Argentina verso il fallimento

Il neo-presidente Fernandez: "Impossibile pagare il debito con il FMI". Varata una legge economica d'emergenza

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il nuovo Governo argentino ha emanato una legge che introduce una serie di misure economiche e fiscali di emergenza, per cercare di rimettere in sesto l'economia di un Paese in "default virtuale" ed evitare di precipitare in una crisi simile a quella del 2001.

La legge di emergenza economica prevede, tra l'altro, un aumento delle tasse per le classi medie e superiori, prestazioni sociali per i più svantaggiati e una tassa del 30% sugli acquisti in valuta estera, in un Paese dove molte persone sono abituate a risparmiare in dollari per far fronte alle svalutazioni valutarie e all'inflazione. Prevede anche un aumento delle tasse sulle esportazioni agricole, con il settore agroalimentare che è l'unico ad essere cresciuto negli ultimi anni.

La legge prevede un "piano anti-fame", nonché la concessione di bonus per le piccole pensioni e, per i più poveri, il rinvio o il congelamento degli aumenti delle tariffe del servizio pubblico.

Recessione e inflazione

L'ex presidente di centro-destra Mauricio Macri ha lasciato un Paese in preda alla recessione e all'inflazione. Il peso argentino è sceso del 70% dal gennaio 2018. A fine agosto aveva chiesto una rinegoziazione del debito, in particolare al Fondo monetario internazionale (FMI), che nel 2018 aveva concesso all'Argentina un prestito di 57 miliardi di dollari (55 miliardi di franchi) a fronte di un programma di austerità - ne ha ricevuti 44 miliardi (43 miliardi di franchi).

La terza economia dell'America Latina ha registrato un calo del 3,1% del PIL nel 2019 e un aumento dei prezzi del 55%, uno dei più alti al mondo.

Il debito pubblico ammonta a circa 330 miliardi di dollari USA (323 miliardi di franchi), pari a oltre il 90% del PIL, inclusi i 44 miliardi di franchi del FMI. Nel 2016, all'inizio del mandato di Mauricio Macri, si attestava al 20% del PIL.

Situazione simile al 2001

Il nuovo presidente, Alberto Fernandez, un peronista di centro-sinistra, il 10 dicembre, al momento dell'insediamento ha dichiarato di aver ereditato una "situazione drammatica". "Non è come nel 2001, ma sì, sembra proprio così", ha detto domenica il capo dello Stato in un'intervista ad America TV. Nel 2001, l'Argentina si è dichiarata in mora per 100 miliardi di dollari (98 miliardi di franchi).

"All'epoca avevamo un tasso di povertà del 57%, oggi è del 41%. Avevamo un debito su cui eravamo inadempienti, oggi è un default virtuale", ha ripetuto.

"L'idea di un default virtuale sollevata da Fernandez serve a far capire ai creditori che dovranno negoziare una nuova ristrutturazione (del debito) con l'Argentina. Si riferisce al quasi-fallimento per drammatizzare la situazione e dimostrare che il signor Macri gli ha lasciato un grosso problema", ha detto ad AFP, Claudio Loser del Centennial Group con sede negli Stati Uniti. Per l'economista argentino, "c'è stato un rinvio del pagamento del debito interno, che è un default tecnico ma non proprio un default di pagamento".

Secondo un funzionario del FMI, che ha chiesto l'anonimato, l'agenzia finanziaria è aperta al dialogo con Buenos Aires. Il presidente Fernandez ha annunciato lunedì che una missione del Fondo visiterà il suo Paese "nei prossimi giorni".

Nel 2001 l'Argentina, incapace di far fronte ai propri obblighi di rimborso del debito, ha vissuto il più grande default della storia e una grave crisi economica e sociale che ha traumatizzato gli argentini e i mercati finanziari.

Condividi