Era bloccata così da tre settimane
Era bloccata così da tre settimane (keystone)

Mauritius, la nave si è spezzata

La petroliera di proprietà giapponese era incagliata da settimane, minaccia di aggravarsi il disastro ecologico

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La MV Wakashio, la nave di proprietà di un armatore giapponese incagliatasi tre settimane fa alle Mauritius, si è spezzata in due, minacciando di pegigorare quello che è già stato definito il più grave disastro ecologico nella storia dello Stato insulare dell'Oceano Indiano.

Vista dall'alto
Vista dall'alto (keystone)

La parte anteriore viene ora rimorchiata via con molta cautela.

 

La petroliera aveva già rovesciato in mare 1'000 tonnellate di carburante, minacciando coralli, pesci e altri organismi marini. Le autorità, con l'aiuto di numerosi volontari, si erano attivate per cercare di contenere l'inquinamento, con particolare attenzione alla salvaguardia di siti protetti come il Blue Bay Marine Park, l'Ile aux Aigrettes e il Pointe D'Esny National Ramsar Site. Ma la lenta risposta (attribuita alla meteo sfavorevole dal premier Pravind Jugnauth) ha suscitato critiche.

Il più grave disastro ecologico nella storia del paese
Il più grave disastro ecologico nella storia del paese (keystone)

Gran parte delle 3'000 tonnellate di petrolio che ancora si trovavano a bordo sono state nel frattempo pompate fuori, secondo i proprietari della Nagashiki Shipping, dai quali ora il Governo pretende un risarcimento.

A mani nude contro il petrolio

A mani nude contro il petrolio

TG di lunedì 17.08.2020

 
ATS/AP/pon
Condividi