Edizione del 02.05.2017

Quale energia per l’economia svizzera?

Il 21 maggio 2017 il popolo svizzero è chiamato ad esprimersi sulla cosiddetta “Strategia energetica 2050” che stabilisce tra le altre cose il divieto di costruire nuove centrali nucleari. Come compensare questa decisione di principio presa dopo l’incidente nucleare di Fukushima? Il Consiglio federale ha definito una strategia, attraverso la revisione totale della legge sull’energia e la modifica di altre leggi correlate. Si tratta di un primo pacchetto di misure che servirà a ridurre il consumo di energia, migliorare l’efficienza energetica e promuovere le energie rinnovabili (come quella idrica, solare, eolica, geotermica e da biomassa). Un pacchetto su cui però è stato lanciato un referendum. In particolare il mondo padronale, i rappresentanti del mondo economico appare diviso.

Li metteremo a confronto attraverso un faccia a faccia tra:

Gian Luca Lardi, Presidente della Società svizzera impresari costruttori;

Gianni Operto, Direttore AEE Suisse;

E interventi di:

Roberto Pronini, direttore AET;

Carlo Righetti, CEO Righetti Combustibili, presidente di Swissoil Ticino;

Beatrice Petrovic, Istituto economia e ambiente dell’Università di San Gallo;

 

Replica su Rete Due alle 19.30

Siamo la Svizzera: uniti nella diversità

Seguici con