Renault ha ottenuto ottimi risultati in ottobre grazie a modelli come Mégane (Renault Media)

L'auto soffre sempre in Svizzera

Calate di quasi un quinto rispetto all'ottobre 2019 le vendite. Da gennaio si è perso quasi il 27%; recuperano le trazioni alternative

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Durante il mese di ottobre le immatricolazioni di vetture nuove in Svizzera e nel Liechtenstein sono diminuite del 19,6% rispetto a un anno prima, a 20'975 unità. È il peggior ottobre dal 2005.

E mentre vanno avanti i processi relativi allo scandalo delle emissioni dei Diesel, la contrazione si accentua dopo i cali tra l'11,3 e il 16,3% da giugno. L'ottobre 2019 era stato superiore alla media, ricorda Auto-Suisse. Da gennaio le nuove immatricolazioni sono scese del 26,9% rispetto al 2019, a 184'531 unità; i veicoli a trazione alternativa rappresentano il 31,8% di quelli nuovi a ottobre e il 25% di quelli messi in circolazione nel 2020.

A ottobre si sono registrate le progressioni di DS (+31%), Renault (+24,3%), Honda (+19,6%), mentre rimane leader la Volkswagen con 2'154 unità vendute. Dopo dieci mesi solo Porsche sta in attivo (+2,1%) e VW si conferma al vertice tra le Case con 19'165 auto nuove.

EnCa/Swing
Condividi