Vacanze, i nuovi trend

Anche in Svizzera si fanno largo modelli alternativi, come i boutique hotel o il “glamping”

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I criteri sono precisi: per fregiarsi dell’etichetta “boutique hotel” e distinguersi dagli altri alberghi la struttura deve essere a conduzione familiare, le stanze tutte diverse, e i prodotti a chilometro zero o quasi. “Quei pochi alberghi che sono riusciti a sopravvivere nelle grosse città durante la pandemia hanno cambiato completamente il sistema di lavoro”, spiega Massimo Perucchi, Vicepresidente di HotellerieSuisse Ticino. 

A fronte di una clientela cambiata aumentano le strutture che offrono soprattutto un’esperienza. “Gli ospiti cercano più emozioni rispetto a una volta, vogliono vivere qualcosa di particolare”, dice la proprietaria dell’hotel “La Tureta” di Giubiasco. Sulla stessa linea si colloca la crescita del “glamping”, il campeggio glamour, un modo di stare a contatto con la natura usufruendo di servizi paragonabili a quelli di un albergo, a volte di lusso.

 

Il tema sarà approfondito nella prima puntata della nuova stagione del nostro magazine economico Tempi moderni, che ora va in onda su RSI LA1 alle 22.05.

TM
Condividi