La bonifica procede dal cielo e da terra
La bonifica procede dal cielo e da terra (Keystone)

Sardegna, roghi sotto controllo

L'allarme incendio nell'Oristanese non è finito - Restano ancora alcuni focolai - Un'enorme area da bonificare

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli incendi che hanno devastato l'Oristanese negli scorsi giorni sono sotto controllo, la maggior parte delle 1'500 persone allontanate dai paesi minacciati dalle fiamme ha potuto fare rientro a casa, ma l'allarme incendi non è finito. C'è urgenza di bonificare una vastissima area in cui il fuoco cova ancora sotto terra e dentro gli alberi bruciati.

Sardegna, incendi nell'Oristanese

Sardegna, incendi nell'Oristanese

TG 12:30 di lunedì 26.07.2021

 

Martedì mattina il rogo ha ripreso vigore a Santu Lussurgiu, dove sono intervenuti diversi dei mezzi aerei che ancora per giorni saranno impegnati nella zona per procedere a lanci mirati per eliminare tutti i possibili focolai.

In Sardegna è arrivato anche il capo della Protezione civile nazionale italiana, Fabrizio Curcio. "Il fatto che nessuno si sia fatto male – ha detto – è già un successo che dobbiamo sottolineare, che viene dato per scontato ma purtroppo nella realtà della vita quotidiana non sempre è così".

La conta dei danni è solo agli inizi. Oltre alla devastazione del territorio, alla distruzione di edifici e attività economiche, vanno considerati gli effetti a lungo termine per l'agricoltura e la pastorizia.

Alle battute iniziali anche l'inchiesta aperta per accertare la causa degli incendi che per tre giorni hanno interessato un'area di 200 chilometri quadrati. Il dolo è un'ipotesi al fianco di altre. Gli accertamenti finora non hanno portato all'apertura di fascicoli.

Condividi