am morgen” di SRF un video che è stato visto oltre 300’000 nei primi tre giorni su YouTube. Un’idea nata dalla community, che ha partecipato anche al video.

09.04.2020 ore 07:54
"Pranzo di Pasqua ristretto"

“Non c’è un divieto di movimento all’interno del territorio svizzero, di conseguenza la gente può muoversi. Però questa discesa (verso il Ticino, ndr) sta rallentando”, a dirlo è il comandante della polizia cantonale, Matteo Cocchi, che questa mattina ha fatto il punto ad Albachiara sul fine settimana festivo, ribadendo che le autorità invitano i turisti a non venire a soggiornare nel cantone. Anche per i residenti sarà una Pasqua diversa da solito: “Le regole sono chiare, bisogna effettuare solo gli spostamenti strettamente necessari e fare il pranzo di Pasqua nella stretta cerchia famigliare. Per una volta saremo costretti a non invitare parenti e amici”, ricorda.

Albachiara del 09.04.2020
09.04.2020 ore 07:48
Stati Uniti, quasi 2'000 morti in 24 ore

Per il secondo giorno di seguito gli Stati Uniti hanno registrato 2’000 decessi in 24 ore per un totale di 14’700; i contagiati sono oramai 430’000.

09.04.2020 ore 07:46
Yemen, cessate il fuoco per due settimane

Yemen, il virus ferma la guerra

L'Arabia Saudita ascolta l'appello del segretario generale dell'ONU - Cessate il fuoco per almeno due settimane

09.04.2020 ore 07:25
Germania, altri 246 morti

In Germania i casi di coronavirus accertati sono 108’202 (+4’974 rispetto a ieri), mentre i morti sono 2,107 (+246). Lo riferisce questa mattina l’Istituto Robert Koch per le malattie infettive.

09.04.2020 ore 07:17
Rivisto piano distribuzione dividendi

Sotto pressione da giorni da parte della FINMA e della Banca Nazionale svizzera i due principali istituti di credito svizzero hanno infine deciso una, seppur leggera, modifica del loro piano di distribuzione dei dividendi. UBS e Credit Suisse li manterranno invariati, ma procederanno al versamento in due tappe. Per UBS ad esempio la prima il 7 maggio la seconda in novembre. Positiva la reazione della FINMA.

Dividendi sì, ma in due tappe

UBS e Credit Suisse manterranno i dividendi invariati, ma procederanno al versamento in due fasi - Reazione positiva della FINMA

09.04.2020 ore 07:07
"No all'aumento dei premi"

“I costi provocati dalla pandemia legata al nuovo coronavirus, che in Svizzera ha contagiato 23’280 persone e provocato 895 decessi, non avranno ripercussioni sui premi delle assicurazioni malattia del 2021”. Lo ha affermato giovedì Verena Nold, presidente di Santésuisse. Interrogata dal giornale economico Agefi, Nold ha spiegato che le casse malati potranno fare ricorso alle proprie riserve. “Attualmente non vi è motivo di preoccuparsi particolarmente, le assicurazioni malattia dispongono di riserve solide e sufficienti per fronteggiare questa crisi senza dover ricorrere ad un aumento dei costi”.

09.04.2020 ore 07:05
Mezzo miliardo di persone a rischio povertà

Mezzo miliardo di persone a rischio povertà a causa del coronavirus. Lo afferma l’Oxfam, stimando che il 6-8% della popolazione mondiale potrebbe scivolare in povertà in assenza di rapidi aiuti. Se le stime si avverassero si tratterebbe di un passo indietro di dieci anni nella lotta alla povertà e di un passo indietro di 30 anni in alcune aree dell’Africa sub-sahariana