Senza contatto per ridurre il rischio di contagio
keystone
Momenti chiave
08.04.2021 ore 19:25
08.04.2021 ore 15:03
08.04.2021 ore 14:59
08.04.2021 ore 13:45
08.04.2021 ore 13:19
08.04.2021 ore 11:36
08.04.2021 ore 10:56
08.04.2021 ore 10:06
08.04.2021 ore 07:13
08.04.2021 ore 07:01

Svizzera: contagi in calo del 2,2%

Suolo pubblico: Lugano condona altri sei mesi - Grigioni: "Entro fine giugno, prima dose a tutti" - JazzAscona annulla la 36esima edizione - Svizzera: 2'449 nuovi contagi e 10 morti
giovedì 08 aprile 2021 07:07

Lugano ha deciso oggi - giovedì - una nuova misura a sostegno degli esercizi pubblici cittadini in periodo di pandemia, richiesta da GastroLugano, con il condono delle tasse di occupazione dell’area pubblica per il primo semestre 2021. Sulla base dei dati del 2020, il mancato introito per la Città ammonterebbe a circa 260’000 franchi.

Tutti quelli che vogliono essere vaccinati nei Grigioni dovrebbero ricevere la loro prima dose entro la fine di giugno, secondo le autorità del cantone, che oggi hanno anche revocato l’obbligo di indossare la mascherina per gli allievi di 5a e 6a elementare e nelle scuole che partecipano ai test. Per quanto riguarda i dati, giovedì sono stati segnalati 68 nuovi casi di coronavirus e un ulteriore decesso legato al Covid-19. In Ticino sono state registrate 83 infezioni e un morto, mentre cala il numero di pazienti in ospedale.

A livello nazionale sono 2'449 i nuovi casi e 10 i decessi registrati in un giorno, mentre altre 152 persone sono state ricoverate. A questi dati si aggiungono altri 4 ricoveri e 10 morti, che risalgono però la periodo tra ottobre e febbraio.

La Svizzera intanto non intende aggiungersi a Stati Uniti e altri tredici Paesi nel mettere in dubbio le conclusioni dello studio dell’Organizzazione mondiale della sanità sull’origine del virus, secondo la NZZ, in modo da mantenere una posizione indipendente.

L'Unione Europea non ha trovato un fronte comune sull'impiego del vaccino AstraZeneca dopo l'ammissione dell'Agenzia europea dei medicamenti (EMA) di un possibile collegamento con casi, molto rari, di coaguli sanguigni.

La cronaca di mercoledì

In Svizzera è cominciata mercoledì la distribuzione dei test autodiagnostici per il coronavirus, con molte persone che si sono recate in farmacia per ritirare i cinque kit che la Confederazione copre al mese per ogni persona.

Laura Dick, Simone Fassora, Joe Pieracci, Ludovico Camposanpiero e Sandro Pauli

08.04.2021 ore 23:26
Brasile: 86'652 contagi e 4'249 vittime

Sono 86’652 i contagi da coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Brasile, dove si segnalano anche altre 4’249 vittime. Dall’inizio della pandemia nel Paese sono morte di coronavirus 345’025 persone, mentre i contagi sono più di 13 milioni.

08.04.2021 ore 21:18
Turchia: più di 55'000 contagi in 24 ore

È sempre più allarmante la diffusione del Covid in Turchia. Il ministero della Salute di Ankara ha registrato stasera il nuovo record di 55.941 contagi in 24 ore. Le nuove vittime sono invece 258. Dall’inizio della pandemia, i casi totali salgono a oltre 3,6 milioni, i decessi a 33.201. Questa nuova ondata del virus sta colpendo il Paese in maniera drammatica, nonostante l’avanzata della campagna vaccinale. Le dosi somministrate, quasi tutte del siero cinese Sinovac, sono oltre 18,2 milioni, di cui quasi 7 milioni e mezzo di richiami.

08.04.2021 ore 20:50
Altdorf: annullata la manifestazione di sabato

Due giorni prima di una grande dimostrazione prevista ad Altdorf contro la politica in materia di coronavirus, l’alleanza “Aktionsbündnis Urkantone” ha definitivamente annullato l’evento. L’alta corte del canton Uri infatti non farà in tempo a esprimersi sull’appello presentato contro il divieto di manifestare. Il 10 aprile l’alleanza della Svizzera centrale, che si dice favorevole a una ragionevole politica in merito alla gestione del Covid-19, avrebbe voluto organizzare una grossa manifestazione nei pressi del capoluogo urano. L’obiettivo era protestare contro le misure e le restrizioni in vigore per arginare l’epidemia. Il dipartimento urano della sicurezza aveva però respinto la domanda di autorizzazione, ritenendo che sarebbe impossibile far rispettare l’obbligo di indossare la mascherina in un contesto con migliaia di persone. Inoltre, il governo ha incluso nell’ordinanza cantonale sul Covid una disposizione che non permette raduni con più di 300 individui. L’Aktionsbündnis Urkantone ha presentato ricorso, ma la tempistica ha finito per giocarle contro. Il tribunale non potrà emettere una sentenza sull’argomento entro la data della dimostrazione, comunica oggi l’alleanza. La richiesta di ottenere una decisione provvisoria è stata respinta dall’istanza giuridica, non lasciando margine di manovra agli organizzatori, costretti a cancellare l’evento.

08.04.2021 ore 20:45
Record vaccinazioni in Spagna: 453'682 dosi in 24 ore

La Spagna accelera nella campagna di vaccinazione contro il covid con un nuovo record: le dosi somministrate nelle ultime 24 ore sono state 453.682, secondo gli ultimi dati del Ministero della Sanità, ripresi dall’agenzia di stampa Efe. Il record precedente era di 336.846 dosi in un giorno. Superata adesso anche la soglia dei tre milioni di vaccinati con due dosi (il 6,4% della popolazione).

08.04.2021 ore 20:41
Italia: somministrate più di 12 milioni di dosi di vaccino

Sono 12.012.470 le dosi di vaccino anti-Covid somministrate in Italia, secondo i dati del sito ufficiale del Governo aggiornati a questa sera. In totale sono 3.694.019 le persone vaccinate con due dosi e 8.318.451 con la prima dose. Sulle 15.568.730 di vaccini distribuiti finora alle regioni il 77.2% è già stato somministrato.

08.04.2021 ore 19:25
La Francia accelera sui vaccini

Quasi cinquecentomila dosi somministrate in un giorno: dopo una partenza a rilento, la Francia accelera sui vaccini anche se la situazione legata al coronavirus resta allarmante. Secondo quanto annunciato questa sera dal ministro della Salute, Olivier Véran, sono 437.000 le dosi somministrate nelle ultime 24 ore, un record, “equivalente ad un intero dipartimento”, scrive Véran. in un messaggio pubblicato su Twitter.

08.04.2021 ore 19:07
Italia: 17'221 positivi, 487 vittime

Sono 17.221 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 13.708. Sono invece 487 le vittime in un giorno (ieri 627).

08.04.2021 ore 17:52
Decessi, il Regno Unito non è più il peggiore d'Europa

Il Regno Unito non ha più il primato europeo nella triste classifica dei morti per Covid in rapporto alla popolazione da inizio pandemia. Lo certificano i dati di giornata, che vedono l’isola allineare altri 53 decessi, con soli 3030 nuovi contagi nelle 24 ore e un totale di vaccini salito a 38 milioni (6 mln i richiami); oltre a registrare un 92% di morti in meno in Inghilterra e Galles rispetto al picco di gennaio. Fra i grandi d’Europa il Regno segue ora l’Italia, mentre la Spagna è a un passo per percentuale di vittime. Peggio stanno Repubblica Ceca, Ungheria, Bulgaria (investite da una 2/a ondata dilagante), Belgio e Slovenia.

08.04.2021 ore 16:50
Svizzera, calo contagi del 2,2% in una settimana

La settimana scorsa - la 13esima del 2021- i contagi di Covid-19 sono calati del 2,2%: fra il 29 marzo e il 4 aprile in Svizzera e nel Liechtenstein sono stati registrati infatti 12’284 casi rispetto ai 12’555 di sette giorni prima. Lo ha comunicato oggi l’Ufficio federale della sanità (UFSP) precisando tuttavia che a causa delle festività pasquali occorre tenere conto di un comportamento diverso della popolazione per quanto riguarda i test e di un maggior numero di dichiarazioni tardive. Sempre nella 13esima settimana hanno invece registrato una progressione i decessi e i ricoveri. A prevalere con una quota del 96% sugli 8016 campioni analizzati continuano a essere le varianti, precisa l’UFSP.

Più test

Il numero di test effettuati nella settimana in rassegna sono stati 273’526 (+8,7% rispetto alla settimana precedente), dei quali il 64,6% PCR e il 35,4% test antigenici rapidi. Il tasso di positività dei test PCR è leggermente diminuito rispetto ai sette giorni prima, passando dal 5,9% al 5,5%, così come quello dei test antigenici rapidi positivi, sceso al 4,4% (4,8% nella 12esima settimana). Per quanto riguarda la fascia di età, ad essere più colpita è quella tra i 10 e i 29 anni con quasi 200 casi alla settimana per 100’000 abitanti, mentre la meno toccata è stata quella dai 70 anni in su, un dato che potrebbe essere parzialmente ascrivibile a un effetto della vaccinazione, precisa l’UFSP.

08.04.2021 ore 16:01
Olanda, sospetto attentato contro centro Covid

In Olanda, un uomo di 37 anni è stato arrestato perché sospettato di un attacco terroristico a Den Helder, provincia nel nord ovest del Paese, contro un centro di vaccinazione Covid-19. Lo ha affermato il pubblico ministero. L’uomo avrebbe voluto far esplodere un ordigno sabotando così le vaccinazioni.

“Il sospettato voleva instillare grande paura nella popolazione con le sue azioni e destabilizzare le strutture economiche e sociali del Paese”, ha detto il pubblico ministero. Secondo la magistratura, il presunto autore è stato catturato il 18 marzo.

Il giudice ha prolungato di tre mesi la custodia cautelare, mentre proseguono le indagini sui possibili complici.

08.04.2021 ore 15:49
Messico, il presidente si vaccinerà con AstraZeneca

Il presidente del Messico, Andres Manuel Lopez Obrador, verrà vaccinato con il preparato AstraZeneca. Il 67enne lo ha dichiarato oggi, aggiungendo che i rischi di trombosi sono minimi se comparati ai benefici.

08.04.2021 ore 15:27
Abbandono degli studi: si chiede più sostegno

L’Unione degli studenti svizzeri (UNES) chiede a Confederazione e cantoni di essere presi più in considerazione nei prossimi allentamenti. L’insegnamento ibrido deve essere ripreso il prima possibile, afferma l’Unione in un comunicato odierno. Biblioteche e luoghi di lavoro, inoltre, devono rimanere aperti e le borse di studio prolungate. Le richieste (19 in totale) hanno l’obiettivo di evitare l’abbandono degli studi da parte degli studenti a causa della pandemia.

08.04.2021 ore 15:22
Il Canton Berna agevola i casi di rigore

Il canton Berna ha abbassato il limite per la richiesta di aiuti per i casi di rigori, da 100’000 a 50’000 franchi della cifra d’affari annua. Un punto positivo per le piccole imprese.

L’Esecutivo, si precisa in un comunicato, ha inoltre approvato un credito quadro di 219 milioni di franchi con l’obiettivo di utilizzarne un miliardo in totale per questi casi. 114 milioni di franchi sono già stati sbloccati.

08.04.2021 ore 15:11
USA: "Numero di nuovi casi allarmante"

Il numero dei nuovi casi di Covid negli Stati Uniti ha raggiunto negli ultimi giorni un livello inquietante e allarmante. Il Paese rischia seriamente una nuova ondata di contagi, ha detto il virologo Anthony Fauci in una una intervista alla CNN: “È quasi una corsa tra vaccinare più gente possibile e un nuovo balzo dei contagi peggiore del previsto dagli esperti”, ha aggiunto. Per ora, il 33% della popolazione americana ha ricevuto una prima dose di vaccino (109 milioni di persone) e la campagna aprirà il 19 aprile a tutti gli adulti.

Stando ai dati attuali della John Hopkins University, gli Stati Uniti contano tra i 61’000 fino ai 75’000 nuovi casi giornalieri.

08.04.2021 ore 15:03
Il Municipio sostiene GastroLugano

Lugano ha deciso oggi - giovedì - una nuova misura a sostegno degli esercizi pubblici cittadini in periodo di pandemia, richiesta da GastroLugano, con il condono delle tasse di occupazione dell’area pubblica per il primo semestre 2021. Sulla base dei dati del 2020, il mancato introito per la Città ammonterebbe a circa 260’000 franchi.

La misura non si applica ad altre attività commerciali e non è previsto di condonare le tasse per concessioni, autorizzazioni o altro rilasciate dal Municipio ad attività commerciali.

Il 25 marzo scorso il Municipio ha inoltre confermato la disponibilità a mettere in atto anche per il 2021 le agevolazioni adottate nel 2020, in particolare l’estensione del 30% delle aree esterne degli esercizi pubblici e la procedura semplificata per la posa delle terrazze esterne coperte.

08.04.2021 ore 14:59
Italia, le palestre si ribellano

Il 30% delle palestre italiane non riaprirà più dopo un anno di chiusura causa pandemia. Da martedì scorso però qualcosa è cambiato, dopo la manifestazione in piazza Montecitorio a Roma, in cui ci sono stati anche tafferugli, molti titolari di strutture sportive hanno deciso di riaprire: oggi sarebbero già il 20%. È quanto emerge da una stima dell’Associazione Nazionale Palestre e Lavoratori Sportivi (Anpals).

“Gli unici ristori cospicui sono arrivati ai lavoratori sportivi, agli istruttori, ai tecnici, agli allenatori”, spiega il presidente di Anpals, Giampiero Guglielmi “le strutture sportive hanno avuto perdite di 150-200’000 euro ma hanno ricevuto 6-7’000 euro di ristori, che non sono sufficienti neanche per una mensilità dell’affitto dei locali”.

08.04.2021 ore 14:53
Germania, record di vaccinazioni giornaliere

La Germania ha segnato un record dei vaccini somministrati nella giornata di mercoledì, con 656’000 dosi: lo ha scritto il ministro della Salute, Jens Spahn, su Twitter.

Da martedì sono operativi nella campagna vaccinale anche migliaia di medici di base, ricorda il ministro.

Finora sono 4,7 milioni le persone completamente vaccinate (2 dosi), ovvero il 5,7% della popolazione. Mentre 11,5 milioni di persone in Germania hanno ricevuto la prima dose di vaccino (13,8%).

08.04.2021 ore 14:30
In Svizzera si testa sempre di più

Il numero dei test realizzati in Svizzera è aumentato. Nell’ultima settimana (dal 29 marzo al 4 aprile) sono stati effettuati 273’526 test (+8,7% rispetto alla settimana precedente), dei quali circa 12’000 erano positivi (tra il 4-5%). La maggior parte dei test effettuati sono PCR.

L’Ufficio federale della sanità pubblica indica inoltre che ora, a causa dei giorni di ferie, ci saranno probabilmente dei ritardi: un numero particolarmente alto di casi è da prevedere nei prossimi giorni.

08.04.2021 ore 14:25
La geografia del contagio in Svizzera


08.04.2021 ore 13:45
Svizzera: 2'449 nuovi contagi

In Svizzera, nelle ultime 24 ore, sono 2’449 i nuovi contagi, 152 le nuove ospedalizzazioni e 10 i decessi.

Sul sito dell’UFSP, le ospedalizzazioni registrate e pubblicate oggi sono 156, poiché 4 derivano da dichiarazioni tardive o sbagliate del periodo tra ottobre 2020 e febbraio 2021. Stessa cosa per i decessi: nei dati pubblicati dall’UFSP, le persone decedute risultano essere 20, poiché si contano 10 morti erroneamente non registrati nel periodo tra ottobre 2020 e febbraio 2021.

Il tasso d’occupazione dei reparti di cure intense, a livello nazionale, da parte di pazienti Covid, è salito al 21%.

In Svizzera si contano attualmente 13’406 persone in isolamento e 23’961 entrate in contatto con loro e messe in quarantena. A queste se ne aggiungono 4’108 di ritorno da un Paese a rischio e posti in quarantena.

08.04.2021 ore 13:24
"Passaporto vaccinale creerà enormi disuguaglianze"

Il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie in Africa ritiene “inappropriata” la creazione di un passaporto vaccinale: sarebbe una discriminazioni per i Paesi più poveri.

“Qualsiasi obbligo riguardo un passaporto del genere”, ha spiegato il dottor John Nkengasong, “creerà enormi disuguaglianze, che saranno difficili da estirpare”.

Il continente stenta a ricevere le dosi di vaccino necessarie per la campagna. Solo il 2% delle dosi sono arrivate, stando ai dati dell’Organizzazione mondiale della sanità.

08.04.2021 ore 13:19
L'Indonesia vieta gli spostamenti

Tra il 6 e il 17 maggio, periodo festivo del Eid al-Fitr l’Indonesia vieta qualsiasi spostamento, chiusi anche aereoporti e porti. Un portavoce del governo ha spiegato oggi che la decisione è stata presa a causa dell’aumento dei contagi.

08.04.2021 ore 13:00
Basilea: 3 allievi falsificano il test Covid

Falsificati tre test in una scuola: una classe di liceo finisce in quarantena. È successo al Kirschgarten di Basilea. Tre ragazzi hanno falsificato i risultati del test, inviati per sms dalle autorità, da negativi a positivi. Lo indica il cantone questo giovedì. A seguito di alcuni sospetti da parte della direzione, i tre hanno riconosciuto la loro colpa. Ora si valuta se segnalare il caso alla polizia, mentre i tre allievi andranno incontro a misure disciplinari da parte della scuola.

08.04.2021 ore 12:48
Vaccini: confermato il calo del numero dei morti

Nuova conferma dell’impatto complessivamente decisivo delle vaccinazioni anti-Covid nel Regno Unito sulla diminuzione netta della mortalità: a cominciare dalla fasce di età più anziane, inserite come prioritarie nella campagna vaccinale e giunta a quasi 38 milioni di dosi somministrate (con la copertura dei 50enni in via di completamento). Lo rivela uno studio aggiornato ai mesi di febbraio e di marzo dell’ONS.

08.04.2021 ore 12:46
Moderna: anticorpi 6 mesi dopo seconda dose

Gli anticorpi indotti dal vaccino anti-Covid di Moderna persistono 6 mesi dopo la seconda dose del vaccino (mRNA-1273). Lo comunica l’azienda farmaceutica. I dati sono pubblicati nella Letter to Editor del New England Journal of Medicine.

08.04.2021 ore 12:07
La Sardegna si candida per voli Covid-tested

La Sardegna ha espresso “la volontà di applicare la modalità di viaggio Covid-tested, già sperimentata su altre rotte, ovvero il diritto all’imbarco per chi presenta una certificazione di negatività al Covid-19, anche per i voli da e per l’Isola”.

08.04.2021 ore 12:02
Bellinzona, i Beatles Days slittano a fine luglio

I Bellinzona Beatles Day erano previsti per fine maggio. Ma - a causa dell’incertezza legata al perdurare della situazione pandemica Covid-19 - slittano di due mesi e si terranno dal 29 al 30 luglio. Lo comunicano oggi gli organizzatori.

08.04.2021 ore 11:51
CEDU: "La vaccinazione obbligatoria è necessaria in una società democratica"

La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU), alla quale sono ricorsi i genitori di bambini rifiutati dagli asili per non essere stati vaccinati nella Repubblica Ceca, ha stabilito giovedì che la vaccinazione obbligatoria è “necessaria in una società democratica”. La sentenza è stata emessa dalla Grande Camera, massimo organo della CEDU. “Questa sentenza sostiene la possibilità di una vaccinazione obbligatoria nelle condizioni dell’attuale epidemia di Covid-19”, ha detto Nicolas Hervieu, un esperto legale della CEDU.

08.04.2021 ore 11:36
Tensioni USA-Iran per i vaccini

Gli Stati Uniti hanno ostacolato la consegna di vaccini anti Covid-19 all’Iran, acquistati attraverso il programma Covax dell’Organizzazione mondiale della Sanità. Lo ha dichiarato il presidente iraniano Hassan Rohani, respingendo le accuse al suo esecutivo e alla Banca centrale di Teheran da parte di “media anti-Iran”.

“Nulla ha la priorità sui vaccini. Finanzieremo l’acquisto e l’importazione da ovunque sia possibile”, ha detto Rohani. Il presidente ha poi ricordato che il Paese attende vaccini anche dall’India, la cui esportazione è stata però bloccata dalla magistratura di Nuova Delhi.

La Repubblica islamica, ha aggiunto Rohani, sta comunque procedendo con lo sviluppo dei vaccini di produzione nazionale. Secondo gli obiettivi dichiarati, Teheran attende 16 milioni di dosi tramite il programma Covax, circa 25 milioni dall’estero e altrettanti dalla sua produzione interna.

08.04.2021 ore 11:27
Neuchâtel incentiva le assunzioni per il 2021

Il cantone di Neuchâtel verserà un sussidio tra i 2’000 e i 6’000 franchi ai datori di lavoro che assumeranno nel 2021. Lo comunica il Governo cantonale in un comunicato odierno, specificando che deve essere “un sostegno diretto alla dinamica di assunzioni locali”.

Il cantone vuole così “ritrovare il più rapidamente possibile la dinamica positiva che c’era prima della crisi sanitaria”. Il totale di questa azione, si stima, costerà 5 milioni di franchi.

08.04.2021 ore 11:22
La Germania guarda al vaccino russo

Il ministro della salute tedesco, Jens Spahn, ha annunciato oggi che la Germania inizierà delle discussioni con la Russia per un’eventuale compera del vaccino russo Sputnik V. Questo avverrà poi, si specifica, solo se l’Unione europea approverà il preparato.

Spahn giustifica questa mossa spiegando che la Commissione europea ha annunciato di non voler negoziare le dosi a nome dei 27 Paesi, contrariamente a quanto fatto con altri vaccini.

Negli scorsi giorni, la Baviera aveva già annunciato di essere a favore ad usare questo preparato, firmando un pre-contratto di compera per essere uno dei primi Land a ricevere le dosi.

08.04.2021 ore 10:56
Annullato il JazzAscona

Mentre si attendono chiarimenti in merito ai futuri allentamenti e al Certificato Covid-19, altri Festival svizzeri vengono intanto annullati.

Questa mattina il comitato del JazzAscona ha deciso di non organizzare la 36esima edizione questa estate: giugno è troppo presto.

“Troppe le incognite legate all’arrivo di musicisti dagli States”, si legge nel comunicato “troppe le incertezze che ancora planano sull’evoluzione della pandemia e sulle future direttive sanitarie da applicare a un evento che coinvolge un intero Borgo”. Tuttavia, concludono gli organizzatori “qualora la situazione sanitaria dovesse migliorare e ci fossero le condizioni, non esclude di proporre un evento alternativo con modalità e tempi da definirsi”.

Troppe incertezze per un evento così grande, è anche la dichiarazione del Venoge Festival nel Canton Vaud. Gli organizzatori hanno comunicato oggi l’annullamento della 26esima edizione per questo anno. Edizione già spostata ad agosto in precedenza.

08.04.2021 ore 10:39
Grigioni: "Entro fine giugno, prima dose a tutti"

Al cantone dei Grigioni sono state promesse consegne più consistenti di vaccini contro il Covid-19. Tutti coloro che vogliono essere vaccinati dovrebbero ricevere la loro prima dose entro la fine di giugno.

“La vaccinazione sta ora prendendo piede”, ha detto giovedì il medico cantonale, Marina Jamnicki, davanti ai media a Coira. Nella prossima settimana è prevista la consegna di circa 15’000 dosi di vaccino. Il cantone prevede così la consegna di un totale di 184’000 dosi entro la fine di giugno.

Questa quantità di vaccino dovrebbe essere sufficiente per tutti gli abitanti dei Grigioni che vogliono essere vaccinati. Secondo le indagini attuali, si tratta di circa la metà della popolazione (100’000), contando anche il fatto che, per il momento, i bambini e gli adolescenti fino all’età di 16 anni non sono pianificati nella campagna vaccinale.

08.04.2021 ore 10:06
Ticino: 1 decesso, 9 dimessi

In Ticino, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 4 nuovi ricoveri, ma a fronte di 9 dimissioni e un decesso, il totale delle persone ricoverate è 96. Al momento 16 persone sono in cure intense, 14 delle quali necessitano di respirazione artificiale.

Le nuove persone contagiate sono 83.

Ieri, con 102 persone ricoverate in totale, le autorità avevano mostrato qualche preoccupazione riguardo all’aumento dei numeri legati alla pandemia di coronavirus. “Grazie alla protezione con la vaccinazione le persone sopra i 75 stanno pian piano riducendosi o scomparendo”, aveva commentato il medico cantonale Giorgio Merlani le attuali ospedalizzazioni “e il peso si sposta verso persone tra i 60 e i 70 anni, che sono attualmente la parte maggiore delle persone ricoverate”.

08.04.2021 ore 09:43
Grigioni: niente mascherina alle elementari

Revocato l’obbligo di indossare la mascherina per gli allievi della 5a e della 6a classe elementare e nelle scuole che partecipano ai test. Il Governo motiva oggi la decisione con le esperienze positive maturate con i test settimanali negli istituti.

A seguito della difficile situazione epidemiologica in quel momento, l’11 febbraio il Governo grigionese aveva introdotto l’obbligo di indossare la mascherina per gli allievi di queste classi. Tuttavia, oggi oltre il 95% delle scuole dell’obbligo grigionesi partecipa ai test nelle scuole e l’obbligo della mascherina può essere tolto.

Per gli insegnanti e l’altro personale scolastico l’obbligo di indossare la mascherina rimane valido, come pure per gli allievi del grado secondario I.

08.04.2021 ore 09:15
Aereoporto di Zurigo: attività calata del 75%

L’aeroporto di Zurigo, molto frequentato durante i periodi festivi come quello attuale, è praticamente vuoto. Il numero di passeggeri è sceso del 75% nel corso di un anno, riportano i colleghi della RTS. La società è per la prima volta in cifre rosse dal 2001. Con questo calo dell’attività, una regione intera e migliaia di posti di lavoro restano con le mani legate.

08.04.2021 ore 08:49
Regno Unito: "Trasparenza totale sugli effetti collaterali"

Il sistema di monitoraggio dei vaccini contro il Covid-19 britannico sta lavorando per cambiare le precauzioni date ai giovani rispetto ad AstraZeneca. Il ministro della salute Matt Hancock ha voluto rassicurare oggi i cittadini.

“Il nostro sistema è uno con le maggiori regole di sicurezza al mondo”, ha detto, “e vige anche totale trasparenza riguardo a tutti gli effetti collaterali, anche se sono estremamente rari, come questi ultimi”.

La commissione britannica per i consigli alle vaccinazioni ha affermato ieri che un’alternativa ad Astrazeneca dovrebbe essere data agli under 30, laddove si potrebbero verificare i rari casi di trombosi.

08.04.2021 ore 08:30
Jungfraubahn per la prima volta in rosso

Conti in rosso per la Jungfraubahn nel 2020: 9,7 milioni di franchi contro un utile di 53, 3 milioni realizzato nel 2019. Per la prima volta nella storia la società bernese, che gestisce la ferrovia della Jungfrau e diversi impianti di risalita nella regione, ha annunciato una perdita netta al termine dell’esercizio. Inoltre, considerata la situazione attuale, la direzione guarda al futuro con poco ottimismo, si legge in un comunicato di giovedì.

A causa del coronavirus e delle relative restrizioni imposte, l’operatore delle ferrovie di montagna ha perso i turisti internazionali provenienti principalmente dall’Asia. Il turismo indigeno - in particolare i buoni risultati nel segmento degli sport invernali - non è bastato a compensare la perdita: allo Jungfraujoch sono salite “solo” 263’000 visitatori circa, rispetto al milione registrato negli anni precedenti. Cifre, quelle del 2020, che non si vedevano dagli anni ‘80.

Jungfraubahn nelle cifre rosse

La società bernese fa segnare la prima perdita netta della sua storia nell'anno della pandemia

08.04.2021 ore 08:09
New York riapre le spiagge a fine maggio

La città di New York si prepara all’arrivo dell’estate. Il sindaco Bill de Blasio ha annunciato che tutte le sue 8 spiagge riapriranno il prossimo 29 maggio in concomitanza con la festività del Memorial Day. Circa un mese dopo, il 26 giugno, quando le scuole chiuderanno, è prevista anche la riapertura delle 48 piscine pubbliche. Lo scorso anno, in piena pandemia, l’amministrazione comunale era stata costretta a ritardare l’apertura delle spiagge e a limitare il numero di piscine all’aperto.

In Canada, invece, nell’Ontario, la provincia più popolosa del Paese e confinante proprio con lo Stato di New York, un nuovo lockdown di un mese è stato annunciato a partire da questo giovedì per contrastare la terza ondata di Covid 19. Lo ha annunciato il primo ministro, Doug Ford.

08.04.2021 ore 08:03
Giappone: prima gli atleti, poi gli anziani?

Il governo giapponese vorrebbe dare la priorità agli atleti sportivi del proprio Paese di ricevere il vaccino anti Covid-19 in tempo utile per le Olimpiadi. Lo anticipa l’agenzia Kyodo, che cita persone a conoscenza del dossier. Il piano permetterebbe agli atleti di essere immunizzati entro fine giugno, per consentire il tempo di recupero sufficiente prima dell’inizio dei Giochi, previsto per il 23 luglio.

La campagna vaccinale in Giappone è partita a metà febbraio a seguito dell’approvazione del preparato Pfizer - finora l’unico nel Paese - e ha incluso il personale sanitario (circa l’1% della popolazione). Dal 12 aprile toccherà ai cittadini con più di 65 anni di età, seguiti dagli individui con gravi patologie mediche.

Se dovesse andare avanti il piano di immunizzazione degli atleti, riferiscono i media giapponesi, con ogni probabilità sarebbe eseguito prima del completamento della lista delle persone più anziane, con il rischio di sollevare polemiche da parte dell’opinione pubblica.

08.04.2021 ore 07:34
L'Argentina affronta una violenta seconda ondata

Di fronte ad oltre 22’000 contagi, il numero più alto in un solo giorno dall’inizio della pandemia, il governo argentino ha stabilito una nuova serie di restrizioni. “Siamo entrati nella seconda ondata. Le prossime tre settimane sono molto importanti”, ha detto il presidente Alberto Fernández, attualmente in isolamento, in un messaggio tv diffuso mercoledì.

“Se prendiamo in esame solo gli ultimi sette giorni”, ha osservato Fernández, “vediamo che in Argentina i casi sono aumentati del 36% e del 56% nell’area che comprende Buenos Aires e la sua provincia”.

Fino al 30 aprile, nelle zone di maggior rischio, non sarà possibile circolare a partire da venerdì tra la mezzanotte e le 6 del mattino, mentre bar e ristoranti chiuderanno alle 23. A Buenos Aires e provincia i servizi pubblici potranno essere utilizzati solo per lavoro o per recarsi in una scuola. Vietate poi riunioni negli spazi pubblici all’aperto con più di 20 persone.

08.04.2021 ore 07:20
Spagna, mascherina al mare con eccezioni

In Spagna non sarà obbligatorio mettersi la mascherina quando si fa il bagno al mare o in piscina, né quando si fa attività fisica da soli all’aperto. Lo hanno deciso il Ministero della Sanità e le regioni del Paese iberico, approvando perciò eccezioni a una legge entrata in vigore la settimana scorsa.

La norma impone l’uso della mascherina in qualsiasi spazio aperto anche se la distanza interpersonale è superiore a 1,5 metri. La ministra della Sanità, Carolina Darias, ha spiegato che sono state stabilite le attività “compatibili” e “non compatibili” con l’uso della mascherina. Una passeggiata sulla spiaggia, per esempio, è considerata compatibile, quindi sarà obbligatorio indossarla.

08.04.2021 ore 07:17
L'UE non trova un accordo su AstraZeneca

L’Unione Europea non ha trovato un’intesa sull’uso del vaccino AstraZeneca, nella teleconferenza tenuta dopo l’annuncio dell’Agenzia europea dei medicamenti, secondo la quale esiste un possibile collegamento con casi, molto rari, di coaguli sanguigni. Le modalità d’impiego verranno quindi decise dai singoli Paesi.

RG 07.00 del 08.04.2021: la corrispondenza di Tomas Miglierina
08.04.2021 ore 07:13
Rapporto OMS: Svizzera neutrale

Berna non vuole esporsi nei dibattiti attorno al rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità sull’origine del virus. Secondo la Neue Zürcher Zeitung, la Svizzera non si raggiungerà gli Stati Uniti e altri tredici paesi per mettere in dubbio le conclusioni dello studio e chiederne così una nuova indagine.

La Svizzera vuole mantenere così, scrive il giornale questo giovedì, una posizione indipendente e mostrarsi prudente in un dibattito “politicamente sensibile”.

08.04.2021 ore 07:01
Grigioni: 1 decesso, 68 casi

Nel canton dei Grigioni, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 68 nuovi casi da coronavirus, 3 nuovi ricoveri (ora il totale dei pazienti è 9, nessuno in cure intense) e una persona è deceduta.