Ticino e Grigioni

"Per ora niente accumuli di neve"

L’attesa per precipitazioni di rilievo a sud delle Alpi è destinata a proseguire, anche se le temperature crolleranno nei prossimi giorni

  • 3 gennaio 2022, 08:28
  • 23 giugno 2023, 15:05
  • INFO

Torna l'inverno, non la neve

Il Quotidiano 02.01.2022, 20:00

Di: Quotidiano/ludoC

L’attesa per nevicate di rilievo a sud delle Alpi è destinata a proseguire. Qualche fiocco dovrebbe infatti cadere nei prossimi giorni, ma non in quantità tali da garantire gli accumuli tanto agognati, spiega ai microfoni de Il Quotidiano il meteorologo di MeteoSvizzera Stefano Zanini.

Dopo il caldo record degli ultimi giorni, si assisterà a un calo graduale delle temperature, “che dalla seconda parte di questa settimana rimarranno su valori più invernali, magari anche di qualche grado al di sotto delle medie stagionali in montagna”, sottolinea Zanini.

Caldo e freddo sono quindi destinati ad alternarsi a distanza di pochi giorni: un cambiamento piuttosto repentino ma che non sorprende chi osserva da vicino l'evoluzione meteorologica nella regione. “Una certa variabilità fa parte del nostro clima, quindi anche d’inverno periodi miti si alternano a fasi più fredde – spiega il meteorologo –. Siamo stati confrontati a un periodo che possiamo definire eccezionalmente mite, e ora seguirà un periodo finalmente un po’ più invernale: ma quello che sembra mancherà sono ancora le nevicate”.

la1_1641146663215_d84f1d1a8d70314e852451d6f237a779


Deboli precipitazioni portate da nord

Arriverà un calo delle temperature, prosegue Zanini, “accompagnato a tratti da qualche debole precipitazione, ma portata da nord, come ad esempio nella notte su mercoledì e forse anche venerdì: ma non saranno precipitazioni in grado di portare gli accumuli di neve che stiamo attendendo”.

L'inverno finora è stato scarso di precipitazioni: l'ultima consistente risale all'8 dicembre, poi praticamente più nulla. Per le stazioni sciistiche e per gli appassionati di sport invernali nessuna buona notizia quini, il momento di magra prosegue.

Stazioni sciistiche ticinesi in difficoltà

Al Nara come negli altri impianti sciistici ticinesi continuano le difficoltà. La meteo obbliga a lavorare a ranghi ridotti per accogliere i soli escursionisti. Nella stazione bleniese attualmente sono impiegate solo cinque persone a fronte delle trenta abituali in questo periodo. Ma è tutto pronto per ospitare gli sciatori qualora arrivasse la neve

Ranghi ridotti al Nara

Il Quotidiano 02.01.2022, 20:00

Ti potrebbe interessare