Un paziente ad Hong Kong
Un paziente ad Hong Kong (reuters)

Il coronavirus si espande

Finora 27 decessi e oltre 600 contagiati. Per l'OMS "non è emergenza internazionale". Coinvolte 32 milioni di persone. Chiude Disneyland Shanghai

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha deciso giovedì di non dichiarare, per ora, l’emergenza internazionale in relazione al coronavirus apparso in Cina e che finora ha provocato finora 27 morti e oltre 600 casi di contagio accertati.

“È ancora troppo presto”, è stato detto al termine della riunione urgente del comitato. Sono inoltre ancora pochi i casi confermati al di fuori della Repubblica popolare e non ci sono prove di contagi fra esseri umani al di fuori di questo Stato. "È un'emergenza sanitaria in Cina, certo, ma non è per ora un'emergenza sanitaria di portata internazionale, ma potrebbe diventarlo", ha dichiarato a Ginevra nel corso di una conferenza stampa il direttore dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Coronavirus, gli aggiornamenti

Coronavirus, gli aggiornamenti

TG 12:30 di giovedì 23.01.2020

 

Coinvolte 32 milioni di persone

Le autorità cinesi hanno imposto il blocco ai trasporti pubblici in una nona città. Salgono così a 32 milioni i cittadini coinvolti dai blocchi nel Paese a seguito dell'epidemia.

Chiude Disneyland Shanghai

Disneyland Shanghai chiude temporaneamente i battenti al fine di "garantire la salute e la sicurezza dei nostri ospiti". Lo annuncia lo stesso parco dei divertimenti.

Il virus viene dai serpenti

Il virus 2019-nCoV è arrivato all'uomo dai serpenti: sarebbero questi gli animali nei quali il virus, trasmesso dai pipistrelli, si sarebbe ricombinato e poi passato all'uomo. Lo indica l'analisi genetica pubblicata sul Journal of Medical Virology da Wei Ji, Wei Wang, Xiaofang Zhao, Junjie Zai, e Xingguang Li, delle università di Pechino e Guangxi. La ricerca è stata condotta su campioni del virus provenienti da diverse località della Cina e da diverse specie ospiti.

Cancellato il capodanno cinese

E la città di Pechino e Macao hanno cancellato tutte le festività legate al capodanno cinese. La regione semi-autonoma di Macao, l'unica area in tutta la Cina in cui è consentito il gioco d'azzardo, attira ogni anno milioni di turisti dalla Cina continentale. 

Il coronavirus si espande

Il coronavirus si espande

TG 20 di giovedì 23.01.2020

Da Ginevra, Massimo Isotta

Da Ginevra, Massimo Isotta

TG 20 di giovedì 23.01.2020

 
ansa/ludoC/joe.p.
Condividi