Edward Snowden nel 2013
Edward Snowden nel 2013 (keystone)

La privacy, finita per sempre?

Esce nella Svizzera italiana il documentario sull'uomo che ha scoperchiato la pentola del Datagate

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È uscito anche nelle sale della Svizzera italiana il documentario premiato con l'Oscar che ha documentato da vicinissimo la vicenda di Edward Snowden, l'ex-collaboratore della CIA e della NSA che due anni fa ha rivelato un sistema di controllo di massa sui dati delle persone messo in atto dai servizi americani. Il film si chiama Citizenfour, come il nome in codice usato da Snowden nei suoi primi contatti con alcuni giornalisti, tra cui la regista del film Laura Poitras.

La Poitras a inizio 2013 riceve una mail misteriosa. Un uomo che dice di far parte dell'intelligence scrive di voler fare rivelazioni rischiose, perché si scontrano con avversari potenti.

 

Quell'uomo, il mondo lo scoprirà qualche mese dopo, è Edward Snowden. Le sue rivelazioni vengono pubblicate nel giugno 2013, per cominciare dal Guardian e dal Washington Post, scoperchiando la pentola del cosiddetto Datagate.

Il film ha la particolarità di documentare in tempo reale decisioni e azioni di Snowden, prima e dopo la sua uscita allo scoperto. Tanti i rischi per lui, ma anche per la regista e per le altre persone coinvolte, tra cui il reporter Glenn Greenwald che è alla base delle prime pubblicazioni relative alla vicenda.

Come hanno commentato molti osservatori, il film ha l’andamento e i contenuti del classico thriller spionistico, alla Mission Impossible, con l’inquietante aggiunta di essere tutto vero, comprese le allucinanti spiegazioni di Snowden su come i servizi siano in grado, incrociando i metadati, di scandagliare la vita di chiunque.

MZ

Condividi