Il presidente ASB Herbert Scheidt
Il presidente ASB Herbert Scheidt (keystone)

Timori sui dati bancari

Il presidente dell'Associazione dei banchieri svizzeri teme falle nella sicurezza sullo scambio di dati finanziari

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I dati bancari degli svizzeri potrebbero arrivare nelle mani dei servizi segreti statunitensi. Lo rileva, in un’intervista alla NZZ am Sonntag, il presidente dell’Associazione svizzera dei banchieri (ASB) Herbert Scheidt. Secondo il quale "la questione della confidenzialità di queste informazioni non è ancora regolata".

Lo scambio automatico di informazioni finanziarie tra Berna e Washington entrerà in vigore il prossimo anno. L’ASB ha già formulato al proposito diverse domande sulla questione. Per Scheidt è imperativo che i dati raccolti servano solo ed esclusivamente allo scopo fiscale prefisso. Il timore del presidente risiede anche nel fatto che la società incaricata di raccogliere le informazioni ha sede negli USA.

In caso di evidenti falle nella sicurezza nel sistema, la Svizzera, secondo Scheidt, potrebbe interrompere il flusso di informazioni.

ATS/Swing

DAL TG20.00:

I banchieri svizzeri e la Brexit

I banchieri svizzeri e la Brexit

TG 20 di martedì 20.06.2017

Condividi