L'esterno del carcere della Farera, a Cadro
L'esterno del carcere della Farera, a Cadro (Ti-Press)

Incendiario colpevole

Il giovane algerino che appiccò il fuoco alla cella della Farera nel 2018 è stato condannato a 4 anni e mezzo di reclusione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Quattro anni e mezzo di carcere, più 12 di espulsione dalla Svizzera. È questa la pena inflitta venerdì al 23enne algerino che il 6 dicembre del 2018 incendiò la cella della Farera in cui era detenuto.

Con un accendino diede fuoco al materasso, alle coperte e ai giornali, accatastati contro la porta. Il giovane, difeso da Giuseppe Gianella, è stato ritenuto colpevole di incendio intenzionale e altri reati.

Tra questi una serie di furti commessi assieme all’altro imputato, 26enne, pure di nazionalità algerina. Imputato che la Corte delle Assise Criminali, presieduta dal giudice Marco Villa, ha condannato a 21 mesi e all’espulsione per un periodo di 10 anni.

Diede fuoco alla cella, condanna per un 23enne

Diede fuoco alla cella, condanna per un 23enne

Il Quotidiano di venerdì 22.11.2019

Red MM
Condividi