Sandro Gerbi, "Ebrei riluttanti", Hoepli (dettaglio copertina) (hoepli.it)

"Ebrei riluttanti"

di Brigitte Schwarz

Incontro con Sandro Gerbi

Una famiglia di origine ebraica che nel corso del Novecento, abbandona la fede dei progenitori senza negare le proprie origini: è la vicenda raccontata da Sandro Gerbi nel suo libro "Ebrei riluttanti", pubblicato recentemente da Hoepli. Il racconto inizia con il 1938, anno in cui il padre dell'autore, lo storico ed economista Antonello Gerbi, dovette lasciare l'Italia per il Perù a causa della legislazione razziale fascista. Analoga la sorte dei suoi due fratelli (entrambi già affermati, l'uno come giornalista sportivo e l'altro come medico), che trovarono riparo negli Stati Uniti. L'autore ripercorre poi le vicende 'ebraiche' da lui vissute: la nascita in Perù nel '43 per via dell'esilio del padre, il rientro in Italia nel '48, la sopravvivenza di uno specifico "lessico famigliare", un viaggio in Israele nel dicembre '67, alcuni incontri decisivi (con l'esperto finanziario Renato Cantoni, il filosofo Lukács, i giornalisti Stille e Montanelli, l'agente letterario Linder). Tra i libri di Sandro Gerbi, studioso di storia contemporanea e giornalista, si ricordano almeno i volumi “Raffaele Mattioli e il filosofo domato” (2002); insieme a Raffaele Liucci, la biografia in due volumi di Indro Montanelli (2006 e 2009); “Mattioli e Cuccia. Due banchieri del Novecento” (2011). Nel 2012 Hoepli ha proposto una nuova edizione, riveduta e corretta, del primo libro (1999) di Gerbi, “Tempi di malafede. Guido Piovene ed Eugenio Colorni”. L’autore ha inoltre curato vari volumi del padre, Antonello Gerbi, tra cui “La disputa del Nuovo Mondo”.

Ora in onda Radio svizzera classica In onda dalle 1:30
Brani Brani in onda Barbar G - Mark Kavuma Ore 1:44