(keystone)

La guerra degli hacker

Disnformazione e attacchi informatici attorno al conflitto in Ucraina

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il conflitto in Ucraina non si combatte infatti solo sul terreno, ma anche virtualmente.

Prima di tutto attraverso l’informazione – da far arrivare ai Russi, perché vedano quanto sta accadendo in Ucraina – e disinformazione, con il bavaglio che il governo russo ha imposto ai media sul territorio nazionale, che non possono nemmeno usare il termine “guerra“.

Poi, attraverso i cyber-attacchi. Per bloccare infrastrutture strategiche, ma anche per manipolare l’opinione pubblica. E' una guerra nella guerra.

A Modem ne parliamo con:

  • Cristiano Tinazzi, giornalista freelance, attualmente a Dnipro
  • Jean Paul Rouiller ex analista del Servizio delle attività informative della Confederazione (i servizi segreti svizzeri), gestisce le analisi sul terrorismo al Centro per la sicurezza di Ginevra
  • Giovanni Savino, storico, professore all’Accademia presidenziale russa di Mosca
  • Alberto Pelliccione, esperto di sicurezza informatica e hacker

Intervista registrata a Boris Mutina analista in sicurezza informatica, opera nell’Europa dell’Est per una società che ha tra i suoi obiettivi principali l’analisi della diffusione della disinformazione e il suo impatto nella regione.

Modem su Rete Uno alle 8.30, in replica su Rete Due alle 18.30. Ci trovate anche sul Podcast e sulle app: RSINews e RSIPlay