(archivio tipress)

Gli studenti all’USI sono più di 3’000

Il 44% proviene dall'Italia, il 25% dal Ticino, il 7% da altri cantoni e il 23% da altri paesi; l’occupazione dei diplomati risulta in linea con la media nazionale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nell’anno accademico 2013-2014 sono 3'015 gli studenti immatricolati all’Università della Svizzera italiana (USI), con una crescita di 96 unità rispetto all’anno precedente. Gli iscritti provengono per il 25,4% dal Ticino, per il 7,3% da altri cantoni, per il 44% dall’Italia e per il 23,3% da altri paesi.

L'Accademia di architettura conta 764 studenti, la facoltà di scienze economiche 1'076, quella di scienze della comunicazione 871 e quella di scienze informatiche 304.

A un anno dalla laurea il 91% è occupato

Secondo l’indagine “Laureati 2013”, a un anno dalla laurea risulta occupato il 90,9% dei diplomati USI (con il 74,2% che lavora, il 14,2% che prosegue la sua formazione e il 2,5% che ha optato per altre scelte). A cinque anni dalla laurea la percentuale di occupati è del 95,2%, composto per il 93,3% da diplomati che lavorano (con il 6,6% che studia e lavora) e per l’1,9% da diplomati che sono in formazione o hanno fatto altre scelte.

Questi dati sono sostanzialmente in linea con la media nazionale, se paragonati all’ultima indagine della Confederazione sui laureati svizzeri e residenti, che ad un anno dal diploma risultavano attivi per il 94,6% e a 5 anni dal diploma per il 95,9%.

SM


Il preventivo

Il preventivo, che ammonta complessivamente a 90 milioni di franchi, presenta un disavanzo di circa un milione di franchi a causa delle difficoltà finanziarie del cantone, che hanno portato ad applicare la riduzione complessiva del 6,8% del contributo previsto nell'ambito del contratto di prestazione.

João Nunes

Il Consiglio dell’USI ha nominato professore di ruolo l’architetto João Nunes, già docente invitato all’Accademia di architettura.

Condividi