Una nave militare italiana carica di migranti salvati da un barcone
Modem

A patti con la Libia

L’Europa moltiplica le iniziative per frenare l’arrivo dei barconi e tentare di stabilizzare un paese in cui le violenze contro i migranti continuano

  • keystone
  • 31.8.2017
  • 35 min
Disponibile su
Scarica
  • MIGRAZIONE

La Libia è il principale punto di partenza di barconi carichi di migranti diretti in Europa. Con la Libia l’Europa deve trattare per trovare una soluzione. La Libia però è anche un paese allo sbando, diviso. C’è il governo di Tripoli retto da Fayez al-Sarraj. Poi c’è il generale Haftar che controlla i due terzi del territorio del paese. Senza contare gruppi, milizie, clan tribali. Il compito insomma è complicato. Ma qualcosa, forse, si sta muovendo.

Dopo decine di vertici inutili, migliaia di morti nel Mediterraneo, promesse non mantenute si torna a parlare con una certa insistenza della necessità di stabilizzare la Libia e aiutare il paese che si affaccia sul Mediterraneo. Particolarmente attiva in questa fase la Francia di Macron, oltre naturalmente all’Italia.

Tra i punti in discussione c’è il coinvolgimento di altri paesi africani di transito come Niger e Ciad che potrebbero fungere da filtro. Oltre naturalmente ad aiuti diretti alla Libia. Assegni milionari destinati a una migliore gestione delle frontiere ad esempio.

Ma è davvero così semplice? E come la mettiamo con le violenze e le torture subite dai migranti nei centri di detenzione? Perché proprio ora l’Europa sembra svegliarsi? Cosa si cela dietro questa competizione soprattutto tra Roma e Parigi nel trovare intese con Tripoli?

Ne parliamo con:

Daniale Raineri, giornalista più volte inviato del foglio in Libia

Fulvio Vassallo Paleologo, esperto di immigrazioe, UNI Palermo

Arturo Varvelli, analista dell’ISPI

Replica su Rete Due alle 19.30

Scopri la serie

Correlati