Migliaia di persone hanno partecipato sabato ai funerali di Soleimani (keystone)

Iran: "Qualcosa succederà"

Secondo l'ex ambasciatore svizzero a Teheran Tim Guldimann, l'azione degli USA è stata "un atto di guerra"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Secondo l’ex ambasciatore svizzero in Iran Tim Guldimann, dopo l’uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani da parte delle forze armate statunitensi, la stabilità della zona è "in grande pericolo".

L’Iran, ha dichiarato Guldimann ai microfoni dell’emittente tedesca Deutschlandfunk, "si è impegnato fortemente (...) per evitare una disgregazione dell’Iraq, anche dopo il plebiscito a favore dell’indipendenza dei curdi. La domanda ora è se sarà possibile mantenere una stabilità". Anche perché, ha aggiunto, al momento è impossibile trovare consenso fra sciiti, curdi del nord e sunniti nel centro del paese.

L’azione degli USA è stata "un atto di guerra contro i vertici iraniani", ha aggiunto l’ex diplomatico. "Dobbiamo immaginarci cosa avrebbe voluto dire se gli iraniani avessero ucciso alti rappresentanti del Governo americano durante un loro viaggio all’estero: ai nostri occhi sarebbe stato terrorismo di Stato".

Gli USA adesso dovranno prepararsi a una reazione: gli iraniani stanno elaborando una strategia, riflettono sul da farsi e "qualcosa succederà".

ats/mrj

Condividi